Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/191



Alba. Oimei; che odor gh’alo intorno, sior compare?

Zamaria. Poi esser che me sappia le man da nosa muschiada.

Alba. Oh! che ’1 vaga via, che no posso soffrir sta spuzza.

Zamaria. Spuzza ghe disè?

Alba. Che ’1 vaga via, che debotto me vien mal.

Lazaro. Mo andè via, caro sior compare. (alzandosi un poco)

Zamaria. Ih! ih! cossa gh’oggio intorno? El contagio? E qua come xela? (a Momolo)

Momolo. Mi son el tipo del delirio (a). Sfortuna al zogo; sfortuna in amor. Chi me scazza, chi me brontola, chi me cria; al- 1 ultima delle ultime, fazzo conto che anderò in Moscovia anca mi.

Polonia. Cossa andereu a far in Moscovia?

Momolo. A impastar el caviaro (i).

Zamaria. Oh! che caro matto, (va bel bello girando dietro le sedie)

Marta. Oh! via, a chi tocca a zogar?

Bastian. Aspetta che fazza la mia lissìa. (fa la scelia delle carte)

Domenica. (Se ’1 savesse! gh’ho una paura che ’1 diga de no) mio padre, che tremo). (ad Anzoletlo)

Anzoletto. (Crédela che a mi noi me la voggia dar?)

Domenica. (Se ’1 stasse a Venezia, no gh’averia nissun dubbio;) ma andando via, noi gh’ha altro che mi; e so che l’ha dito cento volte, che lontana da elo noi voi assolutamente che vaga).

Anzoletto. (Questa la me despiaserave infinitamente).

Zamaria. (Arriva sopra la sedia di Domenica, senza ch’ella se ne ac-) corga.

Domenica. (E per questo s’avemio da abbandonar?) (ad Anzoletto)

Anzoletto. (Mi no me perdo de coraggio cussi per poco). (a Domenica)

Zamaria. (Che interessi gh’ali sti siori?) (da sé)

Bastian. Via, che la zoga quel asso. (ad Alba)

Alba. L’asso de coppe. (giuocando) (a) Della sfortuna, (b) Caviale.