Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/204

194 ATTO TERZO

Anzoletto. Mal.

Domenica. Come mal?

Anzoletto. No gh’è caso: ho dito tutto quel che podeva dir; e nol se vol persuader, e no gh’è remedio che ’l se voggia piegar.

Domenica. Poveretta mi!

Marta. Mo per cossa?

Anzoletto. Per dir la verità, el m’ha parla con tanto amor, e con tanta bontà, che ’l m’ha intenerio. El dise, e ’l protesta, che se stasse qua, el me la daria la so putta con tutto el cuor; ma andando via, e andando cussì lontan, nol gh’ha cuor de lassarla andar. Nol gh’ha altri che ela; el ghe vol ben; el xe vecchio; el gh’ha paura de no vederla più; nol vol restar solo, senza nissun dal cuor. No so cossa dir, el m’ha fato pianzer; me diol in te l’anema, me sento a morir; ma co no gh’è remedio, bisogna rassegnarse al destin.

Domenica. Ah! pazenzia.

Anzoletto. Cara siora Domenica, el cielo sa se ghe voggio ben. Ghe prometto alla presenza de sta signora, sull’onor mio, in fede de galantomo, de omo onesto, e da ben: altre che ela no sposerò. La lassa che vaga; tornerò presto; vegnirò a sposarla; ghe lo zuro con tutto el cuor.

Marta. (Propriamente me intenerisso anca mi). Via, siora Domenica, cossa vorla far? No sèntela? El ghe promette de vegnirla a sposar.

Domenica. Eh! cara ela, col sarà via de qua, nol s’arecorderà più de mi.

Anzoletto. No son capace de usar ingratitudine con chi che sia, molto manco con ela, verso la qual gh’ho tanta stima, tanto debito e tanto amor.

Marta. Mo caro sior Anzoletto, za che professe a siora Domenica tanto amor, perchè no ve resolveu de restar?

Anzoletto. No posso; son in impegno. Ho dà parola; bisogna andar.

Domenica. Ma seu seguro veramente de andar?