Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/178

168 ATTO SECONDO

Zamaria. Zoghemo a un zogo che zoga tutti.

Alba. Per mi, che i me lassa fora.

Zamaria. Siora no; l’ha da zogar anca ela. (ad Alba)

Alba. Mi no so zogar.

Lazaro. Eh! sì, cara fia, che savè zogar. (ad Alba)

Alba. No so, me stufo, vago via colla testa; fazzo dei spropositi, e i cria; e mi, co i cria, butto le carte in tola.

Marta. Oh! via, a cossa se zoga? (a Domenica)

Domenica. A quel che i comanda lori. Mi za no zogo.

Marta. Gnanca ela no zoga? Oh bella! Donca lassemo star de zogar. (Ho capio; el reobarbaro gh’ha fatto mal).

Zamaria. Oe, Domenica, xestu matta? Coss’è ste scene?

Domenica. Via, via; per no desgustar la compagnia, zogherò anca mi.

Marta. A cossa podemio zogar?

Momolo. La se ferma. Mi gh’ho in scarsella la facoltà de cinquanta soldi; se le vol che li taggia, le servo.

Zamaria. No, compare, in casa mia no se zoga alla bassetta.

Bastian. Zoghemo al marcante in fiera.

Marta. Sior no, sior no. Mi me piase zogar co le carte in man.

Zamaria. Disè vu, compare Lazaro. Trovè un zogo che piasa anca a vostra muggier.

Alba. Mo se mi no zogo.

Zamaria. Mo se mi voi che la zoga.

Lazaro. Zoghemo a barba Valerio.

Polonia. Oh! che zogo sempioa che i trova fora. Più tosto po alla tondina.

Marta, ih! un zogo che no fenisse mai. Vorli che diga mi?

Zamaria. Sì, la diga ela.

Marta. Zoghemo alla meneghellab.

Zamaria. Sì, per diana. Alla meneghella.

Marta. In quanti semio? Chi zoga?

Momolo. Mi, per no me perder.

Alba. Mi no seguro.

  1. Sciocco.
  2. Vedi la prefazione.