Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/467


LA PUTTA ONORATA 457

Bettina. (Me par ch’el vaga un pocheto molandoa). (da sè) Via, caro missier Menego, abbiè compassion de mi, no me lasse morir da la desperazion. So che se un omo proprio, un omo da ben: gh’ho speranza che con mi no sarè crudel.

Menego. (Per Diana, che ste lagreme le me muove per un altro verso). (da sè)

Bettina. Si ben, ve cognosso che me volè ben. Caro missier, lasse che ve basa la man.

Menego. Tiolè pur, fia mia.

Bettina. Diseme niora, se me volè consolar.

Menego. Tutto quel che volè.

Bettina. Oe, no strenzè tanto, che me fè mal.

Menego. Sè cussi delicata?

Bettina. Via via, no me tochè i brazzi.

Menego. Se sarè bona con mi, mi sarò bon co vu.

Bettina. Come? Cossa intenderessi de dir?

Menego. Mio fio no gh’ha nè bezzi, nè giudizio. Piutosto tendeme a mi.

Bettina. Vostro fio el gh’ha più giudizio de vu, sior toco de vecchio mato. Ande via subito de sta casa. Gran cossa de sti malignazi omeni, che se i vede una dona, subito i se ingaluzza, e se i ghe toca una man, subito i perde el giudizio; e i vecchi i xe pezo dei altri. Vardè qua el bel sugetto! El cria al fio; nol vol ch’el fio fazza l’amor e pò, chi ghe tendesse, el saria capace de far elo, quelo che el fio no xe capace de far. Sentì, o tardi, o bonora, Pasqualin sarà mio mario, e vu ve renego de missier, de parente e de prossimo.

Menego. Via, via, siora, no la se scalda el figaob. Credeva de trovar bonazzac, e per questo sperava anca mi poder dar una scorsizada per sto canal; ma perchè vedo che s’ha levà

  1. Cedendo.
  2. Non s’adiri.
  3. Tutto questo ragionamento allegorico, tratto dal vogare e dalla barca, significa ch’egli credea trovare amor per sè; che vedendo la donna brusca, si ritira, ma contrasterà agli sponsali di suo figliuolo.