Apri il menu principale

Una delle ultime sere di Carnovale/Atto II

Atto II

../Atto I ../Atto III IncludiIntestazione 6 agosto 2019 25% Da definire

Atto I Atto III
[p. 165 modifica]

ATTO SECONDO.

SCENA PRIMA.

Zamaria e Anzoletto.

Zamaria. Vegnì qua mo, sior Anzoletto.

Anzoletto. Son qua a servirla, sior Zamaria.

Zamaria. Com’èla, compare (a)? Xe vero quel che i dise? Xela la verità che andè via?

Anzoletto. Sior sì, xe verissimo. Son chiama in Moscovia.

Zamaria. Seu mo veramente chiama, o seu vu che ha brogià(i) per andar?

Anzoletto. l’assicuro, da omo d’onor, che mi a sta cossa no ghe pensava; ve posso mostrar le lettere. Le ha viste i mii (a) SI è detto altre volte nelle note fatte ai termini veneziani, che II titolo di iompare si da comunemente in Venezia In luogo di quello di amico, ancorché quello che se ne serve, non sia effettivamente compadre dell’altro. i6; tiTogiar, o Jar brogio vuol dir pregare, brigare, raccomandarsi. [p. 166 modifica] patroni, i mii amici; e i fatti mii li sa tutto e! mondo. E pò, caro sior Zamaria, me crederessi cussi minchion, che stando ben dove son, dove no me manca da laorar, volesse lassar el certo per l’incerto, e rischiar de precipitarme? Considera un altra cossa. I me paga i viazi. Co (e) se cerca, co se prega, co se fa brogio, ve par a vu che se possa sperar i viazi de andar e tornar?

Zamaria. Fé conto de tornar donca?

Anzoletto. S’el cielo me lassa in vita, lo spero, lo desidero e lo farò.

Zamaria. No so cossa dir; andè che ì cielo ve benediga. Me despiase che fin che stè via, no gh’averemo dei vostri dessegni.

Anzoletto. E per questo? Manca in sto paese dei ottimi des- segnadori? Venezia no xe scarsa de bei talenti. In tutte le arte, in tutte le scienze la xe stada sempre felice, e adesso più che mai in ste lagune fiorisse i bei spiriti, e ’1 bon gusto, e le novità. Per mi ho fatto troppo. Son sta più sofferto de quel che merito.

Zamaria. Mi no so gnente. Savè che nualtri testori no semo boni da altro che da eseguir; e no tocca a nu a giudicar. Ma gierimo usai con vu. 1 mii teleri principalmente i giera provisti da vu, e la nostra roba incontrava, e i nostri aven- tori giera contenti.

Anzoletto. Caro sior Zamaria, vu parie con troppa bontà. De cento e più dessegni che ho fatto, qualchedun ghe n’è andà mal, e qualche volta ave butta via la seda, l’oro e l’arzente per causa mia.

Zamaria. Mi no digo cussi. So che i mii drappi laorai sui vostri dessegni, se no i ho smaltii a Venezia, i ho smaltii in ter- raferma; e se in qualcun ho descapità, m’ho refatto sora la brocca (</) con quelli che xe andai ben.

Anzoletto. Sieu benedetto! Vu sé un omo onesto. Vu sé un omo da ben. Ma ghe xe dei altri testori che no parla cussi. (a) Co, vuol dir quando, e ciò sia detto una volta per sempre. (i) Sora la brocca, abbondantemente. [p. 167 modifica]


Zamaria. Vegnì qua, sentì. No poderessi, fin che stè via, man- darme dei dessegni da dove che sé?

Anzoletto. Perchè no? Se ve compiasessi de comandarme, e se ve fidessi de mi, ve servirave con tutto el cuor.

Zamaria. Sior sì; mandeghene, e non ve dubitè.

Anzoletto. Ghe ne manderò.

Zamaria. V’impegneu?

Anzoletto. M’impegno.

Zamaria. Me prometteu?

Anzoletto. Ve prometto.

Zamaria. Vardè ben, che sulla vostra parola torrò l’impegno coi mii aventori.

Anzoletto. Gh’ho tanto respetto e tante obbligazion coi aventori de sta bottega, che sarà ve un ingrato se trascurasse de cor- risponder alle finezze che i m’ha pratica. Se vu disè dasseno; se volè, se ve preme, anca mi v’assicuro, no mancherò.

Zamaria. Bravo, son contento; me fido de vu. No parlemo altro. Devertimose, godemose m bona pase. Oe, zente, dove seu? Animo, vegnì de qua.

SCENA II.


Tutti.

Momolo. Son qua, paion, comande.

Zamaria. E vu prima de tutti.

Momolo. Son (I) qua mi; capo de ballo mi.

Zamaria. Adesso no se balla. Se ballerà dopo cena. Che ora xe?

Momolo. No so; ho lassa el reloggio dal reloggier.

Marta. Xe tre ore, sior Zamaria.

Zamaria. Tre e do cinque. A cinqu’ore anderemo a cena. Via intanto, che i fazza qualcossa, che i se deverta. Presto, carte, luse, taolini. (verso la scena)

Domenica. (Gh’ho altra voggia mi, che zogar). (Ja sé) (1) Ed. Pasquali: So. [p. 168 modifica]


Zamaria. Zoghemo a un zogo che zoga tutti.

Alba. Per mi, che i me lassa fora.

Zamaria. Siora no; l’ha da zogar anca eia. (aJ Alba)

Alba. Mi no so zogar.

Lazaro. Eh! sì, cara fia, che savè zogar. (ad Alba)

Alba. No so, me stufo, vago via colla testa; fazzo dei spropositi, e i cria; e mi, co i cria, butto le carte in tola.

Marta. Oh! via, a cossa se zoga? (a Domenica)

Domenica. A quel che i comanda lori. Mi za no zogo.

Marta. Gnanca eia no zoga? Oh bella! Donca lassemo star de zogar. (Ho capio; el reobarbaro gh’ha fatto mal).

Zamaria. Oe, Domenica, xestu matta? Coss’è ste scene?

Domenica. Via, via; per no desgustar la compagnia, zogherò anca mi.

Marta. A cossa podemio zogar?

Momolo. La se ferma. Mi gh’ho in scarsella la facoltà de cin- quanta soldi; se le voi che li taggia, le servo.

Zamaria. No, compare, in casa mia no se zoga alla bassetto.

Bastian. Zoghemo al marcante in fiera.

Marta. Sior no, sior no. Mi me piase zogar co le carte in man.

Zamaria. Disè vu, compare Lazaro. Trovè un zogo che piasa anca a vostra muggier.

Alba. Mo se mi no zogo.

Zamaria. Mo se mi voi che la zoga.

Lazaro. Zoghemo a barba Valerio.

Polonia. Oh! che zogo sempio (a) che ì trova fora. Più tosto pò alla tondino. Marta, ih! un zogo che no fenisse mai. Vorli che diga mi?

Zamaria. Sì, la diga eia.

Marta. Zoghemo alla meneghella (b).

Zamaria. Sì, per diana. Alla meneghella. Marta, in quanri semio? Chi zoga?

Momolo. Mi, per no me perder.

Alba. Mi no seguro. (a) Sciocco, (b) Vedi la prefazione. [p. 169 modifica]


Zamaria. Giusto mo vu, comare, ave da zogar per la prima. Zogherè con mi.

Alba. Mo se mi no so.

Marta. E elo, sior Zamaria, ghe ne salo?

Zamaria. Mi sarà vint’anni che no ho zogà.

Marta. Bisogna compagnar un che sa, e un che no sa. Via, la fazza eia, siora Domenica; la unissa eia i zogadori; da brava.

Domenica. Mi no so, no gh’ho pratica; la fazza eia.

Marta. Vorla che fazza mi?

Domenica. Sì, la me fa finezza.

Marta. Sior’Alba...

Alba. La me metta con uno che ghe ne sappia, perchè, prima mi no ghe ne so, e pò me diol la testa che la me va in pezzi.

Marta. La zogherà con mio mano, che 1 xe bravo.

Bastian. (Cospetto! M’ala fatto un bel regalo mia muggier?)

Marta. Sior Momolo zogherà co siora Elenetta.

Elenetta. Siora?

Marta. La zogherà co sior Momolo.

Elenetta. Mi no, la veda.

Momolo. La me rehida?

Marta. Via, via, ho inteso. La zogherà co so mario.

Momolo. La se ferma. Son qua; chi me voi? Son refudà. I bocconi refudai xe meggio dei altri.

Marta. Vu zogherè co siora Polonia.

Polonia. No lo voggio.

Momolo. Chi no me voi, no me merita.

Polonia. Vare che fusto! (a)

Marta. Via, via, destrighemose, che vien tardi. L’è dita. Siora Polonia, e sior Momolo. Mi zogherò co sior Lazaro, e siora Domenica co sior Anzoletto.

Anzoletto. (Sì ben; sto incontro Io desiderava). (si accosta)

Domenica. No, cara siora Marta, mi la me lassa fora.

Zamaria. Coss’è? Farastu anca ti delle puttelae? (a) Guardate il bei soggetto! [p. 170 modifica]


Domenica. Mi ho da tender de là.

Zamaria. Ghe tenderò mi.

Marta. Aponto. Noi gh’ha compagno, sior Zamaria?

Zamaria. Mi no m’importa; che i zoghi loro. Za mi no so, e pò anca ghe vedo poco. Animo, la laolada (a) xe fatta. Putii, porte de qua quella tola longa, e delle carieghe. Porte un mazzo de carte e un piattelo. (/ giovani portano tutto) Gh’ali soldoni (i)? Gh’ali bisogno de soldoni?

Agustin. (Sior santolo, caro elo, el me impresta un da vinti (e)).

Zamaria. (Coss’è, fiozzo? No gh’avè bezzi?)

Agustin. (Sior no; mia muggier no voi che porta bezzi in) scarsella (J)).

Zamaria. Oe, fiozza. (ad Elena)

Elenetta. Sior. (a Zamaria)

Zamaria. (Che diavolo de vergogna! Gnanca vinti soldi in scar-) sella no volè che gh’abbia vostro mano?) (ad Elena)

Elenetta. (Eh! caro sior; co i omeni gh’ha dei bezzi in scar-) sella, no se sa che occasion che ghe possa vegnir). (a Zamaria)

Zamaria. (Da una banda no la gh’ha gnanca torto. Digo ben,) che xe assae che Agustin ghe staga). (da sé) (Tolè, fiozzo,) queste xe tre lire).

Agustin. (Cossa vorlo che fazza de tanti bezzi?)

Zamaria. (Podè perder anca de più).

Agustin. (Oh! mi no perdo più de un da vinti).

Marta. Animo, patroni. Tutti ai so posti. (Si dispongono tutti a sedere. Domenica in principio della tavola; poi) Anzoletto, poi Marta, poi Lazaro, poi Alba, poi Bastian, poi Elena, poi Agustin, poi Polonia, poi Momolo.

Anzoletto. (Gh’ho ben piacer de aver l’onor de zogar con) eia. La fortuna m’ha volesto beneficar). (a Domenica, piano)

Domenica. (Eh! via, caro sior, ch’el vaga a burlar in qualche) altro logo). (ad Anzoletto) (a) Tavolata; qui compagnia, o partita, (b) Ai soldi correnti si dice soldoni, forse perche un tempo vi erano dei soldi d’argento, molto più piccoli, (e) Venti soldi, una lira. (d) In saccoccia. [p. 171 modifica]


Anzoletto. (La me permetta che me possa giustificar).

Domenica. (Zitto, zitto; za che mio padre no ha savesto gnente) fin adesso, no veggio che ’I se n’incorza, e che 1 m’abbia da criar senza sugo). (siedono ai loro posti)

Marta. Mettemo suso do soldi per omoC). Semo diese; do fia diese, vinti (a). La prima carta tira sette. La segonda sie, perchè se lassa el soldo dell’invido; e in ultima resta sette. (tutti pongono il loro soldo nel tondino)

Anzoletto. (Ghe voi più ben de quello che la se imagina). (a Domenica)

Domenica. (Eh! caro sior, s’el me volesse ben, no l’anderave) in Moscovia). (ad Jlnzoleilo)

Anzoletto. (Ma la prego de considerar...).

Domenica. (Zitto, zitto, eh ’el tasa).

Polonia. La diga, siora Domenica. M’imagino che faremo l’in- vido ligà (b).

Domenica. Per mi, quel che la comanda.

Polonia. Che no se passa un traero (e).

Marta. Oh! per un traero no se poi far cazzate (2)! Cossa disela eia? (ad Alba)

Alba. Che i fazza pur quel che i voi. (a Marta) Me casca i occhi da sonno. (a Bastian)

Bastian. (Stago fresco! M’ha tocca una bona compagna).

Marta. (Dando le carte per veder a chi tocca) Mi diria che se po- desse invidar almanco do traeri.

Agustin. Mi no veggio che se invida più de do soldi.

Marta. Tanto fa che lassemo star.

Zamaria. Via, fiozzo, no siè cussi spilorza. Co se ghe xe, se ghe sta.

Elenetta. Ben; co avemo perso un da vinti, no zoghemo altro.

Zamaria. Gh’aveu paura? Zoghè per mi. (a) Maniera di conteggiare in Venezia: do fia diese, vinti, quasi due fiate dieci, venti. (b) Propone di far l’invito limitato; vedi cos’è l’invito nella prefazione. (e) Cinque soldi, moneta di Venezia. (1) Per ciascuno. (2) Vedasi prefazione, pag. 129. [p. 172 modifica]


Elenetta. Eh! sior no; zogheremo per nu.

Marta. Oh! tocca a far le carte a siora Polonia. (passano il) mazzo a Polonia.

Zamaria. (Va girando dietro le sedie, e guarda coli’occhialetto).

Momolo. Vorlo che le fazza mi per eia? (a Volonia)

Polonia. Eh! sior no, le so far anca mi. (a Momolo) Se fa lissìa? (’) (mescolando le carte)

Marta. Siora sì. No vorla? (a Polonia)

Zamaria. Via, da bravi, e fé delle belle cazzate.

Bastian. Sior’Alba gh’ha sonno. La me darà licenza che parla qualche volta con eia. (a Elena)

Elenetta. (Eh! sior no; che ’1 tenda alla so compagna). (a Bastian)

Bastian. (Mo via, no la sia cussi cattiva). (a Elena)

Agustin. (Cossa te diselo?) (a Elena)

Elenetta. (Se ti savessi! el me fa una rabbia!...) (a Agostino)

Agustin. (Vien qua da mi, che mi vegnirò là). (Agostino ed) Elena si mutano di posto.

Bastian. (Mo che razza de zente). (da sé)

Zamaria. Coss’è. Coss’è ste muanze? (a) (ad Agostino e ad Elena)

Agustin. Oh! védelo? Mi bisogna che regola el zogo; de là no podeva, e qua son a bona man.

Marta. (Mo che sempiezzi (b)!)

Zamaria. Putto, fé a modo mio. Stè a casa, no andè in nissun logo, perchè al tempo d’ancuo i ve taccherà i moccoli drio (e). (ad Agostino, e parte)

SCENA 111.

Tutti, fuori di Zamaria.

Polonia. Alzè.

Momolo. Se almanco alzasse la meneghella. (alzando) Dèmele bone, che son bon anca mi. (a ’Polonia) (a) Cambiamenti di posto. (b) Scioccherie, (e) Tutti vi burleranno. (I) Pre(azione, pag. 127.) [p. 173 modifica]


Polonia. (Sì, sì, sior baron). (dando fuori le carte, che si fanno passare) di mano in mano.

Momolo. (Mo via, che sé la mia cara colonna). (o T’olonia)

Polonia. (No ve credo una maledetta). (a CMomolo)

Momolo. (Mettème alla prova, e vedere se digo la verità). (a ’Polonia)

Polonia. (Ben, ben. Vederemo). (a Momolo, facendo lissìa)

Elenetta. Mo che carte che la n’ha dà; se poi far pezo?

Domenica. (Mi no gh’ho gnente; tanto fa che le butta a monte). (ad Anzoletlo)

Anzoletto. (No, no; la tegna le carte in man. Vardando le) carte, se poi dir qualche paroletta). (a Domenica)

Domenica. (Cossa serve parlar? Le xe parole buttae via). (ad Anzoletto)

Anzoletto. (Me preme de dirghe le mie rason). (a Domenica)

Elenetta. E1 re de bastoni, (giuocando) Butte zo quella. (ad Agostino)

Agustin. Siora no; questa.

Elenetta. E mi voggio questa, (leva una carta delle tre di Agostino) e la butta in tavola.

Bastian. (Dà giìt la sua carta) Via, la responda. (ad Alba)

Alba. Cossa oggio da responder?

Bastian. No la vede? Bastoni.

Alba. Quala oggio da dar?

Bastian. Mo via. L’asso. (le fa dar giìt l’asso di bastoni)

Elenetta. Sia malignalo! Subito r asso. (Tutti gettano la loro carta in tavola.)

Marta. (Che’l tegna su le so carte. Vorlo che i ghe veda la) meneghella)). (a Lazaro, piano)

Lazaro. (Eh! no gh e pericolo che nissun me la veda), (piano a Marta)

Bastian. Via, la zoga. (ad Alba)

Alba. Cossa oi da zogar?

Bastian. Quel fante.

Alba. Qual fante?

Bastian. Mo quello, quello. No la ghe vede? (con impazienza) [p. 174 modifica]


Alba. Mi debotto butto le carte in tola.

Bastian. Mo no la vaga in collera. El fante de danari. (giuocando la carta di sior Alba)

Lazaro. Ve sentili gnente? (ad Alba, giuocando, e si lascia veder) le carie.

Alba. Gnente. (a Lazaro) (Oe! mio mario gh’ha la meneghella). ipiarìo a Bastian, ridendo

Marta. Vorlo tegnir su le so carte? (a Lazaro)

Polonia. Cosse, patroni, gh’ali la meneghella? (a Marta e a Lazaro) Marta, hh! gh’avemo dei totani (o). (rispondendo per sé e per Lazaro)

Anzoletto. Danari no ghe n’avemo. (rispondendo)

Domenica. (Sti maledetti danari xe quelli che lo fa andar via). (ad Anzoletto, rispondendo colla carta)

Anzoletto. (No solamente i danari, ma anca un pochetto de) onor. (a ’Domenica) Mo.MOLO. El cavallo saravelo bon? (giuocando)

Elenetta. Sior no; gh’avemo el re. (giuocando)

Bastian. E mi l’asso.

Elenetta. Si! i gh’ha tutti i assi del mondo.

Bastian. Tiremo tredese soldi; e quel soldo chi voi veder la mia carta. (tira i soldi dal piatto)

Marta. Nualtri un soldetto per omo. (mettono due soldi in piatto)

Anzoletto. Nu no volemo gnente.

Momolo. Un soldetto mi.

Polonia. Eh! no, caro vu, che i gh’ha la meneghella. (a Momolo)

Momolo. Vedémola.

Polonia. Mi no voggio.

Momolo. Co no volè, sé parona. Co una donna disc no voggio, me rendo subito.

Marta. Gh’è altri che voggia gnente?

Agustin. Mi un soldo.

Elenetta. Sior no.

Agustin. Un soldo!

Elenetta. Sparagnemolo. (a) Per dire che non hanno niente. [p. 175 modifica]


Marta. E lori, vorli gnente? (a Bastian e ad Alba) Basti AN. Gnente a sto mondo.

Marta. Vostro danno. Vedeu? V ave fatto cognosser che la gh’ave (a). (a Lazaro, tirando il piallo)

Lazaro. Mi? Come? (tulli mettono di nuovo i loro due soldi nel tondo,) fuori di Domenica e Anzoletto, perchè parlano e non badano.

Marta. Eh! si si, caretto; no stè ben arente vostra muggier(è).

Alba. Poverazzo! el xe de bon cuor mio marie. (ridendo)

Marta. Tocca a far le carte a sior’Elenetta. (dà le carie ad Elena) Via, chi manca a metter su? ’ ’ )

Anzoletto. Mancheremo nualtri. (prende i quattro soldi)

Marta. (Mo i compatisso, poverazzi!) (da sé)

Anzoletto. (Se la savesse, quanto che me despiase). (a Domenica) Domenica- (De cossa?)

Anzoletto. (De doverla lassar). (mettendo i soldi nel piatto)

Domenica. (Busiaro (e)!) (ad Anzoletto)

Elenetta. Che la leva. (a Polonia, dandole le carte perchè alzi)

Marta. (Siora Domenica, come vaia?) (a Domenica)

Domenica. (Qua no se sente altro che delle busie). (a Marta)

Marta. (Se sé un putto civil, tratte almanco con sincerità). (ad Anzoletto)

Anzoletto. (Per farghe veder che no son busiaro, ghe farò una) proposizion.). (a ’Domenica, che senta anche Marta)

Domenica. (Che xe?)

Anzoletto. (Vorla vegnir in Moscovia con mi?) (come sopra)

Marta. (Sì ben, che r accetta. Noi dise mal). (a ’Domenica)

Domenica. (Come?) (ad Anzoletto)

Anzoletto. (Col consenso de so sior padre). (come sopra)

Marta. (Se gh’intende). (a Domenica)

Domenica. (Sposai?) (ad Anzoletto)

Anzoletto. (No vorla?) (come sopra)

Marta. (Bravo, bravo dasseno). (ad Anzoletto, rimettendosi al giuoco) (a) Cioè la meneghella. (b) Lo rimprovera, perchè ha fatto vedere la meneghella a sua moglie. (e) Bugiardo. ( 1 ) Così l’ed. Pasquali. Nell’ed. Zatla queste ultime parole ( Via ecc.) sono attribuite ad Alba. [p. 176 modifica]


Agustin. Spade, che la vegna. (gìuocando)

Domenica. Spade? Chi zoga spade? (con allegria)

Agustin. Mi; el cinque de spade.

Domenica. E mi el cavallo. (allegra butta giù la carta)

Marta. L’aspetta, che no tocca a eia. (a T>orTìenica) (Adesso) la se confonde per l’allegrezza). Via, a lori, (a Bastian e ad Jllha)

Bastian. El re. (dando giìt la carta) A eia, la responda, (ad Alba)

Alba. Son stuffa. (rispondendo con disprezzo)

Bastian. (Anca mi).

Marta. Mi ghe metto l’asso; ma ghe scometto che vien fora la meneghella. (dà giù la caria)

Domenica. Via, che ’1 responda. (ad Jìnzoletto)

Anzoletto. (Me preme che la me responda eia), (a Domenica,) gìuocando.

Domenica. (Ghe responderò). (ad Anzoletto)

Elenetta. Presto, che i se destriga. (a Momolo e Polonia)

Polonia. Cossa serve? (risponde)

Momolo. Vienla? (ad Elena, rispondendo)

Elenetta. Vela qua. (dà giù la meneghella con allegrezza)

Momolo. Cara cuha!

Agustin. Che i la paga. (con allegria)

Marta. Xela sforzada?

Elenetta. Siora sì. (raccoglie i soldi) Tire sette soldi, (ad Agostino) che li tira dal piatto) Coppe, el sette. (giuoco)

Agustin. El re. (giuoco)

Bastian. No tiremo mai. (giuoco)

Alba. Me vien r accidia. (giuoco, e si tocca la testa)

Marta. No ghe n’ho coppe, (giuoco) Via, el traga zo quel baston. (a Lozaro)

Domenica. (Se mio padre volesse...) (ad Jìnzoletto)

Anzoletto. (Se podemo provar). (a Domenica)

Marta. Via, che i responda. (a Domenica e ad Jìnzoletto)

Domenica. Cossa zogheli?

Marta. Coppe.

Domenica. Cossa gh’è de coppe? [p. 177 modifica]


Marta. E1 re. No la vede?

Domenica. Ghe n’avemio nu coppe? Ah! sì, l’asso, (giuoca, e) poi parla piano ad jìnzoletto.

Elenetta. Malignalo! e tanto la sta?

Marta. (Mi la compatisse). (da sé)

Momolo. Bon prò ve (azza, compare Anzoletto. (forte ad Anzolelto)

Anzoletto. De cossa?

Momolo. Eh! gnente; de quel asso de coppe che ave zogà.

Domenica. Xela nostra?

Polonia. No vorla? El xe l’asso; e xe zoso la meneghella.

Domenica. La meneghella xe zo? Aspettè. Tutti quei bezzi chi voi veder la mia carta.

Polonia. Ih! ih! (maravigliandosi)

Elenetta. Sior no, sior no.

Domenica. Ben. Chi no voi, vaga via.

Polonia. A monte, a monte. (a Momolo)

Momolo. Mi mo la vederla volentiera.

Polonia. E mi no. Momolo, Ghe scometto che la xe una bulada in credenza (a).

Polonia. Voleu vederla? Soddisfeve.

Momolo. Cossa disela eia colla so prudenza? (ad Elenetta)

Elenetta. Mi? Che ’1 fazza el so zogo. (a Momolo, rucidamente)

Momolo. Mo via, no la me tratta mal, che son una persona civil.

Agustin. La fenimio, sior Momolo?

Momolo. Fermève. Quanto ali dito sulla so carta?

Domenica. Sette soldi, seu sordo?

Momolo. Mora l’avarizia, e crepa la gnagnera (b); sette soldi. (mette i soldi in piatto)

Domenica. Ghe xe altri?

Agustin. Ghe semo nu.

Marta. E nu gnente. (getta via le carte)

Elenetta. Oh! figureve se voi buttar via sette soldi. De qua, de qua. (prende le carte di jìgostino e le butta a monte) (a) Una bravata per far fuggire, (i) insulsaggine. [p. 178 modifica]


Agustin. Mo via, siora, seu patrona vu? (a Elena)

Elenetta. Mi la veggio cussi. (ad Agostino)

Agustin. Debotto, debotto...

Elenetta. Coss’è sto debotto?

Agustin. Insolente.

Elenetta. Musso (a).

Momolo. Le se ferma.

Marta. Mo no fali stomego? (i) (a Lazaro, parlando di Agostino) e di Elena.

Domenica. Via, ghe xe altri?

Bastian. Vorla che i mettemo? (ad Alba)

Alba. Cossa? Basti AN. Sti sette soldi?

Alba. Per mi, che 1 ghe ne metta anca trenta, cossa m’importa?

Bastian. Mo la zoga molto de gusto! Ecco qua sette soldi. (/(■ mette)

Domenica. Questo xe el fante de danari. (scopre la carta)

Agustin. Vedeu, siora? (ad Elena)

Elenetta. e cussi?

Agustin. Col re la m’ha fatto andar via.

Elenetta. Chi se podeva imaginar che co una strazza de carta la andasse a invidar sette soldi? Se vede che la gh’ha dei bezzi da buttar via.

Domenica. Cara siora, se zoga; se fa per tegnir el zogo in vivaC). No gh’avemo bezzi da buttar via; ma no semo gnanca spilorzi.

Momolo. La se ferma. Su quel fante altri diese soldetti.

Bastian. Vorla che ghe tegnimo? (ad Alba)

Alba. A mi el me domanda? Co sto sussuro me va attorno la testa, che no ghe vedo.

Bastian. Son qua mi con diese soldetti.

Momolo. Cossa disela eia? (a Domenica) (a) Vuol dir asino, ma più decentemente. (i) Non fanno venire il vomito? (I) Così in tutte le più antiche edizioni. [p. 179 modifica]


Domenica. Per mi, no vói altro.

Momolo. Questo qua xe e! lustrissimo sior cavallo.

Bastian. Altri diese soldetti su quel lustrissimo sior cavallo. (li mette in piatto)

Momolo. El re xe a monte; la meneghella xe zoso; no gh’è altro che l’asso. O l’asso, o una cazzadaC). A Momolo man- ganer cazzae no se ghe ne fa. Son qua, diese soldi, compare

Bastian.

Bastian. Aspettè; avanti che i mette suso, voleu che spartimo? (a)

Momolo. No, compare, o tutti vostri, o tutti mii. (li mette)

Bastian. Co l’è cussi, tireveli.

Momolo. Grazie. (vuol tirar il piatto)

Bastian. Fermeve. Questo xe l’asso, compare.

Momolo. Tegnìme la testa, tegnìme la testa.

Elenetta. Vedistu? (ad Agostino)

Agustin. Ti gh’ha rason. (ad Elena)

Bastian. Tiremo sto piattelo. (tira il piatto)

Alba. Xeli tutti nostri?

Bastian. Tutti nostri.

Alba. Tutti nostri?

Bastian. Tutti nostri.

Alba. Oh! bravo sior Bastian, bravo sior Bastian, bravo sior

Bastian. (ridendo)

Marta. Vedeu? Questo xe un bel incontro. Nu de ste fortune no ghe n’avemo. (a Lazaro)

Lazaro. Gh’ho gusto che mia muggier se diverta. Ala sentìo come l’ha ridesto?

Marta. Vardè, vede! Fé sbarar i mascoli (i) per sta bella cossa. Oh! via, che i metta suso, patroni. Tocca a far le carte a sior Agustin. (Agostino mescola le carte, e tutti mettono)

Domenica. (Caro sior Anzoletto, saria troppo felice se succe-) desse sta cossa!) (a) Che dividiamo? (i) I mortaletti. (1) Prefazione, pag. 129. [p. 180 modifica]


Anzoletto. (Se sior Zamaria se contenta, mi la gh’ho per fattibile).

Domenica. Metterne suso.

Anzoletto. Son qua mi. (Se la voi, mi ghe parlerò), (a Domenica)

Domenica. (Magari!)

Agustin. Alza, via, da brava, alza la meneghella. (ad Elena)

Elenetta. Vela qua, vela qua. (alza la meneghella)

Agustin. E1 piatto, el piatto. (Ura il piatto, e passa le carte a Bastian)

Momolo. Brava, me consolo con eia. (ad Elena)

Polonia. (Ghe scometto che so mano ha fatto qualche fufìgna (a) per far alzar la meneghella). (a tomolo)

Momolo. (Sì, ho visto tutto; la meneghella giera fora del mazzo). (a ’Polonia)

Marta. Animo, patroni. Bisogna tornar a metter suso.

Anzoletto. (Subito che s’ha fenio de zogar, mi ghe parlo).

Domenica. (Se savesse come far a fenir). (mettono i denari nel tondo)

Bastian. Via, da bravo, alzèla anca vu. (ad Agostino, dan-) dogli da alzare.

Agustin. Eh! sior no. (Basta una volta). (alza)

Bastian. (Dò fuori le carte.)

SCENA IV.

Zamaria e detti.

Zamaria. Come vaia? (a Domenica)

Domenica. Eh! la va ben. (con allegria)

Zamaria. Vadagneu? (a Domenica)

Domenica. Ho speranza de vadagnar. (guardando Anzoletto)

Anzoletto. Cussi spero anca mi. (guardando Domenica)

Zamaria. E qua, come vaia? (a Lazaro e Marta)

Lazaro. Ben, sior compare.

Marta. Ben, disè? Se perdemo. LaZ.’XRO. Oe, mia muggier xe de bona voggia. (a Zamaria)

Zamaria. Sì? Me consolo. Come vaia, siora comare? (ad Alba) (a) Artificio, inganno. [p. 181 modifica]


Alba. Oimei; che odor gh’alo intorno, sior compare?

Zamaria. Poi esser che me sappia le man da nosa muschiada.

Alba. Oh! che ’1 vaga via, che no posso soffrir sta spuzza.

Zamaria. Spuzza ghe disè?

Alba. Che ’1 vaga via, che debotto me vien mal.

Lazaro. Mo andè via, caro sior compare. (alzandosi un poco)

Zamaria. Ih! ih! cossa gh’oggio intorno? El contagio? E qua come xela? (a Momolo)

Momolo. Mi son el tipo del delirio (a). Sfortuna al zogo; sfortuna in amor. Chi me scazza, chi me brontola, chi me cria; al- 1 ultima delle ultime, fazzo conto che anderò in Moscovia anca mi.

Polonia. Cossa andereu a far in Moscovia?

Momolo. A impastar el caviaro (i).

Zamaria. Oh! che caro matto, (va bel bello girando dietro le sedie)

Marta. Oh! via, a chi tocca a zogar?

Bastian. Aspetta che fazza la mia lissìa. (fa la scelia delle carte)

Domenica. (Se ’1 savesse! gh’ho una paura che ’1 diga de no) mio padre, che tremo). (ad Anzoletlo)

Anzoletto. (Crédela che a mi noi me la voggia dar?)

Domenica. (Se ’1 stasse a Venezia, no gh’averia nissun dubbio;) ma andando via, noi gh’ha altro che mi; e so che l’ha dito cento volte, che lontana da elo noi voi assolutamente che vaga).

Anzoletto. (Questa la me despiaserave infinitamente).

Zamaria. (Arriva sopra la sedia di Domenica, senza ch’ella se ne ac-) corga.

Domenica. (E per questo s’avemio da abbandonar?) (ad Anzoletto)

Anzoletto. (Mi no me perdo de coraggio cussi per poco). (a Domenica)

Zamaria. (Che interessi gh’ali sti siori?) (da sé)

Bastian. Via, che la zoga quel asso. (ad Alba)

Alba. L’asso de coppe. (giuocando) (a) Della sfortuna, (b) Caviale. [p. 182 modifica]


Domenica. Oh! qua el xe? (a Zamaria scoprendolo, mortificata)

Zamaria. De cossa se descorre, patroni?

Domenica. Consegievimo le nostre carte.

Zamaria. E cessa parlavi de abbandonar?

Domenica. De abbandonar?

Anzoletto. Sior sì; ghe par a elo che queste sia carte de abbandonar? Ghe par a elo che qua no se possa chiappar? La voleva buttar via le so carte; no, digo mi, tegnìmole suso. Mi no me perdo de coraggio per cussi poco.

Zamaria. Sì ben; se i zoga qua, se ghe dà questa, e co st’altra se poi far zogo.

Bastian. a proposito de abbandonar, aveu savesto, sior Zamaria, che sior Anzoletto ne abbandona?

Zamaria. Sior sì, 1 ho savesto; ma el m’ha anca promesso che 1 me manderà dei dessegni; n è vero (o), fio mio?

Anzoletto. Sior sì, ho promesso, e li manderò.

Bastian. Caro sior Anzoletto, co andè via vu, cossa serve che mandè i dessegni? Co no se vu assistente al teler, credeu che i testori possa redur i drappi segondo la vostra intenzion?

Anzoletto. Caro sior Bastian, la perdona. La fa torto, a dir cussi, a persone che gh’ha la pratica, che gh’ha esperienza, e che gh’ha abilità. Xe tanti anni che i laora sui mii des- segni, che oramai i gh’ha poco bisogno de mi. Per maggior cautela, farò i dessegni più sminuzzadi, con tutti quei chiari e scuri, e con tutti quei ombrizamenti che sarà necessari. Minierò le carte; ghe sarà su i colori. No la s’indubita; gh’ho tanta speranza che i aventori sarà contenti; e che ’1 so servitor Anzoletto no ghe sarà desutile gnanca lontan.

Bastian. Cossa diseu, sior Lazaro? Seu persuaso?

Lazaro. Mi sì, che ’1 manda pur, e che noi se dubita gnente.

Zamaria. E pò, cossa serve? No diselo che ’1 tornerà?

Bastian. Oh! mi mo credo che noi torna altro.

Anzoletto. Per cossa crédelo che non abbia più da tornar? (a) Non è egli vero? [p. 183 modifica]


Zamaria. Che i zoga, che i zoga, che co i averà fenìo de zogar, parleremo. Ch’ho una cossa in mente. Chi sa! Co se voi che ’1 torna, so mi quel che ghe voi per farlo tornar. Via, che I se destriga, che debotto xe ora de andar a cena.

Bastian. Nu gh’avemo in tola Tasso de coppe, (tutti rispondono) La zoga quel che la voi. Quel diese de bastoni, (ad Alba.) Tira i sette soldi.

SCENA V.

Cosmo e delti.

Cosmo. Siora Polonia, xe qua una hranzese, che la domanda eia.

Polonia. Dasseno? (Me despiase che semo qua). (^^,è)

Zamaria. Chi èia sta franzese che ve domanda? (a Polonia)

Polonia. La sarà madama Gatteau, la recamadora.

Zamaria. Sì, la cognosso. Se volè, fela vegnir avanti Anzoletto (Madama Gatteau!) (, Oon^enica) Domenica (Sior sì, ghe conterò tutto). (ad A moietta) t^OLONIA. Via za che sior Zamaria se contenta, diseghe che la resta servida. / ^

Cosmo. Benissimo. (La par la marantega(a) vestia da festa)’! (plT)

SCENA VI.

Madama Gatteau e detti.

Madama. Messieurs, mesdames. J’ai l’honneur de vous saluer. -y i»«, ^f" riverenza a tutti Z.AMARIA. Madama, la reverisso.

Madama. Votre servante, monsieur.

Anzoletto. Servo, madama Gatteau.

Madama. Bon soir, mon cher Anjoletto. (riverenza amorosa)

Polonia. Madama Gatteau. (chiamandola) (a) La befana. [p. 184 modifica]


Madama. Me voici, mademoiselle, (fa riverenza a tutti, e passa vi-) cino a Polonia.

Alba. (Si agita, e fa dei contorcimenti.)

Momolo. Forti. Com’èia? (verso sior’Alha, alzandosi)

Marta. Coss’è? Cossa gh’ala? (ad Alba)

Bastian. Ghe vien le fumane? (ad Alba)

Lazaro. Cossa gh’aveu, fia mia?

Alba. Ho sentio un odor che me fa morir. (come sopra)

Marta. Anca mi ho sentio qualcossa, ma no capisse.

Momolo. Lavanda, sampareglie, odori che consola el cuor.

Bastian. Odori de madama Gatteau.

Lazaro. Sia maledìo sti odori.

Alba. Me vien mal.

Momolo. Fermève, che son qua mi. (s’alza)

Zamaria. Presto, va là, agiutila. No ti vedi? (a Domenica)

Domenica. (Cossa vorlo? Che impianta qua madama Gatteau?) Le xe tante). (a Zamaria)

Marta. La vegna qua, sior’Elena, la me daga una man.

Elenetta. Son qua. Poveretta! la me fa pecca.

Domenica. Siora Polonia, cara fia, mencia in te la mia camera. (a Polonia)

Polonia. Siora sì, volentiera. (Sia malignazo sti muri de mezza) piera(a)). Polonia e Marta conducono via sior’Alba

Momolo. Aseo, bulgaro (A), assa fetida, pezza brusada; presto, miedego, chirurgo, spizier. Mi vago intanto a darme una scal- dadina. (parte)

Lazaro. Caro sior Zamaria, che ’1 vegna de là con mi.

Zamaria. No ghe xe tre donne?

Lazaro. Se bisognasse mandar a chiamar qualchedun.

Zamaria. Podè andar anca vu, se bisogna.

Lazaro. Mi no gh’ho cuor de abbandonar mia muggier. (parte)

Zamaria. Anca mi gh’ho qualcossa da far. (a) Paragona una donna debole ad un muro di mezza pietra, cioè di un solo mattone messo in coltello. (b) Vacchetta. [p. 185 modifica]


Bastian. Anderò mi, sior Zamaria, anderò mi. Cara madama, con quei vostri odori...

Madama. Pardonnez-moi, monsieur. Je n’ai pas de mauvaises odeurs.

Bastian. Pardonnez-moi, madame; vouz avez des odeurs de- testables. (parte)

Madama. Fy donc, fy donc.

Agustin. (Dove che xe mia muggier, ghe posso andar anca mi). (in atto di partire)

Zamaria. Dove andeu, fiozzo?

Agustin. Vago de là un pochetto.

Zamaria. Aveu paura che i ve magna vostra muggier.

Agustin. Oh! giusto vago cussi, per veder se bisognasse qualcossa. (va via correndo)

Zamaria. Mo el xe ridicolo quel che sta ben (0.)

Anzoletto. (Sior Zamaria, za che gh’avemo sto poco de tempo,) se me de licenza, vorave parlar).

Zamaria. Sior sì, volentiera; vegnì de là con mi. (parte)

Anzoletto. Prego el cielo che noi me diga de no. Quella po- vera putta me despiaserave troppo a lassarla. (parte)

SCENA VII.

Domenica e Madama Gatteau.

Domenica. Ve prego de compatir, madama, se siora Polonia, per causa mia, v’ha manda a incomodar.

Madama. C est un honneur pour moi. (riverenza)

Domenica. Ma feme el servizio de parlar italian. Madama, lo so poco parlare, poco.

Domenica. Eh! che parie benissimo.

Madama. Vous étes bien bonne, mademoiselle. (riverenza)

Domenica. Diseme, cara madama: sior Anzoletto dessegnador xelo veramente impegna d’andar in Moscovia? (I) La sua buona parte. [p. 186 modifica]


Madama. Oui, mademoiselle, il est engagé, très engagé.

Domenica. E gh’ave d’andar anca vu?

Madama. Oui, mademoiselle. Nous irons ensemble. Il y aura une voiture à nous deux.

Domenica. Mo feme el servizio de parlar italian.

Madama. Allons, toujours italiano; parlare sempre italiano.

Domenica. Disème, cara madama: se 1 menasse con elo una zovene, no l’anderave in sedia con vu. (scherzando)

Madama. Ah fy, mademoiselle! Me connoissez-vous bien? Je suis honnéte femme, et en outre... e oltre questo, come potrebbe esser possibile, ch’io vedessi altra femmina con Anjoletto, qui est mon cher ami, mon cher amour, mon mignon?

Domenica. Come! sé innamorada de sior Anzoletto? (con maravigl a)

Madama. Helas! mademoiselle, je ne vous le cacherai pas.

Domenica. (Oh! vecchia del diavolo. Squasi squasi me l’ho ima-) ginada. Ma, grazie al cielo, no la me dà zelosia). (da sé) Lo salo elo, che ghe se innamorada?

Madama. Mademoiselle, pas encore tout affait (’).

Domenica. Perchè no ghe r aveu dito?

Madama. Ah! la pudeur... Come voi dite? Il rossore me lo ha impedito.

Domenica. Seu ancora da maridar?

Madama. Non, mademoiselle. Io ho avuto trois mariti.

Domenica. E ve xe resta ancora la pudeur?

Madama. Oui, per la grazia du ciel.

Domenica. E andar con elo da sola a solo da Venezia fin a Moscovia, no patiria gnente la pudeur? Madama, lo son sicura della mia virtù.

Domenica. Si, per la vostra virtù, e anca un pochette per la vostra età.

Madama. Pour mon àge? Pour mon àge, vous dites, mademoi- selle? Quanti anni mi donate voi?

Domenica. Mi no saveria; no vorave dir un sproposito. Sessanta? (per farghe grazia). (I) Così nelle antiche edizioni. [p. 187 modifica]


Madama. Beaucoup moins, beaucoup moins.

Domenica. Come? Cossa diseu?

Madama. Molto meno, molto meno.

Domenica. Cinquanta?

Madama. Molto meno.

Domenica. Quaranta?

Madama. Un poco meno.

Domenica. Bisogna dir, madama, che le donne al vostro paese de tre mesi le parla, de tre anni le se marida, de vinti anni le sia vecchie, e de quaranta decrepite.

Madama. Vous vous moquez de moi, mademoiselle. (sdegnosa)

Domenica. Mi no moco gnente. Digo cussi per modo de dir. Mada.MA. Io amo molto monsieur Anjoletto; e il cielo lo ha fatto nascere per la mia consolazione. Lui fairà suoi dissegni; je fairai (0 miei ricami, e guadagneremo beaucoup d’argento, e vi-) veremo ensemble in perfecta pace, in perfecto amore; je l’ado- rerai, il m’adorerà.

Domenica. Ho paura, madama, che ’1 v’adorerà poco.

Madama. Pourquoi donc, s’il vous plait?

Domenica. Purquè, purquà el xe innamora de una zovene.

Madama. Est-il possible?

Domenica. La xe cussi, come che ve digo mi; e ve dirò mo anca de più: che poi esser che sta zovene el la voggia sposar, e che 1 la voggia menar in Moscovia con elo.

Madama. Je ne puis pas croire; mais si tout è vero quel che voi dite; si monsieur Anjoletto è amoroso di un’altra giovine, je fairai le diable à quatre; et monsieur Anjoletto non anderà più in Moscovia. Je n’irai pas, mais il n’ira pas; oui: je n’irai pas, mais il n’ira pas.

Domenica. Poveretta! me despiase de averve dà sto travaggio.

Madama. E chi è questa femmina, che mi vuol rapire mon petit coeur?

Domenica. No so; no so ben chi la sia.

Madama. Si vous ne la connoissez-pas, je me Hate, mademoiselle... (I) Ed. Zatta; fairb. [p. 188 modifica]


Domenica. Cossa? Ve vien el flato?

Madama. Point de plaisanteries; je dico ch’io mi lusingo, che monsieur Anjoletto non sarà amoroso di altra che de moi.

Domenica. E mi ve digo de certo, che 1 xe amoroso de una altra, e che son squasi segura che ’1 la sposerà.

Madama. Non, non; je ne le crois pas.

Domenica. Se volè crepar, mi no so cossa farve.

Madama. Je dis, non lo credo, non lo credo. Il faut que je lui parie; bisogna che io gli parli, che io lo veda. 11 faut que je lui decouvre ma fiamme, et je suis sure, qu’il saura me préferer à tonte autre. D’ailleurs, s’il est cruel, s’il est barbare contro moi, je jure, parole d’honnéte femme: je n’irai pas en Russie, mais il n’ira pas; je n’irai pas, naais il n’ira pas. (parte)

Domenica. Mo va là, fia mia, che ti xe un capo d’opera. Par- leghe quanto che ti voi, che per grazia del cielo no ti xe in stato de metterme in zelozia. Me despiase che la dise, per quel che posso capir: mi non anderò, ma non Tanderà gnanca lu. No so, perchè la lo diga; no so che man che la gh’ab- bia; e se possa depender da eia el farlo andar, o no farlo andar. Poi esser anca che la se lusinga senza rason, come che la se lusingava, che’l gh’avesse da voler ben; e che la creda che scrivendo ai so am:ci, ghe possa bastar l’anemo de farlo restar per astio, per vendetta, o per speranza col tempo de farlo zo. Mi no so cossa dir; se no l’andasse per causa mia, me despiaserave, e per dir la verità, gh’averave gusto de andar anca mi; ma finalmente, se 1 restasse a Venezia, che mal sarave per elo? Za noi ghe n’ha bisogno; el sta ben dove che’l xe, e qua no ghe manca da laorar. El va via più per capricio, che per interesse. Bezzi no credo che ’1 ghe ne voggia avanzar. Lo conosso, el xe un galantomo: vadagna poco, vadagna assae, in fin dell’anno sarà l’istesso. El dise che’l va via per l’onor. Cossa vorlo de più de quel che l’ha avudo qua? No s’ha visto fina quattro o cinque leleri in t’una volta laorar sui so dessegni? No xe piene le botteghe de roba dessegnada da lu? Vorlo statue? Vorlo trombe? Vorlo [p. 189 modifica] tamburi? Sara ve fursl meggio per elo, e per mi, che ’1 restasse qua: che se a diese ghe despiaseria che ’1 restasse; ghe sarà cento, che gh’averà da caro che ’1 resta. (parte) Fine dell’Atto Secondo.

[p. 190 modifica]