Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/214

204 ATTO TERZO

|

Elenetta. Eh! sior no, mi stago ben qua. (presso Agustin)

Zamaria. Sior no, ve digo, omo e donna. Che diavolo! No ve basta a esser arente a vostra muggier? Cossa gh’aveu paura? Sior Anzoletto savè che putto che ’l xe.

Agustin. Caro sior santolo, se el me vol ben, che el me lassa star qua. (a Zamaria)

Zamaria. Stè dove diavolo che volè. (a Agustin)

Agustin. (Magnerò de più gusto). (a Elena, sedendo)

Elenetta. (Anca mi starò con più libertà). (a Agustin, sedendo)

SCENA X.
Momolo e detti.

Momolo. La se fermi, che so qua anca mi.

Zamaria. Via, destrighève. Dove xe madama?

Momolo. Madama gh’ha riguardo a vegnir, per amor de la pudeur.

Zamaria. Eh! andè là; diseghe che la vegna.

Momolo. No dasseno, sul sodo. La gh’ha riguardo a vegnir per amor de sior Anzoletto.

Anzoletto. Per mi diseghe che no la se toga nissun pensier. Quel che xe sta, xe sta. Se l’ha parlà per rabbia, la merita qualche compatimento. Ghe sarò bon amigo; basta che la me lassa star.

Momolo. Co l’è cussì, la vago donca a levar. Sale chi son mi? Monsieur Mangano per servirle. (parte)

Marta. Mo che caro matto che ’l xe!

Polonia. (Gh’ala po dito gnente, siora Domenica?) (a Domenica)

Domenica. (Cara fia, ve prego, lassème star). (a Polonia)

Polonia. (Poveretta! la compatisso. No se pol miga dir:

          La lontananza ogni gran piaga sana.
Bisogna dir in sto caso:
              La lontananza fa mazor la piaga.

(accennando la distanza, in cui si trovano Domenica e Anzoletto)