Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/187


UNA DELLE ULTIME SERE DI CARNOVALE 177

Marta. El re. No la vede?

Domenica. Ghe n’avemio nu coppe? Ah! sì, l’asso. (giuoca, e poi parla piano ad Anzoletto.)

Elenetta. Malignalo! e tanto la sta?

Marta. (Mi la compatisse). (da sè)

Momolo. Bon pro ve fazza, compare Anzoletto. (forte ad Anzoletto)

Anzoletto. De cossa?

Momolo. Eh! gnente; de quel asso de coppe che ave zogà.

Domenica. Xela nostra?

Polonia. No vorla? El xe l’asso; e xe zoso la meneghella.

Domenica. La meneghella xe zo? Aspettè. Tutti quei bezzi chi vol veder la mia carta.

Polonia. Ih! ih! (maravigliandosi)

Elenetta. Sior no, sior no.

Domenica. Ben. Chi no vol, vaga via.

Polonia. A monte, a monte. (a Momolo)

Momolo. Mi mo la vederla volentiera.

Polonia. E mi no.

Momolo. Ghe scometto che la xe una bulada in credenzaa.

Polonia. Voleu vederla? Soddisfeve.

Momolo. Cossa disela ela colla so prudenza? (ad Elenetta)

Elenetta. Mi? Che ’l fazza el so zogo. (a Momolo, rucidamente)

Momolo. Mo via, no la me tratta mal, che son una persona civil.

Agustin. La fenimio, sior Momolo?

Momolo. Fermève. Quanto ali dito sulla so carta?

Domenica. Sette soldi, seu sordo?

Momolo. Mora l’avarizia, e crepa la gnagnerab; sette soldi. (mette i soldi in piatto)

Domenica. Ghe xe altri?

Agustin. Ghe semo nu.

Marta. E nu gnente. (getta via le carte)

Elenetta. Oh! figureve se vôi buttar via sette soldi. De qua, de qua. (prende le carte di Agostino e le butta a monte)

  1. Una bravata per far fuggire.
  2. Insulsaggine.