Storia della decadenza e rovina dell'Impero romano/16

CAPITOLO XVI

../15 ../17 IncludiIntestazione 18 giugno 2010 25% Da definire

15 17

Condotta del Governo romano verso i Cristiani, dal Regno di Nerone fino a quello di Costantino.

Se prendiamo a considerar seriamente la purità della Religione Cristiana, la santità de’ suoi morali precetti, e l’innocente non meno che austera vita della maggior parte di quelli, che ne’ primi tempi abbracciarono la fede dell’Evangelio, saremo naturalmente indotti a supporre, che anche dal Mondo infedele risguardata si fosse con la dovuta riverenza una dottrina così benefica; che le persone sapienti e culte, quantunque deridendo i miracoli, stimato avessero le virtù della nuova setta, e che i Magistrati avesser protetto, invece di perseguitare, un ordine di uomini, che prestava la più sommessa obbedienza alle leggi, sebbene sfuggisse le attive cure della guerra e del governo. Dall’altra parte se noi riflettiamo che la tolleranza del Politeismo era universale ed invariabilmente sostenuta dalla fede del Popolo, dall’incredulità de’ filosofi, e dalla politica del Senato e degl’Imperatori di Roma, non sappiam vedere qual nuova colpa i Cristiani avesser commesso, e da che mai fosse stata provocata ed inasprita la blanda indifferenza dell’Antichità, e quali nuovi motivi potessero indurre i Principi Romani, che lasciavan sussistere in pace sotto il lor moderato dominio mille diverse forme di religioni senza prendervi alcun interesse, a punir severamente una parte de’ loro sudditi, che si erano scelta una singolare, ma innocente maniera di fede e di culto. Sembra che la religiosa politica degli antichi prendesse un più rigido ed intollerante carattere per opporsi al progresso del Cristianesimo. Circa ottant’anni dopo la morte di Cristo, soggiacquero all’estremo supplizio gl’innocenti seguaci di lui per sentenza di un Proconsole dell’indole più amabile e filosofica, e secondo le leggi di un Imperatore, riguardevole per la saviezza e giustizia del suo generale governo. Le apologie, che più volte indirizzate furono ai successori di Traiano, son piene de’ più patetici lamenti, perchè fra tutti i sudditi del Romano Impero fossero esclusi dal partecipare i vantaggi di quel fausto governo i soli Cristiani, che obbedivano ai dettami della coscienza, e ne imploravan la libertà. Sono stati diligentemente raccolti i supplizi di alcuni pochi martiri eminenti; e da quel tempo, in cui s’ottenne il supremo potere dal Cristianesimo, i Direttori della Chiesa non hanno impiegata minor cura nel discuoprire la crudeltà, che nell’imitar la condotta de’ Pagani loro avversari. Lo scopo del presente capitolo è di separare (s’è possibile) i pochi autentici ed interessanti fatti da una indigesta massa di finzioni e di errori, e di riferire in un modo ragionevole e chiaro le cagioni, l’estensione, la durata e le più importanti circostante delle persecuzioni, alle quali esposti furono i primi Cristiani. I seguaci di una Religione perseguitata, oppressi dal timore, animati dal risentimento, e riscaldati forse dall’entusiasmo, rade volte si trovano in uno stato di mente, proprio ad investigar con tranquillità o a stimar con candore i motivi de’ lor nemici, che spesso sfuggono anche all’imparziale ed acuta vista di quelli, che trovansi ad una sicura distanza dal fuoco della persecuzione. Alla condotta degl’Imperatori verso i primitivi Cristiani attribuita si è una ragione, la quale può sembrare molto speciosa e probabile, perchè si deduce appunto dal genio ben noto del Politeismo. È stato già osservato, che la religiosa concordia del mondo era principalmente sostenuta dall’assenso e dalla riverenza, che le nazioni dell’Antichità ciecamente professavano per le rispettive lor tradizioni e ceremonie. Si poteva dunque aspettare, che le medesime fossero per unirsi con isdegno contro una setta od un popolo, che si separasse dalla comunione dell’uman genere, e pretendesse di posseder esclusivamente la cognizione di Dio, sdegnando come empia ed idolatrica qualunque altra forma di culto, eccettuata la propria. Si mantenevano i diritti della tolleranza mediante una condiscendenza reciproca: giustamente dunque ne furono spogliati quelli, che ricusavano di pagare il consueto tributo. Siccome questo si ricusò inflessibilmente dai soli Giudei, l’esame del trattamento, che loro fecero i Magistrati Romani, servirà a spiegare fino a qual segno siano queste speculazioni giustificate da’ fatti, e ci condurrà a scoprire le vere cagioni della persecuzione del Cristianesimo. Senza ripeter quello ch’è stato già detto della riverenza che avevano i Principi e i Governatori Romani pel Tempio di Gerusalemme, osserveremo solamente che tutte le circostanze che accompagnarono e seguirono la distruzione del Tempio e della città, potevano inasprir gli animi de’ conquistatori, ed autorizzare la persecuzion religiosa co’ più speciosi argomenti di giustizia politica e di pubblica sicurezza. Dal regno di Nerone fino a quello di Antonino Pio, dimostrarono i Giudei tal fiera intolleranza del dominio di Roma, che più volte proruppero in sollevazioni ed in stragi le più furiose. L’umanità si scuote al racconto delle orribili crudeltà, che commisero nelle città dell’Egitto, di Cipro e di Cirene, dove abitavano, fingendo una proditoria amicizia co’ Nazionali, che non avevano sospetto alcuno verso di loro1: e siam quasi tentati ad applaudire la rigida rappresaglia, che dalle armi delle Legioni si usò contro un genere di fanatici, la barbara e credula superstizione de’ quali pareva, che li rendesse implacabili nemici non solo del governo Romano, ma anche dell’uman genere. L’entusiasmo degli Ebrei sostenevasi dall’opinione, ch’essi non potevan legittimamente pagar tributi ad un Sovrano idolatra, e dalla seducente promessa tratta dai loro antichi oracoli, che in breve sarebbe nato un Messia conquistatore, destinato a rompere le loro catene, e a trasferire ai favoriti del Cielo l’impero della Terra. Il celebre Barcocheba, coll’annunziarsi che fece come loro, da lungo tempo aspettato, liberatore, e col convocar tutti i discendenti di Abramo per sostener la speranza d’Israele, raccolse un formidabile esercito, con cui resistè per due anni al potere dell’Imperatore Adriano3. Ad onta di queste ripetute provocazioni, finì l’ira de’ Principi Romani con la vittoria; nè continuarono le loro apprensioni oltre il tempo del pericolo e della guerra. Mediante la general tolleranza del Politeismo e la mansueta indole di Antonino Pio, a’ Giudei restituiti furono gli antichi lor privilegi, ed ottennero essi un’altra volta la facoltà di circoncidere i loro figli con la moderata limitazione, che non dovesser mai dare ad alcun proselito straniero quel contrassegno distintivo della stirpe Giudaica4. Quantunque i numerosi avanzi di quel popolo restassero sempre esclusi da’ recinti di Gerusalemme, pure fu loro permesso di formare e di mantenere considerabili stabilimenti tanto nell’Italia che nelle Province, di acquistar la cittadinanza di Roma, di godere degli onori municipali, e di ottenere nel tempo stesso un’esenzione da’ gravi e dispendiosi uffizi della società. La moderazione o il disprezzo de’ Romani legalmente autorizzò la forma del governo ecclesiastico, instituito dalla vinta setta. Il Patriarca, che avea fissato la sua residenza in Tiberiade, ebbe la facoltà di eleggere i propri subalterni ministri ed apostoli, di esercitare una domestica giurisdizione, e di ricevere da’ suoi dispersi fratelli una contribuzione annuale5. Nelle principali città dell’Impero frequentemente si edificarono nuove sinagoghe, e nella più solenne e pubblica forma si celebravano i sabbati, le feste e i digiuni, comandati o dalla legge Mosaica o dalle tradizioni Rabbiniche6. Questo gentil trattamento appoco appoco addolcì la feroce indole de’ Giudei. Scossi dal loro sogno di profezia e di conquista, incominciarono a diportarsi da sudditi pacifici e industriosi. L’odio irreconciliabile, che avevano contro il genere umano, in luogo di prorompere in atti di violenza e di sangue, si dissipò in soddisfazioni meno pericolose. Prendevano essi tutte le occasioni per soverchiar gl’Idolatri nel commercio, e pronunziavano segrete ed ambigue imprecazioni contro il superbo regno di Edom7. Mentre i Giudei, che rigettavano con abborrimento i Numi adorati dal lor Sovrano e da’ loro consudditi, godevano ciò non ostante con libertà l’esercizio della loro insocievole religione, vi doveva esser qualche altro motivo ch’esponeva i discepoli di Cristo a quella severità, da cui ritrovavasi esente la discendenza di Abramo. La differenza fra loro è semplice e naturale, ma secondo i sentimenti dell’antichità era della massima importanza. Gli Ebrei formavano una nazione, i Cristiani una setta; e se ogni società era naturalmente portata a rispettar le sacre istituzioni de’ propri vicini, le premeva altresì di perseverare in quelle de’ suoi maggiori. La voce degli oracoli, i precetti de’ filosofi e l’autorità delle leggi davan concordemente vigore a questa nazionale obbligazione. Per l’altera pretensione, che avevano i Giudei di una santità superiore agli altri, provocar potevano i Politeisti a risguardarli come una razza di uomini odiosa ed impura. Sdegnando il commercio con le altre nazioni, potevan meritare il loro disprezzo. Le leggi di Mosè potevano esser per la massima parte frivole o assurde: non di meno essendo queste per più secoli state ricevute da una numerosa società, i lor seguaci venivan giustificati dall’esempio dell’uman genere; ed universalmente si conveniva, che essi avevan diritto di praticare ciò che sarebbe in loro stato un delitto di trascurare. Ma questo principio, che proteggeva la sinagoga Giudaica, non dava sicurezza o favore alcuno alla primitiva Chiesa. I Cristiani abbracciando la fede dell’Evangelio, supponevansi rei di una non naturale ed imperdonabile colpa. Scioglievano essi i sacri vincoli dell’usanza e dell’educazione; violavano le religiose instituzioni del lor paese, e presuntuosamente disprezzavano ciò che i padri loro creduto avevano come vero, o rispettato come sacro. Nè tal apostasia (se ci è permesso di usare questa espressione) era di una specie parziale o locale, poichè il devoto disertore, che si ritirava da’ tempj dell’Egitto o della Siria, avrebbe ugualmente sdegnato di cercare un asilo in quelli di Atene o di Cartagine. Ogni Cristiano con disprezzo rigettava le superstizioni della sua famiglia, della sua città e della sua provincia. Tutto il corpo de’ Cristiani di comune accordo ricusava di aver alcun commercio con gli Dei di Roma, dell’Impero e dell’uman genere. Invano l’oppresso credente reclamava i diritti non alienabili della coscienza e del giudizio privato. Quantunque la sua situazione potesse risvegliar la pietà, i suoi argomenti non potevano mai convincere l’intelletto nè della filosofica nè della credula parte del Mondo Pagano. Argomento era di stupore per essi che uno dovesse avere scrupolo di adattarsi alla maniera di culto già stabilita, non meno che sarebbe stato se uno concepito avesse subitaneo abborrimento ai costumi, al modo di vestire, od al linguaggio del proprio paese8. Alla sorpresa de’ Pagani successe ben presto lo sdegno; e gli uomini più pii furono esposti all’ingiusta, ma pericolosa imputazione d’empietà. La malizia ed il pregiudizio si univano a rappresentare i Cristiani come una società di atei, che avendo audacissimamente attaccato le religiose costituzioni dell’Impero, meritato avevano i più severi castighi de’ magistrati civili. Nella confessione, che facevano di loro fede, gloriavansi di essersi liberati da qualunque sorta di superstizione ricevuta in qualsivoglia parte del globo dal vario genio del Politeismo; non era però ugualmente chiaro qual divinità, o quale specie di culto sostituito avessero agli Dei ed a’ tempj dell’antichità. La pura e sublime idea, ch’essi avevano dell’Ente supremo, sfuggiva dal grossolano concepimento del volgo Pagano, che non sapeva immaginare un Dio spirituale e solitario, il quale non si rappresentava sotto alcuna figura corporea o segno visibile, nè si adorava con la solita pompa di libazioni e di feste, di altari e di sacrifizi9. I Sapienti della Grecia e di Roma, che innalzato avevano le loro menti alla contemplazione dell’esistenza e degli attributi della prima Causa, per ragione o per vanità eran portati a riservare a se stessi o a’ loro scelti discepoli il privilegio di questa filosofica devozione10. Essi erano ben lontani dall’ammettere i pregiudizi dell’uman genere, come il contrassegno della verità, ma gli consideravano come provenienti dall’original disposizione della natura umana: e supponevano che qualunque popolar forma di fede e di culto, in cui si fosse preteso di non far uso dell’aiuto de’ sensi, a misura che allontanata si fosse dalla superstizione, sarebbesi trovata incapace di raffrenare i voli della fantasia, o le visioni del fanatismo. Il non curante sguardo, che gli uomini d’ingegno e di dottrina condiscendevano a gettare sopra la Rivelazione Cristiana, serviva solo a confermare la loro precipitata opinione, ed a persuaderli, che il principio dell’unità di Dio, che avrebbero potuto rispettare, veniva sfigurato dallo stravagante entusiasmo, ed annichilito dalle vane speculazioni de’ nuovi settari. L’autore di un celebre dialogo, ch’è stato attribuito a Luciano, mentre affetta di trattare il misterioso soggetto della Trinità in uno stile ridicoloso e disprezzante, mostra di non conoscere la debolezza dell’umana ragione e l’imperscrutabile natura delle perfezioni Divine]. Poteva sembrar meno sorprendente, che il fondatore del Cristianesimo fosse rispettato da’ suoi Discepoli non solamente come un sapiente ed un profeta, ma che fosse anche adorato come una divinità. I Politeisti eran disposti ad ammettere ogni articolo di fede, che paresse aver qualche rassomiglianza, per quanto distante ed imperfetta si fosse, colla mitologia popolare; e le leggende di Bacco, d’Ercole, o di Esculapio preparato avevano in qualche modo la loro immaginazione all’apparire del Figlio di Dio sotto una forma umana11. Ma stupivano, che i Cristiani abbandonassero i tempj di quegli antichi Eroi, che nell’infanzia del mondo avevano inventato le arti, instituite le leggi, e domati i tiranni, o i mostri che infestavano la terra, a fine di scegliere per oggetto esclusivo del religioso lor culto un oscuro maestro, che di fresco, ed appresso un popolo barbaro era stato sacrificato o alla malizia de’ propri suoi nazionali, o alla gelosia del governo Romano. Il volgo Pagano, riservando la sua gratitudine solo per i benefizi temporali, rigettava l’inestimabile dono della vita e della immortalità, che all’uman genere si offeriva da Gesù Nazareno. La sua mansueta costanza in mezzo a crudeli e volontari tormenti, la sua general benevolenza, e la sublime semplicità delle sue azioni e del suo carattere non eran sufficienti, a giudizio di quegli uomini carnali, a compensar la mancanza di fama, di dominio e di fortuna; e mentre ricusavano di ammettere lo stupendo trionfo di lui sopra le potestà delle tenebre e della morte, malamente rappresentavano o insultavan la nascita equivoca, la vita vagabonda, e l’ignominiosa morte del divino Autore del Cristianesimo12. La reità personale, in cui ogni Cristiano era incorso nel preferire in tal modo il suo privato sentimento alla religion nazionale, veniva molto aggravata dal numero, e dall’unione de’ colpevoli. Egli è ben noto, ed è già stato osservato, che la Romana politica riguardava con la massima gelosia e diffidenza qualunque associazione fra’ propri sudditi, e che davansi con mano assai parca i privilegi de’ corpi privati, sebbene instituiti per i più innocenti e benefici soggetti13. Le religiose assemblee dei Cristiani, che si eran separati dal culto pubblico, apparivano di una specie molto meno innocente: erano esse illegittime nel lor principio, e nelle lor conseguenze potean divenire pericolose; nè gl’Imperatori credevano di violar le leggi della giustizia, quando per la pace della società proibivano quelle segrete, ed alle volte notturne adunanze14. La pia disubbidienza de’ Cristiani fece comparire la lor condotta, o forse i loro disegni in un aspetto molto più serio e colpevole: ed i Principi Romani, che avrebbero per avventura sofferto di lasciarsi piegare da una pronta sommissione, stimando interessato il lor onore nell’esecuzione de’ lor comandi, qualche volta intrapresero, per mezzo di rigorosi gastighi, di domar questo spirito indipendente, che audacemente riconosceva un’autorità superiore a quella del Magistrato. Sembrava, che l’estensione e la durata di questa spirituale cospirazione la rendesse ogni giorno più meritevole del loro castigo. Abbiamo già veduto, che l’attivo e fortunato zelo de’ Cristiani gli aveva insensibilmente diffusi per ogni Provincia, e quasi per ogni città dell’Impero. Pareva, che i nuovi convertiti rinunziassero alla propria famiglia e al proprio paese, e che si collegassero mediante un indissolubil nodo d’unione con una particolar società, che per ogni dove assumeva un carattere diverso dal resto del genere umano. Il tristo ed austero aspetto, che avevano, l’abborrimento per gli affari e piaceri comuni della vita, e le lor frequenti predizioni d’imminenti calamità15 inspiravano a’ Pagani l’apprensione di qualche pericolo, che provenir potesse dalla nuova setta, ch’era tanto più sospetta quanto era più oscura. "Qualunque esser possa (dice Plinio) il principio della loro condotta, pare, che l’inflessibile ostinazione loro sia meritevole di gastigo16." Le cautele, con le quali i Discepoli di Cristo celebravano gli uffizi della religione, furono a principio dettate dal timore e dalla necessità, ma in appresso si continuarono per elezione. Con imitare la tremenda secretezza, che usavasi ne’ misteri Eleusini, si eran lusingati i Cristiani, che rendute avrebbero più rispettabili agli occhi del Mondo Pagano le sacre loro instituzioni17. Ma l’evento, come spesso accade nelle operazioni della sottile politica, deluse le loro brame ed aspettazioni. Si concluse, ch’essi nascondevano solamente ciò, che avrebbero avuto rossore di manifestare. La loro mal accorta prudenza diede un’occasione alla malizia d’inventare, ed alla sospettosa credulità di prestar fede alle orribili favole, le quali rappresentavano i Cristiani come i più malvagi degli uomini, che praticavano nelle oscure lor conventicole ogni sorta d’abbominazione, cui potesse inventare una fantasia depravata, ed imploravano il favore dell’incognito loro Dio mediante il sacrifizio di ogni morale virtù. Vi erano molti che pretendevano di confessare o di riferire le ceremonie di tale abborrita società. Asserivasi che «veniva presentato al coltello del proselito, come un mistico simbolo per iniziarlo, un bambino nato di fresco, tutto coperto di farina, e che egli senza saperlo con vari colpi segretamente feriva a morte l’innocente vittima del proprio errore: che appena era seguita la crudel funzione, i settarj ne bevevano il sangue, avidamente ne squarciavan le membra ancor palpitanti, e s’impegnavano, per esser fra loro tutti complici del delitto, ad un eterno silenzio. Con uguale confidenza affermavasi, che a questo crudel sacrificio succedeva un ben degno convito, in cui l’intemperanza serviva a provocar le brutali passioni, finchè, nel momento assegnato, i lumi ad un tratto venivano estinti, bandito il pudore, e la natura dimenticata; e come il caso portava, l’oscurità della notte si contaminava dall’incestuoso commercio dei fratelli colle sorelle e delle madri coi figliuoli18.» Ma era sufficiente la lettura delle antiche apologie per rimuover dalla mente di un ingenuo avversario qualunque più leggiero sospetto. I Cristiani coll’intrepida sicurezza dell’innocenza, dal romor popolare si appellano all’equità de’ Magistrati; convengono che se alcuna prova si può addur de’ delitti, che la calunnia loro ha imputati, son degni del più severo gastigo. Affrontano la pena, e disfidan le prove. Nel tempo stesso dimostrano con ugual verità e naturalezza, che l’accusa manca di probabilità non meno che di prova, domandano essi, come alcuno può credere seriamente che i puri e santi precetti dell’Evangelo, i quali tanto spesso restringono l’uso de’ piaceri più leciti, dovessero inculcar la pratica de’ misfatti più abbominevoli; che una numerosa società si potesse risolvere a disonorarsi agli occhi de’ suoi propri membri; e che un gran numero di persone di ogni sesso, di ogni età, d’ogni carattere, insensibile al timor della morte o dell’infamia, consentir dovesse a violar que’ principj, che la natura e l’educazione avevan profondissimamente impressi ne’ loro animi19? Sembrerebbe, che niente potesse indebolir la forza, o distruggere l’effetto di una così efficace giustificazione, se non fosse stata l’indiscreta condotta degli stessi Apologisti, che tradiron la causa comune della religione per soddisfare il devoto lor odio contro i nemici domestici della Chiesa. Ora si andò lentamente insinuando, ed or si asserì arditamente, che que’ sanguinosi sacrifizj medesimi20 e quelle incestuose solennità, che sì falsamente imputavansi agli ortodossi credenti, erano realmente celebrate da’ Marcioniti, da’ Carpocraziani, e da varie altre Sette di Gnostici, che sebbene deviassero ne’ sentieri dell’eresia, pure sentivano sempre la forza della natura umana, e si regolavan sempre secondo i precetti del Cristianesimo21. Simili accuse ritorcevansi contro la Chiesa dagli Scismatici, che abbandonato avevano la comunione della medesima22, e confessavasi da ogni parte, che appresso molti di quelli che si attribuivano il nome di Cristiani, prevaleva la più scandalosa licenza di costumi. Un Magistrato Pagano, che non aveva nè tempo nè capacità per discernere la linea quasi impercettibile, che distingue la fede ortodossa dall’eretica pravità, poteva facilmente supporre, che l’animosità, che regnava fra loro, avesse tolta ad essi di bocca la confessione de’ lor comuni delitti. Fu fortuna pel riposo, o almeno per la riputazione de’ primi Cristiani, che i Magistrati alle volte procedessero con maggior freddezza, e moderazione di quella che per ordinario accompagna lo zelo religioso, e ch’essi riferissero, come resultato imparziale delle lor giudiciali ricerche, che i settarj, i quali abbandonato avevano il culto dominante, sembravan sinceri nelle lor professioni, ed irreprensibili ne’ lor costumi, per quanto potessero incorrere la censura delle Leggi23, attesa l’assurda ed eccessiva loro superstizione. L’istoria, che intraprende a rammentare i fatti de’ passati secoli per istruzione de’ futuri, male meriterebbe tal onorevole uffizio, qualora condiscendesse a difender la causa de’ tiranni, o a giustificar le massime della persecuzione. Bisogna però confessare, che la condotta degl’Imperatori, che parvero i meno favorevoli alla primitiva Chiesa, non è in verun modo tanto colpevole, quanto quella di alcuni moderni Sovrani, che hanno impiegato le armi della violenza e del terrore contro le religiose opinioni di una parte de’ loro sudditi. Dalle lor riflessioni, o anche da’ propri lor sentimenti poteva un Carlo V. o un Luigi XIV. aver acquistato una giusta cognizione de’ diritti della coscienza, dell’obbligatione della fede, e dell’innocenza dell’errore. Ma per li Principi ed i Magistrati dell’antica Roma erano affatto ignoti que’ principj, che inspiravano ed autorizzavano l’inflessibile ostinazione de’ Cristiani nella causa della verità, nè potevano da se stessi scuoprire ne’ loro petti alcun motivo, che gli avesse indotti a ricusare una legittima, e quasi natural sommissione alle sacre instituzioni della patria loro. La medesima ragione, che contribuisce ad alleggerire la reità delle lor persecuzioni, doveva tendere a diminuirne il rigore. Siccome operava sopra di essi non già il furioso zelo de’ devoti, ma la moderata politica de’ legislatori, spesse volte doveva il disprezzo far rallentare, e la compassione far sospendere l’esecuzione di quelle leggi, ch’esse avevan fatte contro gli umili ed oscuri seguaci di Cristo. Dalla general considerazione del lor carattere e de’ motivi che avevano, possiam naturalmente concludere: I. che passò un tempo considerabile avanti ch’essi riguardassero i nuovi settari come un oggetto, che meritasse l’attenzion del Governo; II. che nell’esame di ognuno de’ loro sudditi, che fosse accusato di un delitto sì singolare, procedevano con cautela e ripugnanza; III. ch’essi erano moderati nell’uso delle pene; e IV. che l’afflitta Chiesa godè molti intervalli di pace e di tranquillità. Nonostante la trascurata indifferenza, che han dimostrato i più abbondanti, ed i più minuti fra’ Gentili scrittori per gli affari de’ Cristiani24, possiam tuttavia confermare ciascheduna di queste probabili supposizioni con la testimonianza di autentici fatti. I. Fu per saggia disposizione della Providenza gettato un misterioso velo sopra l’infanzia della Chiesa, il quale, finattanto che non fu maturata la fede Cristiana, e moltiplicato il numero de’ credenti, servì a proteggerli non solo dalla malizia, ma anche dalla cognizione del Mondo Pagano. L’abolizione lenta e per gradi delle ceremonie Mosaiche diede una sicura ed innocente coperta a’ più antichi proseliti dell’Evangelio. Essendo la maggior parte di loro della stirpe d’Abramo, si distinguevano perciò col segno particolare della circoncisione, facevano le lor offerte nel tempio di Gerusalemme, finchè questo non fu totalmente distrutto, ed ammettevano la legge ed i profeti, come genuina inspirazione di Dio. I Gentili convertiti, che per una spirituale adozione erano stati associati alla speranza d’Israele, venivano in simil guisa confusi sotto l’abito e l’apparenza di Giudei25; e siccome i Politeisti facevano meno attenzione agli articoli di fede, che al culto esterno, la nuova setta, che nascondea con gran cura, o leggermente annunziava la sua futura grandezza ed ambizione, era lasciata rifuggire sotto la general tolleranza concessa nel Romano Impero ad un antico e celebre Popolo. Non passò forse gran tempo che i Giudei medesimi, animati dallo zelo più fiero e dalla più gelosa fede, si accorsero della separazione, che appoco appoco fecero i lor Nazareni fratelli dalla dottrina della Sinagoga, e volentieri avrebber voluto estinguere quella pericolosa eresia col sangue di quelli che vi aderivano. Ma i decreti del Cielo avevano già disarmato la lor malizia; e quantunque potessero qualche volta usare lo sfrenato privilegio della sedizione, essi da lungo tempo più non godevano l’amministrazione della giustizia criminale; nè riusciva loro facilmente d’inspirare nel tranquillo petto d’un Magistrato Romano il rancore del proprio loro zelo e pregiudizio. I Governatori delle Province si mostravano pronti ad ascoltare qualunque accusa, che risguardar potesse la pubblica sicurezza; ma tosto che venivano informati, ch’era questione non già di fatti, ma di parole, e che si disputava soltanto dell’interpretazione delle leggi, e profezie Giudaiche, stimavano indegno della maestà Romana il discuter seriamente le oscure differenze, che potevan nascere fra gente barbara e superstiziosa. L’innocenza de’ primi Cristiani era protetta dall’ignoranza e dal disprezzo; e spesso trovava nel tribunale di un Magistrato Pagano il rifugio più sicuro contro il furor della Sinagoga26. Se noi fossimo in vero disposti ad ammetter le tradizioni di una troppo credula antichità, riferir potremmo i lontani pellegrinaggi, le imprese maravigliose, e le diverse morti de’ dodici Apostoli; ma una più esatta ricerca ci porterà a dubitare, se fu permesso ad alcuna di quelle persone, che avevan veduto i miracoli di Cristo, di contestare col proprio sangue oltre i confini della Palestina la verità della loro testimonianza27. Atteso l’ordinario periodo della vita umana, può molto naturalmente presumersi che la maggior parte di essi fossero morti, avanti che il rancor degli Ebrei scoppiasse in quella furiosa guerra, la quale non finì che con la rovina di Gerusalemme. Per un lungo tratto di tempo, che passò dalla morte di Cristo fino a quella memorabile ribellione, non possiamo ravvisare alcun vestigio d’intolleranza Romana, eccettuata la subitanea, passeggiera, ma crudele persecuzione, che fu mossa da Nerone contro i Cristiani della Capitale, trentacinque anni dopo il primo, e solo due anni avanti il secondo, di que’ grandi eventi. Il carattere dell’Istorico filosofo, al quale principalmente dobbiamo la cognizione di questo singolar fatto, sarebbe per se solo bastante ad impegnar la nostra più attenta considerazione. Nel decimo anno del Regno di Nerone la Capitale dell’Impero fu afflitta da un fuoco, che infierì oltre la memoria o l’esempio de’ secoli precedenti28. Restarono involti in una comune distruzione i monumenti dell’arte Greca e del Romano valore, i trofei delle guerre Punica e Gallica, i tempj più santi, ed i palazzi più splendidi. De’ quattordici rioni, o quartieri, ne’ quali era divisa Roma, quattro solamente rimasero interi, tre furono livellati al suolo, e gli altri sette, che sperimentato avevano il furor delle fiamme, presentavano un tristo prospetto di desolazione e rovina. Pare che la vigilanza del Governo non trascurasse alcuna precauzione, che alleggerir potesse il sentimento di sì terribile calamità. Furono aperti alla sconsolata moltitudine i giardini Imperiali, si costruirono per loro comodo temporanei edifizj, e venne distribuita un’abbondante copia di grano e di provvisioni ad un prezzo assai moderato29. Sembra che la più generosa politica dettasse gli editti, che regolarono la disposizione delle strade, e la costruzione delle case private, e come suole per ordinario accadere in un tempo di prosperità, l’incendio di Roma produsse nel corso di pochi anni una città novella, più regolare e più vaga dell’antica. Ma tutta la prudenza ed umanità di Nerone furono insufficienti a liberarlo dal sospetto del popolo. Qualunque delitto imputar potevasi all’assassino della propria moglie e della madre, nè poteva un Principe, che prostituiva la sua persona e dignità sul teatro, esser creduto incapace della più stravagante follia. La voce della fama accusava l’Imperatore come un incendiario della sua Capitale, e siccome le più incredibili narrazioni sono le più confacenti al genio di un popolo infuriato, così raccontavasi gravemente, e senz’alcun dubbio credevasi, che Nerone, godendo all’aspetto della calamità di cui era stato cagione, si dilettasse in cantare sulla sua lira la distruzione dell’antica Troia30. Per allontanare un sospetto, che il potere del dispotismo non era capace di sopprimere, l’Imperatore pensò di sostituire in suo luogo alcuni finti rei. "Con questo scopo (continua Tacito) sottopose a più atroci tormenti quegli uomini, che sotto la volgar denominazione di Cristiani erano già notati con la meritata infamia. Essi prendevano il nome e l’origine da Cristo, che nel regno di Tiberio avea sofferto la morte per sentenza del Procuratore Ponzio Pilato31. Questa empia superstizione fu per un tempo repressa; ma ella si sparse di nuovo, e non solamente si diffuse per la Giudea, prima sede di questa malvagia setta, ma fu introdotta anche in Roma, comune asilo, che riceve e protegge tutto ciò ch’è impuro ed atroce. Le confessioni di quelli, che furon presi, scuoprirono una gran moltitudine di complici, e furono tutti convinti, non tanto del delitto di aver posto fuoco alla città, quanto dell’odio, che portavano al genere umano32. Morivano fra tormenti, e questi erano amareggiati dall’insulto e dalla derisione. Alcuni di essi furono inchiodati sopra croci, altri cuciti dentro pelli di bestie feroci, ed esposti alla rabbia de’ cani, altri, coperti di materie combustibili, servivano come di torce per illuminare l’oscurità della notte. Furon destinati i giardini di Nerone pel tristo spettacolo che venne accompagnato da una corsa di cavalli, ed onorato dalla presenza dell’Imperatore, che si mescolava col volgo, in abito ed in attitudine di cocchiere. La colpa de’ Cristiani meritava in vero il più esemplare gastigo, ma il pubblico abborrimento si cangiò in compassione, supponendosi che quelle infelici vittime venisser sacrificate non tanto al rigore della giustizia, quanto alla credulità di un geloso tiranno33." Quelli che con occhio curioso rimirano le rivoluzioni dell’uman genere, posson osservare, che i giardini ed il circo di Nerone nel Vaticano, che macchiati furon dal sangue de’ primi Cristiani, si son resi più famosi pel trionfo e per l’abuso della religione perseguitata. Nel medesimo luogo34 si è, dopo, eretto un tempio, che di gran lunga sorpassa le antiche glorie del Campidoglio, da’ Pontefici Cristiani, i quali traendo il loro diritto di universal dominio da un umile pescatore di Galilea, sono succeduti al trono de’ Cesari, han date leggi ai Barbari conquistatori di Roma, ed hanno estesa la spirituale loro giurisdizione dalle coste del Baltico fino a’ lidi del mar Pacifico. Ma non sarebbe a proposito di lasciar questo racconto della persecuzion di Nerone, senza fare alcune riflessioni, che possono servire a rimuovere le difficoltà, onde si rende dubbiosa la susseguente storia della Chiesa, ed a rischiararla di qualche lume. I. Non può la critica più scettica non rispettar la verità di tal fatto straordinario, e la genuina tempera di questo celebre passo di Tacito. La prima vien confermata dall’esatto e diligente Svetonio, che rammenta il gastigo da Nerone dato a’ Cristiani: setta di uomini che abbracciato avevano una nuova e colpevol superstizione35. L’altra si può provare col consenso de’ più antichi manoscritti; coll’inimitabil carattere dello stile di Tacito, con la sua riputazione, che ne ha reso immune il testo dalle interpolazioni della pia frode, e col tenore della sua narrazione, che accusa i Cristiani de’ più atroci delitti, senza insinuare, ch’essi godessero alcun miracoloso o magico potere sopra il resto del genere umano36. II. Quantunque sia probabile, che Tacito nascesse qualche anno avanti l’incendio di Roma37, potè ciò nonostante rilevare dalla lettura e dalla conversazione la notizia di un fatto, che seguì nel tempo della sua infanzia. Avanti di esporsi al Pubblico, tranquillamente egli aspettò, che il proprio ingegno fosse giunto alla sua piena maturità, ed aveva più di quarant’anni, allorchè un grato riguardo alla memoria del virtuoso Agricola trasse da lui la prima di quelle istoriche composizioni, che diletteranno ed istruiranno la più remota posterità. Dopo di aver fatto una prova della propria forza nella vita d’Agricola, e nella descrizione della Germania, concepì, e finalmente pose in esecuzione un’opera più difficile, vale a dire l’istoria di Roma in trenta libri, dalla caduta di Nerone sino all’avvenimento al trono di Nerva. L’amministrazione di quest’ultimo introdusse un tempo di prosperità e di giustizia, che Tacito avea destinato per occupazione della sua vecchiezza38; ma quando più da vicino esaminò quel soggetto, stimando per avventura, che fosse un uffizio più onorevole, o meno invidioso quello di rammentare i vizi de’ passati tiranni, che di celebrar le virtù di un Sovrano regnante, si determinò piuttosto a narrare in forma d’annali le azioni de’ quattro immediati successori di Augusto. L’impresa di raccogliere, disporre, e adornare una serie di ottant’anni in un’opera immortale, di cui ogni sentenza contiene le più profonde osservazioni, e le immagini più vive, fu bastante ad esercitare il genio di Tacito stesso per la maggior parte della sua vita. Negli ultimi anni del Regno di Traiano, mentre il vittorioso Monarca estendeva la potenza di Roma oltre gli antichi di lei confini, l’Istorico nel secondo e nel quarto libro de’ suoi annali descriveva la tirannia di Tiberio39, e dovè succedere al trono l’Imperatore Adriano avanti che Tacito, nel regolar proseguimento della sua opera, potesse riferir l’incendio della Capitale e la crudeltà di Nerone verso gl’infelici Cristiani. Alla distanza di sessant’anni era dovere dell’Annalista d’adottare le narrazioni de’ contemporanei, ma era naturale pel Filosofo di spaziare nella descrizione dell’origine, del progresso e carattere della nuova setta non tanto secondo le cognizioni, o i pregiudizi dell’età di Nerone, quanto secondo quelli del tempo di Adriano. III. Tacito assai frequentemente confida, che la curiosità o la riflessione de’ suoi lettori sia per supplire a quelle intermedie circostanze ed idee, che nell’estrema sua precisione ha creduto proprio di sopprimere. Noi possiamo dunque avventurarci ad immaginare qualche probabil motivo, che diriger potesse la crudeltà di Nerone contro i Cristiani di Roma, de’ quali non meno l’oscurità che l’innocenza avrebbe dovuto porli al coperto dallo sdegno ed anche dalla cognizione di esso. Gli Ebrei, che si trovavano in gran numero nella Capitale, ed eran oppressi nel proprio paese, formavano un oggetto molto più confacente a’ sospetti dell’Imperatore, e del Popolo; nè potea parere improbabile, che una vinta nazione, la quale già manifestava il proprio abborrimento pel giogo Romano, potesse ricorrere a’ mezzi più atroci, per soddisfare il suo implacabile desiderio di vendicarsi. Ma gli Ebrei avevano molto potenti avvocati nel Palazzo, ed anche nel cuor del Tiranno, cioè la bella Poppea, di lui moglie e signora, ed un favorito commediante della razza d’Abramo, che avevano già impiegate le loro intercessioni a favore del colpevole Popolo40. Bisognava in loro vece offerire qualche altra vittima, e si potè suggerir facilmente, che sebbene i veri seguaci di Mosè fossero innocenti dell’incendio di Roma, fra loro era insorta una nuova perniciosa setta di Galilei, ch’era capace de’ misfatti i più orribili. Sotto il nome di Galilei si confondevano due distinte specie di uomini le più opposte fra loro ne’ costumi e ne’ principj, vale a dire i Discepoli, che avevano abbracciata la fede di Gesù di Nazaret41, e gli Zeloti, che aveano seguito la bandiera di Giuda Gaulonita42. I primi erano amici, i secondi nemici del genere umano; e l’unica somiglianza, che fosse tra loro, consisteva nell’istessa inflessibil costanza, che per difesa della lor causa li rendeva insensibili a’ tormenti ed alla morte. I seguaci di Giuda, che inducevano i lor nazionali alla ribellione, restaron presto sepolti sotto le rovine di Gerusalemme; laddove quelli di Gesù, conosciuti sotto il più celebre nome di Cristiani, si diffusero per tutto l’Impero Romano. Quanto egli era naturale per Tacito, nel tempo d’Adriano, l’attribuire a’ Cristiani la colpa ed i tormenti, che poteva con molto maggior verità e giustizia imputare ad una setta, della quale quasi era estinta l’odiosa memoria! IV. Qualunque sia l’opinione, che vogliamo avere di tal congettura (giacchè non è questa più che una congettura) egli è chiaro, che gli effetti non meno che la causa della persecuzione di Nerone furono ristretti alle mura di Roma43; che le religiose opinioni de’ Galilei, o de’ Cristiani, non furono mai un oggetto di pena, o anche di pura inquisizione; e che siccome l’idea de’ lor patimenti fu per lungo tempo connessa con quella della crudeltà ed ingiustizia, così la moderazione de’ seguenti Principi li dispose a risparmiare una setta oppressa da un Tiranno, il furore del quale ordinariamente s’era diretto contro la virtù e l’innocenza. Egli è in qualche modo da notarsi, che le fiamme della guerra consumaron quasi nel medesimo istante il tempio di Gerusalemme ed il Campidoglio di Roma44; nè sembra meno singolare, che il tributo della devozione, destinato pel primo, convenir si dovesse dalla forza di un vincitore insultante in restaurare ed ornar lo splendore dell’altro45. L’Imperatore impose una tassa generale per via di capitazione sul popolo Ebreo, e quantunque la somma, che toccò a ciascheduno individuo, non fosse considerabile, pure l’uso pel quale era destinata, e la severità, con cui si esigeva, la facevano riguardare come un intollerabile peso46. Poichè i ministri di tal esazione estendevano le loro ingiuste ricerche a molti, che niente avevan che fare col sangue, o con la religion degli Ebrei, era impossibile che i Cristiani, i quali sì spesso eransi coperti sotto l’ombra della Sinagoga, evitassero allora quella rapace persecuzione. Ansiosi com’erano di sfuggire la più leggiera infezione d’idolatria, la lor coscienza vietava ad essi di contribuire all’onore di quel demonio, che aveva preso il carattere di Giove Capitolino. Siccome un assai numeroso benchè decadente partito fra’ Cristiani, aderiva sempre alla legge di Mosè, gli sforzi, che facevano per nasconder la loro origine Giudaica, venivano scoperti dalla decisiva testimonianza della circoncisione47, nè i Magistrati Romani avean comodo d’investigare la differenza de’ religiosi sentimenti. Fra’ Cristiani presenti al Tribunale dell’Imperatore, o come par più probabile, avanti a quello del Procurator della Giudea, si dice che ve ne comparissero due distinti per la loro estrazione, ch’era veramente più nobile di quella de’ più gran Monarchi. Questi erano i nipoti di S. Giuda Apostolo, fratello di Gesù Cristo48. Le lor naturali pretensioni al trono di David potevan forse attirar loro il rispetto del Popolo, ed eccitar la gelosia del Governatore; ma la bassezza del loro vestire e la semplicità delle lor risposte lo convinsero ben presto, ch’essi non erano desiderosi, nè capaci di turbar la pace del Romano Impero. Essi confessarono francamente la propria stirpe reale e la stretta parentela che avevano col Messia, ma rinunziarono ad ogni temporale oggetto, e si protestarono, che il regno, da essi devotamente aspettato, era puramente di una specie spirituale ed angelica. Quando esaminati furono intorno a’ loro beni ed impieghi, mostrarono le loro mani indurite dalla giornaliera fatica, e dichiararono, che traevan tutto il loro mantenimento dalla coltivazione di un fondo vicino al villaggio di Cocaba dell’estensione di circa 24 acri Inglesi49 e del valore di 9000 dramme, o sia di trecento lire sterline. I nipoti di S. Giuda furon licenziati con compassione e disprezzo50. Ma quantunque l’oscurità della casa di David la potesse far sicura da’ sospetti di un tiranno, tuttavia la presente grandezza della propria famiglia pose in agitazione la pusillanime indole di Domiziano, il quale non poteva quietarsi, se non se col sangue di que’ Romani, che egli temeva, o detestava, o stimava. De’ due figli di Flavio Sabino51 suo zio, il maggiore fu tosto convinto di meditare tradimenti, ed il minore, che aveva il nome di Flavio Clemente, dovè la propria salvezza alla mancanza di coraggio e di abilità52. L’Imperatore distinse per lungo tempo un sì innocente congiunto col suo favore e con la sua protezione, gli diede in isposa la sua nipote Domitilla, adottò i figli di quel matrimonio, dando loro la speranza della successione, ed investinne il padre degli onori del Consolato. Appena però ebbe finita l’annuale sua magistratura, che per un leggiero pretesto fu condannato e posto a morte; Domitilla fu bandita in un’Isola abbandonata sulle coste della Campania53; e furon pronunziate sentenze di morte, o di confiscazioni contro un gran numero di persone, che si trovarono involte nell’accusa medesima. Il delitto imputato loro fu quello di Ateismo, e di costumi Giudaici54; singolare associazione d’idee, la quale non può con alcuna verosimiglianza applicarsi, che a’ Cristiani presi in quell’aspetto, nel quale venivano oscuramente ed imperfettamente risguardati da’ Magistrati e dagli scrittori di quella età. Sulla forza di una interpretazione così probabile, che ammette con troppa violenza i sospetti di un tiranno, come una prova del lor onorevol delitto, la Chiesa ha posto Clemente e Domitilla fra’ suoi primi martiri, ed ha infamati gli atti di Domiziano chiamandoli seconda persecuzione. Ma questa (se pur merita questo nome) non fu di lunga durata. Pochi mesi dopo la morte di Clemente e l’esilio di Domitilla, Stefano, liberto del primo, che aveva goduto il favore, ma sicuramente non aveva abbracciata la fede della sua Padrona, assassinò l’Imperatore nel proprio di lui palazzo55. La memoria di Domiziano fu condannata dal Senato; furono annullati i suoi atti; gli esiliati da lui, richiamati; e sotto il dolce governo di Nerva, mentre si restituirono gl’innocenti ai gradi ed alle sostanze loro e fortune, anche i più colpevoli ottennero il perdono, o evitarono la punizione56. II. Circa dieci anni dopo, sotto il regno di Traiano, fu affidato a Plinio il Giovane dal suo amico e signore il governo della Bitinia e del Ponto. Egli si trovò tosto perplesso nel determinare a qual regola di giustizia o di legge dovesse appigliarsi nell’esecuzione di un uffizio il più ripugnante alla sua umanità. Plinio non si era mai trovato presente ad alcun processo giudiciale contro i Cristiani, de’ quali sembra che non conoscesse che il nome, e gli era del tutto ignota la natura del lor delitto, il metodo di convincerli, e la misura delle pene, che si dovevano ad essi applicare. In questa dubbiezza ricorse, com’era solito, allo spediente di esporre alla saviezza di Traiano un imparziale, ed in alcuni capi favorevol ragguaglio della nuova superstizione, supplicando l’Imperatore a degnarsi di sciogliere i suoi dubbi, e d’illuminare la sua ignoranza57. Plinio avea impiegato la sua vita nell’acquisto della scienza e negli affari del mondo. Fin dall’età di diciannove anni avea perorato con distinzione ne’ tribunali di Roma58, occupato un posto nel Senato, goduto gli onori del Consolato, ed acquistate moltissime relazioni con ogni ceto di uomini così nell’Italia come nelle Province. Dalla perplessità di lui possiam quindi trarre qualche utile indizio; possiamo assicurarci, che quando egli prese il governo della Bitinia, non erano in vigore leggi universali, o decreti del Senato contro i Cristiani: che nè Traiano, nè alcuno de’ suoi virtuosi predecessori, de’ quali erano in uso gli editti nella giurisprudenza civile e criminale, avevan dichiarato pubblicamente le loro intenzioni rispetto alla nuova setta, e che per quante processure si fosser fatte contro i Cristiani, non ve n’era alcuna di peso ed autorità sufficiente per determinar la condotta di un Magistrato Romano. La risposta di Traiano, alla quale hanno frequentemente appellato i Cristiani de’ posteriori tempi, dimostra tanto riguardo per la giustizia e l’umanità, quanto si potea conciliare con le false idee della religiosa politica59. Invece di far vedere l’implacabile zelo d’un inquisitore, ansioso di scoprire le più minute particolarità dell’eresia, ed esultante nel numero delle sue vittime, l’Imperatore manifesta molto maggior premura per proteggere la sicurezza dell’innocente, che per impedire lo scampo del colpevole. Riconosce la difficoltà di stabilire alcun sistema generale; ma pone due regole salutari, che spesso diedero sollievo ed aiuto agli angustiati Cristiani. Quantunque ordini a’ Magistrati di punir quelle persone che son legalmente convinte, proibisce però loro con una incoerenza molto umana di far veruna ricerca intorno a’ supposti rei. Nè si permette al Magistrato di procedere in qualunque specie d’accusa. Rigetta l’Imperatore le accuse anonime come troppo ripugnanti all’equità del suo governo; ed affinchè si abbiano per convinti coloro, a’ quali viene imputato il delitto di professare il Cristianesimo, rigorosamente richiede la positiva testimonianza di un onesto ed aperto accusatore. Egli è probabile ancora, che quelli che assumevano un uffizio sì odioso, fossero obbligati a dichiarare i fondamenti de’ loro sospetti, a individuare, tanto rispetto al tempo quanto al luogo, le segrete assemblee, che avevan frequentato i Cristiani loro avversari, ed a scuoprire un gran numero di circostanze, che si nascondevano con la gelosia più vigilante agli occhi profani. Se riuscivano in tal impresa, si esponevano allo sdegno di un attivo e considerabil partito, alla censura della porzione più culta dell’uman genere, ed all’ignominia, che in ogni tempo e paese ha sempre accompagnato il carattere di un accusatore. Se mancavano per l’opposto nelle lor prove, incorrevano la severa, e forse capital pena, che secondo una legge dell’Imperatore Adriano, infliggevasi a quelli, che falsamente attribuivano a’ loro concittadini il delitto di Cristianesimo. Potea qualche volta la violenza di una superstiziosa o personale animosità prevalere alle più naturali apprensioni della disgrazia e del pericolo; ma non si può senza dubbio supporre, che accuse di un’apparenza così infelice fossero leggermente o con frequenza intraprese da’ sudditi pagani del Romano Impero60. Dall’espediente, che si usava per eludere la prudenza delle leggi, rilevasi una sufficiente prova di quanto efficacemente sconcertarono esse i malvagi disegni della privata malizia, o dello zelo superstizioso. In una grande e tumultuosa assemblea i freni del timore e della vergogna, così potenti nelle menti degl’individui, perdono la massima parte della loro influenza. Il devoto Cristiano, a misura che desiderava d’ottenere o d’evitar la gloria del martirio, aspettava, o con impazienza o con terrore, le occasioni de giuochi pubblici e delle solennità. In queste gli abitanti delle grandi città dell’Impero adunavansi nel Circo o nel Teatro, dove ogni circostanza, del luogo non meno che della ceremonia, contribuiva ad accenderne la devozione, e ad estinguerne l’umanità. Mentre i numerosi spettatori, coronati di ghirlande, profumati d’incenso, purificati col sangue delle vittime, e circondati d’altari e di statue delle lor tutelari Divinità, si davano al godimento de’ piaceri, che risguardavan come un’essenzial parte del culto lor religioso; vedevano che i soli Cristiani abborrivano gli Dei delle Genti, e con l’assenza e tristezza loro in tali solenni feste pareva che insultassero, o deplorassero la pubblica felicità. Se l’Impero era afflitto da qualche nuova disgrazia, da peste, da fame, o dal cattivo esito di una guerra; se aveva il Tevere dato fuori o il Nilo non era uscito dalle sue sponde; se la terra s’era scossa, o se interrotto s’era il solito corso delle stagioni, i superstiziosi Pagani non dubitavano, che i delitti e l’empietà de’ Cristiani, che risparmiavansi dall’eccessiva lenità del Governo, finalmente avessero provocato lo sdegno della divina giustizia. Non era da sperare, che in mezzo ad una licenziosa ed inasprita plebaglia si osservasse la forma di procedere legalmente; nè l’anfiteatro, asperso del sangue delle bestie feroci e de’ gladiatori, era il luogo dove potesse farsi udire la voce della compassione. Le grida impazienti della moltitudine denunziavano i Cristiani come i nemici degli uomini e degli Dei, li condannavano a’ più atroci tormenti, ed avanzandosi a nominare alcuni dei più ragguardevoli fra nuovi settari, con irresistibil veemenza chiedevano, che nell’istante medesimo fossero presi ed esposti a’ leoni61. I Governatori delle Province, ed i Magistrati, che presedevano a’ pubblici spettacoli, eran per ordinario disposti a soddisfare le inclinazioni, ed a quietare la rabbia del popolo col sacrifizio di poche vittime, soggette all’odio di esso. Ma la saviezza degl’Imperatori proteggeva la Chiesa dal pericolo di simili tumultuarj clamori ed illegittime accuse, ch’essi a ragione disapprovavano come ripugnanti sì alla fermezza che all’equità della loro amministrazione. Gli editti di Adriano e di Antonino Pio dichiararono espressamente, che la voce del popolo non dovesse mai risguardarsi come una prova legale per convincere, o per punire que’ disgraziati, che abbracciato avevano l’entusiasmo del Cristianesimo62. III. Non era la pena una conseguenza inevitabile dell’essere alcuno stato convinto; e que’ Cristiani dei quali si era con la maggior chiarezza provato il delitto, mediante il deposto di testimoni, o anche per la volontaria lor confessione, ritenevano sempre in lor mano la facoltà di scegliere o la vita o la morte. Non tanto la trasgressione passata, quanto la resistenza presente eccitava lo sdegno del Magistrato. Concedevasi un facil perdono al pentimento, e se acconsentivano di gettar pochi grani d’incenso sopra l’altare, venivan licenziati dal Tribunale salvi e con applauso. Un Giudice umano stimava suo dovere di procurare il ravvedimento piuttosto che la pena di que’ delusi entusiasti. Prendendo diverso stile secondo l’età, il sesso, o la situazione de’ prigionieri, spesso adattavasi a mettere loro davanti agli occhi ogni circostanza, che potesse rendere o più piacevol la vita, o più terribil la morte, ed a sollecitarli, anzi a pregarli a voler mostrare qualche compassione verso se stessi, le lor famiglie ed i loro amici63. Se le minacce e le persuasive non avevano effetto, si ricorreva spesse volte alla forza; supplivano i flagelli e le torture alla mancanza degli argomenti, e impiegavasi ogni sorta di crudeltà per domare quell’inflessibile, e come, sembrava a’ Pagani, colpevole ostinazione. Gli antichi Apologisti hanno censurato con ugual verità che rigore l’irregolar condotta de’ lor persecutori, i quali, contro qualunque principio di giudicial processura, servivansi de’ tormenti per ottenere non già la confessione, ma la negazione del delitto, che formava l’oggetto di lor ricerche64. I Monaci de’ secoli posteriori, che nelle tranquille lor solitudini si occuparono a variare le morti ed i patimenti de’ primi Martiri, hanno spesso inventato tormenti di una specie molto più raffinata ed ingegnosa. È piaciuto lor di supporre in particolare, che lo zelo de’ Magistrati Romani, sdegnando di avere qualunque riguardo per la virtù morale, o per la pubblica decenza, procurasse di sedurre quelli, che non eran capaci di vincere, e che per lor ordine si esercitasse la più brutale violenza contro coloro, de’ quali trovavano impossibile la seduzione. Si racconta, che talvolta alcune pie donne le quali erano preparate a disprezzar la morte, furono condannate a sostenere un esperimento più duro, e forzate a deliberare, se dovessero valutar più la religione che la lor castità. I giovani, a’ lascivi abbracciamenti de’ quali venivano abbandonate, erano solennemente esortati dal Giudice a fare i loro più vigorosi sforzi per sostener l’onore di Venere contro quell’empie vergini, che ricusavano di bruciar l’incenso sopra i suoi altari. La lor violenza però comunemente restava delusa, e l’opportuna interposizione di qualche miracolo preservava le caste spose di Cristo anche dal disonore di una involontaria caduta. Non si dovrebbe in vero tralasciar di osservare, che le più antiche ed autentiche memorie della Chiesa sono rade volte macchiate con queste indecenti e stravaganti finzioni65. La totale non curanza della probabilità e del vero nella rappresentazione di questi primitivi martirj fu cagionata da un inganno molto naturale. Gli scrittori Ecclesiastici del quarto e del quinto secolo attribuirono a’ Magistrati di Roma l’istessa dose d’implacabile inflessibilissimo zelo, che riempiva i loro petti contro gli Eretici e gl’Idolatri de’ loro tempi. Non è improbabile che alcune di quelle persone, ch’erano elevate alle dignità dell’Impero, potessero essersi imbevute dei pregiudizi della plebe, e che la disposizione, che altre avevano alla crudeltà, potesse venire accidentalmente stimolata da motivi di avarizia, o di sdegno personale66. Ma egli è certo, e possiamo appellarcene alle confessioni di riconoscenza de’ primi Cristiani, che que’ Magistrati, i quali esercitavano l’autorità dell’Imperatore o del Senato nelle Province, ed alle cui mani era unicamente affidata la potestà della vita e della morte, per lo più erano uomini culti e d’ingenua educazione, che rispettavano le regole della giustizia, ed avevan famigliari i precetti della Filosofia. Spesso evitavano l’odioso uffizio di persecutori, trascuravano le accuse con disprezzo, e suggerivano agli accusati Cristiani qualche legal sotterfugio, per mezzo di cui potessero eludere la severità delle leggi67. Ogni volta ch’erano investiti di un potere non limitato68, se ne servivano molto meno per l’oppressione, che pel sollievo e pel favore dell’afflitta Chiesa. Essi erano ben lontani dal condannar tutti i Cristiani, che venivano accusati a’ lor tribunali, e dal punir colla morte tutti coloro, ch’eran convinti di un ostinato attaccamento alla nuova superstizione. Contendandosi per ordinario delle pene più miti della carcere, dell’esilio, della condanna a’ lavori delle miniere69, lasciavano alle infelici vittime di lor giustizia qualche ragione di sperare, che un prospero evento, l’avvenimento al trono, il matrimonio, o il trionfo d’un Imperatore, potesse in breve, mediante un generai perdono, restituirli al primiero lor grado. Sembra, che i Martiri, condannati all’immediata esecuzione da’ Magistrati Romani, fossero scelti dagli estremi più opposti fra loro. Essi erano o Vescovi o Preti, vale a dire le persone più distinte fra’ Cristiani per causa del lor grado e dell’influenza che avevano sopra degli altri, onde il loro esempio potesse incuter terrore in tutta la setta70; oppure gl’infimi e più abietti fra loro, particolarmente quelli di servil condizione, le vite de’ quali stimavansi di piccol valore, ed i lor patimenti si risguardavano dagli antichi con troppa indifferenza e disprezzo71. Il dotto Origene, che per la sua esperienza ed erudizione era benissimo informato dell’istoria de’ Cristiani, dichiara ne’ più espressi termini, che il numero de’ Martiri non era molto considerabile72. La sola testimonianza di lui dovrebbe servire ad annientare quel formidabile esercito di Martiri, le reliquie de’ quali, tratte per la maggior parte dalle catacombe di Roma, hanno riempiuto tante Chiese73, e che mediante le loro maravigliose azioni sono stati il soggetto di tanti volumi di Sacri romanzi74. Ma può spiegarsi e confermarsi l’asserzione generale d’Origene con le particolari testimonianze del suo amico Dionisio, il quale nell’immensa Città d’Alessandria, ed al tempo della rigorosa persecuzione di Decio non conta che dieci uomini e sette donne, che soffrirono per la professione del nome Cristiano75. Nel corso della medesima persecuzione governava la Chiesa non sol di Cartagine, ma eziandio dell’Affrica lo zelante, l’eloquente, ed ambizioso Cipriano. Aveva esso tutte le qualità, che impegnar potevano la riverenza del Fedele, o provocare i sospetti, e l’ira de’ magistrati Pagani. Pareva, che il carattere parimente e la situazione di lui additassero quel santo Prelato come il più distinto oggetto del pericolo e dell’invidia76. L’esperienza però della vita di Cipriano è sufficiente a provare, che la nostra immaginazione ha esagerato le pericolose circostanze di un Vescovo Cristiano; e che i rischi, a’ quali andava esposto, erano meno imminenti di quelli, che la temporale ambizione è sempre disposta a incontrare nella carriera degli onori, Furono uccisi quattro Imperatori Romani con le loro famiglie, i favoriti, gli aderenti nello spazio di dieci anni; durante il qual tempo guidò il Vescovo di Cartagine con la sua autorità ed eloquenza le deliberazioni della Chiesa Affricana. Solo nel terz’anno del suo Governo ebb’egli motivo per pochi mesi di temere i rigorosi editti di Decio, la vigilanza de’ Magistrati ed i clamori del Popolo, che ad alta voce dimandava, che Cipriano, condottier de’ Cristiani, fosse gettato a’ leoni. La prudenza suggerì come necessaria per un tempo la ritirata, ed egli obbedì alla voce della prudenza. Si ritirò in un’oscura solitudine, dalla quale potè mantenere una costante corrispondenza col Clero e col Popolo di Cartagine; e nascondendosi finchè la tempesta fosse passata, si conservò in vita, senza interrompere la sua potenza o la sua riputazione. L’estrema di lui cautela però non isfuggì la censura de’ più rigidi fra’ Cristiani, che si lagnavano, nè i rimproveri de’ suoi personali nemici, che insultavano una condotta, da essi risguardata come un pusillanime e colpevole abbandono del più sacro dovere77. La convenienza di riservarsi per li futuri bisogni della Chiesa, l’esempio di molti santi Vescovi78 e le divine ammonizioni, ch’egli stesso dichiarava di ricever frequentemente nelle visioni e nell’estasi, erano le ragioni, ch’esso adduceva per giustificarsi79. Ma si vede la sua migliore apologia nella volontaria fermezza, con cui, circa otto anni dopo, soffrì la morte per causa della religione. È stata fatta l’istoria autentica del suo martirio con insolito candore ed imparzialità; onde un breve ragguaglio delle circostanze più importanti, che l’accompagnarono, ci darà la più chiara idea dello spirito e delle formalità delle persecuzioni Romane80. Nel tempo che Valeriano era Console per la terza volta, e Gallieno per la quarta, Paterno, Proconsole d’Affrica, citò Cipriano a comparire avanti al suo Consiglio privato. Ivi l’informò dell’ordine Imperiale che allora avea ricevuto81, affinchè quelli, che avevano abbandonato la religione Romana, dovessero immediatamente tornare a praticar le ceremonie de’ loro antenati. Cipriano replicò senza esitare, ch’egli era un Cristiano ed un Vescovo consacrato al culto dell’unico e vero Dio, al quale offeriva ogni giorno le proprie suppliche per la salvezza e prosperità de’ due Imperatori, suoi legittimi Sovrani. Con modesta fiducia invocò il privilegio di cittadino, ricusando di dare alcuna risposta a varie odiose ed, a vero dire, illegali questioni, che il Proconsole avea proposte. Fu pronunziata una sentenza d’esilio per pena della disubbidienza di Cipriano, e fu esso condotto senza dilazione a Curabi, città libera e marittima, di Zeugitania, in una piacevol situazione, in un fertile territorio, ed alla distanza di circa quaranta miglia da Cartagine82. L’esule Vescovo godeva de’ comodi della vita e della coscienza della propria virtù. Era sparsa la sua riputazione per l’Affrica e per l’Italia; fu pubblicato, per edificazione del mondo Cristiano, un racconto della sua condotta83; e la solitudine del medesimo era frequentemente interrotta dalle lettere, dalle visite, e dalle congratulazioni de’ Fedeli. All’arrivo di un nuovo Proconsole nella Provincia, parve che la fortuna di Cipriano prendesse per qualche tempo un aspetto più favorevole. Fu esso richiamato dal bando, e quantunque non gli fosse per anche permesso di ritornare in Cartagine, gli furono assegnati per luogo di sua dimora i propri di lui giardini, situati ne’ contorni della capitale84. Finalmente, appunto un anno dopo che Cipriano fu chiamato per la prima volta in giudizio, Galerio Massimo, Proconsole d’Affrica, ricevè l’imperial dispaccio pur l’esecuzione de’ Dottori Cristiani85. Al Vescovo di Cartagine parve grave di esser egli destinato per una delle prime vittime, e la fragilità della natura lo tentò a sottrarsi per mezzo di una segreta fuga al pericolo ed all’orror del martirio; ma presto ricuperando quella fortezza ch’esigeva il proprio carattere, tornò a’ suoi giardini, ed aspettò pazientemente i ministri della morte. Due uffiziali di qualità, a’ quali affidata venne tal commissione, posero Cipriano in un cocchio fra loro, e poichè il Proconsole allora non era in comodo, lo condussero non già in una carcere, ma in una casa privata in Cartagine, appartenente ad uno di essi. Fu apparecchiata un’elegante cena pel Vescovo, e fu permesso a’ suoi amici Cristiani di godere per l’ultima volta la sua compagnia, mentr’eran piene le contrade di una moltitudine di Fedeli, ansiosi ed agitati per l’imminente morte del loro padre spirituale86. Nella mattina comparve avanti il tribunal del Proconsole, il quale dopo essersi informato del nome e della situazione di Cipriano, gli comandò di sacrificare agli Dei, e lo eccitò a riflettere alle conseguenze della sua disubbidienza. Il rifiuto di Cipriano fu stabile e decisivo; ed il Magistrato, dopo ch’ebbe udita l’opinione del suo consiglio, con qualche ripugnanza pronunziò la sentenza di morte. Questa fu conceputa ne’ termini seguenti. "Che immediatamente sia decapitato Tascio Cipriano, come nemico degli Dei di Roma, come capo e condottiero di una rea società, la quale da esso è stata sedotta ad empiamente resistere alle leggi de’ santissimi Imperatori Valeriano e Gallieno87." La forma della sua esecuzione fu la più mite e la meno penosa, che dar si potesse ad una persona convinta di un delitto capitale; nè fu adoperato l’uso della tortura, per ottenere dal Vescovo di Cartagine o l’abbiurazione delle sue massime, o la scoperta de’ complici. Tosto che fu pubblicata la sentenza, "Noi moriremo con lui" gridò generalmente tutta insieme la moltitudine88 dei Cristiani, che stava ad ascoltare avanti le porte del Palazzo. Le generose loro dimostrazioni di zelo e di affetto non furono nè vantaggiose a Cipriano, nè per loro stessi pericolose. Fu egli condotto sotto la guardia de’ Tribuni e de’ Centurioni, senza resistenza, e senza insulto, al luogo dell’esecuzione, ch’era una spaziosa pianura vicina alla città, ed era già piena di un gran numero di spettatori. A’ fedeli di lui Diaconi e Preti fu concesso di accompagnare il Santo lor Vescovo. Essi l’aiutarono a togliersi le vesti di sopra, stesero sul terreno de’ panni per raccoglier le preziose reliquie del suo sangue, e da esso riceveron l’ordine di dare venticinque monete d’oro all’esecutore. Dopo di che il Martire si cuoprì con le proprie mani la faccia, e ad un solo colpo fu reciso il suo capo dal busto. Rimase per alcune ore il cadavere esposto alla curiosità de’ Gentili; ma nella notte fu tolto di là, e con trionfal processione allo splendore di molti lumi fu trasportato al cimitero dei Cristiani. Furon celebrate pubblicamente a Cipriano l’esequie senza il minimo impedimento per parte dei Magistrati Romani; e que’ Fedeli, che prestaron gli ultimi uffizj alla persona e memoria di lui, furono sicuri da ogni pericolo d’inquisizione o di pena. Egli è da osservarsi, che in una moltitudine sì grande di Vescovi, che si trovavano nella Provincia dell’Affrica, Cipriano fu il primo, che fosse reputato degno di ottener la corona del martirio89. Era veramente in poter di Cipriano o di morir martire, o di vivere apostata: ma dipendeva da questa scelta l’alternativa dell’onore, o dell’infamia. Se potesse anche supporsi che il Vescovo di Cartagine si fosse servito della professione della fede Cristiana solo come d’istrumento della propria ambizione o avarizia, doveva egli sempre sostenere il carattere che aveva assunto90; e se in lui era la minima dose di viril fortezza, doveva esporsi piuttosto a’ più crudeli tormenti, che per un solo atto cambiare la riputazione di tutta la vita nell’abborrimento de’ suoi Cristiani fratelli e nel disprezzo del mondo Gentile. Ma se lo zelo di Cipriano veniva sostenuto da una sincera persuasione della verità di quelle dottrine ch’egli predicava, la corona del martirio dovea sembrargli piuttosto un oggetto di desiderio che di terrore. Dalle vaghe, sebben eloquenti declamazioni de’ Padri non è così facile di concepire un’idea distinta, o di determinare il grado di quell’immortal gloria e felicità, ch’essi con fiducia promettevano a quelli ch’erano sì fortunati da spargere il proprio sangue in difesa della religione91. Con la diligenza che si conveniva, essi inculcavano, che il fuoco del martirio suppliva ogni difetto, ed espiava ogni colpa; che mentre le anime degli altri Cristiani eran obbligate a passare per una lenta e penosa purificazione, i Martiri entravano trionfanti al godimento immediato dell’eterna felicità, dove in compagnia de’ Patriarchi, degli Apostoli e de’ Profeti regnavan con Cristo, ed erano come assessori di esso nell’universal giudizio dell’uman genere. La sicurezza di una durevole riputazione sopra la terra, motivo sì confacente alla vanità della natura umana, serviva spesse volte ad animare il coraggio de’ Martiri. Gli onori, che Roma od Atene largivano a’ que’ cittadini, ch’erano morti per difesa della lor patria, non erano che fredde e deboli dimostrazioni di rispetto, ove si confrontino coll’ardente gratitudine e devozione, ch’esprimeva la primitiva Chiesa verso i vittoriosi campioni della fede. S’incominciò a celebrare come una ceremonia sacra l’annual commemorazione delle virtù e dei tormenti loro, e andò a terminar finalmente in un culto religioso. Fra’ Cristiani poi, che avevan pubblicamente confessato i principj di lor religione, quelli che si liberavano (come spesso accadeva) dal tribunale o dalle carceri de’ Magistrati Pagani, godevano quegli onori ch’erano giustamente dovuti all’imperfetto martirio, ed alla generosa fermezza che avevano dimostrato. Le più devote donne ambivano che fosse loro permesso d’imprimer baci su’ ferri ch’essi avevan portato, e sulle ferite che avevano ricevuto. Le lor persone si stimavano sante; se ne ricevevan con rispetto le decisioni; ed essi troppo spesso abusavano, col loro spirituale orgoglio e colle licenziose maniere, della preminenza, che lo zelo e l’intrepidezza avevano loro acquistato92. Distinzioni di questa sorta, nel tempo che rappresentano la grand’esaltazione del merito, mostrano il picciol numero di quelli che soffrirono patimenti, o la morte per la professione del Cristianesimo. La sobria discrezione de’ nostri tempi sarebbe più portata a censurar che ad ammirare, e potrebbe anche più facilmente ammirar che imitare il favore de’ primi Cristiani, i quali, secondo la viva espressione di Sulpicio Severo, desideravano il martirio con maggiore ansietà di quel che i suoi contemporanei sollecitassero un Vescovato93. L’epistole scritte da Ignazio, quando egli era condotto in catene per le città dell’Asia, spirano i sentimenti più ripugnanti alla comune inclinazione della natura dell’uomo. Vivamente egli prega i Romani, che quando sarà esposto nell’Anfiteatro, non vogliano con le lor tenere ma inopportune intercessioni privarlo della corona della gloria, e si dichiara risoluto di voler provocare ed irritar le bestie feroci, che verrebbero impiegate come istrumenti della sua morte94. Si raccontano alcune storie del coraggio di Martiri, che effettivamente fecero quel che Ignazio s’era proposto: che inasprirono il furor de’ Leoni, sollecitaron l’esecutore ad affrettare il suo uffizio, allegramente saltaron nel fuoco preparato per consumarli, e dimostrarono un senso di gioia e di piacere nel mezzo de’ più squisiti tormenti. Si son conservati molti esempi di uno zelo, che non poteva soffrire que’ freni che gl’Imperatori avean posti per sicurezza della Chiesa. Supplivano alle volte i Cristiani medesimi con la propria volontaria dichiarazione alla mancanza di un accusatore, precipitosamente sturbavano le pubbliche funzioni del Paganesimo95, e correndo in folla a’ tribunali de’ Magistrati, chiedevano loro che pronunziassero ed eseguissero la sentenza stabilita dalla legge. La condotta de’ Cristiani era in vero troppo notabile per isfuggire alla vista degli antichi Filosofi; ma sembra che fosse per loro un oggetto molto meno d’ammirazione che di stupore. Incapaci d’immaginare i motivi, che alle volte trasportavano la fortezza de’ credenti oltre i confini della prudenza o della ragione, trattavano tale ansietà di morire come uno stravagante risultato di ostinata disperazione, di stupida insensibilità, o di superstiziosa frenesia96. «Infelici! (esclamò il Proconsole Antonino, parlando a’ Cristiani dell’Asia) infelici! se voi siete sì stanchi di vivere, vi sembra egli tanto difficil cosa il trovar delle funi e de’ precipizj?97.» Egli andò sommamente guardingo (come osserva un erudito e devoto Istorico) nel punire persone che non avevan trovati altri accusatori che se medesimi, non essendosi dalle leggi Imperiali fatto provvedimento veruno per un caso così inaspettato; laonde avendone condannati alcuni pochi per servir d’esempio a’ loro fratelli, scacciò la moltitudine con indignazione e disprezzo98. Nonostante però questo reale o affettato sdegno, l’intrepida costanza de’ Fedeli produceva gli effetti più salutari su quegli spiriti, che dalla natura e dalla grazia eran disposti a ricever facilmente le verità religiose. In tali funeste occasioni, fra’ Gentili v’erano molti, che avevano compassione, che ammiravano, e che si convertivano. Da quelli che pativano, si comunicava il generoso entusiasmo agli spettatori, ed il sangue de’ Martiri, secondo una ben nota osservazione, divenne il seme della Chiesa. Ma sebbene la devozione sublimato avesse, e l’eloquenza continuasse ad infiammar questo ardor della mente, pure esso diede insensibilmente luogo alle speranze e ai timori più naturali del cuore umano, all’amor della vita, all’apprension della pena, ed all’orrore del proprio discioglimento. I più prudenti regolatori della Chiesa trovaronsi costretti a raffrenar l’indiscreto fervore de’ lor seguaci, e a diffidare di una costanza, che troppo spesso gli abbandonava nell’ora dell’esperimento99. A misura che divenne meno mortificata ed austera la vita de’ Fedeli, essi furono di giorno in giorno meno ambiziosi degli onori del martirio; ed i soldati di Cristo, in vece di distinguersi con volontarie azioni d’eroismo, disertavan frequentemente dal loro posto, e fuggivano in confusione l’aspetto di quel nemico, al quale erano in dover di resistere. Vi erano però tre maniere di evitare le fiamme della persecuzione, che non portavan seco il grado medesimo di reato: la prima in vero si risguardava generalmente come innocente; la seconda era di una specie dubbiosa, o almeno di una veniale mancanza; ma la terza induceva una diretta e colpevole apostasia dalla fede Cristiana. I. Un moderno Inquisitore udirebbe veramente con sorpresa, che allorchè avanti ad un Magistrato Romano accusavasi alcuno sottoposto alla sua giurisdizione, per aver abbracciato la setta del Cristianesimo, fosse comunicata l’accusa alla parte accusata, e le fosse accordato un conveniente spazio di tempo per porre in ordine i propri affari domestici, e per preparare una difesa al delitto che le veniva imputato100. Se l’accusato avea qualche dubbio intorno alla propria costanza, tal dilazione gli somministrava l’opportunità di conservar la sua vita ed il suo onore mediante la fuga, di ritirarsi in qualche oscura solitudine, o in qualche distante Provincia per ivi aspettare pazientemente il ritorno della sicurezza e della pace. Un contegno sì conforme alla ragione veniva spesso autorizzato dall’avviso e dall’esempio de’ più santi Prelati, e sembra, che fosse censurato da pochi, se si eccettuino i Montanisti, che dal loro stretto ed ostinato attaccamento pel rigore dell’antica disciplina furon condotti all’eresia101. II. I Governatori delle Province, ne’ quali non prevaleva lo zelo all’avarizia, avevano introdotto il costume di vendere degli attestati (o come si dicevan libelli) ne’ quali facevan fede, che le persone ivi menzionate avean soddisfatto alle leggi, e sacrificato alle Romane divinità. Producendo queste false dichiarazioni, potevano gli opulenti e timorosi Cristiani ridurre al silenzio la malignità di un accusatore, e in qualche modo conciliare la religione con la loro salvezza. Una tenue penitenza poi serviva a purgare questa profana dissimulazione102. III. In ogni persecuzione si trovava un gran numero d’indegni Cristiani, che pubblicamente negavano, o rinunciavano la fede che professavano; e che confermavan la sincerità di loro abbiura con gli atti legali di ardere incenso, o di offerire sacrifizii. Alcuni di questi apostati cedevano alla prima esortazione o minaccia del Magistrato, mentre la pazienza d’altri era vinta dalla lunghezza e reiterazion de’ tormenti. I volti spaventati di alcuni tradivano i loro interni contrasti, mentre altri s’avanzavano con fiducia ed ilarità verso gli altari degli Dei103. Ma la finzione, indotta dal timore, non durava più lungamente del presente pericolo. Appena diminuiva il rigore della persecuzione, le porte della Chiesa erano assediate dalla moltitudine de’ penitenti, che detestavano la loro idolatrica sommissione, e che supplicavano con uguale ardore, ma con vario successo, di esser nuovamente ricevuti nella società de’ Cristiani104. IV. Quantunque fossero stabilite varie regole generali per convincere e per punire i Cristiani, pure in un esteso ed arbitrario governo il destino di que’ settarj doveva sempre in gran parte dipendere dal lor portamento, dalle circostanze de’ tempi e dall’indole tanto del supremo, che de’ subalterni lor Giudici. Alle volte lo zelo potea provocare, e la prudenza mitigare o rimuovere il superstizioso furor de’ Pagani. Diversi motivi potevan disporre i Governatori delle Province a mantenere in vigore, o a rilassar l’esecuzione delle leggi, ed il più forte fra questi era il riguardo che avevano non solo pei pubblici editti, ma ancora per le segrete intenzioni dell’Imperatore, del quale uno sguardo era sufficiente ad accendere, o ad estinguere la persecuzione. Ogni volta che si esercitava qualche accidentale severità nelle diverse parti dell’Impero, i primitivi Cristiani si dolevano de’ lor patimenti, e forse gli ampliavano; ma il celebre numero di dieci persecuzioni fu determinato dagli scrittori Ecclesiastici del quinto secolo, che avevano una cognizione più distinta de’ casi prosperi ed avversi della Chiesa, dal tempo di Nerone fino a quello di Domiziano. Gl’ingegnosi paralelli delle dieci piaghe d’Egitto e delle dieci corna dell’Apocalisse furono i primi a suggerir questo numero alle lor menti, e nell’applicazione, che facevano della fede profetica alla verità istorica, ebber la cura di sceglier que’ regni che furon veramente i più contrari alla causa de’ Cristiani105. Ma queste passeggiere persecuzioni non servivano, che a ravvivare lo zelo, ed a restaurar la disciplina de’ Fedeli, ed i momenti di un rigore straordinario venivan compensati da intervalli molto più lunghi di sicurezza e di pace. L’indifferenza di alcuni Principi, e l’indulgenza di altri fecer godere a’ Cristiani una pubblica e di fatto, quantunque per avventura non giuridica, tolleranza di lor religione. L’Apologia di Tertulliano contiene due molto antichi, molto singolari, e nel tempo stesso molto sospetti esempi d’Imperiale clemenza, cioè gli editti pubblicati sotto Tiberio e Marco Antonino, e diretti non solo a protegger l’innocenza de’ Cristiani, ma anche a promulgare quegli stupendi miracoli che avevan contestato la verità di lor dottrina. Il primo di essi è accompagnato da alcune difficoltà, che potrebbero far dubitare uno spirito scettico106. Ci si vorrebbe far credere, che Ponzio Pilato informasse l’Imperatore dell’ingiusta sentenza di morte, ch’esso aveva pronunziata contro una persona innocente, e per quanto pareva, divina, e che, senza acquistarne il merito, si esponesse al pericolo del martirio; che Tiberio il quale non occultava il suo disprezzo per ogni religione, immediatamente concepisse il disegno di porre il Messia Giudeo fra’ Numi Romani; che il servile Senato si avventurasse a disubbidire a’ comandi del suo Signore; che Tiberio, invece di risentirsi di tal rifiuto, si contentasse di proteggere i Cristiani dalla severità delle leggi, molti anni prima che queste fossero fatte, o avanti che la Chiesa prendesse un nome, o avesse un’esistenza particolare; e finalmente che si conservasse la memoria di questo fatto straordinario ne’ registri più pubblici ed autentici, i quali non vennero a notizia degl’Istorici Greci e Romani, e furon soltanto visibili agli occhi di un Cristiano d’Affrica, il quale compose la sua apologia cento sessant’anni dopo la morte di Tiberio. Si suppone, che l’Editto di Marco Antonino fosse l’effetto della sua devozione e gratitudine per essere stato miracolosamente liberato nella guerra contro i Marcomanni. L’angustia delle Legioni, l’opportuna tempesta di pioggia e di grandine, di tuoni e di fulmini, ed il terrore e la disfatta de’ Barbari, si celebrarono dall’eloquenza di più scrittori Pagani. Se in quell’esercito si fosse trovato alcun Cristiano, egli era naturale ch’essi dovessero attribuir qualche merito alle fervide preci, che nel momento del pericolo avean fatte per la propria, e per la pubblica sicurezza. Ma tuttavia siamo assicurati da monumenti di marmo e di rame, dalle medaglie Imperiali e dalla colonna Antonina, che nè il Principe, nè il Popolo dimostrò alcun sentimento di questo segnalato favore, giacchè attribuirono di comune accordo la loro liberazione alla providenza di Giove ed all’interposizion di Mercurio. In tutto il corso del suo Regno, Marco disprezzò i Cristiani come filosofo, e li punì come Sovrano107. Per una fatalità singolare, i travagli che avevano sofferto i Cristiani sotto il governo di un Principe virtuoso, immediatamente cessarono al comparir di un Tiranno, e siccome nessuno, fuori di loro, aveva sperimentato l’ingiustizia di Marco, così furono essi soli protetti dalla piacevolezza di Commodo. La celebre Marcia, che fu la prima favorita fra le sue concubine, e che finalmente tramò l’uccisione dell’Imperiale suo amante, aveva un singolare affetto per l’oppressa Chiesa; e benchè fosse impossibile, ch’ella conciliar potesse la pratica del vizio co’ precetti dell’Evangelio, pure poteva sperar di purgare le fragilità del suo sesso e della sua professione, dichiarandosi protettrice de’ Cristiani108. Sotto la graziosa protezione di Marcia essi passarono in sicurezza i tredici anni di quella crudel tirannia, e quando si stabilì l’Impero nella casa di Severo, acquistarono una famigliare, ma più onorevole connessione con la nuova Corte. L’Imperatore era persuaso, che in una pericolosa malattia gli fosse stato di qualche vantaggio o spirituale o fisico l’olio santo, col quale un suo schiavo l’aveva unto. Ei trattò sempre con particolar distinzione molti di ambedue i sessi, che avevano abbracciato la nuova religione. La nutrice non meno che il precettore di Caracalla furono Cristiani; e se mai quel Principe mostrò un sentimento d’umanità, ne fu cagione un accidente, che sebbene di piccol peso, ha qualche relazione alla causa del Cristianesimo109. Nel regno di Severo fu tenuta in freno la furia del popolo; per qualche tempo sospeso il rigore delle antiche leggi; ed i Governatori delle Province restavano soddisfatti con ricevere un dono annuale dalle Chiese poste dentro i limiti di loro giurisdizione, come prezzo o guiderdone della loro moderatezza110. La controversia intorno al preciso tempo di celebrar la Pasqua armò i Vescovi dell’Asia e dell’Italia gli uni contro gli altri, e fu questo risguardato come l’affare più importante di quel tempo di pace e di tranquillità111. Nè fu interrotta la quiete della Chiesa, finchè sempre crescendo il numero de’ proseliti, sembra che finalmente richiamasse l’attenzione, o alienasse l’animo di Severo. Col fine d’impedire il progresso del Cristianesimo, pubblicò un editto, che sebbene fosse diretto soltanto contro quelli che si convertivan di nuovo, pure non si potè rigorosamente mettere in esecuzione senza esporre al pericolo ed alla pena i più zelanti tra’ loro Dottori e Missionari. In questa mite persecuzione possiam ravvisar sempre lo spirito indulgente di Roma e del Politeismo, che sì facilmente ammetteva ogni cosa in favore di quelli, che praticavano le religiose cerimonie de’ loro Padri112. Ma presto spirarono, insieme con l’autorità di Severo, le leggi ch’egli avea fatte; ed i Cristiani, dopo questa accidentale tempesta, goderono una calma di trentotto anni113. Fino a quest’epoca essi avevano per ordinario tenuto le loro assemblee in case private ed in luoghi remoti. Fu loro permesso in questo tempo di erigere e di consacrare edifizi atti all’esercizio del culto religioso114, di comprar terre anche nell’istessa Roma per uso della comunità; e di far l’elezioni de’ lor ministri Ecclesiastici in una forma così pubblica, e nel tempo stesso così esemplare da meritar la rispettosa attenzione dei Gentili115. Questo lungo riposo della Chiesa fu congiunto con la dignità. I regni di que’ Principi, che traevan l’origine dalle Province dell’Asia, furono i più favorevoli per li Cristiani: le persone eminenti di questa setta, invece d’essere ridotte ad implorare la protezione di uno schiavo, o d’una concubina, erano ammesse nel Palazzo coll’onorevol carattere di sacerdoti e di filosofi; e le lor misteriose dottrine, ch’erano già sparse fra il popolo, insensibilmente attirarono la curiosità del Sovrano. Quando l’Imperatrice Mammea passò da Antiochia, dimostrò desiderio di trattar col celebre Origene, che avea diffuso la fama della sua pietà e dottrina per l’Oriente. Obbedì Origene ad un invito così lusinghiero, e quantunque non potesse sperar di succedere nella conversione di una donna artificiosa ed ambiziosa, essa udì con piacere le eloquenti di lui esortazioni, ed onorevolmente lo rimandò al suo ritiro di Palestina116. Furono adottati i sentimenti di Mammea dal suo figliuolo Alessandro, e fu indicata la filosofica devozione di quell’Imperatore da un singolare ma indiscreto riguardo per la religione Cristiana. Collocò egli nella sua Cappella domestica le statue d’Abramo, di Orfeo, d’Apollonio e di Cristo, quasi volendo fare un onore giustamente dovuto a que’ rispettabili savj, che in vari modi avevano instruito il genere umano a porger omaggio alla suprema ed universale divinità117. Fra’ suoi domestici, si professava e si esercitava apertamente una fede ed un culto più puro. Furono forse per la prima volta veduti a Corte de’ Vescovi, ed allorchè, dopo la morte di Alessandro, il crudel Massimino scaricò il suo furore sopra i favoriti ed i servi dell’infelice di lui benefattore, molti Cristiani di ogni grado e di ambedue i sessi furono involti nel promiscuo macello, che ha, per tal motivo, impropriamente ricevuto il nome di Persecuzione118. Nonostante la crudel disposizione di Massimino, gli effetti del suo sdegno contro i Cristiani furon limitati solo a certi luoghi e tempi, ed il pio Origene, ch’era stato proscritto come una sacra vittima, fu tuttavia riservato a portare la verità del Vangelo alle orecchie de’ Monarchi119. Egli mandò varie lettere edificanti all’Imperator Filippo, alla sua moglie ed alla madre; ed appena quel Principe, ch’era nato nelle vicinanze della Palestina, ebbe usurpato lo scettro Imperiale, i Cristiani acquistarono un amico ed un protettore. Il pubblico ed anche parzial favore di Filippo verso i seguaci della nuova religione, ed il costante di lui rispetto per li Ministri della Chiesa diedero qualche colore al sospetto, che prevalse in que’ tempi, che l’Imperatore medesimo si fosse convertito alla fede120, e somministrò qualche fondamento ad una favola, che in seguito fu inventata, vale a dire ch’egli s’era purgato, mediante la confessione e la penitenza, dalla colpa contratta per l’uccisione del suo innocente predecessore121. La caduta di Filippo introdusse con la mutazione dei Principi un nuovo sistema di governo, così oppressivo per li Cristiani, che l’antecedente lor condizione fino dal tempo di Domiziano, si rappresentava come uno stato di perfetta libertà e sicurezza, paragonandolo col rigoroso trattamento, ch’essi soffrirono sotto il breve regno di Decio122. Le virtù di questo Principe difficilmente ci permetteranno di sospettare che un vile odio contro i favoriti del suo predecessore influisse sopra di lui, ed è più ragionevole di credere, che nell’esecuzione del suo disegno generale di restaurar la purità de’ costumi Romani, desiderasse di liberar l’Impero da quella ch’esso condannava come una rea e nuova superstizione. I Vescovi delle città più considerabili furono condannati all’esilio o alla morte; la vigilanza de’ Magistrati impedì per sedici mesi al Clero di Roma di procedere ad una nuova elezione; ed era opinion de’ Cristiani, che l’Imperatore avrebbe sofferto con maggior pazienza un competitore alla porpora che un Vescovo nella Capitale123. Se fosse possibile di supporre, che la penetrazione di Decio scoperto avesse l’orgoglio sotto il manto dell’umiltà, o che avesse potuto prevedere, che dalle pretensioni di autorità spirituale sarebbe insensibilmente nato il dominio temporale124, ci cagionerebbe minor sorpresa, ch’egli risguardasse i successori di S. Pietro come i rivali più formidabili di quelli d’Augusto. Il Governo di Valeriano si distinse per una leggerezza ed incostanza, che mal conveniva alla gravità di un Censore di Roma. Nel principio del suo regno, egli sorpassò in clemenza que’ Principi de’ quali si era sospettato che avessero abbracciata la fede Cristiana. Negli ultimi tre anni e mezzo, prestando orecchio alle insinuazioni di un ministro addetto alle superstizioni dell’Egitto, adottò le massime, ed imitò la severità del suo predecessore Decio125. L’esaltamento di Gallieno, che accrebbe le calamità dell’Impero, restituì la pace alla Chiesa, ed i Cristiani ottennero il libero esercizio della loro religione, mercè di un editto diretto ai Vescovi, e concepito in tali termini, che sembrava riconoscere in essi un uffizio e carattere pubblico126. Si tollerava che le antiche leggi, senza venir formalmente rivocate, cadessero nell’obblivione; ed eccettuate alcune ostili intenzioni attribuite all’Imperatore Aureliano127, i Discepoli di Cristo passarono più di quarant’anni in uno stato di prosperità molto più pericoloso per la loro virtù, che i più aspri patimenti della persecuzione. L’istoria di Paolo Samosateno, che occupò la Sede Metropolitana d’Antiochia, allorchè l’Oriente trovavasi nelle mani di Odenato e di Zenobia, può servire ad illustrare la condizione ed il carattere di que’ tempi. La ricchezza di quel Prelato era una prova sufficiente di sua reità, mentre non aveva avuto origine nè dall’eredità de’ suoi padri, nè dalle arti di un’onesta industria. Ma Paolo risguardava il servigio della Chiesa come una professione molto lucrosa128. La sua Giurisdizione ecclesiastica era venale e rapace, estorceva frequenti contribuzioni da’ più facoltosi Fedeli, e convertiva in uso proprio gran parte dell’entrata comune. La religione Cristiana, per causa dell’orgoglio e lusso del medesimo, si rendè odiosa agli occhi de’ Gentili. Il luogo, dove teneva consiglio, ed il suo trono, lo splendore col quale compariva in pubblico, la folla de’ supplicanti che implorava la sua attenzione, la quantità di lettere e di suppliche, alle quali dettava le sue risposte, e la perpetua confusione di affari, ne’ quali era involto, erano circostanze molto più convenienti allo stato di un Magistrato civile129, che all’umiltà di un Vescovo antico. Ogni volta ch’egli parlava dal pulpito al popolo, affettava lo stil figurato ed i gesti teatrali di un sofista Asiatico, mentre la Cattedrale risuonava delle più alte e stravaganti acclamazioni in lode della sua divina eloquenza. Contro coloro, che resistevano al suo potere o ricusavano di adular la sua vanità, il Prelato d’Antiochia era arrogante, rigido ed inesorabile, ma rilassava la disciplina, e distribuiva con prodiga mano i tesori della Chiesa ai Cherici da lui dipendenti, a’ quali era permesso d’imitare il lor capo nella soddisfazione di ogni sensuale appetito; giacchè Paolo si deliziava molto liberamente ne’ piaceri della tavola, ed avea ricevuto nel Palazzo Episcopale due giovani e belle donne, come compagne costanti de’ suoi momenti di quiete130. Nonostanti questi scandalosi vizi, se Paolo di Samosata conservato avesse la purità della fede ortodossa, il suo regno sopra la capital della Siria non sarebbe terminato che con la sua vita: e se fosse nata un’opportuna persecuzione, uno sforzo di coraggio avrebbe forse potuto collocarlo nello schiera de’ Santi e de’ Martiri. Alcuni delicati e sottili errori, ch’egli adottò imprudentemente, ed ostinatamente sostenne intorno alla dottrina della Trinità, eccitarono lo zelo e lo sdegno delle Chiese orientali131. I Vescovi, dall’Egitto fino al Ponto Eusino, si posero in armi ed in movimento. Furon tenuti vari Concili, pubblicate confutazioni, pronunziate scomuniche, accettate e ricusate a vicenda dichiarazioni ambigue, conclusi e violati trattati, e finalmente Paolo di Samosata fu spogliato del suo carattere Episcopale per sentenza di settanta o ottanta Vescovi, che a tal fine si adunarono in Antiochia, e che, senza consultare i diritti del Clero e del Popolo, gli elessero di loro autorità un successore. La manifesta irregolarità di questo procedere accrebbe il numero de’ malcontenti faziosi; e siccome Paolo, che non era nuovo negli artifizi delle Corti, s’era insinuato nel favor di Zenobia, per più di quattr’anni si mantenne in possesso della casa e dell’uffizio Episcopale. La vittoria d’Aureliano cangiò l’aspetto delle cose in Oriente, ed i due discordi partiti che attribuivansi l’un l’altro gli epiteti di scisma e d’eresia, ebbero l’ordine, o la permissione di agitar la causa avanti al tribunale del conquistatore. Questo pubblico e molto singolar giudizio serve a dare una convincente prova, che si riconosceva l’esistenza, la proprietà, i privilegi e l’intrinseco governo de’ Cristiani, se non dalle leggi, almeno da’ Magistrati dell’Impero. Poteva difficilmente aspettarsi, che Aureliano, come Gentile e soldato, entrasse a discutere, se le opinioni di Paolo o quelle de’ suoi avversari fossero le più conformi alla verità della fede ortodossa. La sua determinazione però si fondò su’ principj generali di equità e di ragione. Risguardò esso i Vescovi dell’Italia come i Giudici più imparziali e rispettabili fra’ Cristiani, ed appena fu informato ch’essi avevano concordemente approvata la sentenza del Concilio, si acquietò alla lor decisione, ed immediatamente diede ordine, che Paolo fosse costretto ad abbandonare le possessioni temporali che appartenevano ad un uffizio, di cui, secondo il giudizio de’ propri fratelli, egli era stato regolarmente privato. Ma nel tempo che si applaudisce alla giustizia di Aureliano, non si dovrebbe perder di vista la sua politica; imperocchè procurava egli di restituire e di collegare la dipendenza delle Province dalla capitale per qualunque mezzo che potesse vincolar l’interesse, o i pregiudizi di ogni parte de’ propri sudditi132. In mezzo alle frequenti rivoluzioni dell’Impero i Cristiani sempre fiorivano in pace e prosperità; e quantunque la famosa Era de’ Martiri siasi principiata dall’avvenimento al Trono di Diocleziano133, tuttavia il nuovo sistema di politica, introdotto e mantenuto dalla saviezza di quel Principe, continuò per più di diciott’anni ad inspirare il più dolce e libero spirito di tolleranza intorno alla religione. La mente, in vero, di Diocleziano medesimo era meno idonea alle ricerche speculative che alle attive fatiche della guerra e del governo. La sua prudenza lo rendè alieno da ogni grande innovazione, e quantunque il suo temperamento non fosse suscettibile di zelo o di entusiasmo, egli conservò sempre un abituale riguardo per le antiche Divinità dell’Impero. Ma l’ozio delle due Imperatrici, Prisca di lui moglie e Valeria sua figlia, permise loro di ascoltare con maggiore attenzione e rispetto le verità del Cristianesimo, che in ogni tempo ha professato le sue più speciali obbligazioni alla devozion delle donne134. I principali Eunuchi Luciano135 e Domoteo, Gorgonio ed Andrea, che trattavano la persona, godevano il favore, e governavano la casa di Diocleziano, proteggevano con la potente loro efficacia la fede, che avevano abbracciata. Fu imitato il loro esempio da molti de’ più considerabili uffiziali del Palazzo, che ne’ rispettivi lor posti avean la cura degli ornamenti Imperiali, delle vesti, delle masserizie, delle gioie, ed anche del tesoro privato; e sebbene alle volte potevano esser obbligati d’accompagnar l’Imperatore, quando andava al tempio per sacrificare136, pure godevano, insieme con le loro mogli, i loro figli ed i loro schiavi, dell’esercizio libero della religione Cristiana. Diocleziano ed i suoi Colleghi frequentemente conferivano gli uffizi più importanti a quelle persone, che non celavano il loro abborrimento pel culto de’ Numi, ma che avevan mostrato capacità pel buon servizio dello Stato. I Vescovi, nelle rispettive loro Province, tenevano un grado onorevole, ed eran trattati con distinzione e rispetto, non solamente dal Popolo, ma anche da’ Magistrati medesimi. Quasi in ogni città si trovarono insufficienti le antiche Chiese per contenere la moltitudine, che sempre cresceva, de’ proseliti; ed in luogo di quelle furono eretti pel culto de’ Fedeli più stabili e capaci edifizj. La corruzione de’ costumi e de’ principj di religione, della quale con tanta forza lamentasi Eusebio137, si può riguardare non solo come una conseguenza, ma come una prova della libertà, di cui godevano ed abusavano i Cristiani sotto il regno di Diocleziano. La prosperità rilassato aveva i nervi della disciplina; prevalevano in ogni Congregazione la frode, l’invidia, e la malizia; i Preti aspiravano all’uffizio Episcopale, che di giorno in giorno diveniva un oggetto più degno della loro ambizione; i Vescovi, che contendevan fra loro per l’Ecclesiastiche preeminenze, pareva che con la lor condotta si attribuissero un secolare e tirannico poter nella Chiesa; e la viva fede, che distingueva sempre i Cristiani da’ Gentili, molto meno si manifestava nella lor vita che ne’ loro scritti di controversia. Nonostante quest’apparente sicurezza, potrebbe un attento osservatore discernere alcuni sintomi, che minacciavan la Chiesa d’una persecuzione più violenta di tutte quelle, che aveva fino allora sofferte. Lo zelo ed il rapido progresso de’ Cristiani svegliò i Politeisti dalla supina loro indifferenza nella causa di quelle Divinità, che il costume e l’educazione avevano appreso loro a rispettare. Le vicendevoli provocazioni di una guerra religiosa, che aveva continuato più di dugent’anni, esacerbò l’animosità delle parti, che combattevano. I Pagani s’irritavano per l’ardire di una oscura e nuova setta, che pretendeva di accusare di errore i propri compatriotti, e di condannare i loro padri all’eterna miseria. L’abitudine di giustificare la mitologia popolare contro le invettive di un implacabil nemico, produceva ne’ loro spiriti qualche sentimento di fede e di riverenza per un sistema, ch’essi erano assuefatti a risguardare con la leggerezza più trascurata. Le facoltà soprannaturali, che assumeva la Chiesa, inspiravan terrore nel tempo stesso ed emulazione. I seguaci della vecchia religione si trinceravano con simili fortificazioni di prodigi, inventavan nuove maniere di sacrificare, d’iniziare138 o di espiare i delitti; procuravano di restituire il credito a’ loro spiranti oracoli139, e con ansiosa credulità porgevan orecchio a qualunque impostore, che lusingasse i lor pregiudizi con maravigliosi racconti140. Pare che ambe le parti accordassero la verità di que’ miracoli, che si attribuivano gli avversari; e mentre si contentavan di ascriverli ad arte magica o al poter de’ Demonj, concorrevano reciprocamente a restaurare e stabilire il regno della superstizione141. La filosofia, ch’è il più pericoloso nemico di questa, erasi allora mutata nel suo più vantaggioso alleato. I boschetti dell’Accademia, i giardini d’Epicuro, ed anche il Portico degli Stoici erano quasi abbandonati, come tante diverse scuole di scetticismo e di empietà142, e molti fra’ Romani bramavano, che fosser condannati e soppressi per autorità del Senato gli scritti di Cicerone143. La setta de’ nuovi Platonici, che prevalse, credè prudente partito quello di unirsi co’ Sacerdoti, che forse disprezzava, contro i Cristiani, che aveva ragione di temere. Questi filosofi alla moda sostennero il disegno di trarre un’allegorica sapienza dalle finzioni de’ Greci poeti, instituirono riti misteriosi di divozione per uso de’ lor discepoli eletti, raccomandarono il culto degli Dei antichi, considerati come gli emblemi, o i ministri della suprema Divinità, e composero molti elaborati trattati contro la fede dell’Evangelio144, che dopo dalla prudenza degli Imperatori ortodossi furono dati alle fiamme145. Quantunque la politica di Diocleziano e l’umanità di Costanzo li disponessero a mantenere inviolate le massime di tolleranza, si venne ben presto in chiaro, che i due loro colleghi, Massimiano e Galerio, nudrivano il più implacabile odio pel nome e per la religione de’ Cristiani. Le scienze non avevano mai illuminato le menti di que’ Principi, nè l’educazione aveva addolcito il loro temperamento. Dovevano essi alle proprie spade la loro grandezza, e nella più sublime fortuna ritennero sempre i superstiziosi pregiudizi de’ soldati e delle inculte persone. Nell’amministrazion generale delle Province obbedivano alle leggi stabilite dal lor benefattore; ma ne’ loro campi e palazzi trovavano spesse occasioni di esercitare una persecuzione segreta146, alla quale porgeva l’imprudente zelo de’ Cristiani qualche volta i più speciosi pretesti. Fu eseguita una sentenza di morte contro Massimiliano, giovane d’Affrica, ch’era stato dal proprio padre condotto avanti del Magistrato, come capace d’esser legittimamente reclutato, ma che ostinatamente sosteneva, che la propria coscienza non gli avrebbe mai permesso di abbracciare la professione della milizia147. Difficilmente potrebbe sperarsi che alcun governo soffrisse, che l’atto del Centurione Marcello restasse impunito. Quest’uffiziale, in un giorno di pubblica solennità, gettò via la cintura, le armi e le insegne del proprio impiego, ed esclamò ad alta voce, ch’esso non voleva obbedire ad altri che all’eterno Re Gesù Cristo, e che rinunziava per sempre l’uso delle armi carnali ed il servizio di un Sovrano idolatra. I soldati, rimasti attoniti, appena ripreser l’uso de’ propri sensi, che arrestaron Marcello. Fu egli esaminato nella città di Tingi dal Presidente di quella parte della Mauritania, e siccome era convinto dalla sua propria confessione, fu condannato, e decapitato come disertore148. Esempi di tal natura molto meno appartengono alla persecuzion religiosa, che alla disciplina militare o anche civile; ma servirono ad alienar la mente degl’Imperatori, a giustificar la severità di Galerio, che dimise un gran numero di uffiziali Cristiani da’ loro impieghi, e ad autorizzar l’opinione, che una setta di entusiasti, che sostenevano principj sì ripugnanti alla pubblica sicurezza, o dovea rimanere inutile, o presto divenir pericolosa all’Impero. Dopo che il buon successo della guerra Persiana ebbe innalzate le speranze, e la riputazione di Galerio, passò questi un inverno con Diocleziano nel palazzo di Nicomedia; ed il destino del Cristianesimo fu l’oggetto delle segrete loro deliberazioni149. L’esperto Imperatore era sempre inclinato a prender miti determinazioni; e sebbene facilmente consentisse, che i Cristiani fossero esclusi da tutti gl’impieghi del palazzo e dell’esercito, ne’ termini più forti esprimeva il pericolo non meno che la crudeltà di spargere il sangue di que’ delusi fanatici. Galerio finalmente ottenne da lui la permissione di adunare un consiglio, composto di poche persone le più distinte ne’ dipartimenti sì civili che militari dello Stato. Fu in lor presenza discussa tal importante questione, e quegli ambiziosi Cortigiani facilmente conobbero, che a loro incumbeva di secondar con l’eloquenza l’importuna violenza di Cesare. Si può supporre che insistessero sopra ogni punto, che interessar potesse l’orgoglio, la pietà o i timori del lor Sovrano nella distruzione del Cristianesimo. Gli rappresentarono forse, che restava imperfetta l’opera gloriosa di render libero l’Impero, finchè permettevasi, che sussistesse e moltiplicasse un popolo indipendente nel cuore delle Province. I Cristiani (potevasi così colorire il discorso) abbandonando gli Dei e gl’istituti di Roma, stabilito avevano una Repubblica a parte, che avrebbe potuto in vero sopprimersi avanti che acquistato avesse alcuna forza militare: ma ch’era già governata dalle sue proprie leggi e magistrali, che possedeva un pubblico tesoro, che era intimamente connessa in tutte le sue parti, medianti le frequenti adunanze de’ Vescovi, a decreti de’ quali accordavasi una cieca obbedienza dalle numerose loro ed opulente congregazioni. Pare che argomenti di questa sorta potessero determinar lo spirito ripugnante di Diocleziano ad abbracciar un nuovo sistema di persecuzione; ma quantunque noi possiam sospettare, non è però in nostro potere di riferire i segreti maneggi della Corte, gli oggetti e gli odj privati, la gelosia delle donne e degli eunuchi, e tutte quelle piccole sì ma decisive cagioni, che tanto spesso influiscono sul fato degli Imperi e ne’ consigli de’ più saggi Monarchi150. Finalmente fu indicata la volontà degl’Imperatori a’ Cristiani, che nel corso di quel tristo inverno avevano con ansietà aspettato l’esito di tante secrete consultazioni. Fu destinato il dì 23 di Febbraio che (o fosse per accidente, e con premeditazione) coincideva con la festa Romana de’ Terminali151, per porre un termine al progresso del Cristianesimo. Allo spuntar del giorno il Prefetto152 del Pretorio, accompagnato da’ vari Generali, Tribuni ed Uffiziali del Fisco, si portò alla Chiesa principale di Nicomedia, ch’era situata sopra un’eminenza nella più popolata e bella parte della città. Furono immediatamente spezzate le porte; entrarono essi nel Santuario; e siccome in vano cercarono qualche visibile oggetto di culto, furon costretti a contentarsi di dare alle fiamme i libri della Sacra Scrittura. I Ministri di Diocleziano eran seguiti da un numeroso corpo di guardie e di guastatori, che marciavano in ordino di battaglia, provvisti di tutti gl’istrumenti soliti ad usarsi nella distruzione delle fortificate città. Mediante l’assidua loro fatica fu in poche ore gettato a terra quel sacro Edifizio, che torreggiava sopra il Palazzo Imperiale, ed aveva per lungo tempo eccitato l’invidia e l’indignazione de’ Gentili153. Il giorno seguente fu pubblicato un editto generale di persecuzione154, e quantunque Diocleziano, sempre alieno dall’effusione del sangue, avesse moderato il furor di Galerio, che proponeva di fare immediatamente arder vivo chiunque ricusasse di offerir sacrifizi, le pene stabilite contro l’ostinazione de’ Cristiani si possono giudicar sufficientemente rigorose ed efficaci. Fu comandato, che in tutte le Province dell’Impero le loro Chiese fossero demolite da’ fondamenti; e fu denunziata la pena di morte contro tutti quelli che presumessero di tenere alcuna segreta assemblea per motivo di culto religioso. I filosofi, che in quel tempo assunsero l’indegno uffizio di dirigere il cieco zelo della persecuzione, avevano diligentemente studiato la natura ed il genio della religion Cristiana; e siccome sapevano che si supponeva che le dottrine speculative della Fede contenute fossero negli scritti de’ Profeti, degli Evangelisti e degli Apostoli, essi probabilissimamente suggeriron l’ordine, che i Vescovi ed i Preti consegnar dovessero tutti i loro libri sacri nelle mani de’ Magistrati, a’ quali era stato ingiunto sotto le pene più rigorose di bruciarli in una forma pubblica e solenne. Per il medesimo editto furon tutti in una volta confiscati i beni della Chiesa; e distribuiti in varie parti, o furon venduti al migliore offerente, o uniti all’erario Imperiale, e donati alle città e collegi, o concessi alle sollecitazioni de’ rapaci cortigiani. Dopo di aver preso tali efficaci misure per abolire il culto, e per isciogliere il governo de’ Cristiani, fu creduto necessario di sottoporre a’ travagli più intollerabili la condizione di que’ perversi individui, che tuttavia rigettassero la religione della natura, di Roma, e de’ loro antichi. Le persone ingenue furon dichiarate incapaci di tutti gli onori ed impieghi; gli schiavi, privati per sempre della speranza di libertà; e tutto il corpo del popolo spogliato della protezion delle leggi. I Giudici furono autorizzati ad udire e a determinare ogni azione intentata contro un Cristiano, ma non era permesso a’ Cristiani di querelarsi per qualunque ingiuria, che avesser sofferto; e così quegl’infelici settarj furon esposti alla severità della pubblica giustizia, nel tempo ch’erano esclusi dal benefizio della medesima. Questa nuova specie di martirio sì lento e penoso, tanto ignominioso ed oscuro, fu, per avventura, più atta ad istancar la costanza de’ Fedeli: nè si può dubitare, che le passioni e l’interesse dell’uman genere non fossero in quest’occasione disposti a secondare i disegni dell’Imperatore. Ma la politica di un ben regolato Governo dovè qualche volta interporsi in sollievo degli oppressi Cristiani: nè era possibile, che i Principi Romani togliessero affatto il timore delle pene, o secondassero qualunque atto di violenza e di frode, senz’esporre la propria loro autorità, ed il resto de’ loro sudditi a’ più forti pericoli155. Appena fu quest’editto esposto alla pubblica vista nel lungo più frequentato di Nicomedia, che fu lacerato dalle mani di un Cristiano, il quale nell’istesso tempo espresse le più amare invettive il suo disprezzo ed abborrimento per tali empi e tirannici Governatori. Il suo delitto, secondo le più miti leggi, riducevasi a ribellione, e meritava la morte; e se fosse vero ch’egli era una persona di grado e d’educazione, quello circostanze non potevan servire che ad aggravar la sua colpa. Fu egli bruciato, o piuttosto arrostito a fuoco lento, e gli esecutori, bramosi di vendicare l’insulto fatto personalmente agl’Imperatori, esaurivano ogni finezza di crudeltà senza esser capaci di vincer la sua pazienza, o di alterar quel continuo ed insultante sorriso, ch’egli conservò sempre nelle ultime sue agonie. I Cristiani, quantunque confessassero che tal condotta rigorosamente non era stata conforme alle leggi della prudenza, pure ammiravano il divino fervor del suo zelo; l’eccessive lodi, che prodigalmente diedero alla memoria del loro Martire ed Eroe, contribuirono a figgere nella mente di Diocleziano una profonda impressione di terrore e di odio156. Ben presto si misero in moto i suoi timori alla vista di un pericolo, al quale appena egli potè sottrarsi. Nello spazio di quindici giorni, il Palazzo di Nicomedia, ed eziandio la camera in cui dormiva Diocleziano, si trovarono due volte in mezzo alle fiamme; e sebbene ambedue le volte queste fossero estinte senz’alcun danno considerabile, pure la singolar reiterazione del fuoco fu non senza ragion risguardata come un’evidente prova, che quello non era stato l’effetto della negligenza o del caso. Il sospetto cadde naturalmente sopra i Cristiani, e fu suggerito, con qualche specie di probabilità, che que’ disperati fanatici, provocati dagli attuali lor patimenti, e temendo le calamità che lor sovrastavano, aveano formato una cospirazione cogli eunuchi del palazzo, fedeli loro fratelli, contro le vite degl’Imperatori, ch’essi detestavano come irreconciliabili nemici della Chiesa di Dio. La gelosia e lo sdegno prevalse in ogni petto, ma specialmente in quello di Diocleziano. Furon poste in carcere molte persone distinte, o per gl’impieghi da lor sostenuti, o pel favore di cui erano state onorate. Si mise in opera ogni sorta di torture, e la Corte ugualmente che la città restò macchiata da molte sanguinose esecuzioni157. Ma siccome non si potè scuoprire alcuna prova di questo misterioso fatto, sembra che autorizzati siamo o a presumere l’innocenza, o ad ammirar la fermezza di quei che soffrirono. Pochi giorni dopo, Galerio si ritirò in fretta da Nicomedia, dichiarando che se differiva la sua partenza da quel condannato palazzo, egli sarebbe caduto vittima della rabbia de’ Cristiani. Gli Storici Ecclesiastici, da’ quali soltanto possiam trarre una imperfetta o parzial notizia di questa persecuzione, non sanno come render ragione de’ timori e del pericolo degl’Imperatori. Due di questi scrittori, uno Principe ed uno Retore, furon testimoni di veduta dell’incendio di Nicomedia. L’uno l’attribuisce al fulmine ed all’ira divina; l’altro asserisce, che fu cagionato dalla malizia di Galerio medesimo158. Poichè l’editto contro i Cristiani destinavasi a formare una legge universale di tutto l’Impero, e poichè Diocleziano e Galerio, quantunque non aspettassero il consenso de’ Principi occidentali, eran sicuri però che ancor essi vi avrebber concorso, parrebbe più conforme alle idee che abbiamo di politica, che i Governatori di tutte le Province avesser ricevuto istruzioni segrete per pubblicar nel medesimo giorno questa dichiarazione di guerra ne’ rispettivi loro dipartimenti. Almeno era da aspettarsi che la facilità dello pubbliche strade e delle poste, già stabilite, avesse posto in grado gl’Imperatori di trasmettere con la massima celerità i loro ordini dal palazzo di Nicomedia all’estremità del Mondo Romano; e ch’essi non avrebber sofferto, che passassero cinquanta giorni avanti che fosse pubblicato l’editto nella Siria, e quasi quattro mesi prima che fosse notificato alle città dell’Affrica159. Questa dilazione deve attribuirsi per avventura alla cauta indole di Diocleziano, che aveva contro voglia dato l’assenso alla persecuzione, e che desiderava di vederne una prova sotto i propri occhi, avanti di dar luogo a’ disordini ed al disgusto, che inevitabilmente dovea cagionare nelle distanti Province. A principio, in vero, fu proibito a’ Magistrati lo spargimento del sangue; ma fu permesso, ed anche raccomandato allo zelo di essi l’uso di ogni altra sorta di severità; nè i Cristiani, quantunque di buona voglia cedessero gli ornamenti delle lor Chiese, potevano indursi ad interrompere le religiose loro adunanze o a dare i loro libri sacri alle fiamme. Pare che la devota ostinazione di Felice, Vescovo Affricano, imbarazzasse i Ministri subalterni del Governo. Il Curatore della sua città lo mandò in catene al Proconsole; questi lo trasmise al Prefetto del Pretorio d’Italia; e Felice, che sdegnò fino di dare una colorita risposta, finalmente fu decapitato a Venosa nella Lucania, luogo celebre pel nascimento d’Orazio160. Parve che quest’esempio, e forse qualche rescritto Imperiale fatto in conseguenza di esso, autorizzasse i Governatori delle Province a punir colla morte i Cristiani, che ricusavano di consegnare i lor libri sacri. Vi furono senza dubbio molte persone che presero quest’opportunità d’ottener la corona del martirio; ma ve ne furono anche troppo altre, che si comprarono una via ignominiosa, scuoprendo e dando nelle mani degl’Infedeli le Sacre Scritture. Un gran numero eziandio di Vescovi e di Preti per questa rea condiscendenza ebbero il nome di traditori; e il loro delitto fu causa di un grande scandalo presente, e di gran discordia in futuro nella Chiesa Affricana161. Tanto s’eran già moltiplicate nell’Impero le copie o le traduzioni della Scrittura, che la più rigorosa inquisizione non potè cagionare alcuna fatal conseguenza, ed anche pel sacrifizio di que’ volumi, che in ogni congregazione eran destinati all’uso pubblico, si richiese il consenso di alcuni traditori ed indegni Cristiani. Ma l’autorità del Governo e l’impegno de’ Pagani poterono facilmente eseguire la distruzione delle Chiese. In alcune Province però i Magistrati si contentarono di far chiudere i luoghi del culto religioso; in altre più alla lettera eseguirono i termini dell’editto, e dopo aver tirato fuori le porte, i banchi, ed il pulpito, che fecero bruciare come un rogo funereo, totalmente demolirono il resto degli edifizi162. Forse a quella trista occasione si deve applicare un’istoria molto considerabile che si racconta con tanto varie ed improbabili circostanze, che serve ad eccitare piuttosto che a soddisfar la nostra curiosità. Pare che in una piccola città della Frigia, di cui non ci è rimasto nè il nome nè la situazione, tanto i Magistrati quanto il corpo del popolo avessero abbracciato la fede Cristiana; e siccome poteva temersi qualche resistenza all’effettuazion dell’editto, così il Governatore della Provincia ebbe il rinforzo di un numeroso distaccamento di legionari. All’avvicinarsi di questi, i Cittadini si ritirarono dentro la Chiesa, risoluti o di difender con le armi il sacro edifizio o di perire sotto le sue rovine. Rigettarono con isdegno la notizia e la permissione data loro di ritirarsi, a segno che irritati i soldati dalla lor ostinazione posero fuoco da tutte le parti alla fabbrica, e con questa specie straordinaria di martirio consumarono un gran numero di Frigj con le lor mogli e figliuoli163. Alcune leggiere turbolenze insorte nella Siria e sulle frontiere dell’Armenia, quantunque soppresse quasi nel tempo medesimo in cui furono suscitate, diedero a’ nemici della Chiesa un’occasione molto plausibile d’insinuare, che s’erano quelle segretamente fomentate dagl’intrighi de’ Vescovi, i quali avevano già dimenticato le fastose lor professioni di passiva ed illimitata obbedienza164. L’ira o i timori di Diocleziano finalmente lo trasportarono oltre i limiti della moderazione, che fino allora avea conservato; ed in una serie di crudeli editti dichiarò l’intenzione che aveva di abolire il nome Cristiano. Col primo di questi editti s’ordinò a’ Governatori delle Province di catturar tutti quelli del ceto Ecclesiastico, e le carceri, destinate pei delinquenti più vili, furon tosto piene di una moltitudine di Vescovi, di Preti, di Diaconi, di Lettori e di Esorcisti. Con un secondo editto, fu comandato a’ Magistrati d’impiegar ogni sorta di severità, che potesse richiamarli dall’odiosa loro superstizione, ed obbligarli a tornare al Culto già stabilito degli Dei. Quest’ordine rigoroso fu esteso da un altro editto a tutto il corpo de’ Cristiani, che furono esposti ad una violenta e generale persecuzione165. In vece di que’ freni salutari, ch’esigevano la diretta e solenne testimonianza di un accusatore, il dovere non meno che l’interesse degli uffiziali Imperiali divenne quello di scuoprire, di perseguitare, e di tormentare i più distinti Fedeli. Furono stabilite gravi pene contro tutti coloro, che avesser preteso di salvare un proscritto settario dal giusto sdegno degli Dei e degl’Imperatori. Nonostante però la severità di tal legge, il virtuoso coraggio, ch’ebbero molti Pagani di celare i loro amici o congiunti, somministra una prova onorevole che il furore della superstizione non aveva estinto ne’ loro animi i sentimenti della natura e della compassione166. Appena Diocleziano ebbe pubblicato i suoi editti contro i Cristiani, che desiderando egli di commettere ad altre mani l’opera della persecuzione, si spogliò della porpora Imperiale. Il carattere e la situazione de’ suoi colleghi e successori li mossero talvolta a mantenere in vigore, e talvolta a sospendere l’esecuzione di queste rigorose leggi, nè acquistar possiamo una giusta e distinta idea di quest’importante periodo d’istoria Ecclesiastica, se non consideriamo separatamente lo stato del Cristianesimo nelle diverse parti dell’Impero per lo spazio di dieci anni, che passarono fra’ primi editti di Diocleziano, e la pace finale della Chiesa. La dolce ed umana indole di Costanzo era avversa all’oppressione di qualunque parte de’ propri sudditi. Gli uffizi principali del suo palazzo si esercitavano dai Cristiani, egli amava le loro persone, stimava la lor fedeltà, e non gli dispiacevano punto i principj della lor religione. Ma finchè Costanzo restò nel grado subordinato di Cesare, non fu in sua facoltà di apertamente rigettar gli editti di Diocleziano, o di non obbedire a’ comandi di Massimiano. Ciò nonostante la sua autorità contribuì ad alleggerir que’ tormenti, ch’egli compassionava e abborriva. Acconsentì con ripugnanza alla distruzione delle Chiese, ma volle proteggere le persone de’ Cristiani dalla furia del popolo e dal rigore delle leggi. Le Province della Gallia (sotto il qual nome possiamo probabilmente comprendere anche quelle della Britannia) dovettero la singolar tranquillità, che goderono, alla gentile interposizione del lor Sovrano167. Ma Daziano, Presidente o Governatore della Spagna, mosso o da zelo o da politica, volle piuttosto eseguire i pubblici editti degl’Imperatori, che intendere le segrete intenzioni di Costanzo; e difficilmente può dubitarsi, che la sua provinciale amministrazione non fosse macchiata dal sangue di alcuni pochi Martiri168. L’elevazione di Costanzo alla suprema indipendente dignità di Augusto aprì un libero corso all’esercizio delle sue virtù, e la brevità del suo regno non gl’impedì di fondare un sistema di tolleranza, di cui lasciò l’esempio e i precetti a Costantino suo figlio. Questo suo fortunato figlio, dal primo istante del suo innalzamento essendosi dichiarato protettore della Chiesa, finalmente meritò il nome di primo Imperatore, che professasse pubblicamente, e stabilisse la Religione Cristiana. I motivi della sua conversione, per quanto possan variamente dedursi dalla benevolenza, dalla politica, dalla convinzione o dal rimorso, ed il progresso di quella rivoluzione, che per la potente influenza di lui e de’ suoi figli fece divenire il Cristianesimo la religion dominante del Romano Impero, formeranno un capitolo molto interessante nel terzo volume di quest’Istoria. Per ora servirà osservare, che ogni vittoria di Costantino produsse qualche sollievo o benefizio alla Chiesa. Le Province d’Italia e d’Affrica sperimentarono una breve ma violenta persecuzione. I rigorosi editti di Diocleziano furono severamente e di buona voglia eseguiti dal suo collega Massimiano, che da gran tempo odiava i Cristiani, e si dilettava negli atti sanguinari e di violenza. Nell’autunno del primo anno della persecuzione i due Imperatori s’incontrarono a Roma per celebrare il loro trionfo; sembra che dalle segrete loro deliberazioni provenissero varie leggi oppressive, e la diligenza de’ Magistrati fu animata dalla presenza de’ loro Sovrani. Dopo che Diocleziano si fu dimesso dalla porpora, furono amministrate l’Italia e l’Affrica sotto nome di Severo, e restarono esposte senza difesa all’implacabile odio di Galerio, da cui egli dipendeva. Fra’ Martiri di Roma, Adautto merita di esser fatto noto alla posterità. Egli era di una famiglia nobile dell’Italia, e per i gradi successivi della Corte si era innalzato fino all’importante uffizio di tesoriere del privato erario del Principe. Adautto è anche più osservabile per essere stata l’unica persona elevata in grado e cospicua, che sembri aver sofferto la morte in tutto il corso di questa generale persecuzione169. La ribellione di Massenzio immediatamente restituì la pace alle Chiese dell’Italia e dell’Affrica, e quell’istesso tiranno, che oppresse ogni altro ceto de’ suoi soggetti, si dimostrò giusto, umano ed anche parziale verso gli afflitti Cristiani. Egli contava sulla lor gratitudine ed affezione, e supponeva molto naturalmente, che le ingiurie, ch’essi avevan sofferto, ed i pericoli, a’ quali sempre temevano di essere esposti per parte del suo più inveterato nemico, gli assicurerebbero la fedeltà di un partito, già considerabile pel numero e per l’opulenza170. Anche la condotta di Massenzio verso i Vescovi di Roma e di Cartagine può risguardarsi come una prova della sua tolleranza, mentre i più ortodossi Principi terrebbero probabilmente lo stesso contegno, rispetto al già stabilito lor clero. Marcello, ch’era il primo di que’ Prelati, aveva eccitato la confusione nella Capitale per causa della severa penitenza, che imponeva ad un gran numero di Cristiani, i quali nel corso dell’ultima persecuzione avevano rinunziato, o finto di rinunziare alla lor religione. Il furore di parte proruppe in frequenti e violente sedizioni; il sangue de’ Fedeli spargevasi per mezzo delle proprie lor mani; e si vedeva che l’esilio di Marcello, in cui sembrava meno risplendere la prudenza che lo zelo, era l’unico mezzo capace di restituir la quiete all’angustiata Chiesa di Roma171. Pare che la condotta di Mensurio, Vescovo di Cartagine, fosse anche più riprensibile. Un Diacono di quella città aveva pubblicato un libello contro l’Imperatore. Il delinquente si rifuggì nel palazzo Episcopale, e quantunque fosse un poco troppo presto per far valere alcun diritto di Ecclesiastica immunità, pure il Vescovo ricusò di rilasciarlo a’ Ministri della giustizia. Per questa sediziosa resistenza Mensurio fu chiamato alla Corte, ed in luogo di ricevere una giusta sentenza di morte o d’esilio, dopo un brev’esame gli fu permesso di tornare alla propria Diocesi172. La felice condizione de’ Cristiani sottoposti a Massenzio era tale, che quando bramavan di avere per lor proprio uso qualche corpo di Martire, dovevan procacciarselo dalle più distanti Province d’Oriente. Raccontasi a questo proposito un’istoria d’Aglae, Dama Romana, discesa da una famiglia Consolare, che godeva un patrimonio sì vasto, ch’esigeva l’opera di settantatre amministratori. Bonifazio era fra questi il favorito della patrona, e siccome Aglae univa l’amore con la divozione, si dice ch’egli fosse ammesso a partecipar del suo letto. L’opulenza di cui ella godeva, la pose in istato di soddisfare il pio desiderio di acquistare qualche sacra reliquia d’Oriente. Consegnò dunque a Bonifazio una considerabile somma d’oro, ed una gran quantità d’aromati; ed il suo amante, accompagnato da dodici cavalli e da tre carri coperti, intraprese un lungo pellegrinaggio fino a Tarso nella Cilicia173. Il genio sanguinario di Galerio, primo e principale autore della persecuzione, riuscì formidabile per quei Cristiani, che per loro disgrazia trovaronsi dentro i limiti de’ suoi Stati, e può ragionevolmente supporsi che molti di mediocre fortuna, i quali non erano impediti dalle catene o della ricchezza o della povertà, frequentemente abbandonassero il lor natio paese, e si cercassero un rifugio nel più dolce clima d’Occidente. Fintanto ch’esso comandò le sole armate e Province dell’Illirico, difficilmente potè trovare, o fare un numero considerabil di Martiri in un paese guerriero, che avea ricevuto i Missionari dell’Evangelio con maggior freddezza e ripugnanza, che qualunque altra parte dell’Impero174. Ma quando Galerio ebbe ottenuto il supremo potere e governo d’Oriente, egli appagò nella massima estensione il suo zelo e la sua crudeltà non solo nelle Province della Tracia e dell’Asia, che riconoscevano la immediata giurisdizione di lui; ma in quelle ancora della Siria, della Palestina, e dell’Egitto, dove Massimino soddisfaceva la propria inclinazione col prestare una rigorosa obbedienza a’ fieri comandi del suo benefattore175. I frequenti inciampi nelle sue ambiziose mire, l’esperienza di sei anni di persecuzione, e le riflessioni salutari, che una lenta e penosa malattia suggerì alla mente di Galerio, finalmente lo persuasero, che i più violenti sforzi del dispotismo sono insufficienti ad estirpare un intero popolo, o a vincere i pregiudizi di religione. Bramoso di rimediare al male che avea cagionato, pubblicò in nome proprio e nel nome di Licinio e di Costantino un editto generale, che dopo una fastosa esposizione de’ titoli Imperiali, proseguiva nella seguente maniera: "Fra le importanti cure, che hanno occupato la nostra mente per l’utilità e conservazion dell’Impero, egli fu nostra intenzione di correggere, e ristabilir ogni cosa secondo le antiche leggi, e la pubblica disciplina dei Romani. Il nostro desiderio si rivolse particolarmente a richiamar nella via della ragione e della natura i delusi Cristiani, che avevan rinunziato la religione e le ceremonie instituite da’ loro padri, e presontuosamente disprezzando la pratica dell’Antichità, avevano inventato stravaganti leggi ed opinioni secondo i dettami del lor capriccio, e nelle diverse Province del nostro Impero raccolti s’erano in moltiplice società. Gli editti, che abbiamo pubblicato per mantenere in vigore il culto degli Dei, avendo esposto molti Cristiani al pericolo ed alla miseria, molti avendo sofferto la morte, e moltissimi altri, che tuttora persistono nell’empia loro follia, essendo restati privi di ogni pubblico esercizio di religione, siamo disposti ad estendere a quegl’infelici gli effetti della solita nostra clemenza. Permettiamo dunque ad essi di professar liberamente le lor private opinioni, e di potersi unire nelle lor conventicole senza timore o molestia, purchè però sempre conservino il dovuto rispetto alle leggi ed al governo già stabilito. Per mezzo di un altro rescritto indicheremo le nostre intenzioni a’ Giudici e Magistrati; e speriamo che la nostra indulgenza impegnerà i Cristiani ad offerire le lor preghiere alla Divinità, ch’essi adorano, per la salvezza e prosperità nostra, per la loro, e per quella della Repubblica176." Regolarmente non si dee cercar nello stile degli editti o de’ manifesti il vero carattere o i secreti motivi de’ Principi; ma siccome queste son parole di un Imperatore spirante, la sua situazione può forse risguardarsi come una prova della sua sincerità. Quando Galerio sottoscrisse quest’editto di tolleranza, egli era ben sicuro, che Licinio avrebbe facilmente secondato le inclinazioni del proprio benefattore ed amico, e che tutte le determinazioni, prese in favor dei Cristiani, avrebbero ottenuto l’approvazione di Costantino. Ma l’Imperatore non volle arrischiarsi ad inserirvi nel preambolo il nome di Massimino, il consenso del quale era della massima importanza, e che pochi giorni dopo successe alle Province dell’Asia. Ne’ primi sei mesi però del suo nuovo regno, Massimino affettò di adottare i prudenti consigli del suo predecessore; e quantunque non condiscendesse giammai ad assicurar la tranquillità della Chiesa con un pubblico editto, Sabino, suo Prefetto del Pretorio, mandò una circolare a tutti i Governatori e Magistrati delle Province, nella quale spaziava sopra la clemenza Imperiale, riconosceva l’invincibile ostinazion de’ Cristiani, ed ordinava a’ ministri di giustizia di tralasciare le loro inefficaci ricerche, e di chiuder gli occhi alle segrete assemblee di quegli entusiasti. In conseguenza di questi ordini, molti Cristiani rilasciati furono dalle prigioni, o liberati dalle miniere. I Confessori, cantando inni di trionfo, tornavano a’ lor paesi, e quelli, che avevan ceduto alla violenza della tempesta, chiedevano con lacrime di pentimento di esser riammessi nel seno della Chiesa177. Ma questa finta calma fu di breve durata, nè poterono i Cristiani d’Oriente fondare alcuna speranza nel carattere del lor Sovrano. La crudeltà e la superstizione erano le passioni dominanti l’animo di Massimino: la prima gli suggeriva i mezzi, la seconda gli additava gli oggetti della persecuzione. L’Imperatore era tutto portato al culto degli Dei, allo studio della magia, ed a prestar fede agli oracoli. I Profeti o i Filosofi, ch’egli rispettava come favoriti del Cielo, venivano spesso innalzati al governo delle Province, ed ammessi a’ suoi più segreti consigli. Questi facilmente lo persuasero, che i Cristiani andavano debitori delle loro vittorie alla regolar disciplina con cui vivevano, e che la debolezza del Politeismo era nata principalmente dalla mancanza d’unione e di obbedienza fra’ Ministri della religione. Fu dunque instituito un sistema di governo, che era evidentemente copiato da quello della Chiesa. In tutte le maggiori città dell’Impero vennero i tempj risarciti ed adornati per ordine di Massimino, ed i Sacerdoti destinati al culto delle varie Divinità furono sottoposti all’autorità di un Pontefice superiore, che si volle opporre al Vescovo, affinchè promuovesse la causa del Paganesimo. Questi Pontefici poi riconoscevano ancor essi la suprema giurisdizione de’ Metropolitani, o sommi Sacerdoti delle Province, che agivano come immediati Vicarj dell’Imperatore medesimo. Una veste bianca era l’insegna della lor dignità, e questi nuovi Prelati furono diligentemente presi dalle più nobili ed opulente famiglie. Per le insinuazioni de’ Magistrati e dell’Ordine sacerdotale si fece un gran numero di ossequiose rappresentanze, particolarmente dalle città di Nicomedia, di Antiochia e di Tiro, che artificiosamente esponevano le ben note intenzioni della Corte, come i sentimenti generali del popolo; eccitavano l’Imperatore a consultar le leggi della giustizia piuttosto che i dettami della sua clemenza; esprimevano l’abborrimento che avevano a’ Cristiani, ed umilmente supplicavano, che quegli empi settarj fossero finalmente esclusi da’ limiti de’ lor territorj. Sussiste ancora la risposta di Massimino alla rappresentanza, ch’ei ricevè da’ cittadini di Tiro. Loda esso lo zelo e la devozion loro in termini della più alta soddisfazione; si diffonde sull’ostinata empietà de’ Cristiani; e mostra, mediante la facilità con cui consente alla lor espulsione, ch’egli credeva di ricevere piuttosto che di conferire una grazia. A’ Sacerdoti non meno che a’ Magistrati fu data l’autorità di procurare l’esecuzione de’ suoi editti, i quali sopra tavole di rame vennero incisi, e quantunque fosse ad essi raccomandato ch’evitassero di spargere il sangue, si fecero tuttavia soffrire ai non ubbidienti Cristiani i più crudeli ed ignominiosi gastighi178. I Cristiani Asiatici tutto aveano a temere dalla severità di un superstizioso Monarca, il quale prendeva le sue misure di violenza con sì deliberata politica. Ma appena erano scorsi pochi mesi, che gli editti pubblicati, da’ due Imperatori d’Occidente obbligarono Massimino a sospendere il proseguimento de’ suoi disegni: la guerra civile, ch’egli sì temerariamente intraprese contro Licinio, occupò tutta la sua attenzione; e la disfatta e la morte di Massimino presto liberaron la Chiesa dall’ultimo e dal più implacabile de’ suoi nemici179. In questo general prospetto della persecuzione, che fu autorizzata per la prima volta dagli editti di Diocleziano, io mi sono a bella posta astenuto dal descrivere i tormenti e le morti particolari dei Martiri. Sarebbe stato assai facile di raccogliere dall’istoria di Eusebio, dalle declamazioni di Lattanzio e dagli atti più antichi una lunga serie di orride e disgustose pitture, e di riempiere molte pagine di flagelli e di verghe, di uncini di ferro e di letti infuocati, e di ogni genere di torture, che il fuoco ed il ferro, le bestie feroci ed i più barbari esecutori potessero infliggere al corpo umano. Ravvivar si potrebbero queste scene funeste con una folla di visioni e di miracoli, destinati o a differire la morte, o a celebrare il trionfo, o a scuoprir le reliquie di que’ Santi canonizzati, che soffriron pel nome di Cristo. Ma io non posso determinar ciò che debbo scrivere, finchè non mi trovo soddisfatto intorno alla misura di quello che debbo credere. I più gravi Istorici Ecclesiastici, ed Eusebio stesso, molto francamente confessano, di aver riferito tutto ciò che potea ridondare in gloria, e di aver soppresso tutto quel che poteva tendere al disonore della religione180. Tal protesta dovrà eccitare naturalmente il sospetto, che uno scrittore, il quale ha sì apertamente violato una delle leggi fondamentali dell’Istoria, non abbia avuto molto riguardo all’osservanza delle altre; ed il sospetto prenderà sempre maggior vigore dal carattere d’Eusebio, che era meno portato alla credulità, e più esercitato negli artifizi delle Corti, che quasi tutti gli altri di lui contemporanei. In alcune occasioni particolari, quando i Magistrati erano inaspriti da qualche personal motivo d’interesse o di sdegno, quando lo zelo de’ Martiri li muoveva a dimenticar le regole della prudenza, e forse anche della decenza, a rovesciare gli altari, a scagliare imprecazioni contro gl’Imperatori, ad offendere il Giudice sedente nel suo Tribunale, allora si può supporre, che qualunque genere di tormenti, cui la crudeltà potesse inventare o la costanza soffrire, esaurito venisse su quelle vittime, destinate al supplizio181. Si è fatta però costante menzione di due circostanze, le quali fan credere che il trattamento generale de’ Cristiani, presi da’ ministri di giustizia, fosse meno intollerabile di quel che ordinariamente suppongasi. I. A’ Confessori, condannati ai lavori delle miniere, permettevasi dall’equità o dalla negligenza de’ lor custodi di fabbricare cappelle, e di liberamente professare la lor religione in mezzo a quelle orribili abitazioni182; II. I Vescovi eran costretti a raffrenare ed a censurare il precipitato zelo de’ Cristiani, che volontariamente si davano nelle mani de’ Magistrati. Alcuni di questi erano persone oppresse dalla povertà e da’ debiti, che ciecamente cercarono di terminare una miserabile vita per mezzo d’una gloriosa morte; altri erano allettati dalla speranza, che una breve sofferenza purgato avrebbe le colpe di tutta la vita; ed altri finalmente venivan mossi dal motivo meno onorevole di rilevare abbondanti alimenti, e forse un considerabil guadagno dall’elemosine, che la carità de’ Fedeli donava a’ carcerati183. Dopo che la Chiesa ebbe trionfato sopra tutti i suoi nemici, l’interesse non meno che la vanità de’ prigionieri li dispose ad ampliare il merito de’ respettivi lor patimenti. Una giusta distanza di tempo o di luogo diede campo al progresso della finzione, ed i frequenti esempi, che si allegavano, di santi Martiri, de’ quali si erano instantaneamente risanate le piaghe, rinnovata la forza, e miracolosamente restituite le membra perdute, erano sommamente adatti allo scopo di rimuovere ogni difficoltà, e di rispondere a qualunque obbiezione. Siccome le più stravaganti leggende contribuivano all’onor della Chiesa, venivano esse applaudite dalla credula moltitudine, sostenute dal potere del Clero, e confermate dalla sospetta testimonianza dell’Istoria Ecclesiastica. Le descrizioni degli esilj, delle carcerazioni, delle pene e de’ tormenti son così facilmente esagerate o abbellite dal pennello di un artificioso Oratore, che siamo naturalmente indotti ad investigare un fatto di una più distinta ed incredibil natura, vale a dire il numero delle persone, che soffriron la morte in conseguenza degli editti pubblicati da Diocleziano e da’ suoi colleghi e successori. I leggendari moderni fanno menzione di armate e di città intere, che furono ad un tratto disperse dalla cieca rabbia della persecuzione. I più antichi scrittori si contentano di spargere una quantità di libere e tragiche invettive, senza discendere a determinare il numero preciso di quelli, a’ quali fu concesso di sigillare col loro sangue la fede dell’evangelio. Dall’istoria d’Eusebio però possiam ricavare, che nove soli Vescovi furon puniti con la pena di morte; e dalla particolar enumerazione, ch’ei fa, de’ Martiri della Palestina, siamo assicurati che non più di novanta due Cristiani ebber diritto a quell’onorevol titolo184. Siccome non sappiamo fino a qual segno ascendesse in quel tempo lo zelo ed il coraggio Episcopale, dal primo di questi fatti non possiamo tirare alcuna utile conseguenza: ma il secondo può servire a giustificare una importantissima ed assai probabile conclusione. Secondo la distribuzione delle Province Romane, la Palestina può valutarsi la decimasesta parte dell’Impero Orientale185; e poichè vi furono alcuni governatori, che per una reale o affettata clemenza avean conservato le loro mani pure dal sangue de’ Fedeli186, egli è ragionevol di credere, che il paese, dov’era nato il Cristianesimo, producesse almeno la decimasesta parte de’ Martiri, che soffriron la morte negli stati di Galerio e di Massimino; per conseguenza tutti insieme potrebbero ascendere a circa mille cinquecento; numero, che se dividasi ugualmente ne’ dieci anni della persecuzione, darà un annual resultato di centocinquanta Martiri. Usando la medesima proporzione rispetto alle Province dell’Italia, dell’Affrica, e forse della Spagna dove al termine di poco più di tre anni fu sospeso o abolito il rigore delle leggi penali, si ridurrà la quantità de’ Cristiani, che soffrirono per giudicial sentenza la pena capitale in tutto l’Impero a meno di duemila persone. E poichè non può dubitarsi, che i Cristiani eran più numerosi, ed i lor nemici più esacerbati nel tempo di Diocleziano, di quel che fossero stati mai in alcuna precedente persecuzione, questo probabile e moderato calcolo può darci regola per valutare il numero de’ Santi e de’ Martiri primitivi, che sacrificaron la vita per l’importante fine d’introdurre nel mondo la religione Cristiana. Noi finiremo questo capitolo con una trista verità, che contro voglia s’insinua nella mente; cioè che ammettendo, anche senz’esitazione o esame veruno, tutto quel che ha narrato l’istoria, o finto la devozione intorno a’ martirj, bisogna sempre confessare, che i Cristiani hanno usato, nel corso delle intestine lor dissensioni, gli uni contro degli altri severità molto maggiori di quelle, ch’essi abbiano giammai provate dallo zelo degl’Infedeli. Ne’ secoli d’ignoranza, che vennero dopo la sovversione dell’Impero d’Occidente, i Vescovi della città Imperiale estesero il loro dominio sopra i Laici ugualmente che sopra i Cherici della Chiesa Latina. La fabbrica della superstizione da essi eretta, che potè per lungo tempo affrontare i deboli sforzi della religione, fu assaltata finalmente da una folla di arditi fanatici, che dal secolo duodecimo fino al decimosesto assunsero il popolar carattere di Riformatori. La Chiesa Romana difese con la violenza il dominio, che acquistato avea con la frode: ed un sistema di benevolenza e di pace fu ben presto disonorato con le proscrizioni, con le guerre, con le stragi e coll’instituzione del Sant’Uffizio. E siccome i Riformatori erano animati dall’amore della libertà civile non meno che religiosa, i Principi Cattolici unirono il loro interesse con quello del Clero, e sostennero con la spada e col fuoco i terrori delle spirituali censure. Si dice, che ne’ soli Paesi Bassi soffrissero per mano del carnefice più di centomila sudditi di Carlo V. e questo numero straordinario viene attestato da Grozio187, uomo d’ingegno e di dottrina, che mantenne la sua moderazione in mezzo al furor delle Sette che contendevano, e compose gli annali del secolo e del paese, in cui visse, in un tempo nel quale la invenzione della stampa avea facilitato i mezzi di sapere i fatti, ed accresciuto il pericolo di scuoprire la falsità. Se dobbiamo prestar fede all’autorità di Grozio, bisogna confessare, che il numero de’ Protestanti posti a morte in una sola Provincia, e durante il corso di un solo regno, sorpassò di gran lunga quello degli antichi Martiri nello spazio di tre secoli, ed in tutto il Romano Impero. Ma se l’improbabilità del fatto medesimo dee prevalere al peso della testimonianza, se dee credersi, che Grozio abbia esagerato il merito ed i patimenti de’ Riformatori188, saremo naturalmente portati a richiedere, qual fiducia dunque aver possiamo ne’ dubbiosi ed imperfetti monumenti dell’antica credulità; o qual credito si voglia accordare ad un Vescovo cortigiano o ad un appassionato declamatore, che sotto la protezione di Costantino godeva il privilegio esclusivo di rappresentare le persecuzioni mosse contro i Cristiani da’ vinti rivali, o da’ negletti predecessori del grazioso loro Sovrano.

Testi correlati:

Note

1 In Cirene trucidarono 220,000 Greci, in Cipro 240,000, ed in Egitto una grandissima quantità di persone. Molte di queste infelici vittime furon segate in due parti, secondo un precedente esempio datone da David. I vittoriosi Giudei divoravan la carne, leccavano il sangue, si avvolgevan come nastri le budella di que’ meschini attorno a’ lor corpi. Vedi Dione Cassio l. LXVIII. p. 1145.
2 Senza ripetere le ben note descrizioni di Gioseffo, possiamo apprendere da Dione (l. LXIX, p. 1262) che nella guerra di Adriano furon passati a fil di spada 580,000 Giudei, oltre un numero infinito di essi, che morirono di fame, di disagio e di fuoco.
3 Per la setta degli Zeloti vedi Basnag. Hist. des Juifs l. I. c. 17; pe’ caratteri del Messia, secondo i Rabbini l. V. c. 11, 12, 13; per le azioni di Barcocheba l. VII. c. 12.
4 Noi dobbiamo a Modestino Giurisconsulto Romano (l. VI. Regular.) una distinta notizia dell’Editto di Antonino. Vedi Casaubon. ad Hist. Aug. p. 27.
5 Vedi Basnag. Hist. des Juifs l. III. c. 2, 3. La carica di Patriarca, fu soppressa da Teodosio il Giovine.
6 Basti solo rammentare il Purim, o la liberazione degli Ebrei dal furore d’Aman, che fino al Regno di Teodosio fu celebrata con insolente trionfo e sfrenata intemperanza. Basnage Hist. des Juifs l. VI. c. 17. l. VIII. c. 6.
7 Secondo il falso Gioseffo, Tsefo nipote di Esaù condusse in Italia l’armata d’Enea Re di Cartagine. Un’altra Colonia d’Idumei, fuggendo la spada di David, si rifuggì negli stati di Romolo. Per queste o per altre ragioni di ugual peso gli Ebrei applicarono il nome d’Edom all’Impero Romano.
8 Dagli argomenti di Celso, quali son rappresentati e confutati da Origene (l. V. p. 247, 259.) possiamo chiaramente scuoprire la distinzione, che si faceva fra il popolo Ebraico, e la setta Cristiana. Si veda nel Dialogo di Minuzio Felice una bella ed elegante descrizione de’ sentimenti popolari intorno all’abbandonamento del culto stabilito.
9 Cur nullas aras habent? templa nulla? nulla nota simulacra?.. unde autem vel quis ille, aut ubi, Deus unicus, solitarius, destitutus? Minuc. Felix c. 10. L’interlocutore Pagano fa una distinzione in favor de’ Giudei, che una volta ebbero un tempio, altari, vittime, ec.
10 Egli è difficile (dice Platone) di acquistare, e pericoloso il pubblicare la cognizione del vero Dio. Vedasi la Teologia de’ Filosofi nella traduzione, che ha fatto in Francese l’Abate d’Olivet dell’opera di Tullio De natura Deorum Tom. 1. pag. 275. L’autore del Filopatride tratta continuamente i Cristiani come una compagnia di sognatori entusiasti δαίμόνιοι, άιθέριοι, άιθεροβατεντες, άεροβατεντες ec. ed in un luogo manifestamente allude alla visione, in cui S. Paolo fu trasportato al terzo Cielo. In un altro luogo Triefonte, che rappresenta un Cristiano, dopo aver deriso gli Dei del Paganesimo propone un misterioso giuramento.
ΥΨιμέδοντα θέον, μέγαν, άμβροτον, ούρανίωνα
Υιον πατρος. Πνευμα εη πατρός εππορευόμενον,
Έν εκ τριων, και ενος τρια ταυτα νομιζε.
Άριθμέειν με οιδασκεις (questa è la profana risposta di Critia) Και ορκος η αριθμητική, εκ οιδα γαρ τί λέγεις. Εν τρία, τρία εν.
11 Secondo Giustino Martire (Apolog. major. c. 70. 85), il demonio, che aveva qualche imperfetta cognizione delle profezie, aveva finto a bella posta questa somiglianza, che potesse rimuovere, quantunque con diversi mezzi, tanto il Popolo che i Filosofi dall’abbracciar la fede di Cristo.
12 Nel primo e secondo libro d’Origene, Celso tratta la nascita e il carattere del nostro Salvatore col più empio disprezzo. L’oratore Libanio loda Porfirio e Giuliano per aver confutato la follia di una setta, che ad un uomo di Palestina morto dava il nome di Dio, e di figlio di Dio. Socrat. Hist. Eccl. III. 23.
13 L’Imperator Traiano ricusò la permissione di lasciar formare una compagnia di 150 spegnitori d’incendj per uso della città di Nicomedia. Egli non gradiva qualunque associazione. Vedi Plin. Epist. X. 42, 43.
14 Il Proconsole Plinio avea pubblicato un editto generale contro le adunanze illegittime. La prudenza de’ Cristiani fece sospender le loro Agapi, ma era impossibile ch’essi omettessero l’esercizio del culto pubblico.
15 Siccome le profezie dell’Anticristo, del prossimo abbruciamento del mondo ec. irritavano que’ Pagani, che non convertivano, se ne faceva menzione con cautela e riserva, e furono censurati i Montanisti per aver troppo liberamente svelato il pericoloso segreto. Vedi Mosem. p. 413.
16 Neque enim dubitabam, quodcumque esset quod faterentur (queste sono le parole di Plinio), pervicaciam certe et inflexibilem obstinationem debere puniri.
17 Vedasi l’istoria Eccles. Mosem. Vol. I. pag. 101 e Spanem. Remarques sur les Césars, de Julien pag. 468. etc.
18 Vedi Giustino Mart. Apolog. I, 35, II, 14. Atenagora in Legation. c. 27, Tertulliano Apolog. c. 7, 8, 9. Minucio Felice c. 9, 10, 30, 31. L’ultimo di questi Scrittori riferisce l’accusa nella più elegante e circostanziata maniera; la risposta di Tertulliano è più ardita e più vigorosa.
19 Nella persecuzione di Lione alcuni schiavi Gentili furon costretti dal timor de’ tormenti ad accusare i lor padroni Cristiani. La Chiesa di Lione, scrivendo a’ propri fratelli dell’Asia, tratta l’orrida accusa con l’indignazione e il disprezzo che merita. Euseb. Hist. Ecl. V. I.
20 Nell’originale "mededesimi". [Nota per l'edizione elettronica Manuzio]
21 Vedi Giustino Mart. Apolog. I, 35. Iren. adv. haeres. I. 24. Clem. Alessand. Stromat. l. III. p. 438. Euseb. IV. 8. Sarebbe grave e disgustoso il riferir tutto ciò, che hanno immaginato i successivi Scrittori, tutto quel ch’Epifanio ha ricevuto come vero, e che ha copiato il Tillemont. Il Beausobre (Hist. du Manicheisme l. IX. c. 8, 9) ha esposto con grande spirito l’arte non ingenua di Agostino e del Pontefice Leone.
22 Quando Tertulliano divenne Montanista, diffamò la Morale della Chiesa, ch’egli aveva sì fortemente difesa. Sed majoris est agape, quia per hanc adolescentes tui cum sororibus dormiunt, appendices scilicet gulae lascivia et luxuria: de Jejun. c. 17. Il canone 35 del Concilio d’Elvira provvede agli scandali, che troppo spesso macchiavan quelli, che facevan le vigilie nelle Chiese, e screditavano il nome Cristiano agli occhi degl’Infedeli.
23 Tertulliano (Apolog. c. 2.) si diffonde a gran ragione, e con un poco di stile declamatorio sulla bella ed onorevol testimonianza di Plinio.
24 Nella vasta compilazione dell’Istoria Augusta (una parte di cui fu composta nel Regno di Costantino) non si trovano sei linee relative a’ Cristiani; nè la diligenza di Sifino ha potuto scoprire il lor nome nella vasta istoria di Dione Cassio.
25 Un oscuro passo di Svetonio può somministrare per avventura una prova di quanto stranamente si confondesser fra loro gli Ebrei ed i Cristiani di Roma.
26 Vedasi nel 18 e 25 capitolo degli Atti Apostolici la condotta di Gallione, Proconsole dell’Acaia, e di Festo, Procurator della Giudea.
27 Nel tempo di Tertulliano e di Clemente Alessandrino la gloria del martirio si ristringeva a S. Pietro, a S. Paolo, ed a S. Giacomo. I Greci più moderni bel bello l’attribuirono al resto degli Apostoli, e prudentemente scelsero per teatro della lor predicazione e de’ lor tormenti qualche remoto paese di là da’ confini del Romano Impero, Vedi Mosemio p. 81, e Tillemont Mémoires Eccles. Tom I. p. III.
28 Tacit. Annal. XV. 38, 44. Sueton. in Neron. c. 38. Dion. Cass. l. LXII. p. 1014. Oros. VII. 7.
29 Il prezzo del grano (probabilmente del Modio) fu ridotto a tre Nummi, che può equivalere a circa quindeci Scellini per sacco Inglese.
30 Noi possiam osservare, che Tacito fa menzione di tal fama con diffidenza molto conveniente e dubbiezza, mentre essa viene avidamente descritta da Svetonio, e solennemente confermata da Dione.
31 Questa sola testimonianza è sufficiente a dimostrar l’anacronismo degli Ebrei, che pongon la nascita di Cristo quasi cent’anni più presto (Basnage Hist. des Juifs l. V. c. 14, 15.). Possiamo apprendere da Gioseffo (Antiq. XVIII. 3) che il tempo, in cui fu Procuratore Pilato, corrisponde agli ultimi dieci anni di Tiberio dall’anno di Cristo 27 al 37. Quanto all’epoca particolare della morte di Cristo, una tradizione molto antica la fissa ai 25 di Marzo dell’anno 29 sotto il Consolato de’ due Gemini (Tertullian. adv. Judaeos c. 8.). Questa data che si adotta dal Pagi, dal Cardinal Noris e dal Le Clerc, sembra per lo meno tanto probabile, quanto l’Era volgare, che (non so per quali congetture) li pone quattro anni più tardi.
32 Odio humani generis convicti. Queste parole possono significare l’odio del genere umano contro i Cristiani, o l’odio, de’ Cristiani contro il genero umano. Ho preferito quest’ultimo senso, come il più conforme allo stile di Tacito ed all’error popolare, di cui un precetto del Vangelo (Vedi Luca XIV. 26) era forse stato l’innocente occasione. Giustificato viene il mio interpretamento dall’autorità di Lipsio; da quelle de’ traduttori di Tacito, Italiani, Francesi e Inglesi, dall’autorità di Mosemio (p. 102), di Le Clerc (Hist. Eccles. p. 427), del Dottore Lardner (Testimon. vol. I. p. 345) e del vescovo di Glocester (Legat. Div. vol. III. p. 38). Ma poichè il vocabolo convicti non si unisce molto felicemente col rimanente della sentenza, Giacomo Gronovio ha anteposto di leggere conjuncti, seguendo l’autorità del prezioso Codice di Firenze.
33 Tacit. Annal. XV. 44.
34 Nardini Roma antica p. 387. Donatus de Roma antiqua l. III. p. 449.
35 Sueton. in Neron. c. 16. L’epiteto di malefica, il quale alcuni sagaci Comentatori traducono magica, più ragionevolmente risguardasi da Mosemio come sinonimo dell’exitiabilis di Tacito.
36 Il passo risguardante Gesù Cristo, che fu inserito nel test0 di Gioseffo tra il tempo d’Origene o quello d’Eusebio, può somministrare un esempio di non volgar falsità. Si riferiscono distintamente l’esecuzione delle profezie, le virtù, i miracoli, e la risurrezione di Gesù. Gioseffo riconosce, ch’egli era il Messia, e dubita se debba chiamarlo un uomo. Se potesse rimaner qualche dubbio intorno quel celebre passo, il lettore può esaminare le argute obbiezioni di le Fevre (Havercamp. Joseph. tom. II. p. 267-273), l’elaborata risposta di Daubuz (p. 187-232) e la maestrevol replica (Biblioth. Ant. L. Mod. t. VII. p. 237-288) di un critico anonimo ch’io credo essere il dotto Ab. di Longuerue.
37 Vedi le vite di Tacito fatte da Lipsio, e dall’Abate de la Bleterie, il Dizionario di Bayle all’art. Tacite e Fabricio Biblioth. Latin. Tom. II. p. 386. Edit. Ernest.
38 Principatum Divi Nervae, et imperium Traiani uberiorem securioremque materiam senectuti seposui. Tacit. Hist. I.
39 Vedi Tacito, Annal. II, 61 IV. 4.
40 Il nome del commediante era Alituro. Per il medesimo canale Gioseffo (de vita sua c. 3.) aveva ottenuto, circa due anni prima, il perdono e la libertà di alcuni Sacerdoti Ebrei ch’erano prigionieri in Roma.
41 L’erudito Dottore Lardner (Testimonianze giudaiche, e Gentili Vol. II. p. 101-103) ha provato, che il nome di Galilei fu molto antico, e forse la prima denominazione dei Cristiani.
42 : Gioseff. Antiq. XVIII. 1, 2. Tillemont. Ruine des Juifs (p. 742.). I figli di Giuda furono crocifissi al tempo di Claudio. Il suo nipote Eleazaro, dopo la presa di Gerusalemme, difese una forte rocca con 960 de’ suoi più disperati seguaci. Quando l’ariete ebbe fatto una breccia, essi rivoltaron le loro spade contro le loro mogli ed i figli, e finalmente contro i lor propri petti; e tutti morirono, fino all’ultimo.
43 Vedi Dodwell. Paucitat. Martir. l. XIII. La inscrizione Spagnuola appresso Grutero, p. 238. n. 9, è una manifesta e conosciuta menzogna, inventata da quel famoso impostore Ciriaco di Ancona, per lusingare l’orgoglio ed i pregiudizi degli Spagnuoli. Vedi Ferreras (Hist. d’Espagne Tom. I p. 192.)
44 Il Campidoglio fu bruciato nel tempo della guerra civile fra Vespasiano e Vitellio il dì 19 Decembre dell’anno 69. Il tempio di Gerusalemme restò distrutto ne’ 10 Agosto del 70 per le mani de’ Giudei stessi, piuttosto che per quelle de’ Romani.
45 Il nuovo Campidoglio fu dedicato da Domiziano (Sveton. in Domitian. c. 5. Plutarco in Poplicol. Tom. I. p. 230, Edit. Bryan.) Il solo indoramento costò 12000 talenti (più di cinque milioni di zecchini). Fu opinione di Marziale (l. IX. Epig. 3,) che se l’Imperatore avesse voluto esigere il suo denaro, Giove medesimo, neppure col porre generalmente all’incanto l’Olimpo, avrebbe potuto pagare due scellini per lira.
46 Rispetto al Tributo vedasi Dione Cassio (l. LXVI. p. 1082 con le note di Reimaro), Spanemio (de usu numism. Tom. II. p. 571) e Basnag. (Hist. des Juifs l. VII. c. 2.)
47 Svetonio (in Domitian. c. 12) avea veduto un vecchio di novant’anni pubblicamente esaminato avanti al Tribunale del Procuratore. Questo è quel che Marziale chiama Mentula tributis damnata.
48 Questa denominazione a principio s’intese nel senso più comune, e fu supposto che i fratelli di Gesù fossero la legittima prole di Maria e di Giuseppe. Un divoto rispetto per la virginità della Madre di Dio suggerì agli Gnostici, ed in seguito a’ Greci ortodossi l’espediente di dare una seconda moglie a Giuseppe. I Latini, fino dal tempo di Girolamo, vi accrebbero qualche cosa, attribuirono a Giuseppe un celibato perpetuo, e con molti esempi simili giustificarono la nuova interpretazione, che Giuda ugualmente che Giacomo e Simone, i quali sono chiamati fratelli di Gesù Cristo, non fossero che suoi primi cugini. Vedi Tillemont, Memoir. Eccles. (Tom. I. part. III.) e Beausobre, Hist. critiq. du Manich. (l. II c. 2.)
49 Trenta nove πλεθρα, quadrati di cento piedi l’uno, il qual terreno, rigorosamente computato, appena formerebbe la somma di nove acri. Ma la probabilità delle circostanze, la pratica degli altri scrittori Greci e l’autorità del Valois mi fanno inclinare a credere, che si usi il πλεθρον per esprimere il Romano jugero.
50 Euseb. III. 20. La storia o presa da Egesippo.
51 Vedasi la morte, ed il carattere di Sabino appresso Tacito (Hist. III. 74-75). Sabino era il fratel maggiore di Vespasiano, e fino all’avvenimento al trono di lui, si era considerato come il principal sostegno della famiglia Flavia.
52 Flavium Clementem patruelem suum contemtissimae inertiae .... ex tenuissima suspicione interemit. Sueton. in Domit. c. 15.
53 L’Isola Pandataria secondo Dione. Bruzio Presente (ap. Eusebio III 18) la bandisce in quella di Ponzia, che non era molto distante dalla prima. Tal differenza, ed un errore o d’Eusebio, o de’ suoi copisti han data occasione di supporre due Domitille, una moglie, e l’altra nipote di Clemente. Vedi Tillemont, Mem. Eccles. (Tom. II. p. 224.)
54 Dione l. LXVII. p. 1112. Se Bruzio Presente, dal quale probabilmente prese questo racconto, era il corrispondente di Plinio (Epist. VII. 3) possiam risguardarlo come uno scrittore contemporaneo.
55 Sueton. in Domit. c. 17. Filostr. in vit. Apollon. l. VII.
56 Dion. l. LXVIII. p. 1118. Plin. Epist. IV. 22.
57 Plin. Epist. X. 97. L’erudito Mosemio si esprime con le più alte lodi intorno al moderato ed ingenuo carattere di Plinio. A malgrado di tutti i sospetti del Dottore Lardner (Vedi le testimonianze Giudaiche e Pagane Vol. II. p. 46), io non posso ravvisare alcuna ipocrisia nel suo linguaggio o nella sua maniera di procedere.
58 Plin. Epist. V. 8. Egli difese la sua prima causa nell’anno 81, cioè un anno dopo la famosa eruzione del Vesuvio, nella quale il suo zio perdè la vita.
59 Plin. Epist. X. 98. Tertulliano (Apolog. c. 5) risguarda questo Rescritto, come un rilassamento delle antiche leggi penali quas Traianus ex parte frustratus est. Eppure Tertulliano in un altro luogo delle sue Apologie nota l’incoerenza di proibire le inquisizioni, e di ordinare i gastighi.
60 Eusebio (Hist. Eccles. l. IV. c. 9) ci ha conservato l’editto di Adriano. Egli ce ne dà parimente uno (c. 13) ancora più favorevole sotto nome di Antonino, del quale però non s’ammette così universalmente l’autenticità. La seconda Apologia di Giustino contiene alcune curiose circostanze relative alle accuse de’ Cristiani.
61 Vedi Tertulliano (Apolog. c. 40). Gli atti del martirio di Policarpo somministrano una viva pittura di tali tumulti, che per ordinario si fomentavano dalla malizia dei Giudei.
62 Questi regolamenti sono inseriti ne’ soprammentovati Editti di Adriano e di Pio. Vedi l’Apologia di Melitone (ap. Euseb. l. IV. c. 26).
63 Vedasi il rescritto di Traiano, e la condotta di Plinio. Gli atti più autentici de’ Martiri abbondano di simili esortazioni.
64 In specie vedasi Tertulliano (Apolog. c. 2) e Lattanzio (Instit. Divin. V. 9.) I raziocinj loro son quasi gl’istessi; ma si ravvisa bene, che il primo di questi
Apologisti era stato un legale, ed il secondo un rettorico.
65 Vedansi due esempi di questa specie di tortura negli Atti Sinceri de’ Martiri pubblicati dal Ruinart (p. 160-399.). Girolamo, nella sua Leggenda di Paolo Eremita, riporta una strana istoria d’un giovane, che fu legato nudo in un letto di fiori ed assalito da una bella e lasciva meretrice. Egli represse la tentazione lacerandosi co’ denti la lingua.
66 La conversione della propria moglie provocò Claudio Erminiano, Governatore della Cappadocia, a trattare i Cristiani con straordinario rigore. Tertulliano ad Scapulam cap. 3.
67 Tertulliano, nella sua lettera al Governatore dell’Affrica, fa menzione di molti notabili esempi di lenità e di tolleranza, de’ quali esso ebbe notizia.
68 Neque enim in universum aliquid, quod quasi certam formam habeat, constitui potest; espressione di Traiano che diede un largo campo alle operazioni de’ Governatori delle Province.
69 In metalla damnamur, in insulas relegamur. Tertullian. Apolog. c. 12. Le miniere della Numidia contenevano nove Vescovi, con un numero de’ loro Cherici e Popolo a proporzione, ai quali Cipriano mandò una pietosa lettera di consolazione o di lodi. Vedi Cipriano (Epist. 76, 77.)
70 Quantunque non possiam prestare intera fede all’epistole, o agli atti d’Ignazio, che si trovano nel II tomo dei Padri Apostolici; pure possiam citare quel Vescovo d’Antiochia come uno di questi martiri condannati per esempio degli altri. Fu egli mandato in catene a Roma come ad un pubblico spettacolo; e quando arrivò a Troade, ricevè la piacevol notizia, che la persecuzione d’Antiochia era già terminata.
71 Fra’ Martiri di Lione (Euseb. l. V. c. 1) la schiava Blandina fu distinta co’ più squisiti tormenti. De’ cinque Martiri, sì celebri negli Atti di Felicita e Perpetua, due erano servi, e due altri di molto vil condizione.
72 Origen. adv. Celsum. (l. III. p. 116.). Le sue parole meritano d’essere trascritte. Ολιγοι κατα καιρος, και σφοδρα ευαριθμητοι περι των Χρισιανω νθεοσεβειας τεθνηκασι.
73 Se noi riflettiamo, che tutti i plebei di Roma non eran Cristiani, e che tutti i Cristiani non eran santi nè martiri, possiam giudicare, con quanta certezza possano attribuirsi gli onori sacri a quelle ossa ed urne, che si prendono senza distinzione alcuna da’ pubblici cimiteri. Dopo un libero ed aperto commercio, che se n’è fatto per dieci secoli, si è risvegliato qualche sospetto fra’ più eruditi Cattolici. Al presente si richiedono, come una prova di santità e di martirio le Lettere R. M., una caraffa piena di liquor rosso, che si crede sangue o la figura di una palma. I due primi segni però son di piccolo peso, e quanto all’ultimo si osserva da’ Critici 1. che quella che si dice figura d’una palma, è forse un cipresso o anche puramente un punto, o un intrecciamento di punteggiatura usato nelle iscrizioni sepolcrali; 2. che la palma era il simbolo della vittoria fra’ Pagani; 3. che fra’ Cristiani serviva come d’emblema non solo del martirio, ma anche di una gloriosa risurrezione in genere. Vedi la lettera del P. Mabillon sul culto de’ Santi ignoti, ed il Muratori sopra le Antichità Italiane (Dissert. LVIII.).
74 Per dare un saggio di queste leggende, ci contenteremo de’ diecimila soldati Cristiani fatti crocifiggere in un giorno da Traiano o da Adriano sul monte Ararat. Vedi Baronio ad Martyrol. Rom. Tillemont (Mem. Eccles. Tom. II. P. II. p. 438.) e le Miscellanee di Geddes vol. II. p. 203. L’abbreviatura MIL., che può significare tanto soldati che migliaia, dicesi, che abbia prodotto vari sbagli straordinari.
75 Vedi Dionisio ap. Euseb. l. VI. c. 41. Uno de’ diciassette fu accusato ancora di furto.
76 Le lettere di Cipriano somministrano una molto curiosa ed original pittura sì di esso che de’ suoi tempi. Vedansi parimente le due vite di Cipriano, scritte con ugual esattezza quantunque con mire assai differenti, l’una da Le Clerc (Biblioth. univers. Tom. XII. p. 208-378.) l’altra dal Tillemont (Memoir. Eccles. Tom, IV. part. I. p. 76-459).
77 Vedasi la civile ma severa lettera del Clero di Roma al Vescovo di Cartagine (Cyprian. Epist. 8, 9.) Ponzio pone la massima cura e diligenza in giustificare il suo maestro contro la general censura, che se gli faceva.
78 Specialmente quello di Dionisio di Alessandria, e di Gregorio Taumaturgo di Neocesarea. Vedi Euseb. (H. E. lib. VI. c. 40) e le Memorie di Tillemont (Tom. IV. Part. II. p. 685.).
79 Vedi Cipriano, Epist. 16, e la vita che ne fece Ponzio.
80 Abbiamo una vita originale di Cipriano fatta dal Diacono Ponzio, compagno del suo esilio e spettatore della sua morte; e possediamo ancora gli antichi Atti Proconsolari del suo martirio. Questi due documenti son coerenti fra loro e probabili; e quel ch’è più osservabile, sono spogliati di qualunque circostanza maravigliosa.
81 Potrebbe parere, che questi fosser ordini circolari mandati a tutti i Governatori nel medesimo tempo. Dionisio (ap. Euseb. l. VII. c. 11.) racconta l’Istoria del proprio esilio da Alessandria, quasi nell’istessa maniera. Ma siccome egli evitò la morte, o sopravvisse alla persecuzione, si dee reputare o più o men fortunato di Cipriano.
82 Vedi Plinio, Hist. Nat. V. 3. Cellario Geogr. ant. (Part. III. p. 96.) i Viaggi di Shaw p. 90, e per l’adiacente paese (ch’è terminato dal Capo Bona, o dal promontorio di Mercurio) l’Affrica di Marmol (Tom. II. p. 474.). Si trovano ivi i residui di una acquedotto vicino a Curubis, o Curbis presentemente mutato in Gurbes; ed il D. Shaw lesse un’iscrizione, che chiama quella città Colonia Fulvia. Il Diacono Ponzio (in vit. Cypriani c. 12) l’appella apricum et competentem locum, hospitium pro voluntate secretum, et quidquid apponi eis ante promissum est, qui regnum et justitiam Dei quaerunt.
83 Vedi Cipriano (Epist. 77. Edit. Fell.)
84 Nell’atto della sua conversione aveva egli venduto quei giardini per benefizio de’ poveri. La bontà di Dio (probabilissimamente la liberalità di alcuni amici Cristiani) li restituì a Cipriano. Vedi Ponzio c. 15.
85 Quando Cipriano un anno avanti era stato mandato in esilio, sognò che sarebbe stato posto a morte nel seguente giorno. L’evento fece spiegare quella parola come indicante un anno. Vedi Ponzio. c. 12.
86 Ponzio (c. 15) confessa che Cipriano, col quale cenò egli stesso, passò la notte custodia delicata. Il Vescovo esercitò l’ultimo atto di giurisdizione molto a proposito, disponendo, che le giovani donne, che vegliavano nella strada, fossero allontanate dal pericolo, e dalle tentazioni di una folla notturna. Act. Proconsolar. c. 2.
87 Vedasi negli Atti c. 4, ed appresso Ponzio c. 17, la sentenza originale. Quest’ultimo l’esprima in un modo oratorio.
88 Nell’originale "molitudine". [Nota per l'edizione elettronica Manuzio]
89 Vedi Ponzio c. 19. Al Tillemont (Memoir. Tom. IV. Part. I p. 450 nat. 50) non piace una così positiva esclusione di ogni Martire di grado Episcopale più antico.
90 Qualunque sia l’opinione che possiamo avere del carattere o de’ principj di Tommaso Becket, bisogna confessare ch’egli soffrì la morte con una costanza non indegna de’ primitivi Martiri. Vedi Lord Lyttelton Istor. di Enrico II. (Tom. II. p. 592 ec.).
91 Vedasi particolarmente il trattato di Cipriano de Lapsis p. 87-98. Ediz. Fell. L’erudizione di Dodwell (Dissert. Cyprian. XII. XIII.) e l’ingenuità di Middleton (Ricerca libera p. 162 ec.) non hanno lasciato cosa da aggiungere intorno al merito, agli onori, ed ai motivi de’ Martiri.
92 Vedi Cipriano Epist. 5, 6, 7, 22, 24 e de unit. Eccles. Il numero de’ pretesi Martiri si è moltiplicato assaissimo per l’uso, che fu introdotto, di dare quest’onorevole nome a’ Confessori.
93 Certatim gloriosa in certamina ruebatur; multoque avidius tum martiria gloriosis motibus quaerebantur, quam nunc Episcopatus pravis ambitionibus appetuntur. Sulpic. Sever. l. II. Egli poteva omettere la parola nunc.
94 Vedi Epist. ad Rom. c. 4, 5 ap. Patres Apostol. (Tom. II. p. 27.). Era confacente al proposito del Vescovo Pearson (Vindic. Ignatian. part. II. c. 9) di giustificare con profusione di esempi e di autorità i sentimenti d’Ignazio.
95 L’Istoria di Polieuto, sulla quale Cornelio ha formato una bellissima tragedia, è uno de’ più celebri, quantunque non de’ più autentici esempi di questo eccessivo zelo. Noi dobbiam osservare, che il canone 60 del Concilio d’Elvira nega il titolo di martiri a quelli che si esponevano alla morte col pubblicamente distruggere gl’Idoli.
96 Vedi Epitteto l. IV. c. 7, e (sebbene vi sia qualche dubbio, s’egli alluda a’ Cristiani) Marco Antonino de rebus suis (l. XI. c. 3.) Lucian. in Peregrin.
97 Tertullian. ad Scapul, c. 5. Gli eruditi son divisi fra tre dell’istesso nome, che furon Proconsoli d’Asia. Io sono inclinato ad attribuire questo fatto ad Antonino Pio, che poi fu Imperatore, e che può aver governato l’Asia sotto Traiano.
98 Mosem. de rebus Christ. ante Constant. p. 235.
99 Vedi l’epistola della Chiesa di Smirne ap. Euseb. Hist. Eccl. (l. IV. c. 15).
100 Nella seconda Apologia di Giustino si trova un esempio speciale e molto curioso di questa legal dilazione. Il medesimo fu concesso a’ Cristiani accusati nella persecuzione di Decio; e Cipriano (de Lapsis) fa espressa menzione del dies negantibus praestitutus.
101 Tertulliano risguarda la fuga dalla persecuzione come un’imperfetta, sebbene assai colpevole, apostasia, come un empio tentativo di eludere la volontà di Dio ec. Egli ha scritto un trattato su tal proposito (Vedi p. 536-544. Edit. Rigalt.). che è pieno del più fiero fanatismo e della più incoerente declamazione. Merita però qualche attenzione il vedere che Tertulliano medesimo non sofferse il martirio.
102 I Libellatici, che sono specialmente noti per le opere di Cipriano, vengono descritti con la massima precisione nel copioso commentario di Mosemio p. 48, 489.
103 Vedi Plinio (Epist. X. 97.) Dionisio Alessandrino. ap. Euseb.(l. VI. c. 41.) Ad prima statim verba minantis inimici maximus fratrum numerus fidem suam prodidit: nec prostratus est persecutionis impetu, sed voluntario lapsu seipsum prostravit. Cyprian. oper. p. 89. Fra questi disertori trovaronsi molti Preti ed anche Vescovi.
104 Fu in quest’occasione, che Cipriano scrisse il suo trattato de Lapsis, e molt’epistole. Fra’ Cristiani del secolo antecedente non si trova la controversia intorno al trattamento degli apostati penitenti. Dobbiamo noi attribuirlo alla superiorità della fede e coraggio di essi, od alla più scarsa cognizione, che abbiamo della loro Istoria?
105 Vedi Mosemio p. 97. Sulpicio Severo fu il primo autore di questo computo, quantunque sembri, che desideri di riservar la decima e maggiore persecuzione per la venuta dell’Anticristo.
106 Della testimonianza, che fece Ponzio Pilato si fa menzione per la prima volta da Giustino. I successivi accrescimenti fatti a quell’Istoria (nel passare ch’ella fece per le mani di Tertulliano, di Eusebio, di Epifanio, di Grisostomo, di Orosio, di Gregorio Turonense, e degli autori di molte edizioni degli Atti di Pilato) sono esattamente fissati dal Calmet; Dissertazioni sulla Scrittura (Tom. III. p. 651. ec.).
107 Rispetto a questo miracolo, come si dice comunemente della Legione fulminea, vedasi l’ammirabil critica di Moyle Vol. II. p. 81-390 delle sue opere.
108 Dione Cassio, o piuttosto l’abbreviatore di lui Sifilino, l. LXXII. p. 1206. Moyle ha esposto lo stato della Chiesa nel Regno di Commodo.
109 Si confronti la vita di Caracalla nell’Istoria Augusta con la lettera di Tertulliano a Scapula. Il Dottore Jortin (Osservaz. sull’Istor. Ecclas. Vol. II. p. 5.) risguarda la cura di Severo per mezzo dell’olio santo con gran desiderio di convertirla in un miracolo.
110 Tertulliano De Fuga, c. 13. Il dono si faceva in occasione delle feste de’ Saturnali; ed è un soggetto di grand’importanza per Tertulliano, che il Fedele dovesse restar confuso con quelli, ch’esercitando le professioni più infami, accattavano la connivenza del Governo.
111 Euseb. l. V. c. 23. 24. Mosem. p. 435, 447.
112 Judaeos fieri sub gravi poena vetuit. Idem etiam de Christianis sanxit. Hist. Aug. p. 70.
113 Sulpic. Sever. l. II. p. 384. Questo computo (fattavi una sola eccezione) vien confermato dall’istoria d’Eusebio e dalle opere di Cipriano.
114 Si discute l’antichità delle Chiese Cristiane dal Tillemont (Memoir. Eccles. Tom. III. part. II. p. 68-72) e dal Moyle (Vol. I. p. 378-398). Quegli riferisce la prima costruzione di esse alla pace di Alessandro Severo; questi alla pace di Gallieno.
115 Vedi l’Istoria Augusta p. 130. L’Imperator Alessandro adottò il loro metodo di proporre pubblicamente i nomi di quelle persone, che dovevan promuoversi agli Ordini. È vero però che l’onore di tal costume si attribuisce ancora agli Ebrei.
116 Vedi Eusebio Hist. Eccl. l. VI. c. 21 e Girolamo de script. Eccl. c. 54. Mammea fu chiamata una santa e pia donna sì da’ Cristiani che da’ Pagani. Da’ primi però era impossibile, che essa potesse meritar quell’onorevol epiteto.
117 Vedi L’Istoria Augusta p. 123. Sembra, che Mosemio (p. 465) troppo nobiliti la domestica religione d’Alessandro. Il suo disegno di fabbricare un pubblico tempio a Cristo (Hist. Aug. p. 129) e le obbiezioni, che furon suggerite o ad esso, o in simili circostanze ad Adriano, par che non abbiano avuto altro fondamento, che un improbabil racconto inventato da’ Cristiani, ed adottato con troppa credulità da un Istorico del tempo di Costantino.
118 Euseb. l. VI. c. 28. Si può presumere che i buoni successi de’ Cristiani avessero commosso ad ira l’ipocrita devozione de’ Pagani che sempre andava crescendo. Dione Cassio, il quale compose la sua Storia sotto il regno anteriore, destinava molto probabilmente ad uso del suo Sovrano que’ consigli ch’egli attribuiva ad una migliore età ed al favorito di Augusto. Intorno a quest’orazione di Mecenate, o per dir meglio, di Dione, posso riferire il lettore all’imparziale opinione che ne ho portato io medesimo (Vol. I N. 25), ed all’abbate De la Bleterie (Mem. de l’Acad. t. XXIX. p. 303. t. XXV. p. 432).
119 Orosio (l. 7. c. 19) rappresenta Origene come l’oggetto dell’odio di Massimino; e Firmiliano, Vescovo di Cappadocia in quel tempo, dà una giusta e ristretta idea di questa persecuzione. Vedi Cipriano (Epist. 75.).
120 La menzione che si fa di que’ Principi, che pubblicamente si supponevan Cristiani, quale si trova in una lettera di Dionisio Alessandrino (ap. Euseb. l. VII. c. 10) evidentemente allude a Filippo ed alla sua famiglia, ed è una testimonianza contemporanea, che tal opinione aveva preso vigore; ma il Vescovo Egiziano, che viveva in una umile distanza dalla corte di Roma, si esprime con una giusta diffidenza rispetto alla verità del fatto. Le lettere d’Origene che sussistevano al tempo d’Eusebio (Vedi l. VI. c. 36) probabilmente deciderebbero questa più curiosa che importante questione.
121 Euseb. l. VI. c. 34. L’istoria è stata abbellita, secondo il solito, da’ successivi scrittori, ed è confutata con sovrabbondante erudizione da Federigo Spanemio (Oper. var. Tom. II. p. 440 ec.).
122 Lactant. de Mortib. Persec. c. 3, 4. Dopo aver celebrato la felicità e l’avanzamento della Chiesa, durante una lunga successione di buoni Principi, soggiunge: Extitit post annos plurimos execrabile animal, Decius, qui vexaret Ecclesiam.
123 Euseb. l. VI. c. 39. Cyprian. Epist. 55. Rimase vacante la Sede Romana dal martirio di Fabiano, che seguì nei 20 di Gennaio dell’anno 250, fino all’elezion di Cornelio fatta ne’ 4 Giugno del 251. Decio era probabilmente partito da Roma, giacchè fu ucciso avanti la metà di quell’anno.
124 Nell’originale "tempoporale". [Nota per l'edizione elettronica Manuzio]
125 Vedi Eusebio l. VII. c. 10. Mosemio (p. 548) ha dimostrato molto chiaramente, che il Prefetto Macriano ed il Mago Egizio sono un’istessa persona.
126 Eusebio (l. VII. c. 13) ci dà una versione Greca di quest’editto Latino, che sembra essere stato molto conciso. Per mezzo di un altro Editto Gallieno comandò, che si restituissero a’ Cristiani i Cimiteri.
127 Vedi Eusebio l. VII. c. 30. Lattanzio de Mort. Persecut. c. 6. S. Girolamo in Chron. p. 177. Oros. l. VII. c. 23. Il lor linguaggio è generalmente sì ambiguo e scorretto, che non sappiamo determinare fino a qual segno Aureliano estendesse le sue intenzioni avanti che fosse assassinato. Moltissimi fra i moderni eccettuato Dodwell (Dissert. Cyprian. XI. 64.) hanno preso di qui l’occasione di guadagnare alcuni pochi Martiri straordinari.
128 Paolo si compiaceva più del titolo di Ducenario che di quello di Vescovo. Il Ducenario era un procuratore Imperiale, così chiamato dal suo salario di dugento sesterzi, o di tremila dugento zecchini l’anno. (Vedi Salmasio ad Hist. Aug. p. 124) Alcuni Critici suppongono, che il Vescovo d’Antiochia realmente avesse ottenuto quell’uffizio da Zenobia, mentre altri non lo considerano che come un’espressione figurata del suo fasto ed insolenza.
129 La simonia non era incognita in que’ tempi ed il Clero alle volte comprava quel che avea intenzione di vendere. Ciò si chiarisce dal Vescovato di Cartagine, che fu comprato da una ricca Matrona chiamata Lucilla, per il suo servo Maiorino. Il prezzo, fu di 400 Folli (Monum. antiq. ad calcem Optati p. 263.) Ogni Folle conteneva 125 monete d’argento, e può valutarsi tutta la somma circa 4800 zecchini.
130 Se volessimo diminuire i vizi di Paolo, saremmo costretti a sospettare, che i Vescovi dell’Oriente, adunati insieme, avessero pubblicato le più maliziose calunnie in una lettera circolare mandata a tutte le Chiese dell’Impero (ap. Euseb. l. VII. c. 30).
131 La sua eresia (come quelle di Noeto e di Sabellio, che insorsero nel medesimo secolo) tendeva a confondere la misteriosa distinzione delle persone Divine. Vedi Mosemio p. 720. ec.
132 Vedi Eusebio (Hist. Eccl. l. VII. c. 30). Ad esso è interamente dovuta la curiosa istoria di Paolo Samosateno.
133 L’Era de’ Martiri, ch’è sempre in uso fra’ Copti e gli Abissinj, dee computarsi dal 29 Agosto dell’anno 284, perchè il principio dell’anno Egiziano cadeva diciannove giorni prima del reale avvenimento al trono di Diocleziano. Vedasi la Dissertazione preliminare all’Arte di verificar le date.
134 L’espressione di Lattanzio (de M. P. c. 15) sacrificio pollui coegit suppone l’antecedente lor conversione alla fede, ma non par che giustifichi l’asserzione di Mosemio (p. 192), ch’esse privatamente si fossero battezzate.
135 Il Tillemont (Memoir. Eccles. Tom. V. Part. I. p. 11, 12) ha tratto dallo Spicilegio di Don Luca d’Acheri un’istruzione molto curiosa, che fece il Vescovo Teona per uso di Luciano.
136 Vedi Lattanzio de M. P. c. 10.
137 Euseb. Hist. Eccl. l. VIII c. 1. Il lettore, che voglia consultare l’originale non mi accuserà di avere ingrandito la pittura. Eusebio aveva circa sedici anni, quando Diocleziano fu fatto Imperatore.
138 Noi potremmo addurre fra’ moltissimi esempi il misterioso culto di Mitra, ed il Taurobolia, essendo quest’ultimo divenuto alla moda nel tempo degli Antonini. Vedi una Dissertazione di Deboze nelle memorie dell’Accademia delle Iscrizioni (Tom. II. p. 443). Il romanzo d’Apuleio è pieno sì di devozione che di satira.
139 L’impostore Alessandro con molta forza raccomandò l’oracolo di Trofonio in Mallos, e quelli di Apollo in Claro e in Mileto (Lucian. Tom. II. p. 236. Edit. Reitz.). Quest’ultimo, l’istoria singolare del quale potrebbe somministrare un episodio molto curioso, fu consultato da Diocleziano, avanti ch’ei pubblicasse i suoi editti della persecuzione (Lactant. de M. P. c. 11).
140 Oltre le antiche istorie di Pitagora e d’Aristeo, frequentemente si opponevano a’ miracoli di Cristo le cure fatte al Santuario d’Esculapio, e le favole attribuite ad Apollonio di Tiane; quantunque io convenga col D. Lardner. (Vedi Testim. Vol. III. p. 252, 352), che quando Filostrato scrisse la vita d’Apollonio, non ebbe tal intenzione.
141 Egli è molto da dolersi, che i Padri Cristiani, ammettendo la parte soprannaturale, o com’essi credono, infernale del Paganesimo, con le proprie lor mani distruggano il gran vantaggio, che altrimenti noi potremmo trarre dalle generose concessioni de’ nostri avversari.
142 Giuliano (p. 301 Edit. Spanhem.) dimostra una devota gioia, perchè la providenza degli Dei avesse estinte l’empie Sette, e per la maggior parte distrutti i libri de’ Pirronei e degli Epicurei; ch’erano assai numerosi, mentre il solo Epicuro non compose meno di 300 volumi. Vedi Diogene Laerzio l. X. c. 26.
143 Cumque alios audiam mussitare indignanter, et dicere oportere statui per Senatum, aboleantur ut haec scripta, quibus Christiana religio comprobetur, et vetustatis opprimatur auctoritas. Arnob. adv. Gentes l. III p. 103, 104. Egli aggiunge molto assennatamente: Erroris convincite Ciceronem.... nam intercipere scripta, et publicatam velle submergere lectionem, non est Deum defendere, sed testificationem timere.
144 Lattanzio (Div. Inst. l. V. c. 2, 3) fa una molto chiara ed ingegnosa istoria di due di questi filosofi, nemici della Fede. Il vasto trattato di Porfirio contro i Cristiani era composto di trenta libri, e fu scritto in Sicilia circa l’anno 270.
145 Vedi Hist. Eccl. l. I. c. 9. ed il Cod. Teodos. l. I. Tit. I. l. 3.
146 Eusebio (l. VIII. c. 4. c. 17) determina il numero de’ martiri militari con la seguente notevole espressione λογοι τε και εργοις τον θικαστην... περιβαλων, di cui non hanno renduta la forza nè il Traduttore Latino, nè il Francese. Nonostante l’autorità d’Eusebio, ed il silenzio di Lattanzio, di Ambrogio, di Sulpicio, d’Orosio ec. si è per lungo tempo creduto, che la legione Tebea, composta di 6000 Cristiani, soffrisse il martirio per ordine di Massimiano nella valle delle alpi Pennine. Ne fu per la prima volta pubblicata l’istoria, verso la metà del quinto secolo, da Eucherio Vescovo di Lione, che l’ebbe da certe persone, alle quali era stata comunicata da Isacco Vescovo di Ginevra, che si dice averla ricevuta da Teodoro Vescovo d’Ottoduro. Tuttavia sussiste l’Abbazia di S. Maurizio, ricco monumento della credulità di Sigismondo Re di Borgogna. Vedasi un’eccellente dissertazione nel Tomo XXXIV. della Bibliotheque raisonnée p. 427-454.
147 Vedi Acta Sincera p. 299. Le istorie del martirio di lui e di Marcello portano qualche carattere di verità e di autenticità.
148 Act. Sincer. p. 302.
149 De M. P. c. II. Lattanzio (o chiunque siasi l’autore di questo piccol trattato) aiutava a quel tempo in Nicomedia; ma sembra difficile immaginare com’egli potesse acquistare una cognizione così esatta di ciò che seguiva nel gabinetto Imperiale.
150 L’unica circostanza, che possiam ravvisare, è la devozione e la gelosia della madre di Galerio. Essa ci viene descritta da Lattanzio come Deorum montium cultrix, mulier admodum superstitiosa. Aveva essa una grande autorità sopra il figlio, ed era offesa dalla poca stima di alcune delle sue serve Cristiane.
151 Il culto e la festa del Dio Termine elegantemente si illustrano dal De Boze (Mem. de l’Accademie des Inscripitons Tom. I. p. 50.).
152 Nell’unico manoscritto, che abbiamo di Lattanzio, si legge profectus; ma la ragione, e l’autorità di tutti i Critici permettono di sostituir praefectus, in luogo di quella parola che distrugge il senso del passo.
153 Lattanzio (de M. P. c. 12) fa una pittura molto viva della distruzion della Chiesa.
154 Mosemio (p. 922-926) da molti luoghi sparsi di Lattanzio e d’Eusebio ha rilevato una molto giusta ed esatta notizia di quest’editto, sebbene qualche volta egli dia in congetture e sottigliezze.
155 Molti secoli dopo, Eduardo I. praticò con gran successo l’istessa forma di persecuzione contro il Clero d’Inghilterra. Vedi Hume, Ist. d’Ingh. Vol. I. p. 300 dell’ultima edizione in 4.
156 Lattanzio solamente lo chiama quidquam etsi non recte, magno tamen animo ec. c. 12. Eusebio (l. VIII. c. 5) l’adorna degli onori secolari. Nessuno si è avvisato di far menzione del suo nome; i Greci però celebrano la memoria di lui sotto il nome di Giovanni. Vedi Tillemont, Mem. Eccles. Tom. V. p. II. p. 320.
157 (Lactant. de M. P. c. 13, 14.) Potentissimi quondam eunuchi necati, per quos Palatium et ipse constabat. Eusebio (l. VIII. c. 6.) racconta le crudeli esecuzioni degli eunuchi Gorgonio, e Doroteo, e di Antimio Vescovo di Nicomedia; ed ambidue questi Autori descrivono in un’equivoca ma tragica forma le orride scene, che furono rappresentate anche alla presenza Imperiale.
158 Vedi Lattanzio, Eusebio, e Costantino ad Coetum sanctorum c. 25. Eusebio confessa la sua ignoranza intorno alla ragione del fuoco.
159 Tillemont Memoir. Eccl. Tom. V. Part. 1. p. 43.
160 Vedi Act. Sincer. Ruinart. p. 353. Quelli di Felice di Tibara, o di Tibur sembrano assai meno corrotti, che nelle altre edizioni, le quali somministrano un vivo saggio della licenza propria delle leggende.
161 Vedi il primo libro di Ottato Mellevitano contro i Donatisti dell’ediz. del Dupin; Parigi 1700. Egli fiorì nel regno di Valente.
162 Le memorie antiche, pubblicate al fine delle Opere di Ottato, (p. 261) descrivono in una maniera molto circostanziata come procedevano i Governatori nella distruzion delle Chiese. Facevano essi un minuto inventario de’ vasi che vi trovavano. Sussiste ancora quello della Chiesa di Cirra nella Numidia: consisteva in due calici d’oro e sei d’argento, in sei urne, una caldaia, sette lampade, il tutto parimente d’argento, oltre una gran quantità di utensili di rame e di vestimentî sacri.
163 Lattanzio (Instit. Div. V. II) restringe tal calamità al conventiculum con la sua congregazione. Eusebio (VIII. 11) l’estende a tutta la città, e rappresenta qualche cosa di simile ad un assedio regolare. Ruffino, antico di lui traduttore Latino, aggiunge alcune importanti circostanze intorno alla permissione accordata agli abitanti di ritirarsi. Siccome la Frigia s’estendeva sino a’ confini dell’Isauria, può essere, che l’indole inquieta di que’ Barbari indipendenti contribuisse alla lor disgrazia.
164 Eusebio l. VIII. c. 6. Il Valese (con qualche probabilità) pensa d’avere scoperta in un’orazion di Libanio la ribellione della Siria; e ch’essa fu un temerario attentato del Tribuno Eugenio, il quale con soli cinquecento uomini occupò Antiochia, e potè forse lusingare i Cristiani con la promessa di tollerare la religione. Da Eusebio (l. IX. c. 8) e da Mosè di Corene (Hist. Armen. l. II. c. 77) può rilevarsi ch’era già stato introdotto nell’Armenia il Cristianesimo.
165 Vedi Mosem. (p. 938.) Il testo d’Eusebio chiaramente dimostra, che i Governatori, de’ quali fu esteso, non già ristretto il potere, in forza delle nuove leggi potevan condannare alla morte i più ostinati Cristiani per servir d’esempio a’ lor confratelli.
166 Atanasio p. 833. ap. Tillemont. Mem. Eccles. Tom. V. part. I. p. 90.
167 Vedi Euseb. (l. VIII. c. 13.) e Lattanz. de M. P. c. 15. Dodwel (Dissert. Cyprian. XI. 75) rappresenta quegli Scrittori come non coerenti fra loro. Ma il primo evidentemente parla di Costanzo, quando era Cesare, e l’altro del medesimo Principe innalzato al grado d’Augusto.
168 Dalle Inscrizioni di Grutero apparisce, che Daziano determinò i confini fra’ territorj di Pax Julia e di Evora, città situate nella parte meridionale della Lusitania. Se riflettiamo alla vicinanza, in cui sono questi luoghi col Capo S. Vincenzo, possiam sospettare, che il celebre Diacono e Martire di questo nome, per negligenza da Prudenzio si ponga in Saragozza, o in Valenza. Vedasi la pomposa istoria de’ suoi patimenti nelle memorie di Tillemont Tom. V. Part. II. p. 58-85. Alcuni Critici son d’opinione, che il dipartimento di Costanzo, come Cesare, non includesse la Spagna, la quale continuasse ad essere sotto l’immediata giurisdizione di Massimiano.
169 Euseb. l. VIII. c. 2. Gruter. Inscr. p. 1171. n. 18. Ruffino ha sbagliato intorno all’uffizio di Adautto, ugualmente che intorno al luogo del suo martirio.
170 Euseb. l. VIII, c. 14. Ma siccome Massenzio fu vinto da Costantino, faceva a proposito per Lattanzio di por la sua morte fra quelle de’ persecutori.
171 Può vedersi l’epitaffio di Marcello appresso il Grutero Inscr. p. 1172. n. 3. Esso contiene tutto ciò, che noi sappiamo della sua storia. Molti Critici suppongono che Marcellino o Marcello, i nomi de’ quali si trovano nella lista dei Papi, sian persone diverse, ma il dotto Abate De Longuerre si convinse ch’essi non erano che una sola persona.
Veridicus rector lapsis quia crimina flere
Praedixit miseris, fuit omnibus hostis amarus.
Hinc furor, hinc odium; sequitur discordia, lites,
Seditio, caedes: solvuntur foedera pacis.
Crimen ob alterius, Christum qui in pace negavit
Finibus expulsus patriae est feritate Tyranni.
Haec breviter Damasus voluit comperta referre.
Marcelli popolus meritum cognoscere posset.
Possiam osservare che Damaso fu fatto Vescovo di Roma l’anno 366.
172 Optat. contr. Donatist. l. I. c. 17, 18.
173 Gli Atti della passione di S. Bonifazio, che abbondano di miracoli e di declamazioni, furon pubblicati dal Ruinart p. 283, 291 in Greco e in Latino, sull’autorità di un manoscritto molto antico.
174 Ne’ primi quattro secoli si trovano poche tracce di Vescovi o di Vescovati nell’Illirico Occidentale. Si è creduto probabile, che il Primate di Milano estendesse la sua giurisdizione fino a Sirmio, capitale di quella gran Provincia. Vedasi la Geografia sacra di S. Paolo p. 68-76 con le Osservazioni di Luca Holstenio.
175 L’ottavo libro d’Eusebio, ed il supplemento intorno ai Martiri di Palestina, si riferiscono principalmente alla persecuzione di Galerio e di Massimino. I lamenti generali, coi quali dà principio Lattanzio al quinto libro delle sue Instituzioni Divine, alludono alla lor crudeltà.
176 Eusebio (l. VIII. c. 17) ci ha dato una versione Greca, e Lattanzio (De M. P. c. 34) l’originale Latino di questo memorabil editto. Sembra, che nessuno di questi scrittori abbia pensato quanto ciò direttamente s’opponga a quel ch’essi hanno poco avanti affermato de’ rimorsi e del pentimento di Galerio.
177 Eusebio (l. IX. c. 1) riporta l’epistola del Prefetto.
178 Vedi Eusebio l. VIII. c. 14. l. IX. c. 2-8. e Lattanzio de M. P. c. 36. Questi scrittori convengono in descrivere gli artifizi di Massimino; ma il primo riferisce l’esecuzione di varj Martiri, mentre l’altro afferma espressamente che occidi servos Dei vetuit.
179 Pochi giorni avanti la sua morte pubblicò un amplissimo editto di tolleranza, nel quale attribuì tutti i rigori, che avevan sofferto i Cristiani, ai Giudici e Governatori, che avevano male inteso le sue intenzioni. Vedasi l’editto ap. Euseb. l. IX. c. 10.
180 Tale è la bella deduzione che si trae da due passi notabili appresso Eusebio l. VIII. c. 2, e de Martyr. Palest. c. 12. La prudenza dell’Istorico ha esposto il suo carattere alla censura ed al sospetto. Era ben noto, ch’egli stesso era stato posto in carcere, e si supponeva che se ne fosse liberato per mezzo di qualche disonorevole compiacenza. Tal accusa gli fu mossa contro nel tempo ch’esso viveva, ed anche alla sua presenza nel Concilio di Tiro. Vedi Tillemont Mem. Eccles. Tom. VIII. Part. 1. p. 67.
181 L’antica, e forse autentica narrazione de’ patimenti di Taraco, e de’ suoi compagni (Act. Sincer. Ruinart. p. 419-448) è piena di forti espressioni di disprezzo e di sdegno, che non potevano non irritare il Magistrato. La condotta di Edesio verso Jerocle, Prefetto dell’Egitto, fu anche più straordinaria. λογοι τε και εργοις τον θικαστην... περιβαλων. Euseb. de Martyr. Palest. c. 5.
182 Euseb. de Mart. Palest. c. 13.
183 August. Collat. Cartag. Dei III. c. 13. ap. Tillemont Mem. Eccles. Tom. V. part. I. p. 46. La controversia co’ Donatisti ha sparso qualche luce, quantunque forse parziale, sull’istoria della Chiesa Affricana.
184 Eusebio (de Martyr. Palest. c. 13) chiude la sua narrazione assicurandoci, che questi sono i Martirj, che avvennero nella Palestina in tutto il corso della persecuzione. Può sembrare, che il quinto capitolo del suo libro VIII, che si riferisce alla Provincia della Tebaide in Egitto, contraddica la nostra moderata calcolazione; ma questo non servirà che a farci ammirare l’artifizioso maneggio dell’Istorico. Scegliendo per teatro della più squisita crudeltà il più distante e separato paese del Romano Impero, dice che nella Tebaide spesso avevan sofferto il Martirio da dieci fino a cento persone in un giorno. Ma quando egli viene a raccontar il suo proprio viaggio in Egitto, il suo stile insensibilmente diventa più cauto e moderato. Invece di usare un grande ma determinato numero, parla di molti Cristiani (πλειες) e col massimo artifizio sceglie due parole ambigue (ισ ορτσανιεν e υπμειναςτας) che possono indicare tanto quel che aveva veduto, quanto ciò che aveva udito; sì l’aspettazione che l’esecuzion della pena. Essendosi così assicurato un sotterfugio, lascia l’interpretazione dell’equivoco passo a’ suoi lettori e traduttori; immaginando a ragione che la lor pietà gl’indurrebbe a preferir il senso più favorevole. Fu per avventura un poco maliziosa l’osservazione di Teodoro Metochita, che tutti quelli che avevan conversato, come Eusebio, con gli Egiziani, si dilettavano di uno stile oscuro ed ingrato (Vedi Valesio nel luogo cit.).
185 Quando la Palestina era divisa in tre parti, la Prefettura d’Oriente conteneva 48 Province. Siccome però le antiche distinzioni delle nazioni erano da gran tempo abolite, i Romani distribuirono le Province, avuto riguardo ad una general proporzione di loro estensione ed opulenza.
186 Ut gloriari possint, nullum se innocentium peremisse, nam et ipse audivi aliquos gloriantes, quia administratio sua in hac parte fuerit incruenta. Lactant. Inst. Div. V. 12.
187 Grot. Annal de Reb. Belgic. l. I. p. 12. Edit. fol.
188 Fra Paolo (Istor. del Concil. Trident. l. III.) riduce il numero de’ Martiri Belgici a 50000. Non era Fra Paolo inferiore a Grozio in dottrina e moderazione. L’anteriorità del tempo conferisce alla testimonianza del primo qualche vantaggio, che per altra parte egli perde per la distanza, che passa da Venezia a’ Paesi Bassi.