Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/462

452 ATTO SECONDO

Tita. Pare e fio i me par do mati. Mi no ghe ne vogio saver. Dise el proverbio: chi gh’ha la rogna, se la grataa .(parte)

SCENA X.
Camera di Bettina.
Bettina, poi Pasqualino.

Bettina. Tiro le recchie, e no sento a subiar1. Pasqualin no vol che staga in altana, e gh’ho paura ch’el passa, e no sentirlo. Gran cossa xe sto amor. Tute le note m’insonio de elo. Tuti i mi pensieri i xe là con elo. Senza de elo son in tel fuogo, e col vien elo, me giubila el cuor. No vedo l’ora ch’el possa vegnir in casa liberamente. Gh’ho speranza che sior Pantalon se contenterà. El dixe che nol vol, ma el xe tanto bon, che el farà pò a mio muodo.

Pasqualino. Betina, seu sola?

Bettina. Cossa vèdio! Vu qua? Chi v’ha dao licenza che vegnì in casa?

Pasqualino. Compatirne, no ho podesto far de manco. Qua no gh’è tempo da perder. Bisogna che vegnì con mi.

Bettina. Pian pian, sior, co sto bisogna che vegnì co mi. No son miga vostra mugier.

Pasqualino. Sarè mia mugier, se vegnirè con mi.

Bettina. Moda niova. Prima andar col novizzo, e pò sposarse? No, fradel caro, l’avè falada.

Pasqualino. Dove credeu che ve vogia menar?

Bettina. Sposème, e pò vegnirò dove che volè.

Pasqualino. Via, destrighemose, demose la man.

Bettina. Si ben, maridemose co fa i cani. Me parè un bel mato.

Pasqualino. Se savessi tutto, no diressi cussì.

Bettina. Cossa ghe xe da niovo? Ho ben da saverlo anca mi. Senza de mi, no se fa la festa.

  1. Ci pensi chi ha l’impaccio.
  1. Fischiare, zufolare.