Pagina:Stampa, Gaspara – Rime, 1913 – BEIC 1929252.djvu/165


ii - rime varie 159


CCLXXVII

Per la guarigione dell’Emo e di un Tiepolo.

     Porgi man, Febo, a l’erbe, e con quell’arte,
che suol render altrui salute e vita,
il mio buon Emo e ’l Tiepol nostro aita,
due che tengon di noi la miglior parte;
     e l’empia febre e le reliquie sparte,
onde han la faccia pallida e smarrita,
sia da lor, tua mercé, tosto bandita,
se disii presso noi famoso farte.
     Sí vedrai poi d’incensi e d’odor vari
e di votive tavole e di segni
carco il tuo tempio e’ tuoi sacrati altari;
     et udrai mille e mille chiari ingegni
dir le tue lode e i fatti egregi e chiari,
onde fra gli altri dèi lodato regni.


CCLXXVIII

Encomiastico, ad Elena Barozzi Centani.

     Ninfe, che d’Adria i piú riposti guadi
sacre abitate, e tu, dea degli Amori,
che da quest’acque prima uscisti fuori,
care sí che ’l tuo Cipro men t’aggradi,
     a’ modi adorni a meraviglia e radi,
a la maggior beltà ch’oggi s’onori,
al soggetto piú degno di scrittori,
pur che sia stil ch’a sí gran segno vadi,
     a la Barozza, a cui nulla è seconda,
dei piú ricchi tesor, che ’l mar vostro aggia,
ornate il crin e l’aurea treccia bionda.
     E lungo questa erbosa e chiara spiaggia
canti l’una di voi, l’altra risponda,
la vostra donna bella, onesta e saggia.