Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/225


UNA DELLE ULTIME SERE DI CARNOVALE 215


nè per mi, nè per altri. Se vegnirà fora delle cosse contra de mi, pazenzia: za el responder no serve a gnente, perchè se gh’ave torto, fe pezo a parlar; e se gh’avè rason, o presto, o tardi, el mondo ve la farà.

Cosmo. Patroni, dise sior Zamaria, che i se contenta de andar tutti de là.

Marta. Dove?

Cosmo. In portego1, che xe parecchià per ballar.

Marta. Andemo, sior Anzoletto; bon augurio, andemo. (prende Anzoletto per mano.)

Anzoletto. E pur ancora me trema el cuor.

Marta. Mano, vegnì anca vu, andemo. (prende anch’ella Bastian per mano.)

Bastian. Mia muggier almanco xe de bon cuor. (parte con Marta e Anzoletto.)

Momolo. Comandela che la serva? (a Polonia)

Polonia. Magari che sior Zamaria ve lassasse vu direttor del so negozio de testor.

Momolo. Ve par che saria capace de portarme ben?

Polonia. Sé un poco maturlo; ma gh’ave dell’abilità, e sè un zovene pontual.

Momolo. Oh! sia benedetto chi me vol ben. (a Polonia)

Polonia. Animo, animo, andemo. (lo prende per un braccio)

Momolo. Con sopportaziona (a Lazaro e Alba, e parte)

Lazaro. Via, muggier, andemo. Andemose a devertir.

Alba. Mi anderave in letto più volentiera.

Lazaro. Voleu che andemo a casa?

Alba. Cossa voleu? Che i se n’abbia per mal?

Lazaro. Voleu andarve a buttar sul letto un tantin?

Alba. Andemo de là, che voggio ballar. (s’alza e parte)

Lazaro. (Brava! Mo che cara cossa che xe sta mia muggier!)

(parte)

  1. Vuol dir con sua permissione; ma per ischerzo si serve di un termine che significa con rispetto, quando si parla di cosa sucida.
  1. «Portico e sala, luogo principale e più vasto della casa»: Boerio.