Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/205


UNA DELLE ULTIME SERE DI CARNOVALE 195

Anzoletto. Se vivo, son segurissimo.

Domenica. Aveu parlà con madama Gatteau?

Anzoletto. Mi no. Cossa dìsela? Apponto, cossa xela vegnua a far qua?

Domenica. No savè che la ve vol ben? Che la xe inamorada de vu?

Anzoletto. De mi?

Marta. Diseu dasseno, siora Domenica?

Domenica. Pur troppo digo la verità.

Anzoletto. Pur troppo, la dise? Cossa xe sto pur troppo? Me crederavela cussì matto?

Domenica. Eh! caro sior, la xe vecchia, xe vero; ma soli, in t’un calesse, in t’un viazo cussì lontan, no se sa quel che possa nasser.

Marta. Cossa diavolo voleu che nassa?

Anzoletto. Se credesse che sta cossa ghe fasse ombra, anderò solo, no m’importa de compagnia. In tanto ho accettà d’andar con madama, in quanto m’ha parso che la so età me podesse assicurar da ogni critica e da ogni mormorazion. Da resto, no m’importa d’andar con ela, e no gh’anderò.

Domenica. Sì; ma la se protesta, che se ghe negherè correspondenza al so amor, no l’anderà ela, e no anderè gnanca vu.

Anzoletto. Cossa gh’ìntrela in t’i fatti mii? Xela ela forsi che me fa andar?

Domenica. Mi no so altro; ve digo che a mi colla so bocca la m’ha dito cussì.

Marta. Sior sì; la xe capace de scriver delle lettere contra de vu, de farve perder el credito, e de farve del mal.

Anzoletto. Mi no so cossa dir. Se la gh’ha sto cuor, che l’al fazza, che gnanca per questo mi no me saverò vendicar. Mi stimo madama Gatteau. La xe una brava recamadora, e dei so recami mi non ho mai dito mal. Perchè me vorla insolentar mi? Perchè vorla dir mal de mi? Lassemo star da una banda sto ridicolo amor, che ’l xe un pettegolezzo che no valgnente. In cossa se vorla taccar per descreditarme? Forsi perchè i