Pagina:Stampa, Gaspara – Rime, 1913 – BEIC 1929252.djvu/416

410 indice

cclxiv. Risposta ad un incerto encomiatore 152
cclxv. Per un guerriero, ucciso ad una festa 153
cclxvi. Lodi ad un incerto ivi
cclxvii. Augurale, ai poeti di Venezia 154
cclxviii. Ai poeti amici ivi
cclxix. Ad una schiera d’amici 155
cclxx. Agli stessi ivi
cclxxi. Ad un Michiel 156
cclxxii. Ad una coppia illustre di sposi ivi
cclxxiii. Ad un Balbi 157
cclxxiv. In morte d’uomo illustre, forse Trifone Gabriele ivi
cclxxv. A Leonardo Emo 158
cclxxvi. Allo stesso ivi
cclxxvii. Per la guarigione dell’Emo e di un Tiepolo 159
cclxxviii. Encomiastico, ad Elena Barozzi Centani ivi
cclxxix. Ad una coppia gentile di sposi 160
cclxxx. A G. A. Guiscardo, o Viscardo ivi
cclxxxi. Allo stesso 161
cclxxxii-cclxxxiii. Forse allo stesso 161-162
cclxxxiv. Ad un poeta incerto 162
cclxxxv. Forse allo stesso 163
cclxxxvi. Ad un Priuli ivi
cclxxxvii. Allo stesso 164
cclxxxviii. Ad un reverendo degnissimo ivi
cclxxxix. Ad un Soranzo 165
ccxc. In lode di Giovanna d’Aragona ivi
ccxci. Ad un incerto 166
ccxcii. A Ortensio Landò ivi
ccxciii. Ad un personaggio politico 167
ccxciv. A Gianfrancesco Fortunio ivi
ccxcv. Ad un lodatore di Collaltino di Collalto 168
ccxcvi. A Mirtilla, amica dilettissima (c.) 169
ccxcvii. Dialogo tra Amore e un innamorato (od:) 171
ccxcviii. Esaltazione dello stato monastico (c.) 173
ccxcix. In morte d’una monaca (canz.) 176
ccc-ccciii. Sullo stesso argomento 178-179
ccciv. Invocazione a Dio 180
cccv-cccvi. Sullo stesso argomento 180-181
cccvii. Spera nel soccorso divino 181
cccviii. Vuol amar solo Dio 182
cccix. Dio l’aiuti a pentirsi ivi
cccx. Rimorsi e pentimento religioso 183
cccxi. «Dolce Signor, non mi lasciar perire! ivi