Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/451


LA PUTTA ONORATA 441

Pasqualino. Oh cara mare, me console tuto. Vago a dirghe a la mia novizza, che vu se contenta. Ma se me volè ben, fè contentar missier pare. Ah, veramente xe la veritae, le mare le xe quele che gh’ha più compassion dei fioli. L’amor de mare supera tuti i altri amori del mondo. (parte)

SCENA II.
Donna Pasqua sola.

Pur troppo xe la veritae, che l’amor de mare l’è grando. Per questo ho fato quel che ho fato. Per questo ho arlevà mio fio Pasqualin, che no xe mio fio, e scambiando in cuna el mio vero fio... O là, o là, paroni, con quela gondola, vardè che no me butè a fondi el batelo. (si vede arrivare una gondola, che obbliga il battello a ritirarsi) Toffolo. (al barcaruolo del battello) Daghe liogo. Sti barcarioli no i gh’ha gnente de descrizion. Mare de diana! Che se i vien a Pelestrina, vogio che ghe demo de le remae.

SCENA III.

Viene la gondola alla riva, da cui sbarcano Lelio, mezzo spogliato per aver remigato in gondola, e Tita barcaruolo. Donna pasqua in disparte.

Lelio. Oh che gusto! Oh che gusto! Oh quanto mi piace questo vogare! Camerata, voglio che ci divertiamo. Venitemi a ritrovare, che daremo delle buone vogate.

Pasqua. (Vardè, un ricco che ha vogao; el sarà qualche solaziera). (da sè)

Tita. La xe ancora grezob in tel vogar, ma col tempo la se farà.

Lelio. A Livorno vi è il porto di mare, e una parte della città si chiama Venezia nuova, perchè vi sono alcuni canali. Là pure

  1. Con questo vocabolo si chiamano quelli che vogano per passatempo.
  2. Imperito.