Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/465


LA PUTTA ONORATA 455

Bettina. Se me volè ben, no me lo disè mai più.

Pasqualino. Sè troppo ustinada.

Bettina. So una puta onorata.

Pasqualino. Ve sposerò.

Bettina. E alora vegnirò co vu.

Pasqualino. E intanto?

Bettina. E intanto vogieme ben.

Pasqualino. E se intanto morisse?

Bettina. Morir piutosto, ma se salva l’onor.

SCENA XI.
Menego Cainello e detti.

Menego. Olà, sior fio, v’ho trovà sul fato mi. Cossa feu in casa de sta petegola?

Pasqualino. (Rimane mortificato.)

Bettina. Via, via, no strapazzè, che finalmente son una puta da ben e onorata.

Menego. Sì ben, sì ben, onorata. La va via la barca de Padoaa, la va via! Anemo, sior desgrazià, fuora de qua subito, e a casa sta sera faremo i conti.

Pasqualino. Missier pare, ve domando perdonanza...

Menego. Adesso, adesso te dago la perdonanza co una dozena de pugni. Batevela, sior puoco de bon.

Pasqualino. (Povera Betina! Me despiase per ela! Me sento el cuor ingropà). (da sè, piangendo parte)

SCENA XII.
Bettina e Menego.

Menego. Fifa, fifab, bernardon maledeto. (dietro a Pasqualino)

Bettina. (L’ho dito, che se el vegniva in casa, nasceva qualche precipizio). (da sè)

  1. Come la barca di Padova è comune a’ passeggieri, così qui il gondoliere intende di dire a Bettina, che sia donna comune.
  2. Piangi, piangi.