Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/226

216 ATTO TERZO

|

SCENA ULTIMA.
Sala illuminata per il ballo.
Domenica, Zamaria, Madama, Agustin, Elena, con altre persone, tutte a sedere. Poi Marta, Anzoletto e Bastian, poi Polonia e Momolo, poi Alba, poi Lazaro.

Marta. Semo qua, sior Zamaria.

Zamaria. (S’alza dal suo posto, e corre incontro a Anzoletto) Vegnì qua, sior Anzoletto, vegnì qua, fio mio. Ho risolto, ho stabilio: ve darò mia fia, vegnirò con vu. Sieu benedetto! sè mio zenero, sè mio fio.

Marta. Evviva, evviva, siora Domenica, me ne consolo.

Domenica. Grazie, grazie. (alzandosi)

Anzoletto. Caro sior Zamaria, no gh’ho termini che basta per ringraziarlo; l’allegrezza me impedisce el parlar.

Bastian. Me consolo co sior Anzoletto e co siora Domenica.

Momolo. Compare Anzoletto, anca mi co tanto de cuor.

Polonia. Anca mi, con tutti, dasseno.

Lazaro. Bravi, bravi; anca mi gh’ho consolazion. Muggier, vegnì qua anca vu, sentì. (ad Alba)

Alba. Eh! ho sentio; me ne consolo. (colla solita flemma)

Lazaro. Poverazza! la xe debole; no la pol star in piè. (a lutti)

Elenetta. Sior santolo, siora Domenica, me ne consolo.

Agustin. (Prende Elena per mano, e la conduce a sedere dov’erano prima)

Zamaria. Scampè, vedè, che no i ve la sorbaa. (a Agustin) Sior Momolo, vegnì qua.

Momolo. Comandè, paron.

Zamaria. Za che v’ave esebìo de favorirme, fazzo conto de lassarve a vu el manizo de mii mteressi.

Momolo. E mi pontualmente ve servirò.

Zamaria. Ve darò un tanto all’anno, e un terzo dei utili, acciò che v’interessè con amor.

Momolo. Tutto quel che volè.

  1. Che non ve la mangino.