Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/216



Agustin. De qua, de qua, deslrigheve (a). (a Momolo)

Momolo. Tolè, compare; e questi... tolè: drio man (è), (fa passar) i tondi.

Agustin. a mia muggier.

Momolo. Vedeu? Non ardisse gnanca de nominarla, (ad Agustin,) burlandosi di lui) Questi a sior Zamaria, e questi a madama.

Madama. Bien obligée, monsieur. (51 mette a mangiare col cucchiaro) e forchetta.

Elenetta. (Cossa distu? Co pochi che 1 me n’ha dà?) (a Agustin)

Agustin. (E a mi? Varda. El lo fa per despetto). (a Elena)

Lazaro. Muggier? (a sior Alba)

Alba. Cossa gh’è?

Lazaro. Ve piaseli?

Alba. Oh! mi savè che de sta roba no ghe ne magno.

Lazaro. Poverazza! Mi no so de cossa che la viva, (a Polonia)

Polonia. (No voleu che no la gh’abbia fame? Avanti de vegnir) de qua, la xe andada in cusina, e la s’ha fatto far tanto de zaina de pan in brodo (e)). (u Lazaro)

Lazaro. (Sì, ah! poverazza Bisogna che no la podesse più), (a Polonia)

Marta. Forti, siora Domenica. Coss’è? No la magna?

Domenica. Siora sì, magno. (Me sento che no posso più).

Marta. (Poverazza! la compatisse). (ad Anzoletto)

Anzoletto. (No so chi staga pezo da eia a mi). (a Marta)

Zamaria. Ve piaseli sti rafloletti? (a Madama)

Madama. Ils sont delicieux, sur ma parole. (o Zamaria)

Zamaria. Feme servizio de parlar italian. (a Madama)

Madama. (Oui, monsieur. Non so per voi che cosa non facessi). (a Zamaria)

Zamaria. (Per mi?) (a Madama)

Madama. (Per voi, mon cher). (a Zamaria)

Zamaria. (Cossa xe sto ser?) (a Madama)

Madama. (Vuol dire, mio caro). (a Zamaria)

Zamaria. (Caro, a mi me disè?) (o Madama) (a) Date qui, date qui, spicciatevi. (i) Alla persona vicina, per ordine, seguitando l’ordine. (e) Una grcin scodella di pan bollito.