Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/484

474 ATTO SECONDO

SCENA XXVI.
I tre gondolieri.

Nane. Anemo, adesso che ti xe vodo, dastu indrio? (a Menego)

Menego. Sia ti, che ti xe vodo come che so mi.

Nane. Vusto zogar che co sto remo te spaco la testa?

Menego. Vien a mezzo, se ti vol che te daga gusto.

Nane. In terra, se ti è galantuomo.

Tita. Zito, fradei, zito, fermeve. Lasseme vegnir in barca, che ve darò liogo. Perchè no l’aveu destrigada? (va alla sua barca, passando per le altre due)

Menego. Me meravegio, fazzo el mastier come ch’el va fato. Le barche dei galantomeni no le se desliga, no le se manda a torzio1. (a Tito)

Tita. Tiolè, andè, ch’el cielo ve benadiga. (parte colla gondola)

Nane. Ti gh’ha rason che quel galantomo m’ha fatto liogo; da resto, viva Cochieto, che ti andavi a casa senza testa. (s’incammina colla gondola)

Menego. Te voleva tagiar a tochi, vara; e volava ch’el pezzo più grando fusse una recchia. (fa lo stesso)

Nane. Spacamonti! (allontanandosi colla gondola)

Menego. Capitan Covielo! (allontanandosi colla gondola)

Nane. Ah musso!

Menego. Ah dindio! (maltrattandosi partono colle loro gondole)

Fine dell’Atto Secondo.



  1. Abbandonate alla corrente.