Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/226



SCENA ULTIMA.

Sala illuminata per i! ballo.

Domenica, Zamaria, Madama, Agustin, Elena, con altre persone, tutte a sedere. Poi Marta, Anzoletto e Bastian, poi Polonia e Momolo, poi Alba, poi Lazaro.

Marta. Semo qua, sior Zamaria.

Zamaria. (5’alza dal suo posto, e corre incontro a Anzoletto) V egnì qua, sior Anzoletto, vegnì qua, fio mio. Ho risolto, ho stabilio: ve darò mia fia, vegnirò con vu. Sieu benedetto! se mio ze- nero, sé mio fio.

Marta. Evviva, evviva, siora Domenica, me ne consolo.

Domenica. Grazie, grazie. (alzandosi)

Anzoletto. Caro sior Zamaria, no gh’ho termini che basta per ringraziarlo; l’allegrezza me impedisce el parlar.

Bastian. Me consolo co sior Anzoletto e co siora Domenica.

Momolo. Compare Anzoletto, anca mi co tanto de cuor.

Polonia. Anca mi, con tutti, dasseno.

Lazaro. Bravi, bravi; anca mi gh’ho consolazion. Muggier, vegnì qua anca vu, sentì. (ad Alba)

Alba. Eh! ho sentio; me ne consolo. (colla solila flemma)

Lazaro. Poverazza! la xe debole; no la poi star in pie. (a lutti)

Elenetta. Sior santolo, siora Domenica, me ne consolo.

Agustin. (Prende Elena per mano, e la conduce a sedere dov’erano prima)

Zamaria. Scampè, vede, che no i ve la sorba (a), (a Agustin) Sior Momolo, vegnì qua.

Momolo. Comande, paron.

Zamaria. Za che v’ave esebìo de favorirme, fazzo conto de las- sarve a vu el manizo de mn mteressi.

Momolo. E mi pontualmente ve servirò.

Zamaria. Ve darò un tanto all’anno, e un terzo dei utili, acciò che v’interesse con amor.

Momolo. Tutto quel che volè. (fl) Che non ve la mangino.