Pagina:Stampa, Gaspara – Rime, 1913 – BEIC 1929252.djvu/188

182 gaspara stampa


CCCVIII

Vuol amar solo Dio.

     Purga, Signor, omai l’interno affetto
de la mia coscienzia, sí ch’io miri
solo in te, te solo ami, te sospiri,
mio glorioso, eterno e vero obietto.
     Sgombra con la tua grazia dal mio petto
tutt’altre voglie e tutt’altri disiri;
e le cure d’amor tante e i sospiri,
che m’accompagnan dietro al van diletto.
     La bellezza ch’io amo è de le rare
che mai facesti; ma, poi ch’è terrena,
a quella del tuo regno non è pare.
     Tu per dritto sentier là su mi mena,
ove per tempo non si può cangiare
l’eterna vita in torbida, e serena.


CCCIX

Dio l’aiuti a pentirsi.

     Volgi, Padre del cielo, a miglior calle
i passi miei, onde ho già cominciato
dietro al folle disio, ch’avea voltato
a te, mio primo e vero ben, le spalle;
     e con la grazia tua, che mai non falle,
a porgermi il tuo lume or sei pregato:
trami, onde uscir per me sol m’è vietato,
da questa di miserie oscura valle.
     E donami destrezza e virtú tale,
che, posti i miei disir tutti ad un segno,
saglia ove, amando il nome tuo, si sale,
     a fruire i tesori del tuo regno;
sí ch’inutil per me non resti e frale
la preziosa tua morte e ’l tuo legno.