Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/454

444 ATTO SECONDO

Pantalone. Za so cossa che volè dir. Sè innamora de Bettina, e la voressi per muggier.

Pasqualino. La l’ha indivinada a la prima.

Pantalone. E mi in do parole ve sbrigo. No ve la veggio dar.

Pasqualino. Mo perchè no me la vorla dar?

Pantalone. Mi no v’ho da render altri conti. Ve parlo schietto, e batèvela.

Pasqualino. Songio fursi qualche baron?

Pantalone. Sè uno che no gh’ha pan da magnar.

Pasqualino. La sapia che me son liogà.

Pantalone. Sì, bravo; cossa feu, caro vecchio; andeu a vender zaletti caldi1?

Pasqualino. Stago in casa de sior Marchese per solo scrivan.

Pantalone. Me ne rallegro: el ve darà un bon salario; poderè metter su casa; tratterà la muggier come una zetadina2.

Pasqualino. Mi no gh’ho da pensar gnente. La menerò in casa del paron, e lu farà tuto quelo che bisogna.

Pantalone. Ah, la menerè in casa del paron! Vu no gh’ave da pensar gnente! Lu el farà tutto quello che bisogna! Ah, ah, ah, che caro putto! Me piase, avè trova un bon impiego, gh’avè un bon paron.

Pasqualino. Sior sì, e no gh’è bisogno che la s’incomoda dei dusento ducati, perchè el paron el li vol dar elo.

Pantalone. Meggio! Oh che garbato cavalier! Oh che putto de garbo! Oh che spirito! (Oh che aseno! Oh che minchion, se el lo crede!) (da sè)

Pasqualino. Donca xe fato tuto?

Pantalone. Oh! tutto.

Pasqualino. Posso andar...

Pantalone. Si, andè.

Pasqualino. A tior...

Pantalone. Sì ben, a tior...

Pasqualino. La mia cara Betina.

  1. O zaletini: ghiottornia di farina gialla e uva, condita col burro. V. Boerio.
  2. Donna dell’ordine dei cittadini.