Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/469


LA PUTTA ONORATA 459

Catte. Fè una cossa, Pasqualin, deghe el segno, e domatina ve anderè a sposar.

Pasqualino. Betina, se ve lo darò, lo tioreu el segno?

Bettina. El segno?

Pasqualino. Sì ben; ve darò sta turchese.

Bettina. Quela turchese?

Catte. Via via, no far la vergognosa, che ti ghe n’ha più vogia de elo.

Pasqualino. Deme la man.

Bettina. Mi no.

Pasqualino. Come voleu che fazza a meterve el segno?

Bettina. Me lo meterò mi da mia posta.

Catte. Vegnì qua, vegnì qua. Cussi se fa. (aiuta Pasqualino a metter l'anello in dito a Bettina)

Pasqualino. Oh cara! (le stringe la mano)

Bettina. Via, sior baron.

Pasqualino. Semo promessi.

Bettina. Ma no semo sposai.

Catte. De diana! avemo dao el segno senza far un puoco de nozze? Gnanca se fossimo tanti pitochi.

Bettina. Eh, gh’ho altro in testa che nozze!

Pasqualino. Se missier pare el savesse, povereto mi!

Catte. Vostro pare el xe andà via, e nol se insonia che siè qua. Adesso gh’avemo un poco de libertà. Poderessimo star un pocheto alegramente. Disè, Pasqualin, gh’aveu bezzi?

Pasqualino. Mi no gh’ho altro che do ducati d’arzento1; ve ne darò uno, tiolè.

Catte. Cossa voleu? Anca questo xe qualcossa. Tioremo un poco de moscato e un poco2 de buzzolai. Demelo, e lassè far a mi.

Pasqualino. Xe tanto che ghe fava le spese3.

Catte. E co niovo che el xe.

Pasqualino. Ma no voria che perdessimo tempo, e che vegnisse zente.

  1. Si ricordi che il ducato d’argento, o effettivo, pari a 8 lire venete, valeva allora lire italiane 4.37 circa.
  2. Sav. e Zatta: un pochi.
  3. «Far le spese a una cossa, vale conservarla, custodirla»: Boerio cit.