Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/197



Madama. Beaucoup moins, beaucoup moins.

Domenica. Come? Cossa diseu?

Madama. Molto meno, molto meno.

Domenica. Cinquanta?

Madama. Molto meno.

Domenica. Quaranta?

Madama. Un poco meno.

Domenica. Bisogna dir, madama, che le donne al vostro paese de tre mesi le parla, de tre anni le se marida, de vinti anni le sia vecchie, e de quaranta decrepite.

Madama. Vous vous moquez de moi, mademoiselle. (sdegnosa)

Domenica. Mi no moco gnente. Digo cussi per modo de dir. Mada.MA. Io amo molto monsieur Anjoletto; e il cielo lo ha fatto nascere per la mia consolazione. Lui fairà suoi dissegni; je fairai (0 miei ricami, e guadagneremo beaucoup d’argento, e vi-) veremo ensemble in perfecta pace, in perfecto amore; je l’ado- rerai, il m’adorerà.

Domenica. Ho paura, madama, che ’1 v’adorerà poco.

Madama. Pourquoi donc, s’il vous plait?

Domenica. Purquè, purquà el xe innamora de una zovene.

Madama. Est-il possible?

Domenica. La xe cussi, come che ve digo mi; e ve dirò mo anca de più: che poi esser che sta zovene el la voggia sposar, e che 1 la voggia menar in Moscovia con elo.

Madama. Je ne puis pas croire; mais si tout è vero quel che voi dite; si monsieur Anjoletto è amoroso di un’altra giovine, je fairai le diable à quatre; et monsieur Anjoletto non anderà più in Moscovia. Je n’irai pas, mais il n’ira pas; oui: je n’irai pas, mais il n’ira pas.

Domenica. Poveretta! me despiase de averve dà sto travaggio.

Madama. E chi è questa femmina, che mi vuol rapire mon petit coeur?

Domenica. No so; no so ben chi la sia.

Madama. Si vous ne la connoissez-pas, je me Hate, mademoiselle... (I) Ed. Zatta; fairb.