Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/224

214 ATTO TERZO

|

SCENA XII.
Tutti, fuorchè i tre suddetti. Tutti s’alzano, vengono avanti. I servitori sparecchiano. Agostino ed Elena restano indietro.

Marta. Sior Anzoletto, me ne consolo.

Anzoletto. Spèrela ben.

Marta. Oh! mi sì; mi ve la dago per fatta.

Bastian. El xe un omo cauto sior Zamaria. El vorrà segurarse del stato de madama.

Polonia. Eh! madama gh’ha dei bezzi, gh’ha delle zoggie; la sta ben, ben, ma tre volte ben.

Momolo. No ala avù tre mani? Un poco de pelle de uno, un poco de pelle de un altro, la s’averà fatto el borson.

Marta. Ne scriveralo, sior Anzoletto?

Anzoletto. No vorla? Scriverò ai mii cari amici, scriverò ai mii patroni; se saverà frequentemente de mi, e se saverà sempre la verità. Perchè mi no gh’ho altro de bon a sto mondo, che la schiettezza de cuor, la verità in bocca, e la sincerità sulla penna. (Agostino ed Elena parlano piano fra di loro, e partono)

Momolo. Oe! i do zelosi se l’ha moccadaa.

Anzoletto. Lassè che i fazza. Bisogna soffrir tutti col so difetto; specialmente co i xe de quei che no dà molestia a nissun. Credème, compare, che ’l più bel studio xe quello de conosser i caratteri delle persone, e prevalerse del bon esempio, e corregger se stessi, vedendo in altri quelle cosse che no par bon.

Marta. Scrivène spesso, sior Anzoletto.

Anzoletto. Scriverò; ma che i scriva lori.

Momolo. Mi ve scriverò le novità.

Anzoletto. Me farè un piaser grandissimo.

Momolo. E se vien fora critiche, voleu che ve le manda?

Anzoletto. Ve dirò: se le xe critiche, sior sì; se le xe satire, sior no. Ma al di d’ancuo par che sia diffìcile el criticar senza satirizar; onde no ve incomodè de mandarmele. No le me piase

  1. Parola che significa, sono partiti; ed è una specie di gergo.