Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/213


UNA DELLE ULTIME SERE DI CARNOVALE 203

Zamaria. Siora comare, qua. (ad Alba)

Marta. Do donne arente? (a Zamaria)

Zamaria. Eh! siora no, qua in mezzo vegnirà sior Momoìo, che ’l sa trinzar. Dov’èlo sior Momolo? Vardè, chiamalo, che ’l vegna; che vegna anca madama Gatteau. Qua, siora comare. (ad Alba)

Alba. Che ’l varda ben che madama no gh’abbia odori; che se la gh’ha odori, mi scampo via. (siede)

Polonia. No la s’indubita, sior’Alba, che gh’ho fatto la visita mi, e odori no la ghe n’ha più.

Zamaria. Qua, sior Bastian.

Bastian. (Per dia, che anca a tola m’ha da toccar sto sorbetto impetrìoa!) (siede presso sior Alba)

Zamaria. Vegnì qua, siora Polonia, sentève qua.

Polonia. Volentiera, dove che ’l vol. (siede presso a Bastian)

Zamaria. E qua sior compare. (a Lazaro)

Lazaro. Mo caro sior compare...

Zamaria. Coss’è, no stè ben? Ve metto arente mia fia. Domenica se senterà qua. (nell’ultimo luogo)

Domenica. (Pazenzia! Me toccherà a magnar del velen). (siede)

Zamaria. Via, no ve sentè, sior compare? (a Lazaro)

Lazaro. Son troppo lontan da mia muggier.

Zamaria. Com’èla? Seu deventà zeloso anca vu?

Lazaro. Eh! giusto. Xe che mi so el so natural, e a tola son avezzo a governarmela mi.

Alba. Eh! per quel che magno mi, no gh’è pericolo che me fazza mal.

Bastian. E po, son qua mi; no ve dubitè gnente. La governerò mi. (a Lazaro)

Lazaro. Caro sior Bastian, ve la raccomando. (siede)

Zamaria. Qua mia fiozza. (a Elena, presso Bastian) E qua mio fiozzo. (ad Agustin, presso a Elena)

Agustin. Mi qua? (Agustin va presso Bastian)

Zamaria. No no, qua ela, e vu qua. (a Agustin)

  1. Sorbetto gelato, alludendo alla flemma noiosa di sior’Alba.