Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/182

172 ATTO SECONDO

Elenetta. Eh! sior no; zogheremo per nu.

Marta. Oh! tocca a far le carte a siora Polonia. (passano il mazzo a Polonia.)

Zamaria. (Va girando dietro le sedie, e guarda coll’occhialetto).

Momolo. Vorlo che le fazza mi per ela? (a Volonia)

Polonia. Eh! sior no, le so far anca mi. (a Momolo) Se fa lissìa?1 (mescolando le carte)

Marta. Siora sì. No vorla? (a Polonia)

Zamaria. Via, da bravi, e fe delle belle cazzate.

Bastian. Sior’Alba gh’ha sonno. La me darà licenza che parla qualche volta con ela. (a Elena)

Elenetta. (Eh! sior no; che ’l tenda alla so compagna). (a Bastian)

Bastian. (Mo via, no la sia cussì cattiva). (a Elena)

Agustin. (Cossa te diselo?) (a Elena)

Elenetta. (Se ti savessi! el me fa una rabbia!...) (a Agostino)

Agustin. (Vien qua da mi, che mi vegnirò là). (Agostino ed Elena si mutano di posto.)

Bastian. (Mo che razza de zente). (da sè)

Zamaria. Coss’è. Coss’è ste muanze?a (ad Agostino e ad Elena)

Agustin. Oh! védelo? Mi bisogna che regola el zogo; de là no podeva, e qua son a bona man.

Marta. (Mo che sempiezzib!)

Zamaria. Putto, fe a modo mio. Stè a casa, no andè in nissun logo, perchè al tempo d’ancuo i ve taccherà i moccoli drioc. (ad Agostino, e parte)

SCENA III.
Tutti, fuori di Zamaria.

Polonia. Alzè.

Momolo. Se almanco alzasse la meneghella. (alzando) Dèmele bone, che son bon anca mi. (a Polonia)

  1. Cambiamenti di posto.
  2. Scioccherie.
  3. Tutti vi burleranno.
  1. Prefazione, pag. 127.