Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/212

202 ATTO TERZO


vous plalt. (sostenuta)

Momolo. Son qua a servirla. (le dà la mano)

Madama. Bien obligée, monsieur mangano. (gli dà la mano con una riverenza.)

Momolo. Andemo. (Che pussistua esser manganada!) (partono)

SCENA IX.

Tinellob, con tavola lunga apparecchiata per dodici persone, con tondi, posate, sedie ecc. con quattro lumi in tavola, e varie pietanze in mezzo, fra le quali dei ravioli, un cappone, delle paste sfogliate ecc. Una credenziera in fondo, con lumi, tondi, bicchieri, boccie, bottiglie ecc. Si tira avanti la tavola.

Tutti, fuorchè Madama e Momolo.

Zamaria. Animo; presto, che i raffioi se giazza.

Domenica. (El m’ha dà speranza. Nol m’ha dito de no). (ad Anzoletto, piano.)

Anzoletto. (Mo via; gh’ho un poco più de consolazion). (a Domenica)

Zamaria. (No i voggio miga arente quei putti). Siora Marta, la se senta qua. (quasi in mezzo)

Marta. Sior sì, dove che ’l comanda. (siede)

Zamaria. Sior Anzoletto, vegnì qua arentec de siora Marta.

Anzoletto. (Oh! questa no me l’aspettava), (s’incammina mortificato, spiacendogli non dover sedere vicino a Domenica.)

Domenica. (Poveretta mi!) Sta cossa me mette in agitazion. (per la stessa causa.)

Marta. Perchè no se sentemio, come gierimo sentai alla meneghella? (a Zamaria)

Zamaria. Per sta volta la se contenta cussì; gh’ho gusto de disponer mi. Sior Anzoletto qua. (gli assegna la sedia vicino a Marta)

Anzoletto. Son qua. (siede melanconico)

Marta. (Coss’è, putto? I ve l’ha fatta, puh!) (ad Anzoletto)

Anzoletto. (La tasa, cara ela, che son fora de mi), (a Marta)

  1. Che tu possa.
  2. Stanza dove si pranza e si cena.
  3. Appresso.