Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/481


LA PUTTA ONORATA 471

Menego. Xestu da Cavarzere, o da Pelestrina? Ah dindio1!

Nane. Vustu zogar, che te buto la bareta in acqua?

Menego. Senti, gh’ho prudenza, perchè gh’ho el paron in barca, da resto....

Nane. Anca mi gh’ho el paron, e vogio tirar de longo.

Menego. Credistu che no te cognossa, che ti xe barca da tragheto?

Nane. E cussi? Chi spende i so bezzi, xe paroni.

Menego. Olà, me dastu liogo?

Nane. No, stago qua fin doman.

Menego. Gnanca mi no me movo.

Nane. Piutosto2 a fondi, che siar.

Menego. Piutosto in lochi, che dar indrio.

Nane. Dà indrio, fionazzo3 d’una quinta in cope.

Menego. Sia ti, semenza de buovoli4.

Nane. Mi so inchiodao, vara.

Menego. E mi incastro el remo. (pianta il remo in fondo del canale)

Nane. Cossa dixela? Che daga indrio? Gnanca se la me dà diese zecchini. Se la vol desmontar, che la desmonta, ma mi de qua no me movo. (si abbassa a parlare colle persone che sono in gondola)

Menego. Ma caro lustrissimo, ghe va de la mia reputazion; no vogio che colù con quela mozza5, me la fazza veder a mi. (anch’egli parla con chi ha in gondola)

Nane. Coss’è sta mozza, sier omo de stuco?

Menego. Vustu zogar che te buto el fero in aqua?

Nane. Gh’ho dito, che se la vol desmontar, che la desmonta, che a mi no me n’importa del nolo. La vogio mo veder mi co sto sior da regata. (parla come sopra)

Menego. Lustrissimo sì, sarà megio che la vaga in terra. No dago indrio, se credo de perder el pan. (come sopra)

Nane. Vara! Per causa toa i mi spazizieri desmonta. Ti me la pagherà.

  1. Pollo d’India; e quindi scimunito, castrone ecc. V. Boerio.
  2. Bettin.: pitosto.
  3. Dispregiativo di fio, figlio.
  4. Bòvoli, chiocciole.
  5. Gondola vecchia e rattoppala: V. Boerio, l. c.