Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/215


UNA DELLE ULTIME SERE DI CARNOVALE 205

SCENA XI.
Madama Gatteau, Momolo e detti.

Momolo. Largo, largo al complimentario. (dando braccio a madama, e la conduce presso a Zamaria.)

Zamaria. Oh! via, manco mal; ghe semo tutti.

Madama. J’ai l’honneur de présenter mon tres-humble respect à toute la compagnie. (facendo la riverenza, ed è risalutata)

Zamaria. Son qua, madama; avè dito de voler restar arente de mi, e v’ho salvà el posto.

Momolo. Fermeve, che madama ha da star in mezzo, (a Zamaria)

Zamaria. Sior no, che in mezzo ave da star vu per taggiar.

Momolo. Mi, compare, fazzo conto de sentarme qua. (presso Elena)

Elenetta. Sior no.

Agustin. Sior no.

Zamaria. Ande là, ve digo; andève a sentar in mezzo.

Momolo. Sior sì; gh’ave rason. Son el più bello, ho da star in mezzo. (va a sedere)

Zamaria. Sentève qua, madama. (le assegna l'ultimo posto)

Madama. Ben obligée à votre politesse. Je vous remercie. (fa una riverenza a Zamaria, e siede.)

Zamaria. Fiozza, ve contenteu che me senta qua? (ad Elena, sedendo.)

Elenetta. Oh! sior sì; no xelo patron? (a Zamaria)

Agustin. (No ghe star tanto d’arente). (ad Elena)

Elenetta. (Oh! no lo tocco, no t’indubitar) (a Agustin)

Momolo. (Dà i ravioli a tutti. Tutti si mettono la salvietta.)

Madama. Faites-moi l’honneur, monsieur. (a Zamaria, facendosi puntare la salvietta.)

Zamaria. Saveroggio far? (si mette gli occhiali per puntare la salvietta)

Madama. Très-parfaitement; obligée, monsieur.

Momolo. Siora Marta. Sior Anzoletto. (dando i ravioli) Siora... Com’èla? Xe fallà el scacco. Una pedina fora de logo. (vedendo che Agustin è presso Anzoletto, e non una donna.)