Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/472

462 ATTO SECONDO

Bettina. E per questo?

Pasqualino. Posso star co la mia novizza.

Bettina. Sior sì, se no fussimo soli, se ghe fusse mia sorela, ghe poderessi star.

Pasqualino. Mi no me par che sta cossa nissun la usa?

Bettina. Sior sì, che i la usa. Anzi ho sentio dir che le pule se varda più co le xe promesse, che avanti; perchè co le xe novizze, i novizzi co la cossa de dir l’ha da esser mia mugier, i se tol de le libertà che no sta ben. Me recordo mia mare, povereta, che la me lo diseva: senti, se ti te maridi, no vogio brui longhia; no vogio deventar mata a farte la guardia.

Pasqualino. Donca domattina se sposeremo.

Bettina. Farò quel che volè.

Pasqualino. Me lo disè co la bocca streta.

Bettina. Certo che a farlo cussi, no gh’ho tropo1 alegrezza de cuor.

Pasqualino. Ghe vol pazenzia; almanco saremo sposai.

Bettina. E po?

Pasqualino. E po... No so cossa dir.

SCENA XVII.
Catte e detti.

Catte. Puti, puti, povereta mi! Xe qua sior Pantalon.

Bettina. Oh, ve l’ho dito. No la finivi mai d’andar via. (a Pasqualino)

Pasqualino. Dove xelo?

Bettina. L’ho visto ch’el vien in gondola. L’ariva giusto adesso su la fondamenta2.

Pasqualino. Cossa hogio da far?

Bettina. No so gnanca mi.

  1. Lungagnole, indugi.
  1. Zatta: troppa.
  2. Fondamente si chiamano a Venezia le strade lungo i canali. V. Boerio e altri.