Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/466

456 ATTO SECONDO

Menego. E cussi, siora, che pretension gh’ala sora quel puto?

Bettina. Mi? Gnente.

Menego. Cossa vienlo in casa vostra?

Bettina. Mi no l’ho chiamaà.

Menego. Se no l’avè chiamà sta volta, l’averè chiamà un’altra.

Bettina. In casa mia nol ghe xe mai più vegnù.

Menego. Eh via!

Bettina. No, da puta.

Menego. Zito, no disè ste brute parole.

Bettina. Ma, caro missier Menego, sento che me tochè sul vivo, e no posso più taser. Sì ben, vostro fio me fa l’amor, lu me vol ben a mi, e mi ghe ne vogio a elo, e s’avemo anca promesso; e giusto per causa vostra, siben in casa mia nol ghe xe mai vegnù, el s’ha tiolto sta libertà. Sì ben, per causa vostra tuto lagreme e desperà, el xe vegnù a tentarme de scampar via. No l’ho volesto far, perchè son una puta onorata; e vu me botizè, me strapazzè, me tiolè in cativo concetto! Pazenzia, tuto sofrirò per amor del mio Pasqualin. (piange)

Menego. (Poverazza! Adesso adesso pianzo anca mi), (da sè) Se lo volevi per mario, l’aveva da saver anca mi.

Bettina. Tocava fursi a mi a vegnirvelo a dir? Nualtre povere pute cerchemo onoratamente de maridarse. Se vien un zovene a parlarne, e se el ne vol per mugier, no gh’avemo miga l’obligo de saver se el pare sarà contento. Contenteve, missier Menego, che avè da far con una puta da ben, che un’altra fursi a st’ora la v’averave fato deventar nono, avanti che deventessi missier1.

Menego. Fia cara, no so cossa dir. Ve compatisse, ma vedè che mio fio nol xe in stato de maridarse. El xe ancora zovene, e nol gh’ha muodo de 2 mantegnir la mugier.

Bettina. Mi no gh’ho pressa. Aspeterò quanto che volè.

Menego. (El babio3 no xe cativo, el moto no me despiase. Adessadesso el pare scomenza a vogar sul remo4 a so fio). (da sè)

  1. Suocero.
  2. Sav. e Zatti: da.
  3. Viso.
  4. Comincia ad essere rivale.