Una delle ultime sere di Carnovale/Atto III

Atto III

../Atto II ../Nota storica IncludiIntestazione 9 maggio 2020 75% Da definire

Atto II Nota storica

[p. 191 modifica]

ATTO TERZO.
SCENA PRIMA.
Domenica e Polonia.

Domenica. La xe cussì, fia mia, come che ve conto.

Polonia. Tutto averave credesto, ma no mai che quella vecchia s’avesse incapricià de quel putto.

Domenica. Poverazza! La vorave el quarto mario.

Polonia. E se vede che l’al vol zovene.

Domenica. No crederave mai, che Anzoletto fasse sta bestialità.

Polonia. No lo credo cussì minchion; e po no m’ala dito che s’ha dichiarà de volerla sposar?

Domenica. Sì, cussì l’ha dito; ma bisogna sentir cossa che dirà mio sior padre.

Polonia. Sentiremo. No parleli insieme adesso? [p. 192 modifica]

Domenica. I parla; ma i va drio molto un pezzo. Se savessi co curiosa che son!

Polonia. Mi la compatisso.

Domenica. Ho paura che sior padre no me voggia lassar andar.

Polonia. No se xe gnancora seguri, che sior Anzoletto abbia d’andar. Per quel che ha dito la vecchia, no xelo ancora in forsi d’andar?

Domenica. Basta; sia quel ch’esser se voggia, che ’l vaga, o che’l staga, me basta che ’l sia mio mario.

Polonia. El cielo ghe conceda la grazia.

Domenica. E vu, fia, co sior Momolo come vala?

Polonia. No védela che corloa che ’l xe? Come possio fidarme?

Domenica. Mettèlo alle strette, e che ’l ve resolva: o un bel sì, o un bel no.

Polonia. Certo che cussì mi no voggio più star.

Domenica. Oh! xe qua siora Marta. Sentimo cossa che fa sior’Alba.

SCENA II.
Marta e dette.

Marta. Mo quante scene! mo quante smorfie! mo quante scene!

Domenica. De chi, siora Marta?

Marta. De quella cara sior’Alba.

Polonia. Causa so mario. Se so mario no la segondasse, no la le farave.

Domenica. Ghe xe passà? (a Marta)

Marta. Ghe xe passà, ghe xe tornà; ghe xe tornà a passar. Ora la pianze, ora la ride; la xe una cossa, che se i la mettesse in comedia, no i lo crederia.

Domenica. Debottob xe ora de andar a cena. Vegnirala a tolac sior’Alba?

Marta. Rèstela qua la recamadora franzese? [p. 193 modifica]

Domenica. Sior padre l’ha invidada; no so, pol esser de sì che la resta; ma per certe scenette che xe nate, pol esser anca de no.

Marta. Oh! se la ghe xe ela, sior’Alba no vien a tola seguro.

Polonia. Per i odori forsi?

Marta. Per i odori.

Polonia. Adesso adesso anderò mi de là, e sentirò dove diavolo che la gh’ha sti odori; e vederò se ghe li posso levar.

Domenica. Sì, cara fia, andè de là; parlèghe, e vede de scavar circa quel negozio che vu savè.

Polonia. Siora sì; la lassa far a mi. Mi con madama gh’ho confidenza; posso parlarghe con libertà.

Domenica. Fe per mi, che anca mi farò qualcossa per vu.

Polonia. Ghe raccomando; se la pol dirghe do parole a Momolo, la senta che intenzion che ’l gh’ha.

Domenica. Siora sì; lo farò volentiera.

Marta. Brave! Da bone amighe: ve agiutè una con l’altra.

Polonia. Cosse vorla far? Una man lava l’altrad.

Marta. E, tutte do, cossa làvele?

Polonia. Tutto quel che la vol. (parte)

SCENA III.
Domenica e Marta.

Marta. Ghe xe gnente da novo de sior Anzoletto?

Domenica. No so; el xe de là co sior padre.

Marta. Speremio ben?

Domenica. Chi sa?

Marta. Velo qua, velo qua sior Anzoleto.

Domenica. Oimè! propriamente me trema el cuor.

SCENA IV.
Anzoletto e dette.

Marta. Com’èla, sior Anzoletto? [p. 194 modifica]

Anzoletto. Mal.

Domenica. Come mal?

Anzoletto. No gh’è caso: ho dito tutto quel che podeva dir; e nol se vol persuader, e no gh’è remedio che ’l se voggia piegar.

Domenica. Poveretta mi!

Marta. Mo per cossa?

Anzoletto. Per dir la verità, el m’ha parla con tanto amor, e con tanta bontà, che ’l m’ha intenerio. El dise, e ’l protesta, che se stasse qua, el me la daria la so putta con tutto el cuor; ma andando via, e andando cussì lontan, nol gh’ha cuor de lassarla andar. Nol gh’ha altri che ela; el ghe vol ben; el xe vecchio; el gh’ha paura de no vederla più; nol vol restar solo, senza nissun dal cuor. No so cossa dir, el m’ha fato pianzer; me diol in te l’anema, me sento a morir; ma co no gh’è remedio, bisogna rassegnarse al destin.

Domenica. Ah! pazenzia.

Anzoletto. Cara siora Domenica, el cielo sa se ghe voggio ben. Ghe prometto alla presenza de sta signora, sull’onor mio, in fede de galantomo, de omo onesto, e da ben: altre che ela no sposerò. La lassa che vaga; tornerò presto; vegnirò a sposarla; ghe lo zuro con tutto el cuor.

Marta. (Propriamente me intenerisso anca mi). Via, siora Domenica, cossa vorla far? No sèntela? El ghe promette de vegnirla a sposar.

Domenica. Eh! cara ela, col sarà via de qua, nol s’arecorderà più de mi.

Anzoletto. No son capace de usar ingratitudine con chi che sia, molto manco con ela, verso la qual gh’ho tanta stima, tanto debito e tanto amor.

Marta. Mo caro sior Anzoletto, za che professe a siora Domenica tanto amor, perchè no ve resolveu de restar?

Anzoletto. No posso; son in impegno. Ho dà parola; bisogna andar.

Domenica. Ma seu seguro veramente de andar? [p. 195 modifica]

Anzoletto. Se vivo, son segurissimo.

Domenica. Aveu parlà con madama Gatteau?

Anzoletto. Mi no. Cossa dìsela? Apponto, cossa xela vegnua a far qua?

Domenica. No savè che la ve vol ben? Che la xe inamorada de vu?

Anzoletto. De mi?

Marta. Diseu dasseno, siora Domenica?

Domenica. Pur troppo digo la verità.

Anzoletto. Pur troppo, la dise? Cossa xe sto pur troppo? Me crederavela cussì matto?

Domenica. Eh! caro sior, la xe vecchia, xe vero; ma soli, in t’un calesse, in t’un viazo cussì lontan, no se sa quel che possa nasser.

Marta. Cossa diavolo voleu che nassa?

Anzoletto. Se credesse che sta cossa ghe fasse ombra, anderò solo, no m’importa de compagnia. In tanto ho accettà d’andar con madama, in quanto m’ha parso che la so età me podesse assicurar da ogni critica e da ogni mormorazion. Da resto, no m’importa d’andar con ela, e no gh’anderò.

Domenica. Sì; ma la se protesta, che se ghe negherè correspondenza al so amor, no l’anderà ela, e no anderè gnanca vu.

Anzoletto. Cossa gh’ìntrela in t’i fatti mii? Xela ela forsi che me fa andar?

Domenica. Mi no so altro; ve digo che a mi colla so bocca la m’ha dito cussì.

Marta. Sior sì; la xe capace de scriver delle lettere contra de vu, de farve perder el credito, e de farve del mal.

Anzoletto. Mi no so cossa dir. Se la gh’ha sto cuor, che l’al fazza, che gnanca per questo mi no me saverò vendicar. Mi stimo madama Gatteau. La xe una brava recamadora, e dei so recami mi non ho mai dito mal. Perchè me vorla insolentar mi? Perchè vorla dir mal de mi? Lassemo star da una banda sto ridicolo amor, che ’l xe un pettegolezzo che no valgnente. In cossa se vorla taccar per descreditarme? Forsi perchè i [p. 196 modifica] mii dessegni xe d’un gusto diverso dai so recami? Mi venero i sói, e ela no poderà mai arrivar a destruzer i mii. El cielo benedissa le so fatture, e a mi me daga grazia de no pezorar nelle mie. Fazza madama quel che ghe par; mi anderò in Moscovia, e sarà de mi quel che ’l cielo destinerà.

Marta. Sior sì; parla, parla. La conclusion xe questa: anderò in Moscovia.

Domenica. E mi, poverazza, resterò qua.

Anzoletto. La veda ela, se ghe basta l’anemo co so sior padre... (a Domenica)

Marta. Vorla che ghe parlemo? Vorla che andemo insieme a parlarghe? (a Domenica)

Domenica. Sì, cara ela. La me fazza sto ben. La vegna de là con mi. Da mia posta no gh’averia coraggio de parlar.

Marta. Andemo.

Anzoletto. Prego el cielo che le gh’abbia più fortuna de mi.

Domenica. Lo diseu de cuor?

Anzoletto. El cielo me fulmina, se no digo la verità.

Marta. Andemo, siora Domenica, andemo, che gh’ho bona speranza. Mi, co me metto in te le cosse, ghe riesso. (parie)

Domenica. Caro Anzoletto, e averessi cuor de lassarme?

Anzoletto. No so cossa dir... La vede in che stato che son...

Domenica. Mo andè là, che saressi un gran can. (parie)

SCENA V.
Anzoletto, poi Madama Gatteau.

Anzoletto. Veramente a sta putta xe qualche tempo che ghe voggio ben; ma la so modestia no ha mai fatto che conossa el so amor. Adesso che son per partir, la me fa saver quel che no saveva, e s’ha aumenta estremamente la mia passion. Con tutto questo, nassa quel che sa nasser, ho rissolto, ho promesso, e bisogna andar. Se no andasse, no se dirave miga: nol va perche el s’ha pentio; ma se dirave piuttosto: nol va, [p. 197 modifica] perchè no i lo vol. L’ha parla senza fondamento; no i giera altro i soi che castelli in aria; coss’hai da far in Moscovia de un cattivo dessegnador? A ste cosse ghe son avezzo. No le me fa certa specie; ma la prudenza insegna de schivarle, co le se pol schivar.

Madama. Ah! mon cher Anjoletto...

Anzoletto. Coss’è, madama, cossa me voressi dir? (alterato)

Madama. Doucement, mon ami, doucement, s’il vous plait.

Anzoletto. Scusème. Son un poco alterà.

Madama. J’ai quelque chose à vous dire.

Anzoletto. Avè da dirme qualcossa?

Madama. Oui, mon cher ami.

Anzoletto. E ben, cessa voleu dirme?

Madama. J’ai de la peine à me declarer; mais il le faut pour ma tranquillité. Helas! je meurs pour vous.

Anzoletto. Permettème, madama, che ve diga con pienissima libertà, che ve ringrazio dell’amor che gh’avè per mi; ma che ’l mio stato presente, e l’impegno che gh’ho ce siora Domenica, che amo quanto mi stesso, me rende incapace d’ogni altro amor. Sta vostra dichiarazion me mette in necessità de abbandonar l’idea de vegnir in Moscovia con vu; ma in Moscovia spero de andarghe, e se ’l cielo vol, ghe anderò. So che ve sè protestada de voler scriver contro de mi; sfogheve pure, se volè, ma sappiè che no gh’ho paura de vu. Ve digo per ultimo, per via de amichevole amonizion, tra vu e mi, che nissun ne sente: pensè ai vostri anni, e vergogneve d’una passion che xe indegna della vostra età, e che ve pel render oggetto de derision. (parte)

SCENA VI.
Madama Gatteau.

Oh ciel? quel coup de foudre! Suis-je mei-meme? ou ne suis-je plus qu’une ombre, un fantome? Ai-je tout d’un coup perdu ces graces, ces charmes?... (tira fuori uno specchio, e si guarda) [p. 198 modifica] Helas! suis-je donc si vieille, si laide, si affreuse? Ah! malheureuse Gatteau.

SCENA VII.
Zamaria e la suddetta, poi Cosmo.

Zamaria. Coss’è, madama? cossa xe sta?

Madama. Ce n’est rien, ce n’est rien, monsieur; e’est une fleur, que je ne sçaurois placer, qui me met en colere. (mostra accomodarsi un fiore della cuffia.)

Zamaria. Parlè italian, se volè che ve intenda.

Madama. Je dis, ch’io sono arrabbiata con un fiore della mia cuffia.

Zamaria. Mo via, cara madama, no ve desperè per sta sorte de cosse. (Oh! poveretto mi! Xela questa per mi una sera de carneval, o xela la sera dei desperai?)

Madama. Dite, monsieur Jamaria: pare a voi ch’io sia vecchia, ch’io sia brutta, ch’io sia detestabile?

Zamaria. No, madama; chi v’ha dito sta cossa? Vu brutta? No xe vero gnente. Sè in bona età, sè pulita, fe la vostra fegura.

Madama. Ah! l’honnet homme que vous êtes, monsieur Jamaria.

Zamaria. (Per dir la verità, la gh’ha i so annetti, ma la i porta ben, e la xe una donna de sesto).

Madama. Monsieur Anjoletto ha avuto la temerité de me dire des sottises, des impertinences.

Zamaria. Cara fia, i xe cussì i zoveni: no i gh’ha giudizio. No i pensa che i ha da vegnir vecchi anca lori.

Madama. Est-il vrai, monsieur Jamaria, che vostra figlia ira in Moscovia avec monsieur Anjoletto?

Zamaria. Cara vu, tasè. No so gnente. M’ha parlà el putto, e gh’ho dito de no; m’ha parlà la putta, m’ha parlà siora Marta, e no gh’ho dito nè sì, ne no. Le ho voleste tegnir in speranza, per non desturbar la conversazion. Se volè andar in Moscovia con Anzoletto, comodève, che mia fia no gh’ho intenzion che la vaga. [p. 199 modifica]

Madama. Non, monsieur Jamaria; monsieur Anjoletto non è pas digne de moi. Il a avuto la temente di sprezzarmi. Je mourerois piuttosto che andar con lui. Il è vrai, che sola non posso andare1, che non sono ancora sì vecchia, e che ho con me molto argento e avrei bisogno de la compagnie di un onest’uomo; mais je aborrisco questi giovani impertinenti, e je voudrois accompagnarmi con un uomo avanzato.

Zamaria. Sì ben, ve lodo, e sarà meggio per vu.

Madama. Est-il vrai, monsieur Jamaria, que vous êtes veuf?

Zamaria. Come? Se mi son vovi?

Madama. Voglio dire: è vero che voi siete vedovo?

Zamaria. Siora sì; son veduo.

Madama. Oh! la miserabile vita ch’è quella di noi poveri vedovelli! Pourquoi non vi maritate, monsieur Jamaria?

Zamaria. Oh! che cara madama. Ve par che mi sia in stato de maridarme?

Madama. Comment, monsieur? Un homme, come voi siete, potrebbe svegliare la fiamme de Cupidon dans le coeur d’une jolie dame.

Zamaria. Oh che cara madama!

Madama. Voi siete fresco, robusto, adorabile.

Zamaria. Diseu dasseno?

Cosmo. Sior padron, la vegna de là in cusina a dar un’occhiada, e ordenar cossa che s’ha da metter in tola.

Zamaria. Dove xe mia fia?

Cosmo. La xe de là con quelle altre signore.

Zamaria. Vegno mi donca. (Cosmo parte) Con grazia, madama, vago de là, perchè i vol metter in tola. Se volè andar in camera da mia fia, comode ve.

Madama. Non, monsieur, je resterai ici, se voi mi donate la permission.

Zamaria. Comodève come volè. A révederse a tola.

Madama. Ricordatevi ch’io voglio a table sedere appresso di voi.

Zamaria. Arente de mi? [p. 200 modifica]

Madama. Oui, monsieur, si vous plait. (riverenza)

Zamaria. (Oh! che cara madama. La xe godibile, da galantomo). (parte)

SCENA VIII.
Madama Gatteau, poi Momolo.

Madama. Oui, monsieur Jamaria seroit mieux mon fait. Il n’est plus jeune, mais il est encore frais. Il est libre sur tout. Il trouve que je ne suis pas vieille, ni laide, et il a raison. Voyons un peu. (tira fuori lo specchietto) Oui, mes yeux sont toujours frippons. La colère m’a fait changer. Mettons du rouge. (lira fuori una scatoletta, e si dà il belletto col pennello.)

Momolo. Madama, vostro servitor tre tombole.

Madama. Monsieur, votre servante. (fa la riverenza, e seguita a belletlarsi.)

Momolo. Brava! pulito! cussì me piase; senza suggizion.

Madama. Monsieur, so bene che questo si fa in Italia segretamente; mais nous en France ci diamo il rosso pubblicamente, et parmi nous ce n’est pas un inganno, mais un usage, une galanterie. (ripone il tutto)

Momolo. Siora sì, la xe un’usanza che no me despiase. Piuttosto una riosa de so man, che un cogumero de so pièe. La favorissa de vegnir al supè.

Madama. Pardonnez-moi, monsieur. Je n’ai pas l’honneur de vous connoitre.

Momolo. No la me conosse? Mi son el complimentario della maison.

Madama. Etes vous de ces messieurs? De ces ouvriers en soie?

Momolo. Coman, madama? Io non intender.

Madama. Siete voi di questi signori... Come si dice? Che fanno: tri, tra, tri, tra, tri, tra? (fa il moto di quei che tessono) [p. 201 modifica]

Momolo. No, madama. Io sono di quelli che fanno: i, u, i, u, i, u. (fa il moto della ruota del mangano)

Madama. Etes vous gondoliere? (fa il cenno di vogare)

Momolo. No, diable, no star barcariolo. Star patron de mangano.

Madama. Che cosa vuol dir mangano?

Momolo. Vuol dir gran pietra, gran pietra, e metter sopra tutto quel che voler; e dar onda e manganar, sea, lana, tela, e anca vecchia, se bisognar.

Madama. Qui, oui, la calandre, la calandre.

Momolo. La calandra, la calandra.

Madama. Eh bien, monsieur, ne m’avez vous pas dit, qu’on a servi?

Momolo. Comuòdo?f

Madama. Non m’avete voi detto che hanno servito la soupe?

Momolo. I ha sServio la sopa? (con maraviglia non intendendo)

Madama. Oui, che hanno messo in tavola?

Momolo. Uì, uì, hanno messo in tavola.

Madama. Allons donc, si vous plait.

Momolo. Comandela che la serva? (le offerisce la mano)

Madama. Bien obligée, monsieur manganò.

Momolo. M’ala tolto mi per el mangano?

Madama. Etes vous marié?

Momolo. Siora no, son putto.

Madama. Et pourquoi no vi maritate?

Momolo. No me marido, perchè nessuna me vol.

Madama. Cependant, vous meritez beaucoup.

Momolo. Grazie alla so bontà.

Madama. Je ne puis pas dire d’avantage.

Momolo. Chi l’impedisce, che non la parla?

Madama. C’est la pudeur.

Momolo. Mo cara quella pudor! Mo cara! mo benedetta!

Madama. Frippon, coquin, badin! (vezzozamente)

Momolo. Me vorla ben?

Madama. (Mais non; il est trop babillard). Allons, monsieur, si? [p. 202 modifica] vous plalt. (sostenuta)

Momolo. Son qua a servirla. (le dà la mano)

Madama. Bien obligée, monsieur mangano. (gli dà la mano con una riverenza.)

Momolo. Andemo. (Che pussistug esser manganada!) (partono)

SCENA IX.

Tinelloh, con tavola lunga apparecchiata per dodici persone, con tondi, posate, sedie ecc. con quattro lumi in tavola, e varie pietanze in mezzo, fra le quali dei ravioli, un cappone, delle paste sfogliate ecc. Una credenziera in fondo, con lumi, tondi, bicchieri, boccie, bottiglie ecc. Si tira avanti la tavola.

Tutti, fuorchè Madama e Momolo.

Zamaria. Animo; presto, che i raffioi se giazza.

Domenica. (El m’ha dà speranza. Nol m’ha dito de no). (ad Anzoletto, piano.)

Anzoletto. (Mo via; gh’ho un poco più de consolazion). (a Domenica)

Zamaria. (No i voggio miga arente quei putti). Siora Marta, la se senta qua. (quasi in mezzo)

Marta. Sior sì, dove che ’l comanda. (siede)

Zamaria. Sior Anzoletto, vegnì qua arentei de siora Marta.

Anzoletto. (Oh! questa no me l’aspettava), (s’incammina mortificato, spiacendogli non dover sedere vicino a Domenica.)

Domenica. (Poveretta mi!) Sta cossa me mette in agitazion. (per la stessa causa.)

Marta. Perchè no se sentemio, come gierimo sentai alla meneghella? (a Zamaria)

Zamaria. Per sta volta la se contenta cussì; gh’ho gusto de disponer mi. Sior Anzoletto qua. (gli assegna la sedia vicino a Marta)

Anzoletto. Son qua. (siede melanconico)

Marta. (Coss’è, putto? I ve l’ha fatta, puh!) (ad Anzoletto)

Anzoletto. (La tasa, cara ela, che son fora de mi), (a Marta) [p. 203 modifica]

Zamaria. Siora comare, qua. (ad Alba)

Marta. Do donne arente? (a Zamaria)

Zamaria. Eh! siora no, qua in mezzo vegnirà sior Momoìo, che ’l sa trinzar. Dov’èlo sior Momolo? Vardè, chiamalo, che ’l vegna; che vegna anca madama Gatteau. Qua, siora comare. (ad Alba)

Alba. Che ’l varda ben che madama no gh’abbia odori; che se la gh’ha odori, mi scampo via. (siede)

Polonia. No la s’indubita, sior’Alba, che gh’ho fatto la visita mi, e odori no la ghe n’ha più.

Zamaria. Qua, sior Bastian.

Bastian. (Per dia, che anca a tola m’ha da toccar sto sorbetto impetrìoj!) (siede presso sior Alba)

Zamaria. Vegnì qua, siora Polonia, sentève qua.

Polonia. Volentiera, dove che ’l vol. (siede presso a Bastian)

Zamaria. E qua sior compare. (a Lazaro)

Lazaro. Mo caro sior compare...

Zamaria. Coss’è, no stè ben? Ve metto arente mia fia. Domenica se senterà qua. (nell’ultimo luogo)

Domenica. (Pazenzia! Me toccherà a magnar del velen). (siede)

Zamaria. Via, no ve sentè, sior compare? (a Lazaro)

Lazaro. Son troppo lontan da mia muggier.

Zamaria. Com’èla? Seu deventà zeloso anca vu?

Lazaro. Eh! giusto. Xe che mi so el so natural, e a tola son avezzo a governarmela mi.

Alba. Eh! per quel che magno mi, no gh’è pericolo che me fazza mal.

Bastian. E po, son qua mi; no ve dubitè gnente. La governerò mi. (a Lazaro)

Lazaro. Caro sior Bastian, ve la raccomando. (siede)

Zamaria. Qua mia fiozza. (a Elena, presso Bastian) E qua mio fiozzo. (ad Agustin, presso a Elena)

Agustin. Mi qua? (Agustin va presso Bastian)

Zamaria. No no, qua ela, e vu qua. (a Agustin) [p. 204 modifica]

Elenetta. Eh! sior no, mi stago ben qua. (presso Agustin)

Zamaria. Sior no, ve digo, omo e donna. Che diavolo! No ve basta a esser arente a vostra muggier? Cossa gh’aveu paura? Sior Anzoletto savè che putto che ’l xe.

Agustin. Caro sior santolo, se el me vol ben, che el me lassa star qua. (a Zamaria)

Zamaria. Stè dove diavolo che volè. (a Agustin)

Agustin. (Magnerò de più gusto). (a Elena, sedendo)

Elenetta. (Anca mi starò con più libertà). (a Agustin, sedendo)

SCENA X.
Momolo e detti.

Momolo. La se fermi, che so qua anca mi.

Zamaria. Via, destrighève. Dove xe madama?

Momolo. Madama gh’ha riguardo a vegnir, per amor de la pudeur.

Zamaria. Eh! andè là; diseghe che la vegna.

Momolo. No dasseno, sul sodo. La gh’ha riguardo a vegnir per amor de sior Anzoletto.

Anzoletto. Per mi diseghe che no la se toga nissun pensier. Quel che xe sta, xe sta. Se l’ha parlà per rabbia, la merita qualche compatimento. Ghe sarò bon amigo; basta che la me lassa star.

Momolo. Co l’è cussì, la vago donca a levar. Sale chi son mi? Monsieur Mangano per servirle. (parte)

Marta. Mo che caro matto che ’l xe!

Polonia. (Gh’ala po dito gnente, siora Domenica?) (a Domenica)

Domenica. (Cara fia, ve prego, lassème star). (a Polonia)

Polonia. (Poveretta! la compatisso. No se pol miga dir:

          La lontananza ogni gran piaga sana.
Bisogna dir in sto caso:
              La lontananza fa mazor la piaga.

(accennando la distanza, in cui si trovano Domenica e Anzoletto) [p. 205 modifica]

SCENA XI.
Madama Gatteau, Momolo e detti.

Momolo. Largo, largo al complimentario. (dando braccio a madama, e la conduce presso a Zamaria.)

Zamaria. Oh! via, manco mal; ghe semo tutti.

Madama. J’ai l’honneur de présenter mon tres-humble respect à toute la compagnie. (facendo la riverenza, ed è risalutata)

Zamaria. Son qua, madama; avè dito de voler restar arente de mi, e v’ho salvà el posto.

Momolo. Fermeve, che madama ha da star in mezzo, (a Zamaria)

Zamaria. Sior no, che in mezzo ave da star vu per taggiar.

Momolo. Mi, compare, fazzo conto de sentarme qua. (presso Elena)

Elenetta. Sior no.

Agustin. Sior no.

Zamaria. Ande là, ve digo; andève a sentar in mezzo.

Momolo. Sior sì; gh’ave rason. Son el più bello, ho da star in mezzo. (va a sedere)

Zamaria. Sentève qua, madama. (le assegna l'ultimo posto)

Madama. Ben obligée à votre politesse. Je vous remercie. (fa una riverenza a Zamaria, e siede.)

Zamaria. Fiozza, ve contenteu che me senta qua? (ad Elena, sedendo.)

Elenetta. Oh! sior sì; no xelo patron? (a Zamaria)

Agustin. (No ghe star tanto d’arente). (ad Elena)

Elenetta. (Oh! no lo tocco, no t’indubitar) (a Agustin)

Momolo. (Dà i ravioli a tutti. Tutti si mettono la salvietta.)

Madama. Faites-moi l’honneur, monsieur. (a Zamaria, facendosi puntare la salvietta.)

Zamaria. Saveroggio far? (si mette gli occhiali per puntare la salvietta)

Madama. Très-parfaitement; obligée, monsieur.

Momolo. Siora Marta. Sior Anzoletto. (dando i ravioli) Siora... Com’èla? Xe fallà el scacco. Una pedina fora de logo. (vedendo che Agustin è presso Anzoletto, e non una donna.) [p. 206 modifica]

Agustin. De qua, de qua, destrighevek. (a Momolo)

Momolo. Tolè, compare; e questi... tolè: drio manl (fa passar i tondi.)

Agustin. A mia muggier.

Momolo. Vedeu? Non ardisse gnanca de nominarla. (ad Agustin, burlandosi di lui) Questi a sior Zamaria, e questi a madama.

Madama. Bien obligée, monsieur. (51 mette a mangiare col cucchiaro e forchetta.)

Elenetta. (Cossa distu? Co pochi che ’l me n’ha dà?) (a Agustin)

Agustin. (E a mi? Varda. El lo fa per despetto). (a Elena)

Lazaro. Muggier? (a sior Alba)

Alba. Cossa gh’è?

Lazaro. Ve piaseli?

Alba. Oh! mi savè che de sta roba no ghe ne magno.

Lazaro. Poverazza! Mi no so de cossa che la viva. (a Polonia)

Polonia. (No voleu che no la gh’abbia fame? Avanti de vegnir de qua, la xe andada in cusina, e la s’ha fatto far tanto de zaina de pan in brodom). (a Lazaro)

Lazaro. (Sì, ah! poverazza Bisogna che no la podesse più). (a Polonia)

Marta. Forti, siora Domenica. Coss’è? No la magna?

Domenica. Siora sì, magno. (Me sento che no posso più).

Marta. (Poverazza! la compatisse). (ad Anzoletto)

Anzoletto. (No so chi staga pezo da ela a mi). (a Marta)

Zamaria. Ve piaseli sti rafioletti? (a Madama)

Madama. Ils sont delicieux, sur ma parole. (a Zamaria)

Zamaria. Feme servizio de parlar italian. (a Madama)

Madama. (Oui, monsieur. Non so per voi che cosa non facessi). (a Zamaria)

Zamaria. (Per mi?) (a Madama)

Madama. (Per voi, mon cher). (a Zamaria)

Zamaria. (Cossa xe sto ser?) (a Madama)

Madama. (Vuol dire, mio caro). (a Zamaria)

Zamaria. (Caro, a mi me disè?) (a Madama) [p. 207 modifica]

Momolo. Patroni, chi vol del figàn, se ne toga.

Polonia. De qua, dèmene una fetta a mi.

Momolo. A vu, fia mia? No solamente el figa, ma el cuor ve darave, el cuor. (a Polonia, dandole il fegato)

Madama. Ah! le bon morceau qu’est le coeur. (a Zamaria)

Zamaria. Cossa, fia? (a Madama)

Madama. Il cuore è il miglior boccone del mondo. (a Zamaria)

Zamaria. Ve piaselo? (a Madama)

Madama. Oui, molto mi piace il cuore; ma tutti i cuori non sarebbero il mio piacere. Il vostro, monsieur Jamaria, il vostro cuore mi potrebbe fare contenta. (a Zamaria)

Zamaria. Diseu dasseno? (a Madama)

Marta. Sior Zamaria, com’èla?

Polonia. Oe, me consolo, sior Zamaria.

Momolo. Le se ferma. (alle donne) Seguitè, compare, che mi intanto taggerò sto capon. (a Zamaria. Taglia un cappone, poi lo presenta)

Zamaria. Coss’è, male lengue? Cossa voressi dir? No se pol discorrer gnanca?

Bastian. Lasse che i diga, sior Zamaria; co capita de ste fortune, no le se lassa scampar. (ridendo)

Marta. Mo vardèli, se no i par do sposini! Se no i fa invidia alla zoventù!

Polonia. Eh! co gh’è la salute, i anni no i stimo gnente.

Bastian. I xe tutti doo prosperosi; el cielo li benediga, che i consola el cuor.

Zamaria. Disè quel che volè, che mi no ve bado. (Tendemo a nup). (a Madama)

Madama. (On parle per rabbia, per rabbia). (a Zamaria)

Momolo. Che i se serva de cappon; co i s’averà po servio, taggieremo st’altro, se bisognerà.

Marta. Patroni: alla salute de chi se vol ben. (beve)

Madama. Je vous fais raison, madame, et que vive l’amour. (guardando Zamaria, e beve)

Zamaria. Evviva l’amor. (beve) [p. 208 modifica]

Bastian. Evviva sior Zamaria. (beve)

Polonia. Evviva madama Gatteau. (beve)

Madama. Vous me faites bien de l’honneur.

Momolo. Fermève. Alla salute del più bello de tutti; evviva mi; grazie alla so bontà. (beve)

Elenetta. Oh! alla salute de tutta sta compagnia. (beve)

Agustin. Alla confermazion del detto. (beve)

Lazaro. Alla salute de mia muggier. (beve)

Alba. Grazie. Alla salute de mio mario. (beve acqua, ridendo)

Lazaro. Co l’aqua me lo fe el prindese?

Alba. Con cossa? No saveu che no bevo vin?

Polonia. (In cusina la ghe n’ha bevù tanto de gottoq), (a Lazaro)

Lazaro. (Sì ben; per qualche volta el miedego ghe l’ha ordenà). (a Polonia)

Marta. Via, nol beve, sior Anzoletto? Portèghe un gotto de vin, che ’l fazza un prindese almanco.

Polonia. E ela, siora Domenica, no la beve? Via, portèghe da bever alla padroncina.

Domenica. No, no; no ve incomodè, che no bevo. (ai servitori)

Zamaria. Cossa fastu? No ti magni, no ti bevi, ti pianzi el morto. (a Domenica)

Domenica. Eh! caro sior padre, mi lasso che ’l se diverta elo.

Zamaria. Coss è? Cossa voressistu dir?

Domenica. Mi? Gnente.

Marta. Caro sior Zamaria, no vorlo che quella povera putta sia malinconica? El xe causa elo.

Zamaria. Mo per cossa?

Marta. El parla in t’una maniera, e po el se contien in t’un’altra. El ghe dà delle bone speranze, e po, e po... no digo altro.

Zamaria. Co gh’ho dà speranza, che la gh’abbia pazenzia.

Marta. E per cossa mettelo sti putti uno a Mestre, e l’altro a Malgherar? [p. 209 modifica]

Zamaria. Mo, cara siora Marta...

Marta. Mo, caro sior Zamaria... (con calore)

Momolo. Fermeve.

Bastian. Tasè, quieteve, no interrompè. (a Momolo)

Momolo. Lassè parlar i omeni.

Bastian. Lassè parlar mia muggier.

Marta. Gh’ho parlà mi a sior Zamaria; so quel che ’l m’ha dito a mi. (verso Bastian)

Momolo. La se fermi.

Bastian. Tasè.

Alba. (S’alza con impeto.)

Marta. Coss’è? Ghe vien mal?

Lazaro. Coss’è sta?

Alba. Ghe domando scusa; che i compatissa. Gh’ho tanto de testa. Mi in mezzo a ste ose no ghe posso star.

Lazaro. Voleu che anderno a casa?

Zamaria. Mo via, compare, mo via, siora comare, quieteve per carità.

Marta. La vaga là in tel posto de siora Domenica, che so mario no la stordirà.

Lazaro. Sì ben, vegnì qua. Se contentela? (a Domenica)

Domenica. Per mi, che la se comoda pur. (s’alza)

Alba. Mi son cussì; le me compatissa. Gh’ho una testa cussì debole, che la se me scalda per gnente. (parte dal suo posto)

Lazaro. Poverazza! la xe delicata. (a Polonia)

Marta. Anca mi voggio star arente de mio mario. (va a sedere presso Bastian.)

Bastian. Per cossa sta novità? (a Marta)

Marta. (Eh! tasè vu, che no savè gnente). (a Bastian, piano)

Domenica. Perchè no vala al so posto? (a Marta)

Marta. Perchè stago ben qua.

Domenica. E mi, dove vorla che vaga?

Marta. No ghe xe una carega voda? (accenna dov’ella era prima, presso Anzoletto.)

Domenica. Vorlo vegnir qua elo, sior padre? (a Zamaria) [p. 210 modifica]

Madama. Perdonnez moi, mademoiselle, monsieur votre père ne me faira pas cette incivilité. (a ’Domenica)

Domenica. Me senterò mi donca. (siede)

Zamaria. (Cossa oggio da far? Bisogna che gh’abbia pazenzia). (sedendo Domenica presso Anzoletto)

Anzoletto. (Sia ringrazià el cielo!) (a Domenica)

Domenica. (Ghe son po arrivada). (ad Anzoletto)

Anzoletto. (No podeva più).

Marta. Siora Domenica?

Domenica. Siora.

Marta. (Oggio fatto pulito?) (alzandosi davanti a Momolo)

Domenica. (Pulitissimo). (alzandosi davanti a Momolo)

Momolo. Vorle che ghe diga, patrone? che sto vegnir davanti dei galantomeni in sta maniera, no la sta ben, e no la par bon. Voggio ben esser tutto quel che le vol; ma gnanca per el so zogattolos no le m’ha da tor. (con faccia soda)

Marta. Coss’è? Seu matto? (a Momolo)

Domenica. Che grillot ve xe salta? (a Momolo)

Zamaria. Momolo. Cossa xe sta? Cossa v’ali fatto?

Momolo. Caro sior Bastian, la me fazza la finezza de vegnir qua, perchè ste signore le me tol un pochetto troppo per man. (s’alza)

Bastian. Son qua, compare. No ve scaldè, perchè qua no ghe vedo rason de scaldarse. (s’alza dal suo posto, e va nell' altro)

Marta. No me par d’averve struppià. (a Momolo)

Momolo. Le se ferma, che me xe passà. (sedendo presso Polonia, e ridendo.)

Marta. Spieghèmela mo. (a Momolo)

Momolo. Adesso ghe la spiego in volgar. Tutti xe arente alla so colonnau, e anca mi me son rampegàv. Cossa diseu, vita mia? Oggio fatto ben? (a Polonia)

Polonia. Mo quando, quando fareu giudizio?

Momolo. El mese de mai quando vienlo? [p. 211 modifica]

Marta. Ande là, che m’avevi fatto vegnir suso el mio caldo. Ma stimo con che muso duro! (a Momolo)

Agustin. (Nu almanco no se scambiemo). (a Elena)

Elenetta. (Oh! nu stemo ben). (a Agustin)

Agustin. (Oh! che magnada che ho dà). (a Elena)

Elenetta. (No xe miga gnancora fenio). (a Agustin)

Marta. E cussì, gh’è altri prindesi?

Momolo. Son qua mi. Al bon viazo de compare Anzoletto. (beve)

Marta. Petèvelow el vostro prindese.

Momolo. Per cossa me l’oi da petar?

Marta. Co no va via siora Domenica, petèvelo.

Momolo. Deme da bever. Al bon viazo de sior Anzoletto e siora Domenica. (beve)

Marta. Petèvelo. (a Momolo)

Momolo. Anca questo m’ho da petar? (a Marta)

Marta. Co sior Zamaria no dise de sì, petèvelo. (a Momolo)

Momolo. Deme da bever. (forte ai servitori)

Bastian. Compare, ve ne peterè de quei pochi.

Momolo. Fermeve, deme da bever.

          Alla salute de sior Zamaria,
          Che la so putta lasserà andar via. (beve)

Marta. Petèvelo. (a Momolo)

Momolo. Deme da bever. (forte ai servitori)

Polonia. Oe, seu matto? (gli leva il bicchiere)

Momolo. La se fermi. (a Polonia)

Polonia. No vôi che bevè altro, ve digo.

Madama. Allons, monsieur, allons, facciamo la partita in quattro. Monsieur Anjoletto e mademoiselle Dominique. Monsieur Jamaria et moi.

Marta. Animo, da bravo, sior Zamaria.

Lazaro. Sior compare. (a Zamaria)

Zamaria. Cossa gh’è? [p. 212 modifica]

Lazaro. Badèrne a mi. Un poco de muggier la xe una gran bella cessa.

Zamaria. Diseu dasseno?

Momolo. Fermeve. Ascolta un omo che parla. Chi songio mi? Sior Momolo manganer. Un bon putto, un putto civil, che laora, che fa el so dover; ma che no gh’ha mai un ducato in scarsela. Per cossa no gh’oggio mai un ducato in scarsela? Perchè no son maridà. No gh’ho regola, no gh’ho governo. Vago a torzio co fa le barche rotte. Marìdete. Me mariderò. Quando? Quando? Co sta zoggia vorrà. (accennando Polonia.)

Polonia. Fé giudizio, e ve sposerò. (a Momolo)

Momolo. Sposeme, e farò giudizio. (a Polonia)

Polonia. No me fido. (a Momolo)

Momolo. Provè. (a Polonia)

Marta. Orsù, sior Momolo, fenila. Maridève, se volè: se no volè, lasse star; ma a nu ne preme che se marida siora Domenica e sior Anzoletto.

Zamaria. Patrona, in sta cossa gh’ho da intrar anca mi.

Marta. Sior sì; ma che difficoltà ghe xe?

Zamaria. Ghe xe, che no gh’ho altri a sto mondo che ela, e che no gh’ho cuor de lassarla andar.

Marta. E per el ben che ghe volè, voleu vederla desperada? Voleu che la se ve inferma in t’un letto? (a Zamaria)

Zamaria. In sto stato ti xe? (a Domenica, pateticamente)

Domenica. Caro sior padre, mi no so cossa dir. Ghe confesso la verità, la mia passion xe granda; e no so cossa che sarà de mi.

Zamaria. E ti gh’averà cuor de lassarme? In sta età, senza nissun dal cuor, te darà l’anemo de abbandonarme?

Marta. Per cossa non andeu con ela, sior Zamaria?

Bastian. Perchè no ve marideu?

Polonia. Perchè non andeu con madama?

Momolo. Tolè esempio da un omo. Maridève, compare.

Marta. E andè via co la vostra creatura.

Zamaria. E i mii interessi? E i mii teleri? E la mia bottega? [p. 213 modifica]

Domenica. Caro sior padre, co tornerà sior Anzoletto, torneremo anca nu.

Zamaria. Ma intanto averavio da spiantar qua el mio negozio? Da perder el mio inviamento? Da abbandonar i mii teleri?

Momolo. Fermeve, compare. Se ave bisogno de un agente, de un direttor pontual, onorato: me conossè, savè chi son. Son qua mi.

Bastian. E mi ve prometto, che per el mio negozio no lasserò de servirme dei vostri omeni e dei vostri teleri; basta che s’impegna sior Anzoletto, anca che vu no ghe siè, de mandar i dessegni che l’ha promesso.

Anzoletto. Sior sì; quel che ho dito a sior Zamaria, lo ratifico a sior Lazaro e a sior Agustin. Manderò i mii dessegni, e no ghe ne lasserò mai mancar.

Marta. E cussì, cossa resolvelo, sior Zamaria?

Zamaria. No so gnente. No le xe cosse da resolver cussì in t’un fià.

Madama. Ascoltate, monsieur Jamaria. Voi avete del bene, e qui non lo perderete. Io poi ho tanto in mio pouvoir, che potreste essere très-contento di passare avec moi vostra vita.

Zamaria. Madama, feme una finezza, vegnì un pochetto de là con mi. (s’alza)

Madama. Très-volentier, monsieur. (s’alza)

Zamaria. Domenica, vien de là anca ti.

Domenica. Sior sì, sior padre, vegno anca mi. (Stè aliegro, Anzoletto, che spero ben). (s’alza)

Zamaria. (Voggio veder prima in quanti piè de acqua che son x). Patroni, con so bona grazia. (parte)

Madama. Messieurs, avec votre permission. (parte)

Domenica. Prego el cielo che la vaga ben. (parte) [p. 214 modifica]

SCENA XII.
Tutti, fuorchè i tre suddetti. Tutti s’alzano, vengono avanti. I servitori sparecchiano. Agostino ed Elena restano indietro.

Marta. Sior Anzoletto, me ne consolo.

Anzoletto. Spèrela ben.

Marta. Oh! mi sì; mi ve la dago per fatta.

Bastian. El xe un omo cauto sior Zamaria. El vorrà segurarse del stato de madama.

Polonia. Eh! madama gh’ha dei bezzi, gh’ha delle zoggie; la sta ben, ben, ma tre volte ben.

Momolo. No ala avù tre mani? Un poco de pelle de uno, un poco de pelle de un altro, la s’averà fatto el borson.

Marta. Ne scriveralo, sior Anzoletto?

Anzoletto. No vorla? Scriverò ai mii cari amici, scriverò ai mii patroni; se saverà frequentemente de mi, e se saverà sempre la verità. Perchè mi no gh’ho altro de bon a sto mondo, che la schiettezza de cuor, la verità in bocca, e la sincerità sulla penna. (Agostino ed Elena parlano piano fra di loro, e partono)

Momolo. Oe! i do zelosi se l’ha moccaday.

Anzoletto. Lassè che i fazza. Bisogna soffrir tutti col so difetto; specialmente co i xe de quei che no dà molestia a nissun. Credème, compare, che ’l più bel studio xe quello de conosser i caratteri delle persone, e prevalerse del bon esempio, e corregger se stessi, vedendo in altri quelle cosse che no par bon.

Marta. Scrivène spesso, sior Anzoletto.

Anzoletto. Scriverò; ma che i scriva lori.

Momolo. Mi ve scriverò le novità.

Anzoletto. Me farè un piaser grandissimo.

Momolo. E se vien fora critiche, voleu che ve le manda?

Anzoletto. Ve dirò: se le xe critiche, sior sì; se le xe satire, sior no. Ma al di d’ancuo par che sia diffìcile el criticar senza satirizar; onde no ve incomodè de mandarmele. No le me piase [p. 215 modifica] nè per mi, nè per altri. Se vegnirà fora delle cosse contra de mi, pazenzia: za el responder no serve a gnente, perchè se gh’ave torto, fe pezo a parlar; e se gh’avè rason, o presto, o tardi, el mondo ve la farà.

Cosmo. Patroni, dise sior Zamaria, che i se contenta de andar tutti de là.

Marta. Dove?

Cosmo. In portego2, che xe parecchià per ballar.

Marta. Andemo, sior Anzoletto; bon augurio, andemo. (prende Anzoletto per mano.)

Anzoletto. E pur ancora me trema el cuor.

Marta. Mano, vegnì anca vu, andemo. (prende anch’ella Bastian per mano.)

Bastian. Mia muggier almanco xe de bon cuor. (parte con Marta e Anzoletto.)

Momolo. Comandela che la serva? (a Polonia)

Polonia. Magari che sior Zamaria ve lassasse vu direttor del so negozio de testor.

Momolo. Ve par che saria capace de portarme ben?

Polonia. Sé un poco maturlo; ma gh’ave dell’abilità, e sè un zovene pontual.

Momolo. Oh! sia benedetto chi me vol ben. (a Polonia)

Polonia. Animo, animo, andemo. (lo prende per un braccio)

Momolo. Con sopportazionz (a Lazaro e Alba, e parte)

Lazaro. Via, muggier, andemo. Andemose a devertir.

Alba. Mi anderave in letto più volentiera.

Lazaro. Voleu che andemo a casa?

Alba. Cossa voleu? Che i se n’abbia per mal?

Lazaro. Voleu andarve a buttar sul letto un tantin?

Alba. Andemo de là, che voggio ballar. (s’alza e parte)

Lazaro. (Brava! Mo che cara cossa che xe sta mia muggier!) (parte) [p. 216 modifica]

SCENA ULTIMA.
Sala illuminata per il ballo.
Domenica, Zamaria, Madama, Agustin, Elena, con altre persone, tutte a sedere. Poi Marta, Anzoletto e Bastian, poi Polonia e Momolo, poi Alba, poi Lazaro.

Marta. Semo qua, sior Zamaria.

Zamaria. (S’alza dal suo posto, e corre incontro a Anzoletto) Vegnì qua, sior Anzoletto, vegnì qua, fio mio. Ho risolto, ho stabilio: ve darò mia fia, vegnirò con vu. Sieu benedetto! sè mio zenero, sè mio fio.

Marta. Evviva, evviva, siora Domenica, me ne consolo.

Domenica. Grazie, grazie. (alzandosi)

Anzoletto. Caro sior Zamaria, no gh’ho termini che basta per ringraziarlo; l’allegrezza me impedisce el parlar.

Bastian. Me consolo co sior Anzoletto e co siora Domenica.

Momolo. Compare Anzoletto, anca mi co tanto de cuor.

Polonia. Anca mi, con tutti, dasseno.

Lazaro. Bravi, bravi; anca mi gh’ho consolazion. Muggier, vegnì qua anca vu, sentì. (ad Alba)

Alba. Eh! ho sentio; me ne consolo. (colla solita flemma)

Lazaro. Poverazza! la xe debole; no la pol star in piè. (a lutti)

Elenetta. Sior santolo, siora Domenica, me ne consolo.

Agustin. (Prende Elena per mano, e la conduce a sedere dov’erano prima)

Zamaria. Scampè, vedè, che no i ve la sorbaaa. (a Agustin) Sior Momolo, vegnì qua.

Momolo. Comandè, paron.

Zamaria. Za che v’ave esebìo de favorirme, fazzo conto de lassarve a vu el manizo de mii mteressi.

Momolo. E mi pontualmente ve servirò.

Zamaria. Ve darò un tanto all’anno, e un terzo dei utili, acciò che v’interessè con amor.

Momolo. Tutto quel che volè. [p. 217 modifica]

Zamaria. Ma fe da omo.

Momolo. Se ho da far da omo, bisogna che me marida.

Zamaria. Maridève.

Momolo. Me mariderò, se sta cara zoggia me vol. (a Polonia)

Polonia. Sior sì: adesso, co sto poco de fondamento, ve sposerò!

Marta. Oh! via, le candele se brusa. Prencipiemo a ballar.

Zamaria. Siora sì, subito; ma avanti de prencipiar, putti, destrigheve, deve la man. (a Anzoletto e Domenica)

Anzoletto. Son qua, con tutta la consolazion.

Domenica. Son fora de mi dalla contentezza.

Anzoletto. Mario e muggier. (si danno la mano)

Bastian. Sior Anzoletto, novamente me ne consolo. Andè a bon viazo, e no ve desmenteghèab de nu.

Anzoletto. Cossa dìsela mai, caro sior Bastian? Mi scordarme de sto paese? Della mia adoratissima patria? Dei mii patroni? Dei mii cari amici? No xe questa la prima volta che vago; e sempre, dove son stà, ho porta el nome de Venezia scolpìo nel cuor; m’ho sempre recordà delle grazie, dei benefizi che ho recevesto; ho sempre desiderà de tornar; co son tornà, me xe sta sempre de consolazion. Ogni confronto che ho avù occasion de far, m’ha sempre fatto comparir più bello, più magnifico, più respettabile el mio paese; ogni volta che son tornà, ho scoverto delle bellezze maggior3; e cussì sarà anca sta volta, se ’l cielo me concederà de tornar. Confesso, e zuro su l’onor mio, che parto col cuor strazzà; che nissun allettamento, che nissuna fortuna, se ghe n’avesse, compenserà el despiaser de star lontan da chi me vol ben. Conservème el vostro amor, cari amici, el cielo ve benedissa, e ve lo digo de cuorac.

Marta. Via, no parlemo altro. No disè altro, che debotto me fe contaminar. Sior Zamaria, piencipiemo a ballar.

Zamaria. Un momento de tempo. La lassa che destriga un’altra piccola facendetta, e po son con ela. Madama. (chiamandola) [p. 218 modifica]

Madama. Que voulez-vous, monsieur? (s’alza)

Zamaria. Favorì de vegnir qua.

Madama. Me voici à vos ordres. (s’accosta)

Zamaria. Mia fia xe maridada.

Madama. Madame, monsieur. (a Domenica e Anzoletto) Je vous fais mon compiimene

Zamaria. Se volè, se podemo sposar anca nu.

Madama. Quel bonheur! quel plaisir! que je suis heureuse, mon cher ami!

Zamaria. Voleu, o no voleu, in buon italian?

Madama. Voici la main, mon petit coeur. (gli dà la mano)

Zamaria. Mario e muggier.

Madama. Ah! mon mignon! (a Zamaria)

Momolo. Fermeve. Con un ambo se vadagna poco. Siora Polonia, ghe vol el terno.

Polonia. Ho capio. Me voressi sposar co sto sugo?ad

Momolo. Sti altri con che sugo s’ali sposà?

Zamaria. Via, siora Polonia, fe anca vu quel che avemo fatto nu.

Polonia. Me conseggielo che lo fazza?

Zamaria. Sì, ve conseggio, e me sarà de consolazion.

Polonia. Co l’è cussì, son qua co volè. (a Momolo)

Momolo. Mia muggier.

Polonia. Mio mario.

Marta. Bravi.

Lazaro. Pulito.

Anzoletto. Me ne consolo.

Momolo. Fermeve. Che ho prencipià a far giudizio. (serio)

Zamaria. Oh! adesso andemo a ballar.

Domenica. Andemo, che anca mi ballerò de cuor. Mi, circa l’andar via, no serve che diga gnente; ha dito tanto che basta, sior Anzoletto. Digo ben che anca mi son piena de obligazion con chi m’ha fatto del ben, e che se degna de volerme ben. Andemo, fenimo de goder una de ste ultime sere de carneval. Signoriae, con tanta bontà n’ave favorio; vualtri, che sè avezzi [p. 219 modifica] a goder delle bellissime sere de carneval, ve parla muffa la nostra?af Compatìla, ve supplico, compatila almanco in grazia del vostro povero dessegnador.

Fine della Commedia.


Note dell’autore
  1. Arcolaio; cioè pazzarello, senza fondamento.
  2. Or ora.
  3. A tavola.
  4. Proverbio.
  5. Piuttosto una rosa fittizia, che un cocomero naturale: e vuol dire, che ama piuttosto una donna bianca e rossa per artificio, che una di cattivo colore.
  6. Come? che cosa dice
  7. Che tu possa.
  8. Stanza dove si pranza e si cena.
  9. Appresso.
  10. Sorbetto gelato, alludendo alla flemma noiosa di sior’Alba.
  11. Date qui, date qui, spicciatevi.
  12. Alla persona vicina, per ordine, seguitando l’ordine.
  13. Una gran scodella di pan bollito.
  14. Fegato.
  15. Tutti due.
  16. Badiamo a noi.
  17. Un gran bicchiere.
  18. Mestre e Malghera sono due villaggi, distanti all’incirca un miglio l’uno dall’altro. Qui intende parlare della distanza in cui sono Angioletto e Domenica.
  19. Zogattolo, vuol dir giocolino; ma qui significa, che non vuol esser preso per mano, e disprezzato.
  20. Che fantasia?
  21. Vuol dir che tutti sono vicini alla persona che amano.
  22. Rampicato, cioè acquistato.
  23. Petèvelo è un termine di disprezzo, per dire tenetelo per voi, non sappiamo che farne.
  24. Vuol veder di che si può compromettere: frase presa da’ marinai, che osservano collo scandaglio quanti piedi di acqua vi sono nel canale dove si trovano, per assicurarsi se vi è acqua bastante per il loro naviglio.
  25. Parola che significa, sono partiti; ed è una specie di gergo.
  26. Vuol dir con sua permissione; ma per ischerzo si serve di un termine che significa con rispetto, quando si parla di cosa sucida.
  27. Che non ve la mangino.
  28. Dimenticate.
  29. Complimento diretto al pubblico.
  30. Con questa facilità?
  31. All’udienza.
  32. Vi pare che sia stata la nostra fiacca, debole, di scarso mento e di scarso piacere?
Note dell’editore
  1. Nelle edizioni Pasquali. Zatta ecc. c’è qui il punto fermo.
  2. «Portico e sala, luogo principale e più vasto della casa»: Boerio.
  3. Ed. Zatta: maggiori.
[p. 220 modifica]