Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/228



Madama. Que voulez-vous, monsieur? (s’alza)

Zamaria. Favorì de vegnir qua.

Madama. Me voici à vos ordres. (s’accosta)

Zamaria. Mia fia xe maridada.

Madama. Madame, monsieur. (a Domenica e Jlnzolelto) Je vous fais mon compiimene

Zamaria. Se volè, se podemo sposar anca nu.

Madama. Quel bonheur! quel plaisir! que je suis heureuse, mon cher ami!

Zamaria. Voleu, o no voleu, in buon italian?

Madama. Voici la mam, mon petit coeur. (gli dà la mano)

Zamaria. Mario e muggier.

Madama. Ah! mon mignon! (a Zamaria)

Momolo. Fermeve. Con un ambo se vadagna poco. Siora Polonia, ghe voi el terno.

Polonia. Ho capio. Me voressi sposar co sto sugo? (a)

Momolo. Sti altri con che sugo s’ali sposa?

Zamaria. Via, siora Polonia, fé anca vu quel che avemo fatto nu.

Polonia. Me conseggielo che lo fazza?

Zamaria. Sì, ve conseggio, e me sarà de consolazion.

Polonia. Co l’è cussi, son qua co volè. (a Momolo)

Momolo. Mia muggier.

Polonia. Mio mario.

Marta. Bravi.

Lazaro. Pulito.

Anzoletto. Me ne consolo.

Momolo. Fermeve. Che ho prencipià a far giudizio. (serio)

Zamaria. Oh! adesso andemo a ballar.

Domenica. Andemo, che anca mi ballerò de cuor. Mi, circa l’andar via, no serve che diga gnente; ha dito tanto che basta, sior

Anzoletto. Digo ben che anca mi son piena de obligazion con chi m’ha fatto del ben, e che se degna de volerme ben. Andemo, fenimo de goder una de ste ultime sere de carneval. Signori (i), con tanta bontà n’ave favorio; vualtri, che sé avezzi (a) Con questa facilità ) (b) All’udienza.