Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/480

470 ATTO SECONDO

SCENA XXI.
Veduta di canale, colla gondola di Tita legata dalla parte opposta alla riva.

Vengono nel medesimo tempo due gondole, una condotta da missier Menego Cainello e l’altra da Nane barcaruolo; e venendo una da una parte e una dall’altra, s’incontrano, e per la ristrettezza del canale, per ragione anco della gondola di Tita, non possono passare, e si fermano. Ciascheduno dei due pretende che l’altro retroceda, e dia luogo.

Nane. Sia1 ti, che vago de longo.

Menego. Anca mi vago de longo: dà in drio do vogae, che passemo tutti.

Nane. Mi in drio? Dà ti in drio, che ti va a segonda.

Menego. Mi so cargo, fradello, no posso siar.

Nane. Gnanca mi no me movo: ghe n’ho tre in barca.

Menego. Se ti ti ghe n’ha tre, e mi ghe n’ho cinque.

Nane. O cinque, o sie, toca a ti a darme liogo.

Menego. Chi lo dise che toca a mi? Ti xe mato in te la testa. No ti vedi? Se dago indrio, gh’ho più de cinquanta barche per poppe; bisogna che vaga fin in canal. Ti, co ti ha scapolao tre barche, ti me dà liogo.

Nane. Via, paron Menego, no ve fe nasar.

Menego. A mi ti me voressi insegnar? A mi che xe vint’anni che vogo in regata?

Nane. Se ti ti voghi in regata, e mi so el mio mistier, e te digo che a ti te toca siar.

Menego. Eh via, mòleghe.

Nane. Se no ti fussi più vecchio de mi, te vorave far siar2 a forza de remae.

Menego. Co quel muso?

Nane. Sì ben, co sto muso.

Menego. Via, va a vogar in burchio.

Nane. Via, va a vogar in galiota.

  1. Dar una siada, v. più indietro, n. 2, p. 458.
  2. Sav. e Zatta, per isbaglio: star.