Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/203



Domenica. Sior padre l’ha mvidada; no so, poi esser de sì che la resta; ma per certe scenette che xe nate, poi esser anca de no.

Marta. Oh! se la ghe xe eia, sior’Alba no vien a tola seguro.

Polonia. Per i odori forsi?

Marta. Per i odori.

Polonia. Adesso adesso anderò mi de là, e sentirò dove diavolo che la gh’ha sti odori; e vederò se ghe li posso levar.

Domenica. Sì, cara fia, andè de là; parlèghe, e vede de scavar circa quel negozio che vu savè.

Polonia. Siora sì; la lassa far a mi. Mi con madama gh’ho confidenza; posso parlarghe con Hbertà.

Domenica. Fé per mi, che anca mi farò qualcossa per vu.

Polonia. Ghe raccomando; se la poi dirghe do parole a Momolo, la senta che intenzion che ’1 gh’ha.

Domenica. Siora sì; lo farò volentiera.

Marta. Brave! Da bone amighe: ve agiutè una con l’altra.

Polonia. Cosse vorla far? Una man lava l’altra (a).

Marta. E, tutte do, cossa làvele?

Polonia. Tutto quel che la voi. (parte)

SCENA III.

Domenica e Marta.

Marta. Ghe xe gnente da novo de sior Anzoletto?

Domenica. No so; el xe de là co sior padre.

Marta. Speremio ben?

Domenica. Chi sa?

Marta. Velo qua, velo qua sior Anzoleto.

Domenica. Oimè! propriamente me trema el cuor.

SCENA IV.

Anzoletto e dette.

Marta. Com’èia, sior Anzoletto? (a) Proverbio.