La putta onorata/Atto II

Atto II

../Atto I ../Atto III IncludiIntestazione 14 aprile 2020 100% Da definire

Atto I Atto III

[p. 439 modifica]

ATTO SECONDO.
SCENA PRIMA.
Strada con veduta di canale e casa di donna Pasqua.

Vedesi un battello carico d’erbaggi, che arriva con dentro Donna Pasqua e due barcaruoli di1 Pelestrina; poi Pasqualino di casa.

Pasqua. Qua, qua, fioi, arivè qua a sta riva. Olà, creature, ghe xelo mio mario? Bara2 Menego. (chiama verso la casa)

Pasqualino. Dona mare, seu vu? (esce di casa) [p. 440 modifica]

Pasqua. Sì, fio mio, vien qua, agiuteme che desmonta. (scende in terra)

Pasqualino. Cossa fali a Pelestrina? Stali ben?

Pasqua. Tuti ben, fio, tuti ben. Oe, portè in terra quale zuche baruche. (ai barcaruoli che scaricano gli erbaggi) Senti, ho portao3 de la farina zala4 e dei semolei5, che faremo dei meggioti. (a Pasqualino)

Pasqualino. Brava, dona mare, brava.

Pasqua. Cossa fa to pare? Dove xelo ficao?

Pasqualino. El sarà dal paron. Oh, se savessi quanto che avemo criao!

Pasqua. Perchè? Cossa xe intravegnuo? Co so via mi, sempre se cria.

Pasqualino. El vol che fazza el servitor de barca e mi no lo vogio far. No posso, no gh’ho genio, e no gh’ho abilità.

Pasqua. (Poverazzo, lo compatisso. Se vede che no l’è de razza de barcaroli6. Oh, s’el savesse de chi l’è fio, povereta mi!) (da sè)

Pasqualino. Sior Marchese me vol impiegar, e missier pare no vol.

Pasqua. To pare xe mato; lassa far a mi, fio mio, che lo farò far a mio muodo.

Pasqualino. Dona mare, mi me voria maridar.

Pasqua. Poverazzo! Sì ben, le mie raìse, maridete pur, se ti ghe n’ha vogia. Ho fato cussi anca mi, ve. De quindes’ani gh’aveva un putelo.

Pasqualino. Missier pare no vol.

Pasqua. Povero mato! I fioi, co i xe in ti ani, bisogna maridarli, se no... Basta, no digo altro. Dime, fastu l’amor?

Pasqualino. Sì ben.

Pasqua. Chi xela la to morosa?

Pasqualino. Betina lavandera, una puta da par mio.

Pasqua. (Se ti savessi chi ti xe, no ti diressi cussi). (da sè) So che la xe una bona puta, la cognosso, no la me despiase. [p. 441 modifica]

Pasqualino. Oh cara mare, me console tuto. Vago a dirghe a la mia novizza, che vu se contenta. Ma se me volè ben, fè contentar missier pare. Ah, veramente xe la veritae, le mare le xe quele che gh’ha più compassion dei fioli. L’amor de mare supera tuti i altri amori del mondo. (parte)

SCENA II.
Donna Pasqua sola.

Pur troppo xe la veritae, che l’amor de mare l’è grando. Per questo ho fato quel che ho fato. Per questo ho arlevà mio fio Pasqualin, che no xe mio fio, e scambiando in cuna el mio vero fio... O là, o là, paroni, con quela gondola, vardè che no me butè a fondi el batelo. (si vede arrivare una gondola, che obbliga il battello a ritirarsi) Toffolo. (al barcaruolo del battello) Daghe liogo. Sti barcarioli no i gh’ha gnente de descrizion. Mare de diana! Che se i vien a Pelestrina, vogio che ghe demo de le remae.

SCENA III.

Viene la gondola alla riva, da cui sbarcano Lelio, mezzo spogliato per aver remigato in gondola, e Tita barcaruolo. Donna pasqua in disparte.

Lelio. Oh che gusto! Oh che gusto! Oh quanto mi piace questo vogare! Camerata, voglio che ci divertiamo. Venitemi a ritrovare, che daremo delle buone vogate.

Pasqua. (Vardè, un ricco che ha vogao; el sarà qualche solaziera). (da sè)

Tita. La xe ancora grezob in tel vogar, ma col tempo la se farà.

Lelio. A Livorno vi è il porto di mare, e una parte della città si chiama Venezia nuova, perchè vi sono alcuni canali. Là pure [p. 442 modifica] si remiga, cioè si voga, come dite voi altri, ma però in altra maniera.

Tita. Eh, lo so anca mi. I voga in drio7 schena a mo galioto8.

Lelio. Io ci aveva tutto il mio gusto. Era tutto il giorno col remo in mano.

Tita. Ma, la diga, no xela venezian ela?

Lelio. Sicuro che son veneziano. Io son figlio del signor Pantalone de’ Bisognosi.

Pasqua. (Cossa sentio! Oimè, se me missia tuto el sangue).(da sè)

Tita. Ma perchè no parlela venezian?

Lelio. Perchè sono andato a Livorno da ragazzo, e non me ne ricordo più.

Tita. Da mi comandela altro?

Lelio. Ditemi, dov’è la miglior osteria di questa città?

Tita. Perchè no cerchela la casa de so sior pare, e no l’osteria?

Lelio. Oh, io ho tutta la mia passione per la bettola; anzi non voglio lasciarmi vedere da mio padre per qualche giorno, per godermi Venezia con libertà.

Tita. Ma se so sior pare lo vede, el se n’averà per mal.

Lelio. Nè egli conosce me, nè io conosco lui. Sono andato a Livorno da ragazzo.

Tita. Mi sior Pantalon lo cognosso.

Lelio. Caro camerata, non gli dite niente.

Tita. La perdona, cara ela, cossa favela a Livorno?

Lelio. Mio padre mi ha posto colà a imparare la mercatura; ma io non ho imparato altro che a vogare, a pescare, a bevere, a bestemmiare e a menar le mani.

Tita. Se vede che l’ha fatto del profitto. Me ne rallegro.

Pasqua. (Tiolè, velo là! Tuto so pare col giera9 zovene). (da sè)

Lelio. Andiamo a bevere, che ho una sete che crepo. Ma, sentite, non voglio già pagar io; ce lo giocheremo alla mora. (parte)

Tita. Questa xe una vertù de più, che no l’aveva dito, (parte)

Pasqua. Vardè in che ponto che son vegnua! Povereta mi! Ho [p. 443 modifica] fato, ho fato, e no ho fato gnente. Ho baratà el putelo al sior Pantalon; gh’ho dà sto mio fio in vece del soo, credendo che el sia ben arlevao, e de vederme alegrezza; ma, tiolè su, el s’ha arlevà un baron; el xe pien de vizi, e adesso me vergogno che el sia mio fio. Ma taserò, no dirò gnente a nissun. Se el fusse bon, parlerave; ma za che el xe cativo, che sior Pantalon se lo goda. Mi vogio ben a Pasqualin, come che el fusse mio fio; se no l’ho fato, gh’ho dao del mio late, e sti petti el me li ha consumai tuti elo. Vogio andar a trovar mio mario10; no posso più star, no vedo l’ora de butarmeghe a brazacolo.

SCENA IV.

Strada.

Pantalone, poi Pasqualino.

Pantalone. Eppur quella cara putta no me la posso destaccar dal cuor. Pazzo tutti i sforzi per tralassar de volerghe ben, e no ghe xe caso. L’ho cognossua da putela; l’ho bua in brazzo da pichenina. So mare, poveretta, me l’ha raccomandada; la ho assistia, e l’assisto per carità; ma son deboto in stato de domandarghe misericordia. El continuo praticar, la confidenza, la familiarità a poco a la volta la deventa amor, e co se scalda i ferri, la prudenza la xe andada. Me fa da rider quei che vuol dar da intender che i va, che i pratica con indifferenza, senza passion, con amor platonico. Matti chi lo dise, e inspiritai chi lo crede. La pagia, arente el fuogo, bisogna che la se impizza. L’umanità se resente, e l’occasion de le volte fa l’omo ladro.

Pasqualino. Patron, sior Pantalon.

Pantalone. Bondì sioria, sior.

Pasqualino. Ela contenta, che ghe daga un poco d’incomodo? [p. 444 modifica]

Pantalone. Za so cossa che volè dir. Sè innamora de Bettina, e la voressi per muggier.

Pasqualino. La l’ha indivinada a la prima.

Pantalone. E mi in do parole ve sbrigo. No ve la veggio dar.

Pasqualino. Mo perchè no me la vorla dar?

Pantalone. Mi no v’ho da render altri conti. Ve parlo schietto, e batèvela.

Pasqualino. Songio fursi qualche baron?

Pantalone. Sè uno che no gh’ha pan da magnar.

Pasqualino. La sapia che me son liogà.

Pantalone. Sì, bravo; cossa feu, caro vecchio; andeu a vender zaletti caldi11?

Pasqualino. Stago in casa de sior Marchese per solo scrivan.

Pantalone. Me ne rallegro: el ve darà un bon salario; poderè metter su casa; tratterà la muggier come una zetadina12.

Pasqualino. Mi no gh’ho da pensar gnente. La menerò in casa del paron, e lu farà tuto quelo che bisogna.

Pantalone. Ah, la menerè in casa del paron! Vu no gh’ave da pensar gnente! Lu el farà tutto quello che bisogna! Ah, ah, ah, che caro putto! Me piase, avè trova un bon impiego, gh’avè un bon paron.

Pasqualino. Sior sì, e no gh’è bisogno che la s’incomoda dei dusento ducati, perchè el paron el li vol dar elo.

Pantalone. Meggio! Oh che garbato cavalier! Oh che putto de garbo! Oh che spirito! (Oh che aseno! Oh che minchion, se el lo crede!) (da sè)

Pasqualino. Donca xe fato tuto?

Pantalone. Oh! tutto.

Pasqualino. Posso andar...

Pantalone. Si, andè.

Pasqualino. A tior...

Pantalone. Sì ben, a tior...

Pasqualino. La mia cara Betina. [p. 445 modifica]

Pantalone. El vostro diavoleto, che ve strassina.

Pasqualino. Com’ela?

Pantalone. Come ve la digo.

Pasqualino. A mi?

Pantalone. A vu.

Pasqualino. Noi me la vol dar?

Pantalone. No ve la voggio dar.

Pasqualino. Ghe lo dirò a sior Marchese.

Pantalone. Diseghelo anche a sior Conte, che no ghe penso.

Pasqualino. Vare che sesti!

Pantalone. Vare che casi!

Pasqualino. No la xe vostra fia.

Pantalone. E gnanca la sarà to muggier.

Pasqualino. Anca sì?13

Pantalone. Anca no?14

Pasqualino. Sior Pantalon, la se varda da un desperà.

Pantalone. Eh via, sior sporco, che i omeni de la to sorte me li magno in salata. Siben che son vecchio, me bogie el sangue in tel stomego, e la gamba ancora me serve per recamarte el canaregio15 de peae16.

Pasqualino. A mi peae?

Pantalone. A ti, tocco de furbazzo.

Pasqualino. Sangue de diana! (si morde il dito, minacciandolo)

Pantalone. Co sta mula17 te voggio romper i denti. (gli vuol dare con una pianella)

SCENA V.
Il marchese Ottavio e detti.

Ottavio. Olà, buon vecchio, portate rispetto a quel giovine, che è mio dipendente. [p. 446 modifica]

Pantalone. Coss’è sto bon vecchio? Chi xela ela, paron? El prencipe della Bossina18?

Ottavio. Sono Il Marchese di Ripaverde.

Pantalone. E mi son Pantalon dei Bisognosi.

Ottavio. Ah! Pantalone del Bisognosi? Voi siete il protettore di quella ragazza, che si chiama Bettina; non è così?

Pantalone. Giusto quello per servirla.

Ottavio. Oh, bene, sappiate che quella giovine ha da essere moglie del mio scrivano.

Pasqualino. Che son mo mi. (a Pantalone)

Pantalone. Ha da essere?

Ottavio. Ha da essere.

Pantalone. Sior Marchese, la vaga a comandar in tel so marchesato.

Ottavio. Tant’è, la ragazza è contenta, il giovine la vuole, e voi non lo potete, nè lo dovete impedire.

Pantalone. Lo posso e lo devo impedir. Lo posso impedir, perchè no la gh’ha nè pare, nè mare. So mare, che xe stada sempre beneficada da casa mia, me l’ha raccomandada co la xe morta; mi l’ho sempre agiutada e mantegnua, però onoratamente e da galantomo, e mi gh’ho promesso de maridarla. Senza la mia approvazion lo devo impedir, perchè sta sorte de matrimoni i omeni onesti no i li ha da lassar correr. Sto povero gnoccoc no se n’accorze della fegura che l’ha da far. Nol sa che el gh’averia da far in sto matrimonio, come la pertega co la vida. La pertega sostenta la vida fin che vol el paron; ma quando el paron ha magnà l’uva, e che la vida perde le fogie, anca la pertega se trà sul fuogo. A bon intendidor poche parole. Sior Marchese, la m’ha capio. Che serva de regola, e la sappia che Pantalon dei Bisognosi, siben che l’è marcante, el sa le bone regole de la cavaleria, e siben che porto sta vesta e sto pistolesed, a le occasion so anca manizar la spada. (parte) [p. 447 modifica]

SCENA VI.
Il marchese Ottavio e Pasqualino.

Ottavio. Vecchio pazzo, senza giudizio. Ora son più che mai impegnato. La voglio vedere, se credessi di rovinarmi. Lo farò bastonare. Dimmi, vuoi tu veramente bene a Bettina?

Pasqualino. La se imagina! No ghe vedo per altri ochi, che per i soi.

Ottavio. La desideri per moglie?

Pasqualino. Piutosto sta sera, che domatina.

Ottavio. E bene, va subito alla casa di lei, sposala e conducila a casa mia. Lascia poi a me la cura d’accomodar ogni cosa.

Pasqualino. Ma, la vede ben...

Ottavio. Non replicare, non perder tempo.

Pasqualino. Ghe xe un’altra difficoltà...

Ottavio. Non voglio sentire difficoltà.

Pasqualino. Ma, se Betina no vol...

Ottavio. Che non vuole? E tu hai d’avere soggezione d’una donna? Le donne si fanno fare a nostro modo.

Pasqualino. Ma la xe una puta...

Ottavio. Putta o non putta, è l’istesso. Va là, sposala subito: conducila a casa, o a te pure darò un carico di bastonate.

Pasqualino. Bastonae?

Ottavio. Sì, bastonate.

Pasqualino. Vago subito.

Ottavio. E fa la cosa con risoluzione.

Pasqualino. Sfazzadon, càzzete avanti19.

Ottavio. Diavolo! La gioventù de’ nostri dì non ha bisogno di questi stimoli.

Pasqualino. Se gh’ho da dir la verità, son inamorà; ma son un poco poltron. (parte) [p. 448 modifica]

SCENA VII.
Il marchese Ottavio, poi Lelio.

Ottavio. Mi basta che sia spiritoso in questo, poi mi saprò prevalere della sua dabbenaggine. Ma gran temerario di quel vecchio! Deridermi? Minacciarmi? Ed io soffrirò una simile ingiuria? Non sarà mai vero, mi voglio vendicare. Voglio fargli vedere chi è il Marchese di Ripaverde. Dirmi che sa maneggiare la spada? Come non vi fosse differenza fra lui e me? Come se un mercante potesse sfidare alla spada un cavaliere? Gli farò romper le braccia, e poi metta mano alla spada.

Lelio. Oh che vino! Oh che vino! Dicevano che a Venezia non v’è vino buono; ed io dico che il vino vicentino è migliore del vino di Chianti, che si beve a Livorno.

Ottavio. Costui mi pare una certa figura... Galantuomo, vi saluto.

Lelio. Servo di Vostra Eccellenza. (Questo sarà qualche gran signore). (da sè)

Ottavio. Siete forestiere?

Lelio. Livornese, ai suoi comandi. (Non mi voglio dar a conoscere). (da sè)

Ottavio. Se è lecito, che mestiere è il vostro?

Lelio. Il vagabondo, per servirla.

Ottavio. Bel mestiere!

Lelio. Bellissimo. M’è sempre piaciuto.

Ottavio. Ma come lo esercitate?

Lelio. Come posso.

Ottavio. Giocate?

Lelio. Qualche volta.

Ottavio. (Costui all’aria dovrebbe essere qualche sicario), (da sè)

Lelio. (Mi dispiace che non ho più danari, e se vado da mio padre, ho finito il buon tempo). (da sè)

Ottavio. Perdonatemi la confidenza con cui vi parlo: come vanno presentemente le vostre faccende?

Lelio. Male assai.

Ottavio. Avete bisogno di denari? [p. 449 modifica]

Lelio. (Non ne ho bisogno, ma necessità), (da sè) Vi dirò, signore: io, in un mese, fra giuoco, osteria e qualche altro picciolo divertimento, ho mangiati cento zecchini, la spada, l’oriuolo, i vestiti, la biancheria; e non ho altro che quello che voi vedete.

Ottavio. Dite, amico, come vi piace menar le mani?

Lelio. Quando porta l’occasione, non mi faccio stare.

Ottavio. Avreste difficoltà di dar quattro bastonate ad un vecchio?

Lelio. Niente affatto.

Ottavio. Bene, se risolvete di farlo, vi darò un paio di doppie.

Lelio. (Un paio di doppie nel caso in cui sono, mi danno la vita). (da sè) Io non lo faccio per interesse; ma per non parere superbo, le prenderò.

Ottavio. La sorte ci favorisce. Eccolo che viene. Bastonatelo, ma non lo ammazzate, e ditegli che il Marchese di Ripaverde lo riverisce.

Lelio. Sarete servito. Ma poi...

Ottavio. E poi venite al caffè qui vicino, che segretamente vi darò le due doppie. Vecchio pazzo, conoscerai chi sono. (parte)

SCENA VIII.
Lelio, poi Pantalone.

Lelio. Si può far meno per guadagnare due doppie? Ne ho fatte tante a Livorno! Mio padre pochi denari mi mandava, e se non mi fossi ingegnato col mio giudizio e colla mia abilità, non avrei potuto mantenere i miei vizi. Ma ecco l’amico. Povero vecchio, mi fa compassione.

Pantalone. (Sto mio fio no vien; cossa vol mai dir sta tardanza! Xe pur vegnua la corriera20 de Fiorenza). (da sè)

Lelio. (Se lo bastono così all’improvviso, ho paura che caschi morto. Sarà meglio farlo con un poco di buona maniera). (da sè)

Pantalone. (Oh, che brutto muso!) (da sè, osservando Lelio) [p. 450 modifica]

Lelio. Servitor divotissimo.

Pantalone. Patron mio reverito.

Lelio. Se si contenta, avrei da dirle due parole.

Pantalone. La se comoda pur.

Lelio. Sappia, signore, ch’io son un galantuomo.

Pantalone. Cussì credo. (Ma a la ciera no par). (da sè)

Lelio. E mi dispiace avergli a fare un brutto complimento.

Pantalone. Come sarave a dir?

Lelio. Conosce ella il signor Marchese di Ripaverde?

Pantalone. Lo cognosso.

Lelio. Ha ella avuto niente con lui?

Pantalone. (Ho inteso; so che ora che xe). (da sè) Ghe xe sta qualcossa.

Lelio. Ora, per dirgliela in confidenza, d’ordine suo io devo bastonarla.

Pantalone. La diga, no la poderave mo sparagnar sta fadiga; e più tosto chiappar un per de filippeti, e andar a bon viazo?

Lelio. Oh questo poi no; son un uomo d’onore. Ho promesso, voglio mantener la parola; ma senta, io non intendo di volerle romper l’ossa. Quattro sole bastonate; Vossignoria caschi in terra, ed io me ne vado.

Pantalone. No sarà mai vero, che voggia soffrir sto affronto.

Lelio. Ma chi è ella, in grazia? Qualche gran signore?

Pantalone. Son Pantalon dei Bisognosi.

Lelio. (Oh diavolo! Mio padre!) (da sè)

Pantalone. Son cognossuo in sta città.

Lelio. (Maledetto destino!) (da sè)

Pantalone. Afronti no me ne xe sta mai fatti.

Lelio. (Mi scopro, o no mi scopro?) (da sè)

Pantalone. E fin che gh’averò fiao, me defenderò. (mette mano allo stocco)

Lelio. (Se mi scopro, dirà che son un figlio di garbo). (da sè)

Pantalone. (Me par che el gh’abbia paura). (da sè) Via, sior cagadonao, andè via de qua. (minacciandolo) [p. 451 modifica]

Lelio. Signor, perdonate...

Pantalone. Via, furbazzo, che te sbuso el corbame21.

Lelio. (Mi conviene fuggir l’impegno). (da sè, parte)

SCENA IX.
Pantalone, poi Tita barcaruolo.

Pantalone. Ti scampi? Te arriverò, desgraziao. (volendo inseguir Lelio)

Tita. Saldi, sior Pantalon, con chi la gh’ala? (lo ferma)

Pantalone. Lassème andar; lassè che lo mazza colù.

Tita. Cossa gh’alo fato?

Pantalone. Un affronto.

Tita. Mo sala chi xe quelo?

Pantalone. Mi no. Chi xelo?

Tita. Quelo xe sior Lelio, so fio.

Pantalone. Come? Mio fio? Quello? Eh via, no pol esser.

Tita. Che digo che el xe elo senz’altro.

Pantalone. Ma quando xelo vegnuo? Come? No so in che mondo me sia.

Tita. El xe arivà sta matina co la corriera de Fiorenza. L’è montà in gondola a Poveggia22), e l’ha vogà a mezzo fin a Venezia.

Pantalone. E nol vien da so pare?

Tita. Poverazzo! El se voleva un poco devertir.

Pantalone. Devertirse? Far el sicario? Bastonar so pare? Ah furbazzo! Ah infame! Ah desgrazià! Poveri i mi bezzi mal spesi! Sto bel mistier l’ha impara a Livorno? L’anderà in galìa, l’anderà su la forca; e mi, povero pare, averò da suspirar. Ande là, trovelo, menemelo a casa. Diseghe che no so in colera. No lo lassè andar via. Caro amigo, no me abbandona. Presto, corrè. Dove saralo andà? Oh che fio! Oh che gran fio! (parte) [p. 452 modifica]

Tita. Pare e fio i me par do mati. Mi no ghe ne vogio saver. Dise el proverbio: chi gh’ha la rogna, se la gratae .(parte)

SCENA X.
Camera di Bettina.
Bettina, poi Pasqualino.

Bettina. Tiro le recchie, e no sento a subiar23. Pasqualin no vol che staga in altana, e gh’ho paura ch’el passa, e no sentirlo. Gran cossa xe sto amor. Tute le note m’insonio de elo. Tuti i mi pensieri i xe là con elo. Senza de elo son in tel fuogo, e col vien elo, me giubila el cuor. No vedo l’ora ch’el possa vegnir in casa liberamente. Gh’ho speranza che sior Pantalon se contenterà. El dixe che nol vol, ma el xe tanto bon, che el farà pò a mio muodo.

Pasqualino. Betina, seu sola?

Bettina. Cossa vèdio! Vu qua? Chi v’ha dao licenza che vegnì in casa?

Pasqualino. Compatirne, no ho podesto far de manco. Qua no gh’è tempo da perder. Bisogna che vegnì con mi.

Bettina. Pian pian, sior, co sto bisogna che vegnì co mi. No son miga vostra mugier.

Pasqualino. Sarè mia mugier, se vegnirè con mi.

Bettina. Moda niova. Prima andar col novizzo, e pò sposarse? No, fradel caro, l’avè falada.

Pasqualino. Dove credeu che ve vogia menar?

Bettina. Sposème, e pò vegnirò dove che volè.

Pasqualino. Via, destrighemose, demose la man.

Bettina. Si ben, maridemose co fa i cani. Me parè un bel mato.

Pasqualino. Se savessi tutto, no diressi cussì.

Bettina. Cossa ghe xe da niovo? Ho ben da saverlo anca mi. Senza de mi, no se fa la festa. [p. 453 modifica]

Pasqualino. Mio pare no vol che ve sposa. Sior Pantalon no vol che me tiolè. Gh’avemo tuti contrari.

Bettina. Donca cossa voleu far? Menarme per el mondo a cantar de le canzonete?

Pasqualino. Ve menerò in casa de sior Marchese.

Bettina. Bravo! Pulito! M’imagino che sior Marchese sarà contento.

Pasqualino. Anzi el me l’ha dito elo. L’ha taccà lite per causa mia co sior Pantalon; el me vol un ben de vita, e el me aspeta a casa co la novizza.

Bettina. E mi ho da vegnir in casa de colù?

Pasqualino. Sì ben. Perchè no?

Bettina. El xe vegnù in casa mia a far el squinziof; el me voleva dar un per de recchini, el me voleva tocar la man, e me voressi menar a casa soa?

Pasqualino. Oh, cossa sèntio? Marchese maledetonazzo! Adesso intendo el ben che el me voil. No no, fia mia, no ve meno più, no ve dubitè. Mi, povero gonzo, ghe credeva; ma vu m’ave fato averzer i occhi, e mio pare sa quel ch’el dise. Donca l’è vegnù qua... el voleva sior sì, e ste cosse24.

Bettina. Sì ben, ma el se podeva licar i deig.

Pasqualino. Oh, che cagadonao de marchese!

Bettina. El l’aveva pensada ben lu, ma no la ghe xe andada fata.

Pasqualino. Ma donca cossa avemio da far? Se gh’avemo contra mio pare e sior Pantalon, e se me manca la protezion de sior Marchese, no so che ripiego trovar.

Bettina. Pazenzia, caro fio, el cielo ne assisterà.

Pasqualino. Ho paura de perderve.

Bettina. No ve dubitè.

Pasqualino. Ah Betina, se me volessi ben!

Bettina. Sto cuor xe tuto vostro. [p. 454 modifica]

Pasqualino. Anemo, adesso xe el tempo de farme veder che me volè ben. Semo soli, nissun ne vede, nissun ne sente. Tiolè suso la vostra roba, e scampemo via.

Bettina. Mi scampar via? Bettina far un’azion de sta sorte? Pasqualin, no m’ave gnancora ben cognossua. Ve vogio ben de tuto cuor, con tute le viscere, ma no vogio perder per causa vostra la mia reputazion. No serve, che me disè: andemo, che ve sposerò. Co s’ha fato el mal, col matrimonio se ghe remedia; ma no bisogna far mal, per aver pò da cercar el remedio. Anca che fusse vostra mugier, tute me mostrerave a deo, tute le dirave: vare quela che xe scampada de casa soa. Manco mal che el l’ha sposada. E anca vu, con tuto el ben che me volè, co fussi in colera, me daressi de le botonaeh, e me crederessi capace de far co i altri quelo che avesse fato con vu.

Pasqualino. Ma, care raise, cossa avemio da far?

Bettina. Volerse ben e aver pazenzia.

Pasqualino. Sior Pantalon ve manderà con qualchedun altro.

Bettina. Oh, questo po no.

Pasqualino. Missier pare me manderà via de Venezia.

Bettina. Bisognerà che l’obedì.

Pasqualino. E Betina?

Bettina. E Betina v’aspeterà.

Pasqualino. No, cara, ve stuferèi.

Bettina. Piutosto morirò, che lassarve.

Pasqualino. Sento che me crepa el cuor.

Bettina. No me fè pianzer, per carità.

Pasqualino. Ve vogio tanto ben.

Bettina. Me sento morir.

Pasqualino. Ah Betina, se destruzemo in lagreme, e poderessimo esser contenti.

Bettina. Come?

Pasqualino. Se volessi vegnir con mi. [p. 455 modifica]

Bettina. Se me volè ben, no me lo disè mai più.

Pasqualino. Sè troppo ustinada.

Bettina. So una puta onorata.

Pasqualino. Ve sposerò.

Bettina. E alora vegnirò co vu.

Pasqualino. E intanto?

Bettina. E intanto vogieme ben.

Pasqualino. E se intanto morisse?

Bettina. Morir piutosto, ma se salva l’onor.

SCENA XI.
Menego Cainello e detti.

Menego. Olà, sior fio, v’ho trovà sul fato mi. Cossa feu in casa de sta petegola?

Pasqualino. (Rimane mortificato.)

Bettina. Via, via, no strapazzè, che finalmente son una puta da ben e onorata.

Menego. Sì ben, sì ben, onorata. La va via la barca de Padoaj, la va via! Anemo, sior desgrazià, fuora de qua subito, e a casa sta sera faremo i conti.

Pasqualino. Missier pare, ve domando perdonanza...

Menego. Adesso, adesso te dago la perdonanza co una dozena de pugni. Batevela, sior puoco de bon.

Pasqualino. (Povera Betina! Me despiase per ela! Me sento el cuor ingropà). (da sè, piangendo parte)

SCENA XII.
Bettina e Menego.

Menego. Fifa, fifak, bernardon maledeto. (dietro a Pasqualino)

Bettina. (L’ho dito, che se el vegniva in casa, nasceva qualche precipizio). (da sè) [p. 456 modifica]

Menego. E cussi, siora, che pretension gh’ala sora quel puto?

Bettina. Mi? Gnente.

Menego. Cossa vienlo in casa vostra?

Bettina. Mi no l’ho chiamaà.

Menego. Se no l’avè chiamà sta volta, l’averè chiamà un’altra.

Bettina. In casa mia nol ghe xe mai più vegnù.

Menego. Eh via!

Bettina. No, da puta.

Menego. Zito, no disè ste brute parole.

Bettina. Ma, caro missier Menego, sento che me tochè sul vivo, e no posso più taser. Sì ben, vostro fio me fa l’amor, lu me vol ben a mi, e mi ghe ne vogio a elo, e s’avemo anca promesso; e giusto per causa vostra, siben in casa mia nol ghe xe mai vegnù, el s’ha tiolto sta libertà. Sì ben, per causa vostra tuto lagreme e desperà, el xe vegnù a tentarme de scampar via. No l’ho volesto far, perchè son una puta onorata; e vu me botizè, me strapazzè, me tiolè in cativo concetto! Pazenzia, tuto sofrirò per amor del mio Pasqualin. (piange)

Menego. (Poverazza! Adesso adesso pianzo anca mi), (da sè) Se lo volevi per mario, l’aveva da saver anca mi.

Bettina. Tocava fursi a mi a vegnirvelo a dir? Nualtre povere pute cerchemo onoratamente de maridarse. Se vien un zovene a parlarne, e se el ne vol per mugier, no gh’avemo miga l’obligo de saver se el pare sarà contento. Contenteve, missier Menego, che avè da far con una puta da ben, che un’altra fursi a st’ora la v’averave fato deventar nono, avanti che deventessi missier25.

Menego. Fia cara, no so cossa dir. Ve compatisse, ma vedè che mio fio nol xe in stato de maridarse. El xe ancora zovene, e nol gh’ha muodo de 26 mantegnir la mugier.

Bettina. Mi no gh’ho pressa. Aspeterò quanto che volè.

Menego. (El babio27 no xe cativo, el moto no me despiase. Adessadesso el pare scomenza a vogar sul remo28 a so fio). (da sè) [p. 457 modifica]

Bettina. (Me par ch’el vaga un pocheto molandol). (da sè) Via, caro missier Menego, abbiè compassion de mi, no me lasse morir da la desperazion. So che se un omo proprio, un omo da ben: gh’ho speranza che con mi no sarè crudel.

Menego. (Per Diana, che ste lagreme le me muove per un altro verso). (da sè)

Bettina. Si ben, ve cognosso che me volè ben. Caro missier, lasse che ve basa la man.

Menego. Tiolè pur, fia mia.

Bettina. Diseme niora, se me volè consolar.

Menego. Tutto quel che volè.

Bettina. Oe, no strenzè tanto, che me fè mal.

Menego. Sè cussi delicata?

Bettina. Via via, no me tochè i brazzi.

Menego. Se sarè bona con mi, mi sarò bon co vu.

Bettina. Come? Cossa intenderessi de dir?

Menego. Mio fio no gh’ha nè bezzi, nè giudizio. Piutosto tendeme a mi.

Bettina. Vostro fio el gh’ha più giudizio de vu, sior toco de vecchio mato. Ande via subito de sta casa. Gran cossa de sti malignazi omeni, che se i vede una dona, subito i se ingaluzza, e se i ghe toca una man, subito i perde el giudizio; e i vecchi i xe pezo dei altri. Vardè qua el bel sugetto! El cria al fio; nol vol ch’el fio fazza l’amor e pò, chi ghe tendesse, el saria capace de far elo, quelo che el fio no xe capace de far. Sentì, o tardi, o bonora, Pasqualin sarà mio mario, e vu ve renego de missier, de parente e de prossimo.

Menego. Via, via, siora, no la se scalda el figaom. Credeva de trovar bonazzan, e per questo sperava anca mi poder dar una scorsizada per sto canal; ma perchè vedo che s’ha levà [p. 458 modifica] vento, e la barca fa maresei29, e perchè no me piase vogar co la corente contraria, dago una gran siada30. No ve pensè però miga che vaga a desparecchiar, o che me cazza in t’una cavana a dormir; me ligherò a un palo; intresserò co la barca el canal, aciò, se no vogo mi, paroncina cara, no vegna gnanca a vogar mio fio. (parte)

SCENA XIII.
Bettina I.

Qua in sta casa nissun no voga. Sto canal nissun lo cognosse; e se ghe xe qualchedun, che se creda de vegnir a chiapar i freschi, quando manco el se lo pensa, la bissabova lo porta via.

SCENA XIV.
Catte, Pasqualino e detta.

Catte. Povereto! Vien qua, fio mio. (a Pasqualino)

Bettina. Oh povereta mi! Coss’è sta cossa? So pare xe andà via adesso. No l’ave incontrà?

Catte. Eh, sì ben che l’ho visto. Giusto vegniva mi a casa, che Pasqualin voleva andar via. El pianzeva come un desperà. El m’ha fato pecà, e mi l’ho serà in magazen. So pare xe andà via, e mi l’ho tornà a menar de su.

Bettina. Presto presto, ch’el vaga via.

Pasqualino. Ah cagna! Me volè veder morto.

Bettina. Ma, cossa hogio da far? No sentiu che sussuri?

Catte. Uh, mata che ti xe! Senti, sorela, co l’è fata, l’è fata. Co sarè sposai, se giusterà tuto.

Pasqualino. L’è quela che digo anca mi.

Bettina. Ma come avemio da far a sposarse? Voleu che lo femo qua? Qua no se poi; no ghe xe nè compari, nè testimoni. [p. 459 modifica]

Catte. Fè una cossa, Pasqualin, deghe el segno, e domatina ve anderè a sposar.

Pasqualino. Betina, se ve lo darò, lo tioreu el segno?

Bettina. El segno?

Pasqualino. Sì ben; ve darò sta turchese.

Bettina. Quela turchese?

Catte. Via via, no far la vergognosa, che ti ghe n’ha più vogia de elo.

Pasqualino. Deme la man.

Bettina. Mi no.

Pasqualino. Come voleu che fazza a meterve el segno?

Bettina. Me lo meterò mi da mia posta.

Catte. Vegnì qua, vegnì qua. Cussi se fa. (aiuta Pasqualino a metter l'anello in dito a Bettina)

Pasqualino. Oh cara! (le stringe la mano)

Bettina. Via, sior baron.

Pasqualino. Semo promessi.

Bettina. Ma no semo sposai.

Catte. De diana! avemo dao el segno senza far un puoco de nozze? Gnanca se fossimo tanti pitochi.

Bettina. Eh, gh’ho altro in testa che nozze!

Pasqualino. Se missier pare el savesse, povereto mi!

Catte. Vostro pare el xe andà via, e nol se insonia che siè qua. Adesso gh’avemo un poco de libertà. Poderessimo star un pocheto alegramente. Disè, Pasqualin, gh’aveu bezzi?

Pasqualino. Mi no gh’ho altro che do ducati d’arzento31; ve ne darò uno, tiolè.

Catte. Cossa voleu? Anca questo xe qualcossa. Tioremo un poco de moscato e un poco32 de buzzolai. Demelo, e lassè far a mi.

Pasqualino. Xe tanto che ghe fava le spese33.

Catte. E co niovo che el xe.

Pasqualino. Ma no voria che perdessimo tempo, e che vegnisse zente. [p. 460 modifica]

Catte. Fè una cossa. Se volè, andè via. Se tioremo qualcossa per nu. Un bel galano per la novizza.

Bettina. (Maledeta! La gh’ha magna el ducato). (da sè)

Pasqualino. E a mi del ducato no m’ha da tocar gnente?

Catte. Oh che caro mato! Sì, fio, tuto; ti xe paron de casa. Evviva i novizzi; evviva i novizzi.

SCENA XV.
Arlecchino e detti.

Arlecchino. Bravi! Evviva i novizzi, evviva.

Catte. Tasè, stè zitto, che nissun ha da saver gnente.

Arlecchino. Se magna?

Catte. S’ha fato le cosse cusì in scondon, e per adesso no se pol far gnente.

Arlecchino. E vegnì in casa mia a far le cosse in scondon? Me maravegio dei fati vostri. In casa mia a maridarve senza portar da magnar? E ho anca da taser? Adesso vogio andar per tuta Venezia. Vogio trovar vostro pare, vôi trovar sior Pantalon, vôi chiamar tuta la comunità, aciò che se sapia che vu, sior poco de bon, vegnì in casa mia a maridarve, senza portar da magnar. (a Pasqualino)

Bettina. Oh che scavezzacelo! Caro cugnà, abiè giudizio.

Arlecchino. Che giudizio? Co no se magna, no gh’è giudizio che tegna.

Pasqualino. Abiè pazenzia.

Arlecchino. No vogio aver pazenzia. Sti torti no li vôi soportar.

Pasqualino. Sarè el nostro precipizio.

Arlecchino. No me n’importa gnente. Olà, zente. Sappiè che in casa mia... (va verso la porta)

Bettina. Zitto. (ad Arlecchino)

Catte. Zitto. (ad Arlecchino)

Arlecchino. In casa mia ghe xe uno... (va sulla porta) [p. 461 modifica]

Pasqualino. Zitto, per carità.

Arlecchino. El se fa novizzo, e no se magna. (come sopra)

Bettina. Mo zitto.

Catte. Zitto.

Arlecchino. El sposa mia cugnada. L’è Pasqua... (come sopra)

Pasqualino. Tiolè sto ducato e stè zitto.

Arlecchino. Zitto.

Bettina. Seu contento?

Arlecchino. Zitto.

Catte. Fareu più strepito?

Arlecchino. Zitto.

Pasqualino. Seu contento che staga qua?

Arlecchino. Zitto, zitto, zitto. Sè paron, comodeve, e fè pulito. (parte)

Catte. Anca questa l’ave giustada. (a Pasqualino)

Pasqualino. Sì, ma no gh’ho più gnanca un soldo.

Catte. Cossa importa? Ghe ne farè.

Pasqualino. Za che Arlechin m’ha porta via quel ducato, me faressi un servizio a darme indrio quelo che v’ho dà. (a Calle)

Catte. Siora, chiamela? Vegno, vegno, siora Tonina, vegno. Siorìa, fio. Stè qua, che adesso torno, (fingendo esser chiamata da una sua vicina) Questo no ti me lo cuchi34.

SCENA XVI.
Bettina e Pasqualino.

Pasqualino. Vostra sorela la me par una bela dreta35.

Bettina. No la xe storta certo, vedè. Ma via, via; curte le azze36. Andè a far i fati vostri.

Pasqualino. Tiolè; anca adesso me mandè via?

Bettina. No se salo?

Pasqualino. No v’hogio dà el segno? [p. 462 modifica]

Bettina. E per questo?

Pasqualino. Posso star co la mia novizza.

Bettina. Sior sì, se no fussimo soli, se ghe fusse mia sorela, ghe poderessi star.

Pasqualino. Mi no me par che sta cossa nissun la usa?

Bettina. Sior sì, che i la usa. Anzi ho sentio dir che le pule se varda più co le xe promesse, che avanti; perchè co le xe novizze, i novizzi co la cossa de dir l’ha da esser mia mugier, i se tol de le libertà che no sta ben. Me recordo mia mare, povereta, che la me lo diseva: senti, se ti te maridi, no vogio brui longhip; no vogio deventar mata a farte la guardia.

Pasqualino. Donca domattina se sposeremo.

Bettina. Farò quel che volè.

Pasqualino. Me lo disè co la bocca streta.

Bettina. Certo che a farlo cussi, no gh’ho tropo37 alegrezza de cuor.

Pasqualino. Ghe vol pazenzia; almanco saremo sposai.

Bettina. E po?

Pasqualino. E po... No so cossa dir.

SCENA XVII.
Catte e detti.

Catte. Puti, puti, povereta mi! Xe qua sior Pantalon.

Bettina. Oh, ve l’ho dito. No la finivi mai d’andar via. (a Pasqualino)

Pasqualino. Dove xelo?

Bettina. L’ho visto ch’el vien in gondola. L’ariva giusto adesso su la fondamenta38.

Pasqualino. Cossa hogio da far?

Bettina. No so gnanca mi. [p. 463 modifica]

Catte. Fè una cossa. Caleve zoso da quel balcon.

Bettina. Certo, povereto! Che vogio che el me se copa!

Pasqualino. Eh, el xe basso, no gh’abiè paura.

Bettina. No vogio, no vogio.

Catte. Velo qua ch’el vien.

Pasqualino. Varè come che se fa. (corre e salta dalla finestra)

Bettina. Oh povereta mi! (corre alla finestra)

Catte. Lassa ch’el vaga, che dei omeni no ghe ne manca.

SCENA XVIII.
Pantalone e dette.

Pantalone. Creature, dove seu?

Catte. Semo qua, sior Pantalon.

Pantalone. Cossa fala al balcon Bettina?

Catte. La varda el tempo.

Pantalone. Oe, bella putta, gnanca?

Bettina. Oh, la xe ela, sior Pantalon? No l’aveva miga visto.

Pantalone. Gran attenzion a quel balcon! Bisogna che ghe sia qualcossa de bello.

Bettina. Cossa vorlo che ghe sia? Mia nona in cuzzolonq.

Pantalone. Veggio mo veder mi cossa ghe xe. So mi quel che digo.

Bettina. Che rabia ch’el me fa. Via, no se varda i fati d’altri.

Pantalone. (Va verso la finestra.)

Catte. (Lassa ch’el vaga). (piano a Bettina)

Bettina. (El tabaro?) (a Cate)

Catte. (Che tabaro?) (a Bettina)

Bettina. (Pasqualin ha lassà el tabaro). (a Cale)

Catte. (Varè che matto!) (da sè)

Bettina. Via, halo visto?

Pantalone. Siora sì; de chi xe sto tabaro? (lo porta con sè) [p. 464 modifica]

Catte. Varè che casi! De mio mario.

Pantalone. Mi no gh’ho mai visto tanto.

Catte. El se l’ha compra l’altro zorno; ghe giera qualche macchia, e mi l’ho messo al sol.

Pantalone. Orsù, vegnì qua, siora Bettina, che v’ho da parlar.

Bettina. La diga pur.

Pantalone. Quel vostro caro sior Pasqualin xe vegnù a parlarme per vu.

Bettina. E cussì?

Pantalone. E cussì gho dito de no.

Bettina. Pazenzia39.

Pantalone. Mo pazenzia seguro. Ma ho savesto tutto. Ghe giera de mezzo un certo Marchese. Basta, ghe remedierò mi. (osserva in dito a Bettina l’anello) Olà? Coss’è sto negozio? Anelli, patrona? Anelli?

Bettina. (Oh povereta mi!) (da sè)

Pantalone. Lasse veder mo sta bella turchese?

Catte. Nevvero, sior Pantalon? No xela bela?

Pantalone. Seguro che la xe bella. Xelo qualche regalo? Xelo qualche segno?

Bettina. Oh giusto! Segno. Vare cossa ch’el dise!

Catte. Nol la cognosse! La xe la mia turchese. Mio mario me l’ha scossa40.

Pantalone. Bisogna che vostro mario abbia sassinà qualchedun. Nol laora mai.

Catte. No la sa? L’ha eredità dai so parenti de Bergamo.

Pantalone. Sì, me consolo. E perchè mo la vostra turchese ghe la feu portar a Bettina?

Catte. Perchè la man me xe vegnua grassa, e no la me sta più ben.

Bettina. (Mi no so dove la le trova forar). (da sè)

Catte. Anzi la vogio vender. A mia sorela la ghe sta tanto ben. Sior Pantalon, la ghe la doverave pagar a Betina. [p. 465 modifica]

Pantalone. La tioressi? (a Bettina)

Bettina. Sior sì.

Pantalone. Quanto voleu?

Catte. Oe, l’ho comprada co m’ho fatto novizia da quel orese de la Fortuna41, che sta per andar a Castello, e gh’ho dao vintiotto lire42, che ghe giera presente mio compare Tita, che anzi el m’ha impresta cinquanta soldi, che me mancava. Ho podesto tocar43 diese volte un zechin anche da la pistoras. La ghe domanda, se la xe la veritae; ma per esser elo, e acciochè la gh’abbia mia sorela, per un zechin44, se el la vol, ghe la dago.

Pantalone. Tiolè, questo xe un zechin; e vu godè la turchese per amor mio.

Bettina. Grazie, sior Pantalon.

Catte. (Anca questo xe bon. Chi no se agiuta, se niegat). (da sè) Senti, sorella, vogighe ben sa a quelo che t’ha dona la turchese.

Bettina. E come che ghe vogio ben!

Catte. Puoi esser che un zorno el sia to mario.

Bettina. Così spero.

Pantalone. Comuodo? Olà? Diseu da seno?

Bettina. Via via, sior Pantalon, noi staga subito a montar su i zimbani45.

Pantalone. Basta, la descorreremo. Sappiè, fia mia, che con quel sior Marchese, che v’ho dito, avemo taccà barufa. El s’ha protestà, che per amor, o per forza, el ve vol menar via; e so che ghe xe zente pagada, che sta notte ha da vegnir a buttarve zoso la porta. Son sta avisà da un dei so omeni, che me cognosse, e che me vol ben. [p. 466 modifica]

Bettina. Oh povereta mi! Cossa sentio?

Pantalone. Donca ho risolto che vu e vostra sorella monte in t’una barca con mi, e che andemo da vostra amia46 caleghera47. La sta zo de man48; nissun saverà gnente, e là sarè più segura.

Bettina. Ma mi, sior Pantalon...

Catte. Sì ben, sì ben: el dise ben; no bisogna rischiarse. Andemo da nostra sior’amia. (No dubitar, che a Pasqualin ghe l’aviserò49 mi), (piano a Bettina) Gh’averemo più libertà.

Pantalone. Se no, precipitare vu, e me fare precipitar anca mi.

Bettina. No so cossa dir. Farò quel che la vol ela, sior Pantalon.

Pantalone. Brava, cussì me piase. Metteve la vostra vesta, el vostro zendà, e vegnì via anca vu, siora Catte. Sta sera vegniremo a tior la roba.

Catte. Sior sì, sior sì, come che el vol.

Bettina. Vago a vestirme.

Pantalone. Andè, intanto farò zirar la barca.

Bettina. (El cielo m’agiuta. No vorave andar de palo in frascau. Caro Pasqualin, dove xestu, anema mia. No te vorave perder; no vorave, che ti t’avessi fato mal). (parte)

Catte. Betina ghe vol ben, sala, sior Pantalon.

Pantalone. Diseu da seno, fìa mia?

Catte. Sì, in veritae anca.

Pantalone. Credeu che col tempo...

Catte. Perchè no? La lassa far a mi. A le pute bisogna farghe dei regali. Za, la senta, a sto mondo semo tuti compagni. L’amor vien da l’amor, e l’amor vien da l’utile, diseva una certa Lustrissima che cognosso mi. Dàtoli fa mandàtoliv. (parte)

Pantalone. Pur troppo la xe la verità. A sto mondo tutti opera per interesse, e le donne principalmente le xe pezo de le sansughe. No le se contenta mai. Mi spendo volentiera, acciochè Bettina se conserva una bona putta, e co la speranza che un [p. 467 modifica] zorno la me diga de sì. Chi sa? Le donne le gh’ha certi momenti, certi ponti de stella50, che no le pol51 dir de no, anca che le voggia. Tutto sta a conoscerli. Ma mi, che son volpe vecchia, anderò tastando, e una volta che troverò tenero, ghe impianto52 subito l’anello matrimonial. (parte)

SCENA XIX.
Strada.
Il marchese Ottavio e Brighella.

Brighella. Caro signor padron, no so cossa dir. Ho fatto de tutto, ma non ho fatto niente. Bettina la xe ostinada, e so sorella, che saria una donna de giudizio, no la poi far far Bettina a so modo. A le curte, in casa no se pol andar.

Ottavio. Se non vagliono le finezze, mi valerò della forza. La rapirò.

Brighella. Questa xe la più facile per aver el so contento. Za, secondo quel che la m’ha comanda, ho trova i omeni, e i xe in barca che i n’aspetta. Poco ghe manca a la sera; se la vol, andemo, e destrighemose avanti che la ne scampa.

Ottavio. In questa occasione avrei meco volontieri condotto un certo Livornese, che per menar le mani vale un Perù. Egli ha bastonato fieramente quel vecchio temerario di Pantalone.

Brighella. Oh bravo, gh’ho gusto da galantomo.

Ottavio. Se si potesse rinvenire, sarei contento della sua compagnia.

Brighella. Xelo quello, che ha parla al caffè con Vussustrissima.

Ottavio. Appunto quello, a cui ho date le due doppie.

Brighella. La lassa far a mi, che se lo vederò, lo farò andar in barca.

Ottavio. Vanne subito, che anch’io, per non dar sospetto, verrò per altra parte.

Brighella. La dise ben. Ghe la faremo veder a sta pettegola, (parte) [p. 468 modifica]

SCENA XX.
Il marchese Ottavio, poi la marchesa53 Beatrice e Tita barcaruolo.

Ottavio. Quando sarà nelle mie mani, si acquieterà.

Beatrice. Tant’è, io non posso soffrire il moto dell’acqua. Mi sento venir male, e mi conviene andar più tosto a piedi.

Tita. Adesso, Lustrissima, la lassa che liga la barca de là del rio, per no intrigar la riva. Desmonto a la fondamenta, passo el ponte, e son subito da ela.

Beatrice. Fate presto, non voglio restar sola. (Tita parte)

Ottavio. (Ecco quella cara gioja della mia signora consorte). (da sè)

Beatrice. (Ecco quel capo d’opera di mio marito). (da sè)

Ottavio. Bella figura, signora Marchesa, per Venezia a piedi!

Beatrice. Lo sapete, l’acqua mi fa male. Non poteva più se non scendeva, assolutamente crepava.

Ottavio. (Oh almeno fosse stata in alto mare, non averebbe potuto scendere!) (da sè)

Tita. Son qua, Lustrissima, son a servirla. (torna)

Beatrice. Signor consorte, mi favorirà d’accompagnarmi?

Ottavio. Signora no, davvero.

Beatrice. Ella è molto disobbligante.

Ottavio. Quanto ella è graziosa!

Beatrice. Dunque dovrò andare a casa sola, a piedi, col barcaruolo?

Ottavio. Dov’è il signor Conte? Dove sono i di lei serventi?

Beatrice. Sì, so perchè ricusate di venir meco. Perchè avete delle male pratiche.

Ottavio. Io? Pensate! Ho molto che fare ad attendere alla economia della casa.

Beatrice. Sì sì, alla economia. So tutto, signor Marchese.

Ottavio. Di me?

Beatrice. Di voi.

Ottavio. Male lingue, signora, male lingue. [p. 469 modifica]

Beatrice. Se io posso vedere quella cara vostra Bettina, le voglio dare un buon ricordo.

Ottavio. Orsù, signora, badate voi ai fatti vostri, che io bado ai miei. Ecco qui, queste signore mogli vogliono fare a modo loro, vogliono frequentare le conversazioni, cicisbeare, divertirsi, e poi pretendono esser gelose dei loro mariti.

Beatrice. Basta, so quel ch’io farò.

Ottavio. Signora Marchesa, vien sera, vada a casa, che l’aria non l’offenda.

Beatrice. Mi favorisca di venire con me.

Ottavio. Non posso servirla.

Beatrice. Sta sera si va alla commedia.

Ottavio. Buon viaggio.

Beatrice. Siete aspettato anche voi.

Ottavio. Aspettino pure.

Beatrice. Non verrete?

Ottavio. Signora no.

Beatrice. Signor Marchese, ho perduto dieci zecchini.

Ottavio. Perdesse la testa!

Beatrice. E li ho perduti sulla parola.

Ottavio. Mi dispiace.

Beatrice. Bisogna ch’io li paghi.

Ottavio. Li paghi.

Beatrice. Bisogna che voi me li diate.

Ottavio. Servitor umilissimo. (parte)

Beatrice. Bella maniera di trattar colla moglie! Quando i mariti si reggono così male, che cosa hanno a fare le donne? Una dama della mia sorta non ha da poter perdere dieci zecchini? Sì, ne perderò cento, dugento; e se a mio marito premerà l’onor della casa, dovrà pagarli. Spende il Marchese, voglio spendere anch’io; getta egli denaro, voglio gettarlo anch’io. Se va in rovina la casa, voglio poter dire d’avere avuta la mia giusta porzione. (parte col barcaruolo) [p. 470 modifica]

SCENA XXI.
Veduta di canale, colla gondola di Tita legata dalla parte opposta alla riva.

Vengono nel medesimo tempo due gondole, una condotta da missier Menego Cainello e l’altra da Nane barcaruolo; e venendo una da una parte e una dall’altra, s’incontrano, e per la ristrettezza del canale, per ragione anco della gondola di Tita, non possono passare, e si fermano. Ciascheduno dei due pretende che l’altro retroceda, e dia luogo.

Nane. Sia54 ti, che vago de longo.

Menego. Anca mi vago de longo: dà in drio do vogae, che passemo tutti.

Nane. Mi in drio? Dà ti in drio, che ti va a segonda.

Menego. Mi so cargo, fradello, no posso siar.

Nane. Gnanca mi no me movo: ghe n’ho tre in barca.

Menego. Se ti ti ghe n’ha tre, e mi ghe n’ho cinque.

Nane. O cinque, o sie, toca a ti a darme liogo.

Menego. Chi lo dise che toca a mi? Ti xe mato in te la testa. No ti vedi? Se dago indrio, gh’ho più de cinquanta barche per poppe; bisogna che vaga fin in canal. Ti, co ti ha scapolao tre barche, ti me dà liogo.

Nane. Via, paron Menego, no ve fe nasar.

Menego. A mi ti me voressi insegnar? A mi che xe vint’anni che vogo in regata?

Nane. Se ti ti voghi in regata, e mi so el mio mistier, e te digo che a ti te toca siar.

Menego. Eh via, mòleghe.

Nane. Se no ti fussi più vecchio de mi, te vorave far siar55 a forza de remae.

Menego. Co quel muso?

Nane. Sì ben, co sto muso.

Menego. Via, va a vogar in burchio.

Nane. Via, va a vogar in galiota. [p. 471 modifica]

Menego. Xestu da Cavarzere, o da Pelestrina? Ah dindio56!

Nane. Vustu zogar, che te buto la bareta in acqua?

Menego. Senti, gh’ho prudenza, perchè gh’ho el paron in barca, da resto....

Nane. Anca mi gh’ho el paron, e vogio tirar de longo.

Menego. Credistu che no te cognossa, che ti xe barca da tragheto?

Nane. E cussi? Chi spende i so bezzi, xe paroni.

Menego. Olà, me dastu liogo?

Nane. No, stago qua fin doman.

Menego. Gnanca mi no me movo.

Nane. Piutosto57 a fondi, che siar.

Menego. Piutosto in lochi, che dar indrio.

Nane. Dà indrio, fionazzo58 d’una quinta in cope.

Menego. Sia ti, semenza de buovoli59.

Nane. Mi so inchiodao, vara.

Menego. E mi incastro el remo. (pianta il remo in fondo del canale)

Nane. Cossa dixela? Che daga indrio? Gnanca se la me dà diese zecchini. Se la vol desmontar, che la desmonta, ma mi de qua no me movo. (si abbassa a parlare colle persone che sono in gondola)

Menego. Ma caro lustrissimo, ghe va de la mia reputazion; no vogio che colù con quela mozza60, me la fazza veder a mi. (anch’egli parla con chi ha in gondola)

Nane. Coss’è sta mozza, sier omo de stuco?

Menego. Vustu zogar che te buto el fero in aqua?

Nane. Gh’ho dito, che se la vol desmontar, che la desmonta, che a mi no me n’importa del nolo. La vogio mo veder mi co sto sior da regata. (parla come sopra)

Menego. Lustrissimo sì, sarà megio che la vaga in terra. No dago indrio, se credo de perder el pan. (come sopra)

Nane. Vara! Per causa toa i mi spazizieri desmonta. Ti me la pagherà. [p. 472 modifica]

Menego. Son omo de darte sodisfazion.

Nane. Me parerave de rider a butarte in rio.

Menego. No gh’ho paura nè de ti, ne de diese de la to sorte.

Nane. Oà. Oà.

Menego. O aseno!

Nane. Ah porco!

Menego. Ah manzo!

SCENA XXII.
Sbarcano dalla gondola Nane, Pantalone, Catte e Bettina, ambe in zendale, e i detti.

Pantalone. Vardè, che diavolo de vergogna! Costori, per no siar, i obliga i spazizieri a vegnir in terra.

Bettina. Oh, che paura che ho buo!

Catte. Anca mi tremo tuta, varè. Mai più vago in barca. Sior Pantalon, no vorave che el spasemo me fasse vegnir qualche mal, andemo a bever do soldeti de garba61?

Pantalone. Perchè no? Volentiera.

Menego. Lustrissimo, xe megio che la desmonta anca ela. Sto musso62 no vol dar liogo.

Nane. Tira el fiao.

SCENA XXIII.
Sbarca dalla gondola di Menego il marchese Ottavio con i tre uomini, Lelio e i detti.

Ottavio. Che vedo! Qui Bettina con sua sorella! Questa è quella che vado cercando. Prendete quelle donne e conducetele dove sapete. (prendono le due donne per le braccia)

Bettina. Agiato, agiuto!

Catte. Misericordia! (sono condotte via dagli uomini e dal Marchese) [p. 473 modifica]

SCENA XXIV.
Pantalone, Lelio ed i due gondolieri.

Pantalone. Zente, soccorso, fermèli.

Lelio. (Questi è mio padre). (da sè)

Pantalone. Ti ti è qua? Tocco de desgrazià. Ti meriteressi che te mandasse in galia; ma vien qua, agiuteme in sta occasion, e te perdono tutto.

Lelio. Cos’è questo tu? Che confidenza è questa?

Pantalone. No ti me cognossi che so to pare?

Lelio. Voi mio padre? Che diavolo dite? Io sono di Toscana, e voi di Venezia; come potete esser mio padre.

Pantalone. Ma no seu vu Lelio Bisognosi?

Lelio. Eh pensate! Io son Aristobolo Maccaleppi.

Pantalone. Me gera stà dito... basta, no sarà vero. (Me pareva impussibile ch’el fio volesse bastonar el63 pare). (da sè)

SCENA XXV.
Tita barcaruolo, e detti.

Tita. Oh sior Lelio caro, giusto vu ve cervava.

Lelio. Zitto, in malora.

Tita. Sior Pantalon, hala fatto pase co so fio?

Lelio. Oh maledetto!

Pantalone. Con qual mio fio?

Tita. Qua co sior Lelio.

Pantalone. Questo xe Lelio?

Tita. Oh bella! Questo.

Lelio. Che ti venga la rabbia, barcaiuolo del diavolo. (parte)

Pantalone. Ah furbazzo! Ti me minchioni? Te chiaperò, desgrazià. E Bettina? Povera colomba! La xe in te le man del falcon. E sto infame de mio fio? Povero pare! Povero Pantalon! Tra l’amor e la rabbia me sento crepar el cuor. (parte) [p. 474 modifica]

SCENA XXVI.
I tre gondolieri.

Nane. Anemo, adesso che ti xe vodo, dastu indrio? (a Menego)

Menego. Sia ti, che ti xe vodo come che so mi.

Nane. Vusto zogar che co sto remo te spaco la testa?

Menego. Vien a mezzo, se ti vol che te daga gusto.

Nane. In terra, se ti è galantuomo.

Tita. Zito, fradei, zito, fermeve. Lasseme vegnir in barca, che ve darò liogo. Perchè no l’aveu destrigada? (va alla sua barca, passando per le altre due)

Menego. Me meravegio, fazzo el mastier come ch’el va fato. Le barche dei galantomeni no le se desliga, no le se manda a torzio64. (a Tito)

Tita. Tiolè, andè, ch’el cielo ve benadiga. (parte colla gondola)

Nane. Ti gh’ha rason che quel galantomo m’ha fatto liogo; da resto, viva Cochieto, che ti andavi a casa senza testa. (s’incammina colla gondola)

Menego. Te voleva tagiar a tochi, vara; e volava ch’el pezzo più grando fusse una recchia. (fa lo stesso)

Nane. Spacamonti! (allontanandosi colla gondola)

Menego. Capitan Covielo! (allontanandosi colla gondola)

Nane. Ah musso!

Menego. Ah dindio! (maltrattandosi partono colle loro gondole)

Fine dell’Atto Secondo.



Note dell'autore
  1. Con questo vocabolo si chiamano quelli che vogano per passatempo.
  2. Imperito.
  3. Maccherone, goffo.
  4. È una specie di stocco all’antica.
  5. Ci pensi chi ha l’impaccio.
  6. Il galante, l’innamorato.
  7. Far a meno.
  8. Vale a dir qualche parola mordente, sbottoneggiare.
  9. Vi verrete a noia.
  10. Come la barca di Padova è comune a’ passeggieri, così qui il gondoliere intende di dire a Bettina, che sia donna comune.
  11. Piangi, piangi.
  12. Cedendo.
  13. Non s’adiri.
  14. Tutto questo ragionamento allegorico, tratto dal vogare e dalla barca, significa ch’egli credea trovare amor per sè; che vedendo la donna brusca, si ritira, ma contrasterà agli sponsali di suo figliuolo.
  15. Nastro.
  16. Lungagnole, indugi.
  17. Significa: non ci può essere cosa veruna; perchè a dire che vi sia una vecchia coccoloni, o che siede sulle calcagna, è quanto dire non v’è nulla.
  18. Donde tragga le invenzioni.
  19. Venditrice di pane.
  20. Chi non s’aiuta, s’annega. Conviene adoperarsi, e affaticarsi, e ghiribizzare per cavarsi di stento.
  21. Andar dalla padella sui carboni, o da un luogo all’altro, come gli uccelli.
  22. Il donare fa che altri dia.
Note dell'editore
  1. Sav. e Zatta: da.
  2. «Voce marin. Specialmente nelle tartane pescarecce voga sulla poppa il padrone, e a prua i pescatori giovani, cioè di minor età; quelli di età maggiore vogano a mezza barca; e questi si dicono volgarmente bara, come se si dicesse barba (zio), ch'è titolo di persona attempata»: Boerio, Diz. cit.
  3. Sav. e Zatta: portà.
  4. Gialla.
  5. Cruschello.
  6. Sav. e Zatta: barcarioi.
  7. Dietro.
  8. Alla maniera di quelli che vogano nelle galere.
  9. Quando (egli) era.
  10. Le parole che seguono, non si leggono nelle edd. Sav. e Zatta.
  11. O zaletini: ghiottornia di farina gialla e uva, condita col burro. V. Boerio.
  12. Donna dell’ordine dei cittadini.
  13. E che si.
  14. Calci.
  15. Canaregio  1 ,disse uno, è il viso sotto. Fare un viso di sotto, quando stilla quel che nel ventre smaltito si serba  2
    1. In tutte le edd. di Goldoni ti trova stamp. Canareggio.
    2. Certo allude l’autore alla tradizione popolare che il nome di Cannaregio, sestiere di Venezia, vuol derivare da canal regio.
  16. Sav. e Zatta qui e sopra senza l’interrogativo.
  17. Pantofola.
  18. Ora Bosnia.
  19. Fa lo sfacciato, datti animo.
  20. Barca corriera: v. il vol. precedente, a pag. 550.
  21. «Ossatura del cassero de’ polli ecc.»: Boerio. Qui ventre: v. a pag. 16.
  22. L’isoletta di Poveglia, nel tratto di laguna a mezzogiorno di Venezia: e s’incontra venendo dal porto di Malamocco e da quello di Chioggia.
  23. Fischiare, zufolare.
  24. «Sior sì ben e ste cosse, maniera di gergo o meglio di reticenza» usata da chi non osa proferire «parola sconcia o disonesta»: Boerio cit.
  25. Suocero.
  26. Sav. e Zatti: da.
  27. Viso.
  28. Comincia ad essere rivale.
  29. Mareggia, ondeggia.
  30. «Azione del remo, per cui la barca s’arresta dal cammino o dà indietro»: Boerio, l. c.
  31. Si ricordi che il ducato d’argento, o effettivo, pari a 8 lire venete, valeva allora lire italiane 4.37 circa.
  32. Sav. e Zatta: un pochi.
  33. «Far le spese a una cossa, vale conservarla, custodirla»: Boerio cit.
  34. Cavi di mano.
  35. Accorta.
  36. Sbrighiamola  1
    1. Azza, refe, gugliata.
  37. Zatta: troppa.
  38. Fondamente si chiamano a Venezia le strade lungo i canali. V. Boerio e altri.
  39. Bettin., Paper, ecc.: pacienza.
  40. Riscossa al Monte di pietà.
  41. All’insegna della Fortuna.
  42. La lira veneta valeva allora lire italiane 0,546 e suddividevasi in 20 soldi, il soldo in 12 bagattini.
  43. «Tocar bezzi, pigliar danari, per lo più vendendo la sua mercanzia»: Boerìo cit.
  44. Lo zecchino, o ducato d’oro, pari a 22 lire venete, valeva allora lire italiane 12.012 circa
  45. A mettersi in isperanza, e gloriarsene.  1
    1. Zimbano o cimbano, cembalo.
  46. Zia.
  47. La moglie del calzolaio (calegher).
  48. Fuori di mano. Boerio.
  49. Zatta: ghe lo dirò.
  50. Positura delle stelle e quindi influssi.
  51. Sav. e Zatta: sa.
  52. Sav. e Zatta: darò.
  53. Le edd. del Settecento portano stampato, quasi sempre, la Marchese.
  54. Dar una siada, v. più indietro, n. 2, p. 458.
  55. Sav. e Zatta, per isbaglio: star.
  56. Pollo d’India; e quindi scimunito, castrone ecc. V. Boerio.
  57. Bettin.: pitosto.
  58. Dispregiativo di fio, figlio.
  59. Bòvoli, chiocciole.
  60. Gondola vecchia e rattoppala: V. Boerio, l. c.
  61. Malvasia «brusca»: Boerio.
  62. Asino, somaro; e quindi ostinato.
  63. Sav. e Zatta: so.
  64. Abbandonate alla corrente.