Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/223



Domenica. Caro sior padre, co tornerà sior Anzoletto, torneremo anca nu.

Zamaria. Ma intanto averavio da sf)iantar qua el mio negozio? Da perder el mio inviamento? Da abbandonar i mii teleri?

Momolo. Fermeve, compare. Se ave bisogno de un agente, de un direttor pontual, onorato: me conossè, savè chi son. Son qua mi.

Bastian. e mi ve prometto, che per el mio negozio no lasserò de servirme dei vostri omeni e dei vostri teleri; basta che s’impegna sior Anzoletto, anca che vu no ghe siè, de man- dar i dessegni che l’ha promesso.

Anzoletto. Sior si; quel che ho dito a sior Zamaria, lo ra- tifico a sior Lazaro e a sior Agustin. Manderò i mii dessegni, e no ghe ne lasserò mai mancar.

Marta. E cussi, cossa resolvelo, sior Zamaria?

Zamaria. No so gnente. No le xe cosse da resolver cussi in t’un fià.

Madama. Ascoltate, monsieur Jamaria. Voi avete del bene, e qui non lo perderete. Io poi ho tanto in mio pouvoir, che potreste essere très-contento di passare avec moi vostra vita.

Zamaria. Madama, feme una finezza, vegnì un pochelto de là con mi. (s’alza)

Madama. Très-volentier, monsieur. (s’alza)

Zamaria. Domenica, vien de là anca ti.

Domenica. Sior sì, sior padre, vegno anca mi. (Stè aliegro, An-) zoletto, che spero ben). (s’alza)

Zamaria. (Voggio veder prima in quanti pie de acqua che son (a)). Patroni, con so bona grazia. (parie)

Madama. Messieurs, avec votre permission. (parte)

Domenica. Prego el cielo che la vaga ben. (parte) (a) Vuol veder di che si può compromettere: frase presa da’ marmai, che osservano collo scandaglio quanti piedi di acqua vi sono nel canale dove si trovano, per assicurarsi se vi è acqua bastante per il loro naviglio.