Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/190

180 ATTO SECONDO

Anzoletto. (Se sior Zamaria se contenta, mi la gh’ho per fattibile).

Domenica. Metterne suso.

Anzoletto. Son qua mi. (Se la vol, mi ghe parlerò), (a Domenica)

Domenica. (Magari!)

Agustin. Alza, via, da brava, alza la meneghella. (ad Elena)

Elenetta. Vela qua, vela qua. (alza la meneghella)

Agustin. El piatto, el piatto. (tira il piatto, e passa le carte a Bastian)

Momolo. Brava, me consolo con ela. (ad Elena)

Polonia. (Ghe scometto che so mario ha fatto qualche fufignaa per far alzar la meneghella). (a Momolo)

Momolo. (Sì, ho visto tutto; la meneghella giera fora del mazzo). (a Polonia)

Marta. Animo, patroni. Bisogna tornar a metter suso.

Anzoletto. (Subito che s’ha fenio de zogar, mi ghe parlo).

Domenica. (Se savesse come far a fenir). (mettono i denari nel tondo)

Bastian. Via, da bravo, alzèla anca vu. (ad Agostino, dandogli da alzare.)

Agustin. Eh! sior no. (Basta una volta). (alza)

Bastian. (Dà fuori le carte.)

SCENA IV.
Zamaria e detti.

Zamaria. Come vala? (a Domenica)

Domenica. Eh! la va ben. (con allegria)

Zamaria. Vadagneu? (a Domenica)

Domenica. Ho speranza de vadagnar. (guardando Anzoletto)

Anzoletto. Cussì spero anca mi. (guardando Domenica)

Zamaria. E qua, come vala? (a Lazaro e Marta)

Lazaro. Ben, sior compare.

Marta. Ben, disè? Se perdemo.

Lazaro. Oe, mia muggier xe de bona voggia. (a Zamaria)

Zamaria. Sì? Me consolo. Come vala, siora comare? (ad Alba)

  1. Artificio, inganno.