Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/180

170 ATTO SECONDO

Domenica. Mi ho da tender de là.

Zamaria. Ghe tenderò mi.

Marta. Aponto. Nol gh’ha compagno, sior Zamaria?

Zamaria. Mi no m’importa; che i zoghi loro. Za mi no so, e pò anca ghe vedo poco. Animo, la taoladaa xe fatta. Putti, portè de qua quella tola longa, e delle carieghe. Portè un mazzo de carte e un piattelo. (i giovani portano tutto) Gh’ali soldonib? Gh’ali bisogno de soldoni?

Agustin. (Sior santolo, caro elo, el me impresta un da vintic).

Zamaria. (Coss’è, fiozzo? No gh’avè bezzi?)

Agustin. (Sior no; mia muggier no vol che porta bezzi in scarsellad).

Zamaria. Oe, fiozza. (ad Elena)

Elenetta. Sior. (a Zamaria)

Zamaria. (Che diavolo de vergogna! Gnanca vinti soldi in scarsella no volè che gh’abbia vostro mario?) (ad Elena)

Elenetta. (Eh! caro sior; co i omeni gh’ha dei bezzi in scarsella, no se sa che occasion che ghe possa vegnir). (a Zamaria)

Zamaria. (Da una banda no la gh’ha gnanca torto. Digo ben, che xe assae che Agustin ghe staga). (da sè) (Tolè, fiozzo, queste xe tre lire).

Agustin. (Cossa vorlo che fazza de tanti bezzi?)

Zamaria. (Podè perder anca de più).

Agustin. (Oh! mi no perdo più de un da vinti).

Marta. Animo, patroni. Tutti ai so posti. (Si dispongono tutti a sedere. Domenica in principio della tavola; poi Anzoletto, poi Marta, poi Lazaro, poi Alba, poi Bastian, poi Elena, poi Agustin, poi Polonia, poi Momolo.)

Anzoletto. (Gh’ho ben piacer de aver l’onor de zogar con eia. La fortuna m’ha volesto beneficar). (a Domenica, piano)

Domenica. (Eh! via, caro sior, ch’el vaga a burlar in qualche altro logo). (ad Anzoletto)

  1. Tavolata; qui compagnia, o partita.
  2. Ai soldi correnti si dice soldoni, forse perche un tempo vi erano dei soldi d’argento, molto più piccoli.
  3. Venti soldi, una lira.
  4. In saccoccia.