Pagina:Stampa, Gaspara – Rime, 1913 – BEIC 1929252.djvu/177


ii - rime varie 171


CCXCVII

Dialogo tra Amore e un innamorato.

     — Di chi ti lagni, o mio diletto e fido,
sovra questo famoso e chiaro lido,
ove fan nido tante onorat’alme
felici ed alme?
     — Io mi lagno, signor, di due begli occhi,
onde eterna dolcezza avien che fiocchi,
né par che tocchi a lor, né dia lor noia,
perch’io mi moia.
     — Per le saette mie, per la mia face
che ’l tuo languir a gran torto mi spiace;
ma, s’egli piace a chi vuol che ti sfaccia,
che vòi ch’io faccia?
     — Vo’ che tu, che sol pòi soccorso darmi,
tu, che sei nostro dio, tu, c’hai fort’armi,
onde aitarmi, o tempri il duro core
o ’l mio dolore.
     — Mille fiate e mille mi son messo
per saettar quegli occhi e gir lor presso;
ma ’l lume stesso sì m’ingombra, ch’io
non son piú dio.
     — Or se tanto essi, e tu sì poco vali,
perché non cedi lor l’arco e gli strali
e faci ed ali e ’l tuo carro e ’l tuo regno,
come a piú degno?
     — Io cederei di grado, pur che loco
mi desser que’ begli occhi, e strali e foco,
ond’apro e cuoco; ma lor non aggrada
che seco vada.
     — Com’esser può ch’Amor voglia legarse
e farsi servo altrui, né possa farse,
e son sì scarse quelle vive stelle,
che stii con elle?