Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/201


UNA DELLE ULTIME SERE DI CARNOVALE 191


ATTO TERZO.
SCENA PRIMA.
Domenica e Polonia.

Domenica. La xe cussì, fia mia, come che ve conto.

Polonia. Tutto averave credesto, ma no mai che quella vecchia s’avesse incapricià de quel putto.

Domenica. Poverazza! La vorave el quarto mario.

Polonia. E se vede che l’al vol zovene.

Domenica. No crederave mai, che Anzoletto fasse sta bestialità.

Polonia. No lo credo cussì minchion; e po no m’ala dito che s’ha dichiarà de volerla sposar?

Domenica. Sì, cussì l’ha dito; ma bisogna sentir cossa che dirà mio sior padre.

Polonia. Sentiremo. No parleli insieme adesso?