Pagina:Stampa, Gaspara – Rime, 1913 – BEIC 1929252.djvu/169


ii - rime varie 163


CCLXXXV

Forse allo stesso.

     Mentre al cielo il pastor d’alma beltate
Coridon alza l’una e l’altra Stampa,
e mentre l’una e l’altra arde ed avampa
di far lui chiaro a questa nostra etate,
     in note di vivace amor formate,
d’amor, che solo in gentil cor s’accampa,
dice Anassilla al sol volta, che scampa
le forze avendo a piú poter legate:
     — Dch, perché stil, vaghezza ed armonia
d’alzar lui non ho io, rime e concento,
a segno ove pastor mai non è stato?
     Perché a voglia sí santa e cosí pia
non risponde il poter, che in un momento
faria lo stato mio chiaro e beato?


CCLXXXVI

Ad un Priuli.

     Qual è fresc’aura, a l’estiv’ora ardente,
a la stanca e sudata pastorella,
qual è a chi dorme in riva erbosa e bella
il mormorar d’un bel cristal corrente,
     qual di sol raggio in bel prato ridente
a fior che langue a la stagion novella,
qual certo porto a dubbia navicella,
ch’esce fuor di tempesta aspra e repente;
     tal fu il vostro apparir gradito tanto,
Priuli nostro, a nostre luci meste,
e le rime ch’agli altri han tolto il vanto.
     Quell’a noi stesse ne fu caro, e queste,
dopo il dipor del terren vostro manto,
ne faran chiare ovunque amor si deste.