Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/473


LA PUTTA ONORATA 463

Catte. Fè una cossa. Caleve zoso da quel balcon.

Bettina. Certo, povereto! Che vogio che el me se copa!

Pasqualino. Eh, el xe basso, no gh’abiè paura.

Bettina. No vogio, no vogio.

Catte. Velo qua ch’el vien.

Pasqualino. Varè come che se fa. (corre e salta dalla finestra)

Bettina. Oh povereta mi! (corre alla finestra)

Catte. Lassa ch’el vaga, che dei omeni no ghe ne manca.

SCENA XVIII.
Pantalone e dette.

Pantalone. Creature, dove seu?

Catte. Semo qua, sior Pantalon.

Pantalone. Cossa fala al balcon Bettina?

Catte. La varda el tempo.

Pantalone. Oe, bella putta, gnanca?

Bettina. Oh, la xe ela, sior Pantalon? No l’aveva miga visto.

Pantalone. Gran attenzion a quel balcon! Bisogna che ghe sia qualcossa de bello.

Bettina. Cossa vorlo che ghe sia? Mia nona in cuzzolona.

Pantalone. Veggio mo veder mi cossa ghe xe. So mi quel che digo.

Bettina. Che rabia ch’el me fa. Via, no se varda i fati d’altri.

Pantalone. (Va verso la finestra.)

Catte. (Lassa ch’el vaga). (piano a Bettina)

Bettina. (El tabaro?) (a Cate)

Catte. (Che tabaro?) (a Bettina)

Bettina. (Pasqualin ha lassà el tabaro). (a Cale)

Catte. (Varè che matto!) (da sè)

Bettina. Via, halo visto?

Pantalone. Siora sì; de chi xe sto tabaro? (lo porta con sè)

  1. Significa: non ci può essere cosa veruna; perchè a dire che vi sia una vecchia coccoloni, o che siede sulle calcagna, è quanto dire non v’è nulla.