Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/450

440 ATTO SECONDO

Pasqua. Sì, fio mio, vien qua, agiuteme che desmonta. (scende in terra)

Pasqualino. Cossa fali a Pelestrina? Stali ben?

Pasqua. Tuti ben, fio, tuti ben. Oe, portè in terra quale zuche baruche. (ai barcaruoli che scaricano gli erbaggi) Senti, ho portao1 de la farina zala2 e dei semolei3, che faremo dei meggioti. (a Pasqualino)

Pasqualino. Brava, dona mare, brava.

Pasqua. Cossa fa to pare? Dove xelo ficao?

Pasqualino. El sarà dal paron. Oh, se savessi quanto che avemo criao!

Pasqua. Perchè? Cossa xe intravegnuo? Co so via mi, sempre se cria.

Pasqualino. El vol che fazza el servitor de barca e mi no lo vogio far. No posso, no gh’ho genio, e no gh’ho abilità.

Pasqua. (Poverazzo, lo compatisso. Se vede che no l’è de razza de barcaroli4. Oh, s’el savesse de chi l’è fio, povereta mi!) (da sè)

Pasqualino. Sior Marchese me vol impiegar, e missier pare no vol.

Pasqua. To pare xe mato; lassa far a mi, fio mio, che lo farò far a mio muodo.

Pasqualino. Dona mare, mi me voria maridar.

Pasqua. Poverazzo! Sì ben, le mie raìse, maridete pur, se ti ghe n’ha vogia. Ho fato cussi anca mi, ve. De quindes’ani gh’aveva un putelo.

Pasqualino. Missier pare no vol.

Pasqua. Povero mato! I fioi, co i xe in ti ani, bisogna maridarli, se no... Basta, no digo altro. Dime, fastu l’amor?

Pasqualino. Sì ben.

Pasqua. Chi xela la to morosa?

Pasqualino. Betina lavandera, una puta da par mio.

Pasqua. (Se ti savessi chi ti xe, no ti diressi cussi). (da sè) So che la xe una bona puta, la cognosso, no la me despiase.

  1. Sav. e Zatta: portà.
  2. Gialla.
  3. Cruschello.
  4. Sav. e Zatta: barcarioi.