Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/449


LA PUTTA ONORATA 439

ATTO SECONDO.
SCENA PRIMA.
Strada con veduta di canale e casa di donna Pasqua.

Vedesi un battello carico d’erbaggi, che arriva con dentro Donna Pasqua e due barcaruoli di1 Pelestrina; poi Pasqualino di casa.

Pasqua. Qua, qua, fioi, arivè qua a sta riva. Olà, creature, ghe xelo mio mario? Bara2 Menego. (chiama verso la casa)

Pasqualino. Dona mare, seu vu? (esce di casa)

  1. Sav. e Zatta: da.
  2. «Voce marin. Specialmente nelle tartane pescarecce voga sulla poppa il padrone, e a prua i pescatori giovani, cioè di minor età; quelli di età maggiore vogano a mezza barca; e questi si dicono volgarmente bara, come se si dicesse barba (zio), ch'è titolo di persona attempata»: Boerio, Diz. cit.