Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/206

196 ATTO TERZO


mii dessegni xe d’un gusto diverso dai so recami? Mi venero i sói, e ela no poderà mai arrivar a destruzer i mii. El cielo benedissa le so fatture, e a mi me daga grazia de no pezorar nelle mie. Fazza madama quel che ghe par; mi anderò in Moscovia, e sarà de mi quel che ’l cielo destinerà.

Marta. Sior sì; parla, parla. La conclusion xe questa: anderò in Moscovia.

Domenica. E mi, poverazza, resterò qua.

Anzoletto. La veda ela, se ghe basta l’anemo co so sior padre... (a Domenica)

Marta. Vorla che ghe parlemo? Vorla che andemo insieme a parlarghe? (a Domenica)

Domenica. Sì, cara ela. La me fazza sto ben. La vegna de là con mi. Da mia posta no gh’averia coraggio de parlar.

Marta. Andemo.

Anzoletto. Prego el cielo che le gh’abbia più fortuna de mi.

Domenica. Lo diseu de cuor?

Anzoletto. El cielo me fulmina, se no digo la verità.

Marta. Andemo, siora Domenica, andemo, che gh’ho bona speranza. Mi, co me metto in te le cosse, ghe riesso. (parie)

Domenica. Caro Anzoletto, e averessi cuor de lassarme?

Anzoletto. No so cossa dir... La vede in che stato che son...

Domenica. Mo andè là, che saressi un gran can. (parie)

SCENA V.
Anzoletto, poi Madama Gatteau.

Anzoletto. Veramente a sta putta xe qualche tempo che ghe voggio ben; ma la so modestia no ha mai fatto che conossa el so amor. Adesso che son per partir, la me fa saver quel che no saveva, e s’ha aumenta estremamente la mia passion. Con tutto questo, nassa quel che sa nasser, ho rissolto, ho promesso, e bisogna andar. Se no andasse, no se dirave miga: nol va perche el s’ha pentio; ma se dirave piuttosto: nol va, per-