Apri il menu principale

Il mostruosissimo mostro/Del significato dei colori. Trattato primo

Del significato dei colori. Trattato primo

../L'autore alli cortesi lettori ../Del significato dell'herbe, fiori. Trattato secondo IncludiIntestazione 15 gennaio 2019 25% Da definire

L'autore alli cortesi lettori Del significato dell'herbe, fiori. Trattato secondo


[p. 9 modifica]

De' Rinaldi - Il mostruosissimo mostro, 1584 (page 11 crop).jpg

D E L  S I G N I F I C A T O

D E I  C O L O R I.

De' Rinaldi - Il mostruosissimo mostro, 1584(1) (page 11 crop).jpg


Trattato primo.


FR A tutte l'altre maniere ritrouate dall'argutia dell'ingegno humano, per iſprimere i concetti, & le paſsioni dell'animo, giudico ſia ſtata nobiliſſima l'inuentione delle colorate diuiſe, & impreſe, imperoche leggiadramente con quelle ſi può far paleſe l'intrinſeco, & far conoſcere alle amate donne in quale ſtato, per amarle, ſi ritroui. Io adunque ne dirò quanto comporterà la mia debile forza, cominciando dal colore verde.

Fà di ſpene, e letitia il V E R D E moſtra.


QVanta ſperāza, & allegrezza apporti à mortali il verdeggiare delle nouelle frondi, herbe & fiori nel dolce tēpo della primauera, è manifeſto ad ogni vno, Imperoche, eſſendoſi partito da noi l'horrido, & canuto verno, il quale haueua (con il fremere de' gelati venti, che partoriſcono ghiacci, & neui.) fatto naſcondere ogni cosa alla terra, tornando le pioggie aride, & meſte, ſpogliando gli arbori delle loro [p. 10 modifica]

frondi, quella tornando di nuouo, ſgombra i ghiacci, & le neui, raſſerena l'aere, & veſte rinuerdiſce, & allegra il tutto, cangiando aſpetto alla terra, riueſtendola di verde herbette, & ſpargendola di vaghi, & odorati fiori, porgendo ſperanza à' mortali di raccogliere le deſiate biade, della quale allegrezza di primauera leggiadramente parlò, il Sannazaro nella prima egloga dell'Arcadia, & il Petrarca nel ſonetto.

Et in vn'altro luogo.

Zefiro torna, e'l bel tempo rimena,
E i fiori, e l'herbe, ſua dolce famiglia,
E garrir progne, e pianger Filomena,
E primauera candida, e vermiglia,
Ridono i prati, e'l ciel ſi raſſerena.
Gioue s'allegra di mirar ſua figlia,
L'aria, l'acqua, la terra è d'amor piena,
Ogni animal d'amar ſi racconſiglia.

Ne ſolo adorna; infiora, allegra, & rinuerdiſce di vaghe herbette i pratti, le ſelue, le valli, i colli, & i monti, ma ancora viuifica ogni coſa creata. in queſta felice, & verdeggiāte ſtagione Amore inſieme con la vaga Venere ripiglia l'arco, & gli aurati ſtrali, & trà fiori tendendo al varco, di noi trionfa, & gode, la lieta copia in compagnia di Zefiro, & Flora và ſpargendo il ſuo pieno, & ricco corno; onde il tutto è pieno d'allegrezza. d'Amore parlano l'onde, i peſci, l'herbe, & venti; gli augelli s'odono l'vn con l'altro mormorare d'Amore, & finalmente tutti li ſpiriti di lui ragionano, & cantano, come marauiglioſamente moſtra il Giraldi nelle ſue Fiamme, in quella canzone.

L'aura amoroſa. Et nel ſonetto. Zefiro ſpira. [p. 11 modifica] [p. 12 modifica] [p. 13 modifica] [p. 14 modifica] [p. 15 modifica] [p. 16 modifica] [p. 17 modifica] [p. 18 modifica] [p. 19 modifica] [p. 20 modifica] [p. 21 modifica] [p. 22 modifica] [p. 23 modifica] [p. 24 modifica] [p. 25 modifica] [p. 26 modifica] [p. 27 modifica] [p. 28 modifica] [p. 29 modifica] [p. 30 modifica] [p. 31 modifica] [p. 32 modifica] [p. 33 modifica] [p. 34 modifica] [p. 35 modifica] [p. 36 modifica] [p. 37 modifica] [p. 38 modifica] [p. 39 modifica] [p. 40 modifica] [p. 41 modifica] [p. 42 modifica] [p. 43 modifica] [p. 44 modifica] [p. 45 modifica] [p. 46 modifica] [p. 47 modifica] [p. 48 modifica] [p. 49 modifica] [p. 50 modifica] [p. 51 modifica] [p. 52 modifica] [p. 53 modifica] [p. 54 modifica] [p. 55 modifica] [p. 56 modifica] [p. 57 modifica] [p. 58 modifica] [p. 59 modifica]

[p. 9 modifica]

De' Rinaldi - Il mostruosissimo mostro, 1584 (page 11 crop).jpg

D E L  S I G N I F I C A T O

D E I  C O L O R I.

De' Rinaldi - Il mostruosissimo mostro, 1584(1) (page 11 crop).jpg


Trattato primo.


FR A tutte l'altre maniere ritrovate dall'argutia dell'ingegno humano, per isprimere i concetti, et le passioni dell'animo, giudico sia stata nobilissima l'inventione delle colorate divise, et imprese, imperoche leggiadramente con quelle si può far palese l'intrinseco, et far conoscere alle amate donne in quale stato, per amarle, si ritrovi. Io adunque ne dirò quanto comporterà la mia debile forza, cominciando dal colore verde.

Fà di spene, e letitia il V E R D E mostra.


QUanta speranza, et allegrezza apporti à mortali il verdeggiare delle novelle frondi, herbe et fiori nel dolce tempo della primavera, è manifesto ad ogni uno, Imperoche, essendosi partito da noi l'horrido, et canuto verno, il quale haveva (con il fremere de' gelati venti, che partoriscono ghiacci, et nevi.) fatto nascondere ogni cosa alla terra, tornando le pioggie aride, et meste, spogliando gli arbori delle loro [p. 10 modifica]

frondi, quella tornando di nuovo, sgombra i ghiacci, et le nevi, rasserena l'aere, et veste rinverdisce, et allegra il tutto, cangiando aspetto alla terra, rivestendola di verde herbette, et spargendola di vaghi, et odorati fiori, porgendo speranza à' mortali di raccogliere le desiate biade, della quale allegrezza di primavera leggiadramente parlò, il Sannazaro nella prima egloga dell'Arcadia, et il Petrarca nel sonetto.

Et in un'altro luogo.

Zefiro torna, e'l bel tempo rimena,
E i fiori, e l'herbe, sua dolce famiglia,
E garrir progne, e pianger Filomena,
E primavera candida, e vermiglia,
Ridono i prati, e'l ciel si rasserena.
Giove s'allegra di mirar sua figlia,
L'aria, l'acqua, la terra è d'amor piena,
Ogni animal d'amar si racconsiglia.

Ne solo adorna; infiora, allegra, et rinverdisce di vaghe herbette i pratti, le selve, le valli, i colli, et i monti, ma ancora vivifica ogni cosa creata. in questa felice, et verdeggiante stagione Amore insieme con la vaga Venere ripiglia l'arco, et gli aurati strali, et trà fiori tendendo al varco, di noi trionfa, et gode, la lieta copia in compagnia di Zefiro, et Flora và spargendo il suo pieno, et ricco corno; onde il tutto è pieno d'allegrezza. d'Amore parlano l'onde, i pesci, l'herbe, et venti; gli augelli s'odono l'un con l'altro mormorare d'Amore, et finalmente tutti li spiriti di lui ragionano, et cantano, come maravigliosamente mostra il Giraldi nelle sue Fiamme, in quella canzone.

L'aura amorosa. Et nel sonetto. Zefiro spira. [p. 11 modifica] [p. 12 modifica] [p. 13 modifica] [p. 14 modifica] [p. 15 modifica] [p. 16 modifica] [p. 17 modifica] [p. 18 modifica] [p. 19 modifica] [p. 20 modifica] [p. 21 modifica] [p. 22 modifica] [p. 23 modifica] [p. 24 modifica] [p. 25 modifica] [p. 26 modifica] [p. 27 modifica] [p. 28 modifica] [p. 29 modifica] [p. 30 modifica] [p. 31 modifica] [p. 32 modifica] [p. 33 modifica] [p. 34 modifica] [p. 35 modifica] [p. 36 modifica] [p. 37 modifica] [p. 38 modifica] [p. 39 modifica] [p. 40 modifica] [p. 41 modifica] [p. 42 modifica] [p. 43 modifica] [p. 44 modifica] [p. 45 modifica] [p. 46 modifica] [p. 47 modifica] [p. 48 modifica] [p. 49 modifica] [p. 50 modifica] [p. 51 modifica] [p. 52 modifica] [p. 53 modifica] [p. 54 modifica] [p. 55 modifica] [p. 56 modifica] [p. 57 modifica] [p. 58 modifica] [p. 59 modifica]