Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/192



Domenica. Oh! qua el xe? (a Zamaria scoprendolo, mortificata)

Zamaria. De cossa se descorre, patroni?

Domenica. Consegievimo le nostre carte.

Zamaria. E cessa parlavi de abbandonar?

Domenica. De abbandonar?

Anzoletto. Sior sì; ghe par a elo che queste sia carte de abbandonar? Ghe par a elo che qua no se possa chiappar? La voleva buttar via le so carte; no, digo mi, tegnìmole suso. Mi no me perdo de coraggio per cussi poco.

Zamaria. Sì ben; se i zoga qua, se ghe dà questa, e co st’altra se poi far zogo.

Bastian. a proposito de abbandonar, aveu savesto, sior Zamaria, che sior Anzoletto ne abbandona?

Zamaria. Sior sì, 1 ho savesto; ma el m’ha anca promesso che 1 me manderà dei dessegni; n è vero (o), fio mio?

Anzoletto. Sior sì, ho promesso, e li manderò.

Bastian. Caro sior Anzoletto, co andè via vu, cossa serve che mandè i dessegni? Co no se vu assistente al teler, credeu che i testori possa redur i drappi segondo la vostra intenzion?

Anzoletto. Caro sior Bastian, la perdona. La fa torto, a dir cussi, a persone che gh’ha la pratica, che gh’ha esperienza, e che gh’ha abilità. Xe tanti anni che i laora sui mii des- segni, che oramai i gh’ha poco bisogno de mi. Per maggior cautela, farò i dessegni più sminuzzadi, con tutti quei chiari e scuri, e con tutti quei ombrizamenti che sarà necessari. Minierò le carte; ghe sarà su i colori. No la s’indubita; gh’ho tanta speranza che i aventori sarà contenti; e che ’1 so servitor Anzoletto no ghe sarà desutile gnanca lontan.

Bastian. Cossa diseu, sior Lazaro? Seu persuaso?

Lazaro. Mi sì, che ’1 manda pur, e che noi se dubita gnente.

Zamaria. E pò, cossa serve? No diselo che ’1 tornerà?

Bastian. Oh! mi mo credo che noi torna altro.

Anzoletto. Per cossa crédelo che non abbia più da tornar? (a) Non è egli vero?