Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/184

174 ATTO SECONDO

Alba. Mi debotto butto le carte in tola.

Bastian. Mo no la vaga in collera. El fante de danari. (giuocando la carta di sior Alba)

Lazaro. Ve sentìu gnente? (ad Alba, giuocando, e si lascia veder le carte.)

Alba. Gnente. (a Lazaro) (Oe! mio mario gh’ha la meneghella). (piano a Bastian, ridendo)

Marta. Vorlo tegnir su le so carte? (a Lazaro)

Polonia. Cossè, patroni, gh’ali la meneghella? (a Marta e a Lazaro)

Marta. Eh! gh’avemo dei totania. (rispondendo per sè e per Lazaro)

Anzoletto. Danari no ghe n’avemo. (rispondendo)

Domenica. (Sti maledetti danari xe quelli che lo fa andar via). (ad Anzoletto, rispondendo colla carta)

Anzoletto. (No solamente i danari, ma anca un pochetto de onor. (a ’Domenica)

Momolo. El cavallo saravelo bon? (giuocando)

Elenetta. Sior no; gh’avemo el re. (giuocando)

Bastian. E mi l’asso.

Elenetta. Si! i gh’ha tutti i assi del mondo.

Bastian. Tiremo tredese soldi; e quel soldo chi vol veder la mia carta. (tira i soldi dal piatto)

Marta. Nualtri un soldetto per omo. (mettono due soldi in piatto)

Anzoletto. Nu no volemo gnente.

Momolo. Un soldetto mi.

Polonia. Eh! no, caro vu, che i gh’ha la meneghella. (a Momolo)

Momolo. Vedémola.

Polonia. Mi no voggio.

Momolo. Co no volè, sè parona. Co una donna dise no voggio, me rendo subito.

Marta. Gh’è altri che voggia gnente?

Agustin. Mi un soldo.

Elenetta. Sior no.

Agustin. Un soldo!

Elenetta. Sparagnemolo.

  1. Per dire che non hanno niente.