Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/461


LA PUTTA ONORATA 451

Lelio. Signor, perdonate...

Pantalone. Via, furbazzo, che te sbuso el corbame1.

Lelio. (Mi conviene fuggir l’impegno). (da sè, parte)

SCENA IX.
Pantalone, poi Tita barcaruolo.

Pantalone. Ti scampi? Te arriverò, desgraziao. (volendo inseguir Lelio)

Tita. Saldi, sior Pantalon, con chi la gh’ala? (lo ferma)

Pantalone. Lassème andar; lassè che lo mazza colù.

Tita. Cossa gh’alo fato?

Pantalone. Un affronto.

Tita. Mo sala chi xe quelo?

Pantalone. Mi no. Chi xelo?

Tita. Quelo xe sior Lelio, so fio.

Pantalone. Come? Mio fio? Quello? Eh via, no pol esser.

Tita. Che digo che el xe elo senz’altro.

Pantalone. Ma quando xelo vegnuo? Come? No so in che mondo me sia.

Tita. El xe arivà sta matina co la corriera de Fiorenza. L’è montà in gondola a Poveggia2), e l’ha vogà a mezzo fin a Venezia.

Pantalone. E nol vien da so pare?

Tita. Poverazzo! El se voleva un poco devertir.

Pantalone. Devertirse? Far el sicario? Bastonar so pare? Ah furbazzo! Ah infame! Ah desgrazià! Poveri i mi bezzi mal spesi! Sto bel mistier l’ha impara a Livorno? L’anderà in galìa, l’anderà su la forca; e mi, povero pare, averò da suspirar. Ande là, trovelo, menemelo a casa. Diseghe che no so in colera. No lo lassè andar via. Caro amigo, no me abbandona. Presto, corrè. Dove saralo andà? Oh che fio! Oh che gran fio! (parte)

  1. «Ossatura del cassero de’ polli ecc.»: Boerio. Qui ventre: v. a pag. 16.
  2. L’isoletta di Poveglia, nel tratto di laguna a mezzogiorno di Venezia: e s’incontra venendo dal porto di Malamocco e da quello di Chioggia.