Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/202

192 ATTO TERZO

Domenica. I parla; ma i va drio molto un pezzo. Se savessi co curiosa che son!

Polonia. Mi la compatisso.

Domenica. Ho paura che sior padre no me voggia lassar andar.

Polonia. No se xe gnancora seguri, che sior Anzoletto abbia d’andar. Per quel che ha dito la vecchia, no xelo ancora in forsi d’andar?

Domenica. Basta; sia quel ch’esser se voggia, che ’l vaga, o che’l staga, me basta che ’l sia mio mario.

Polonia. El cielo ghe conceda la grazia.

Domenica. E vu, fia, co sior Momolo come vala?

Polonia. No védela che corloa che ’l xe? Come possio fidarme?

Domenica. Mettèlo alle strette, e che ’l ve resolva: o un bel sì, o un bel no.

Polonia. Certo che cussì mi no voggio più star.

Domenica. Oh! xe qua siora Marta. Sentimo cossa che fa sior’Alba.

SCENA II.
Marta e dette.

Marta. Mo quante scene! mo quante smorfie! mo quante scene!

Domenica. De chi, siora Marta?

Marta. De quella cara sior’Alba.

Polonia. Causa so mario. Se so mario no la segondasse, no la le farave.

Domenica. Ghe xe passà? (a Marta)

Marta. Ghe xe passà, ghe xe tornà; ghe xe tornà a passar. Ora la pianze, ora la ride; la xe una cossa, che se i la mettesse in comedia, no i lo crederia.

Domenica. Debottob xe ora de andar a cena. Vegnirala a tolac sior’Alba?

Marta. Rèstela qua la recamadora franzese?

  1. Arcolaio; cioè pazzarello, senza fondamento.
  2. Or ora.
  3. A tavola.